I Robinson - Una famiglia spaziale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Robinson - Una famiglia spaziale
Robinson gip.jpg
Un fotogramma dal trailer originale del film
Titolo originale Meet the Robinsons
Paese di produzione USA
Anno 2007
Durata 87 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione
Regia Stephen J. Anderson
Soggetto William Joyce (libro)
Sceneggiatura Stephen J. Anderson, Michelle Bochner, Jon Bernstein, Nathan Greno, Don Hall, Joseph Mateo, Aurian Redson
Produttore Dorothy McKim
Produttore esecutivo John Lasseter
Casa di produzione Walt Disney Animation Studios
Distribuzione (Italia) Walt Disney Pictures
Art director Robh Ruppel
Musiche Danny Elfman, Rufus Wainwright
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

I Robinson - Una famiglia spaziale è un film d'animazione Disney del 2007. È considerato il 47° classico Disney secondo il canone ufficiale (il secondo realizzato con la tecnica della Computer Generated Imagery).

In Italia venne distribuito nei cinema l'8 luglio 2007.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lewis è un ragazzino che è stato lasciato da piccolo dalla madre in un orfanotrofio, in cui è rimasto fino all'età di 12 anni. Nonostante questo, è diventato un geniale piccolo inventore, appassionato di scienze. La sua più grande ambizione è quella di costruire un apparecchio in grado di leggere i frammenti della memoria, ricostruirli e rimetterli insieme, allo scopo di utilizzarla su se stesso usandola per scoprire chi fosse la sua madre naturale, e quindi riunirsi a lei e ricostituire una famiglia. Ma quando Lewis è a un passo dal riuscire nella sua ambiziosa impresa, alla Fiera della Scienza scolastica, dopo un momento di paura, lo scanner mnemonico gli viene rubato da un misterioso uomo, i cui segni distintivi sono dei baffi e una bombetta. Qui uno strano ragazzo con uno strano ciuffo, di nome Wilbur Robinson, presentandosi come un poliziotto venuto dal futuro, dice a Lewis di non rinunciare alla sua invenzione solo perché sabotata dall'uomo con la bombetta. Lewis non gli crede, e Wilbur gli dimostra la sua provenienza portandolo personalmente nel futuro con una macchina del tempo (dopo aver ammesso di non essere un poliziotto).

Tra i due ragazzi scoppia un battibecco mentre stanno viaggiando sulla questione di riparare l'invenzione (Lewis sostiene che sarebbe inutile farlo perché Wilbur potrebbe portarlo personalmente da sua madre con la macchina del tempo), e nel caos perdono il controllo della macchina che si schianta al suolo. Wilbur conduce Lewis nel garage, perché vuole che ripari il marchingegno prima che la famiglia scopra il danno; in cambio lui gli promette che con la macchina lo porterà nel giorno in cui fu abbandonato all'orfanotrofio, per scoprire l'identità della madre. Prima che Lewis riesca a mettersi all'opera, però, viene risucchiato da un tubo e scaraventato al cospetto del nonno di Wilbur, che gli fa fare la conoscenza di ogni membro della famiglia, eccetto Cornelio (il padre di Wilbur), che è in viaggio, come spesso accade. Quest'ultimo è un geniale scienziato e direttore d'azienda che ha costruito numerose invenzioni a beneficio dell'uomo, e ha progettato le due sole macchine del tempo esistenti; la seconda però è stata rubata dall'uomo con la bombetta.

Costui intanto, rubata l'invenzione del ragazzo, cerca di farla passare per sua presso l'ufficio brevetti della InventCo. (la società che organizza la Fiera della Scienza), ma non sa nemmeno come si chiama e come va utilizzata, e per questo viene duramente respinto. A questo punto non gli resta che rapire Lewis e cercare di farselo spiegare da lui in persona. Dopo un' avventurosa giornata passata a casa Robinson, Lewis è rimasto simpatico a tutti ed è sul punto di essere adottato dalla famiglia, ma Wilbur gli fa cadere il cappellino che fino ad allora indossava rivelando i capelli che, per un motivo a Lewis sconosciuto, tradiscono la sua provenienza dal passato. Il ragazzo è costretto ad andarsene da casa Robinson, ma viene preso dall'uomo con la bombetta, che gli chiede di riparare lo scanner e di spiegargli come si usa; in cambio, mentendo (tiene le dita incrociate dietro la schiena), gli promette che gli farà conoscere sua madre.

Scoperto l'imbroglio Lewis viene fatto prigioniero e l'uomo gli rivela la sua storia: lui è in realtà Mike Yagoobian detto Grufolo, il vecchio compagno di stanza di Lewis nell'orfanotrofio, che si era trovato la vita rovinata perché, avendo Lewis lavorato tutta la notte al suo scanner per la fiera del giorno seguente, aveva fatto passare una notte insonne al bambino, che il giorno dopo doveva affrontare un importante match di baseball, sport di cui era appassionato; e difatti costui il giorno dopo si era addormentato in campo, mancando la palla decisiva e facendo perdere la partita alla propria squadra. Roso dal rancore e divenuto intrattabile, nessuno aveva più voluto adottarlo e giurò vendetta contro il suo vecchio compagno di stanza, che intanto era diventato uno stimato genio: il famoso Cornelio Robinson, padre di Wilbur. Mike si era poi alleato con Doris, un robot-bombetta inventato da Lewis-Cornelio per servire gli umani che si era però ribellato al suo padrone, e aveva iniziato finalmente a mettere in pratica il suo piano di vendetta.

Dopo la sconvolgente rivelazione, per Lewis sembra non esserci più speranza, e Mike inizia a fuggire con l'invenzione, ma Lewis viene salvato da Wilbur e Carl (il robot dei Robinson). Nella fuga però Carl viene messo fuori uso dalla bombetta Doris, e intanto, dato che nel passato Mike è riuscito finalmente a far passare per sua la paternità dell'invenzione che ha rubato, il futuro inizia a cambiare e Wilbur sparisce perché Lewis non ha brevettato lo scanner mnemonico al posto di Mike, compromettendo il flusso temporale. Nel futuro che si crea però la dominatrice è Doris, che ha ucciso Mike dopo essersi servita di lui per essere prodotta in serie. Lewis ripara la macchina del tempo in fretta e furia e torna al giorno del brevetto dello scanner, impedendo a Mike di brevettarlo e dichiara semplicemente che non inventerà mai Doris, distruggendola. Grazie a questo il flusso del tempo torna normale, Wilbur e Carl riappaiono e Mike sparisce dalla circolazione. Lewis torna nel passato ma prima assiste alla scena del suo abbandono da parte delle madre tornando indietro nel tempo, rifiutando però di scoprirne l'identità.

Una volta arrivato al giorno della fiera della scienza, prima di andarci, salva la reputazione di Mike svegliandolo mentre è in campo e facendogli prendere la palla decisiva: da grande Grufolo non sarà più l'uomo con la bombetta. Poi mostra lo scanner mnemonico ai giudici, che lo ritengono vincitore e gli fanno un articolo sul giornale. Lewis viene adottato da coloro che lui aveva conosciuto nel futuro come il nonno di Wilbur e da sua moglie, ancora giovani, e va a vivere con loro, conoscendo anche la sua futura moglie Franny.

« (EN) Around here, however, we don't look backwards for very long. We keep moving forward, opening up new doors and doing new things, because we're curious... And curiosity keep leading us down new paths.

(IT) Da queste parti, comunque, non guardiamo indietro a lungo. Andiamo sempre avanti, aprendo nuove porte e facendo cose nuove, perché siamo curiosi... E la curiosità ci porta verso nuovi orizzonti.

Walt Disney nel finale del film »

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Lewis: ancora in fasce, fu lasciato sulla porta di un orfanotrofio. È un ragazzo dolce, coraggioso e intelligente. La sua passione per le invenzioni sembra essere di ostacolo alla possibilità che venga adottato, e quindi decide di cercare la sua vera madre, che però nessuno sa chi sia. Per questo motivo inventa un dispositivo in grado di sondare la mente e far rivedere i ricordi, in modo tale da poter vedere la madre attraverso la propria memoria. Con questa invenzione partecipa alla fiera della scienza della scuola, dove incontrerà Wilbur e verrà sabotato dall'uomo con la bombetta.
  • Wilbur Robinson: ragazzo con un ciuffo in fronte. È un ragazzo sveglio, ottimista, spiritoso e arrogante, sebbene abbia comunque un cuore d'oro. Si presenta inizialmente a Lewis durante la fiera della scienza come un detective proveniente dal futuro, con lo scopo di fermare l'Uomo con la bombetta. Si scopre poi che è un semplice ragazzino, figlio di un inventore proveniente dal futuro, a cui l'Uomo con la bombetta ha rubato uno delle sue macchine del tempo.
  • Michael "Grufolo" Yagoobian alias Uomo con la bombetta: all'apparenza l'antagonista principale della storia, dal passato e dagli obiettivi inizialmente sconosciuti. Da bambino è insicuro e solitario, e da adulto è cinico, arrogante e maldestro. Possiede una bombetta supertecnologica di nome Doris, più furba e capace di lui. Infatti Doris è la vera antagonista principale poiché il mondo lo farà invadere da altre bombette come lei e poi ordinerà ad alcune di loro di uccidere il suo ex socio .
  • Franny Robinson: è la madre di Wilbur. È una donna simpatica, dolce e premurosa. È anche competitiva e molto brava nel Karate. Ha da sempre un'accesa rivalità con suo fratello Gaston, anche se i due, in realtà, si vogliono molto bene. Addestra rane a cantare e la sua preferita è Franky.
  • Carl: è il robot dei Robinson, creato dal padre di Wilbur. È un robot molto simpatico e spiritoso, anche se non sembra essere molto intelligente. Aiuterà Lewis e Wilbur a sconfiggere l'uomo con la bombetta.
  • Bud Robinson: è il nonno di Wilbur. È un uomo anziano piuttosto strano e maldestro, anche se molto simpatico. Ama profondamente la sua famiglia, in particolare sua moglie Lucille, sebbene spesso li metta in imbarazzo per colpa della sua immensa stravaganza. Anche lui è un inventore, come il padre di Wilbur, ma le poche invenzioni che si vedranno nel film saranno tutte inutili.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nell'edizione originale, quando la famiglia Robinson viene presentata, Wilbur dice di suo padre che assomiglia a Tom Selleck. Questi è proprio il doppiatore di Cornelio. Nella versione italiana, Wilbur dice invece che assomiglia a Giovanni Muciaccia (il conduttore di Art Attack in Italia) che, non a caso, è il doppiatore italiano di Cornelio.
  • La colonna sonora del film è "Kids of the Future" dei Jonas Brothers.
  • Il titolo originale del film è Meet the Robinsons, possibile riferimento alla sigla degli Antenati Meet the Flintstones.
  • Alla fine del film, quando Lewis viene adottato, si vede una scena in cui i suoi genitori adottivi acquistano un osservatorio che porta il cognome del regista "Anderson".
  • Il tirannosauro Tiny ha un cameo nel film Ralph Spaccatutto: appare in uno dei videogiochi in cui si trasferisce continuamente Ralph.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I Robinson, una famiglia spazia 3D @ ScreenWEEK in screenweek.it, 29 novembre 2013.