Mulan II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mulan II
Mulan2.png
Mulan, Li Shang e l'Imperatore.
Titolo originale Mulan II
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2005
Durata 76 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione
Regia Darrell Rooney, Lynne Southerland
Sceneggiatura Michael Lucker, Chris Parker, Roger S.H. Schulman
Produttore Jennifer Blohm
Montaggio Tom Acosta, Jim Melton
Musiche Joel McNeely
Scenografia Hans Bacher,
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Mulan II è il seguito del film d'animazione Disney Mulan del 1998. È uscito il 4 novembre 2004 in Italia (e nel resto d'Europa) e il 1º febbraio 2005 in USA in DVD e VHS. Il film riflette sui matrimoni combinati, la lealtà, le relazioni di coppia, la responsabilità delle proprie scelte.

Trama[modifica | modifica sorgente]

« La leggenda continua. »
(Tagline del cartone.)

All'inizio del film, il Generale Shang chiede a Mulan la sua mano, ed ella accetta. Sentendo del loro fidanzamento, Mushu è eccitato per loro, finché il capo degli antenati non lo informa che se Mulan si sposerà, lui perderà il suo posto di guardiano drago e dovrà lasciarla. Sposandosi, Mulan diventerà parte della famiglia di Shang e sarà protetta dai guardiani della famiglia di lui. Per mantenere il suo lavoro e la sua amica, Mushu tenta di far dividere la coppia.

Nel frattempo, l'Imperatore convoca Mulan e il Generale Shang perché scortino le sue tre figlie, le Principesse Ting Ting, Mei e Sue, attraverso la Cina perché si sposino con tre principi del Qui Gong, così che tra i due paesi si formi un'alleanza. Se la missione non è compiuta in tre giorni, l'alleanza crollerà, e le truppe Mongole distruggeranno la Cina. Mulan e Shang partono, insieme a Chien-Po, Ling e Yao, per scortare in sicurezza le principesse al loro nuovo regno. Ad ogni modo, a causa delle intromissioni di Mushu e del fatto che le tre Principesse non sono contente dei loro matrimoni combinati e si innamorano di Chien-Po, Ling e Yao, Mulan decide di andare contro gli ordini e di fermare l'unione dei due regni. Una notte Chien-Po, Ling e Yao portano le Principesse a visitare una cittadina, e durante la visita le corteggiano. Contemporaneamente, Mushu inganna Shang facendogli credere che Mulan vuole prendere il suo posto.

Mentre il gruppo attraversa un territorio di banditi, Mushu, pentendosi delle sue azioni, confessa a Mulan che cosa ha fatto. Alleggerita dalla notizia, Mulan prova a parlare con Shang, quando i banditi li attaccano. Le Principesse sono salve, ma Shang precipita in un burrone. Mulan continua il viaggio da sola verso il Qui Gong. Non volendo che le Principesse siano obbligate e sposare principi che non amano, e vista la morte del suo promesso sposo, ella si offre come moglie per uno dei figli del Re. Shang, che è sopravvissuto alla caduta, lo scopre e tenta di fermarla. Mushu decide di aiutarli e, fingendosi il Drago d'Oro dell'Unione, obbliga il Re a interrompere il matrimonio forzato di Mulan con suo figlio. Così Mulan e Shang si sposano, e le Principesse sono esentate dai loro obblighi e sposano Chien Po, Ling e Yao.

Alla fine, Shang unisce i templi delle due famiglie. Mushu può mantenere il suo titolo e, nella sua felicità, accidentalmente si rivela a Shang, anche se Mulan aveva già parlato a suo marito del suo piccolo amico drago.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Mulan
  • Shang
  • Mushu
  • Cri-Kee
  • Chien-Po
  • Ling
  • Yao
  • Fa Zhou
  • Fa Li
  • Nonna Fa
  • Mei
  • Ting Ting
  • Sue
  • Primo antenato
  • Imperatore
  • Re
  • I banditi
  • Mezzana

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]