Kingdom Hearts II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Kingdom Hearts II
Titolo originale キングダム ハーツII
Sviluppo Square Enix
Pubblicazione Square Enix, Buena Vista Games[1]
Ideazione Tetsuya Nomura
Serie Kingdom Hearts
Data di pubblicazione Kingdom Hearts II
Giappone 22 dicembre 2005
Stati Uniti 28 marzo 2006
Australasia 28 settembre 2006
Europa 29 settembre 2006
Kingdom Hearts II: Final Mix+
Giappone 29 marzo 2007
Genere Action RPG
Tema Fantasy
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma PlayStation 2, PlayStation 3
Supporto 1 DVD-ROM, Blu-ray Disc
Fascia di età ACB: PG
CERO: A[2]
ESRB: E10+[3]
PEGI: 12+[4]
Periferiche di input Gamepad
Preceduto da Kingdom Hearts: Chain of Memories
Seguito da Kingdom Hearts coded

Kingdom Hearts II (キングダム ハーツII Kingudamu Hātsu Tsū?) è un action RPG per PlayStation 2 sviluppato da Square Enix e pubblicato dalla Square Enix e da Buena Vista Games e diretto da Tetsuya Nomura. Kingdom Hearts II è stato pubblicato il 22 dicembre 2005 in Giappone, il 28 marzo 2006 in Nordamerica, il 28 settembre 2006 in Australasia e il 29 settembre 2006 in Europa.

Kingdom Hearts II è il seguito del videogioco del 2002 per PlayStation 2 Kingdom Hearts e del suo sequel del 2004 per Game Boy Advance, Kingdom Hearts: Chain of Memories. La storia riguarda un gruppo di eroi alla ricerca dei loro amici perduti cercando di sconfiggere la misteriosa Organizzazione XIII, accompagnati da decine di personaggi presi dai mondi di Square Enix e Disney.

Straordinario successo di Square Enix, killer application di PS2, il videogioco è stato diretto da Tetsuya Nomura e prosegue la storia dopo gli avvenimenti di Kingdom Hearts: Chain of Memories per Gameboy Advance. Nel gioco sono presenti nuovi mondi, come quello di Mulan, de La maledizione della prima luna, il Castello della Bestia, Le Terre del Branco e Space Paranoids.

La colonna sonora del gioco è stata composta da Yoko Shimomura, la stessa del primo episodio, e la sua canzone principale Sanctuary (Passion in Giappone) è stata scritta e interpretata dalla cantante giapponese Utada Hikaru.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il gioco si apre con un sogno di un ragazzo, durante i quali vengono mostrati alcuni eventi di Kingdom Hearts: esso non è che l'ennesimo di alcuni sogni che il giovane, di nome Roxas, ha su Sora ed i suoi amici. Quasi immediatamente si scoprirà che egli è il nessuno di Sora e che si trova in una Crepuscopoli virtuale creata da un misterioso personaggio dal volto bendato (che si fa chiamare Diz) al fine di ripristinare le memorie di Sora, Paperino e Pippo, andate completamente distrutte dopo gli eventi di Kingdom Hearts: Chain of Memories, avvenuti un anno prima. Anche grazie all'aiuto dell'Heartless di Xehanort e Naminé, egli riesce nell'impresa ed a quel punto il giocatore prende il controllo di Sora. Risvegliatisi nella vera Crepuscopoli, Sora, Paperino e Pippo decidono di mettersi nuovamente in viaggio al fine di ritrovare i loro amici e, venuti a contatto con Yen Sid vengono informati dalla minaccia rappresentata dall'Organizzazione XIII, un gruppo di nessuno comandati da Xemnas (il nessuno di Ansem, il principale nemico di Kingdom Hearts II) il cui obbiettivo è la creazione di un secondo Kingdom Hearts. Ciò, unito alla resurrezione di Malefica (spalleggiata da Pietro Gambadilegno) fa sì che il gruppo si metta nuovamente in viaggio attraverso i mondi Disney. Durante l'avventura avvengono alcuni eventi di grande importanza: Kairi viene rapita dall'Organizzazione venendo imprigionata nel Mondo che non esiste e poco dopo il gruppo di nessuno organizza un massiccio attacco alla Fortezza Oscura. In questa occasione, Sora, Paperino e Pippo si incontreranno con Re Topolino nello studio di Ansem il Saggio, dove i tre scopriranno che il nemico da loro affrontato durante la prima avventura era un impostore che poi si scoprirà essere l'Heartless di Xehanort, allievo del vero Ansem il Saggio. Nelle battute finali del gioco, l'Heartless di Xehanort salverà Kairi dalla prigionia ed in tale occasione si scoprirà che egli in realtà non è altro che Riku, il cui aspetto era mutato a causa dell'eccessivo uso dell'oscurità durante il combattimento per catturare Roxas. Ricongiuntosi con i due e scoperta la verità su Riku, Sora si preparerà ad affrontare la battaglia finale, ma prima di ciò essi si incontreranno con Diz, che si rivelerà essere il vero Ansem il Saggio che, dopo aver passato un lungo periodo nascosto ha fatto ritorno al fine di distruggere il Kingdom Hearts artificiale dell'organizzazione, riuscendovi in parte ma perendo nell'esplosione del dispositivo da lui progettato per il sabotaggio. Durante tale esplosione, Riku riacquista il suo aspetto originario. Giunti infine al cospetto di Xemnas, Sora e Riku lo affronteranno in una dura battaglia (mentre i loro compagni finiranno tagliati fuori dalla lotta) e lo sconfiggeranno dopo un lunghissimo combattimento, venendo però imprigionati nel Regno dell'oscurità. Fortunatamente però riusciranno a fuggire grazie a Kairi facendo così ritorno alle Isole del Destino, il loro mondo natale in cui li attendevano i loro amici. Qualche tempo dopo però Sora, Riku e Kairi ricevono una misteriosa lettera da parte di Re Topolino...

Sistema di esplorazione e combattimento[modifica | modifica sorgente]

Come il titolo precedente, Kingdom Hearts II è un Action RPG in tre dimensioni il cui gameplay consiste nel svolgere missioni in vari mondi per procedere nello sviluppo della trama, aumentando contemporaneamente il livello dei personaggi sconfiggendo i nemici. Nella prima parte del gioco il giocatore controlla Roxas, poi Sora ed occasionalmente anche Re Topolino, tutti utilizzatori del Keyblade. Utilizzando i primi due il giocatore potrà eseguire varie azioni fra le quali combattere corpo a corpo, usare magie ed oggetti e, solo nel caso di Sora, eseguire limiti, evocazioni e fusioni turbo. Oltre a ciò, Sora è sempre supportato da Paperino e Pippo, anche se in quasi tutti i mondi uno di loro potrà essere sostituito con un partner "locale". Lo stile di combattimento di tali personaggi può essere personalizzato a seconda delle esigenze del giocatore. Come Kingdom Hearts, Kingdom Hearts II permette una personalizzazione nello sviluppo del personaggio attraverso un tutorial all'inizio del gioco, decidendo l'ordine in cui si impareranno le varie abilità.

Limiti[modifica | modifica sorgente]

Un Limite è un attacco speciale che Sora usa insieme ai compagni. I Limiti consumano tutti gli MP di Sora, ma sono molto potenti e possono attaccare più nemici alla volta.

Barra Turbo[modifica | modifica sorgente]

Oltre alle già presenti barre magia e vita, in questo titolo è stata introdotta la barra turbo, attraverso la quale è possibile fare uso delle fusioni turbo e delle evocazioni.

Fusioni Turbo[modifica | modifica sorgente]

Attivabili attraverso un'apposita Barra Turbo, le fusioni sono delle trasformazioni eseguibili da Sora al fine di divenire più potente, sacrificando però la presenza di uno o entrambi i compagni di battaglia dal campo. Le varie "trasformazioni" mutano l'aspetto degli abiti di Sora e le sue abilità combattive.

Evocazioni[modifica | modifica sorgente]

Utilizzando la barra turbo sarà possibile evocare vari personaggi in supporto di Sora, cosa che però comporterà la temporanea sparizione dei suoi normali compagni di battaglia.

Magie[modifica | modifica sorgente]

Come per il precedente capitolo, anche in Kingdom Hearts II Sora possiede l'abilità di eseguire diversi tipi di magie, divisibili principalmente in offensive, difensive e di guarigione. Ognuna di queste magie possiede tre stadi di potere, ognuno di esso sbloccabile attraverso il compimento di qualche missione.

Abilità[modifica | modifica sorgente]

Nel corso del gioco, Sora ed i suoi compagni svilupperanno diverse abilità, ognuna di esse attivabile attraverso l'uso di degli AP (action points): ogni abilità attivata infatti fa uso di un certo numero di AP, che torneranno disponibili solo quando la stessa abilità verrà nuovamente disattivata. Le abilità si dividono in "Abilità Azione" consistenti in potenziamenti degli attacchi ed "Abilità di supporto" che donano vantaggi tattici.

Equipaggiamenti[modifica | modifica sorgente]

Nel corso del gioco Sora, Paperino e Pippo entreranno in possesso di varie armi: Keyholder (letteralmente "portachiavi", strumenti in grado di modificare le proprietà del Keyblade) per Sora, Scudi per Pippo e Scettri magici per Paperino e, oltre ad essi varie armature ed oggetti magici, in grado di aumentare rispettivamente le abilità difensive ed offensive dei personaggi, nonché la quantità di punti abilità, vita e magia.

Gummiship[modifica | modifica sorgente]

Come in Kingdom Hearts, anche in Kingdom Hearts II gli spostamenti fra i vari mondi avvengono tramite l'uso della Gummiship, ma a differenza del gioco precedente qui i percorsi si rivelano dei mini giochi complessi necessari per il totale completamento del gioco.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Kingdom Hearts.

Come nei precedenti titoli, Kingdom Hearts II ha un grande numero di personaggi provenienti principalmente dall'universo Disney che da quelli dei vari Final Fantasy, ma non mancano dei nuovi personaggi originali: i membri dell'Organizzazione XIII, i principali antagonisti del gioco.

Mondi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Mondi di Kingdom Hearts.

Come nel primo Kingdom Hearts, Kingdom Hearts II permette al giocatore di viaggiare attraverso varie località tratte da altrettanti film Disney oltre ad alcuni mondi creati da zero.

Kingdom Hearts II: Final Mix+[modifica | modifica sorgente]

Come per il precedente capitolo, anche per Kingdom Hearts II è uscita una versione espansa del gioco esclusivamente per il mercato nipponico. Tale versione, nota come "Kingdom Hearts II: Final Mix+" oltre al gioco stesso nella confezione include un secondo DVD-ROM contenente il remake per PlayStation 2 di Kingdom Hearts: Chain of Memories, chiamato "Kingdom Hearts Re: Chain of Memories". Uscito in Giappone il 29 marzo 2007, come precedentemente affermato il gioco è rimasto una esclusiva del mercato giapponese, ma ciò nonostante sono state create delle patch in grado di convertirlo sia in lingua inglese che italiana.[5]

Novità[modifica | modifica sorgente]

Rispetto all'originale, Final Mix+ presenta numerose parti aggiunte che lo rendono molto più interessante, ma anche difficoltoso da completare; in particolare abbiamo:

  • Un nuovo livello di difficoltà: la modalità critica.
  • Presenza di nuove abilità, di nuovi oggetti (armi, accessori, armature e materiali da elaborazione) e della nuova fusione "Limite".
  • Possibilità di affrontare delle copie dei membri dell'Organizzazione XIII caduti durante gli eventi di Chain of Memories e, successivamente, introduzione nella Fortezza Oscura di un'area nella quale risulta possibile affrontare delle versioni estremamente potenziate di tutti i membri.
  • Sono stati aggiunti nuovi filmati che approfondiscono vari aspetti della trama, in particolar modo le vicende di Roxas e il suo legame con l'Organizzazione e Axel. Oltre a ciò, una volta completato il gioco si sblocca la modalità "Teatro" attraverso la quale è possibile rivedere ogni video.
    • Estensione del video segreto presente nel finale di Kingdom Hearts II.
  • Presenza di due nuovi boss: Roxas, affrontato una volta giunti nel Mondo che non esiste e "Sentimento persistente di Terra", il più forte boss della saga.
  • Presenza di un nuovo mondo, "Cimitero dei Keyblade", raggiungibile attraverso "La sala della prima pietra" del "Castello Disney"; in esso si trova "Sentimento persistente di Terra".
  • Vi sono nuovi Heartless e Nessuno, e molti dei presenti hanno subito un restailing cromatico. In particolare è stata aggiunta una sorta di "Organizzazione XIII" composta da Funghi Neri: ognuno di essi pone una sfida al giocatore, ed una volta completate tutte si ottiene un nuovo keyholder.
  • Nella Città del Natale (parte del mondo "La città di Halloween") Sora, Paperino e Pippo indossano costumi differenti.
  • Nei vari mondi sono sparsi i pezzi di sei puzzle il cui completamento di ognuno di essi comporta l'ottenimento di un oggetto raro o unico.
  • Inserimento di tre corone; rispettivamente di bronzo, argento ed oro, ognuna delle quali attesta rispettivamente il compimento di uno, due o tre fra i seguenti compiti:
    • Completamento delle sfide poste dai funghi neri.
    • Sconfitta di tutte le copie digitali (Data) dei membri dell'Organizzazione XIII.
    • Sconfitta del Sentimento persistente di Terra.

Manga[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kingdom Hearts II (manga).

Da Kingdom Hearts II, come dai suoi predecessori, è stato tratto un manga edito in Giappone dalla Square-Enix , mentre in Italia è edito dalla Disney Manga, in 5 volumi bimestrali, dall'ottobre 2009 al giugno 2010, arrivando però solamente al punto in cui Kairi viene rapita da Axel: più che un finale alternativo, sembra una brusca interruzione, che lascia in sospeso molte questioni le quali, invece, trovano risposta nel videogame.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]