Pat Morita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pat Morita in una foto promozionale del 1971

Noriyuki Morita, noto come Pat Morita (Isleton, 28 giugno 1932Las Vegas, 24 novembre 2005), è stato un attore statunitense di origine giapponese. È noto per l'interpretazione del maestro Kesuke Miyagi nel primo film della serie Karate Kid (per la quale ebbe una nomination all'Oscar come miglior attore non protagonista) e per il ruolo di Matsuo "Arnold" Takahashi nella serie televisiva Happy Days. È stato anche un grande appassionato delle idee di Confucio.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di immigrati giapponesi, il padre era un venditore ambulante di frutta e verdura, Morita crebbe nella California del Nord ed ebbe una infanzia difficile per una tubercolosi spinale che lo costrinse a portare un corsetto dai due agli undici anni di età e a numerosi ricoveri ospedalieri. In coincidenza con la sua guarigione, fu internato in un campo di concentramento per nippo-americani dove rimase fino al termine della seconda guerra mondiale.

Pat Morita insieme a Ron Howard, sul set di Happy Days (1975)

Dopo la liberazione, la famiglia Morita si stabilì a Sacramento dove il padre prese la direzione di un ristorante cinese, l'Ariake Chop Suey. Il giovane Pat iniziò in quel contesto l'arte di intrattenere i clienti con piccoli spettacoli e curando i gruppi di commensali come maestro di cerimonia. Fino ai 30 anni non entrò nel mondo dello spettacolo e lavorò nella Aerojet-General a Sacramento dove disegnò e costruì motori per missili, in particolar modo per la Marina statunitense.

A 30 anni, sposato e con una figlia, decise di diventare uomo di spettacolo iniziando come intrattenitore e alla fine di questo periodo divenne il primo nippo-americano a calcare le scene di Las Vegas. Partì come solista con il nome The Hip Nip. Si unì successivamente al gruppo The Groundlings, fondato nel 1974 da Gary Austin che aderiva al movimento della commedia improvvisata, uno spettacolo senza sceneggiatura scritta e senza pianificazione che si rifà in parte alla Commedia dell'Arte italiana del XVI secolo con il suo canovaccio.

Nonostante il suo inglese avesse un perfetto accento statunitense, Morita diventò un caratterista che spesso fingeva, per esigenze di copione, accenti asiatici come il giapponese, il coreano e il cinese.

Questo lo portò ad avere ruoli nelle più importanti serie televisive, come il già citato Happy Days (Matsuo Arnold Takahashi), fucina di molti uomini di spettacolo hollywoodiani e con apparizioni singole o ripetute in: M*a*s*h dove interpreta il capitano coreano Sam Park; Yes, Dear; Body & Soul; Baywatch dove interpreta Hideki Tanaka in più episodi; First Years; Son of the Beach; The Hughley, dove in più episodi interpreta Mr. Park; Caroline in the City; The Mystery Files of Shelby Woo, dove in più episodi interpreta nonno Mike Woo; Diagnosis Murder; Oltre i limiti; Otto sotto un tetto; Adventures with Kanga Roddy; Crescere, che fatica!; Sposati... con figli; One West Waikiki; La signora in giallo; La legge di Burke; Willy, il principe di Bel Air; Dave's World; Space Rangers; Good Grief; Ohara come interprete principale; Pryor's Place; Magnum, P.I.; Lobo; Laverne & Shirley; Bizarre; L'incredibile Hulk (episodio 10, seconda stagione Pizza e amore); The Love Boat; L'uomo di Atlantide; Starsky & Hutch; Blansky's Beauties; Chico and the Man; Mr. T and Tina; Welcome Back, Kotter; Sanford and Son dove interpreta Ah Chew in più episodi; Kung Fu; Cannon; Pepper Anderson agente speciale; McGarrett; Love, American Style; Room 222; Il tenente Colombo; The Odd Couple; Green Acres; The Bill Cosby Show; La tata e il professore; Una moglie per papà; The Queen and I; The Outsider; Blondie e Gomer Pyle, U.S.M.C.. Questo lungo elenco portò Morita a essere uno degli attori con la maggiore presenza in serie televisive. L'unica serie di produzione non statunitense a cui ha partecipato è Detective Extralarge del 1993 (nell'episodio 2x3 L'ombra del guerriero), produzione italiana diretta da Alessandro Capone e con Bud Spencer come protagonista.

The Karate Kid[modifica | modifica sorgente]

Nel cinema, il suo ruolo più celebre fu quello del signor Miyagi nella serie The Karate Kid dove sfiorò il premio Oscar come attore non protagonista. L'anno successivo, il 1985, sfiorò lo stesso premio con la nomination per le produzioni televisive, l'Emmy Awards con il film televisivo Amos, nel ruolo di Tommy Tanaka.

Alla trilogia di Karate Kid, recitato in coppia con Ralph Macchio, ne seguì un quarto senza il ragazzo, Karate Kid 4, dove Miyagi addestra alle arti marziali una giovane Hilary Swank.

La morte[modifica | modifica sorgente]

Il 24 novembre 2005, nella sua casa a Las Vegas, Morita muore per insufficienza renale. Le sue spoglie sono state cremate e riposano nel Palm Green Valley Mortuary and Cemetery di Las Vegas.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Scenografo[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 49422900 LCCN: n95004910