Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare
Pirati dei caraibi 4.JPG
Logo del fim
Titolo originale Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2011
Durata 136 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, avventura, fantastico
Regia Rob Marshall
Soggetto Ted Elliott, Terry Rossio e Tim Powers
Sceneggiatura Ted Elliott e Terry Rossio
Produttore Jerry Bruckheimer
Casa di produzione Walt Disney Pictures
Distribuzione (Italia) Walt Disney Pictures
Musiche Hans Zimmer, feat. Rodrigo y Gabriela, Eduardo Cruz
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Episodi

Preceduto da Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo (2007)

Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare (Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides) è un film diretto da Rob Marshall, uscito nelle sale cinematografiche statunitensi il 20 maggio 2011, mentre in quelle italiane il 18 maggio 2011.

Differisce dai film precedenti della serie Pirati dei Caraibi per diversi motivi: alla regia non c'è Gore Verbinski, gran parte del cast della trilogia (compresi Orlando Bloom e Keira Knightley) non compare in questo episodio, la pubblicazione nelle sale è stata disponibile anche in versione 3D, le riprese si sono tenute per la maggior parte alle Hawaii anziché nei Caraibi, la trama è inoltre liberamente ispirata al romanzo Mari stregati (On Stranger Tides) di Tim Powers.

Trama[modifica | modifica sorgente]

« C'è un audace marinaio che attendo dentro al cuore, non conosco il suo nome, ma ho bisogno del suo amore. O fanciulle innamorate, venite tutte qua, l'allegro audace marinaio un giorno arriverà. Solo lui può consolare questo cuore spezzato a metà, il mio audace marinaio prima o poi arriverà. C'è un audace marinaio che attendo dentro al cuore, non conosco il suo nome, ma ho bisogno del suo amore. »
(L'allegro audace marinaio, cantato dalla sirena Tamara)

Al largo della costa spagnola, due pescatori trovano un uomo nelle loro reti, che afferma di essere un membro dell'equipaggio di Juan Ponce de León, un conquistador spagnolo che doveva essere morto 200 anni prima durante una spedizione alla ricerca della Fonte della giovinezza. L'uomo è portato a Cadice, presso Re Ferdinando VI, che riceve dall'uomo pescato in mare il diario di viaggio di Ponce de León, per poi morire. Il re dà così l'ordine al suo uomo più fidato di trovare la Fonte.

A Londra, Joshamee Gibbs, scambiato per Jack Sparrow, viene messo sotto processo per pirateria. Jack Sparrow, travestito da giudice, riesce a salvare Gibbs e a liberarlo, ma durante la fuga i due vengono catturati dalla Guardia Reale Britannica. Jack viene portato al cospetto di Re Giorgio II, che gli propone di guidare una spedizione verso la Fonte della Giovinezza capitanata da Hector Barbossa, ora un corsaro al servizio del re, da cui scopre che la Perla Nera (nave di Jack Sparrow poi presa da Barbossa alla fine del terzo film) è affondata. Jack riesce a fuggire dal palazzo e si reca alla locanda La figlia del Capitano, dove aveva scoperto in una precedente discussione con Gibbs che qualcuno si fingeva lui per arruolare una ciurma e partire alla ricerca della Fonte. Jack affronta così l'impostore, che scoprirà poi essere Angelica, una fiamma del suo passato. La donna lo rapisce e lo trasporta sulla Queen Anne's Revenge, la nave del famigerato Edward Teach, soprannominato "Barbanera".

Barbossa arruola Gibbs, l'unico oltre a Jack a sapere la posizione esatta della Fonte, sulla nave HMS Providence. Jack, nel frattempo, scopre che Barbanera è il padre di Angelica e che la sua ricerca della Fonte è un tentativo di rompere una profezia che rivela la sua morte entro due settimane per mano di un uomo senza una gamba. Barbanera minaccia Jack con una bambola voodoo e questi non può quindi fare altro che assecondare gli ordini di Barbanera e condurlo alla Fonte.

Per usufruire della Fonte della giovinezza sono necessari due Calici d'argento appartenuti a Ponce de Léon e una lacrima di sirena. Un calice deve contenere solamente l'acqua della fonte, l'altro anche la lacrima; colui che berrà dal calice contenente la lacrima otterrà tutti gli anni vissuti e tutti gli anni che avrebbe dovuto vivere colui che berrà dal calice contenente solo acqua. A Whitecap Bay Barbanera ordina di catturare una sirena. Queste creature pisciformi sono però tutt'altro che socievoli e dopo aver attaccato un gruppo di pirati utilizzato come esca, si dirigono in massa verso la spiaggia, affrontando Barbanera e Jack, il quale riesce a scacciarle facendo esplodere un faro posto su una delle estremità della baia. La ciurma subisce pesanti perdite, ma riescono a catturarne una grazie a Philip, un missionario facente parte dell'equipaggio. Raggiunta la giungla, Jack viene inviato da Barbanera alla ricerca della Santiago, la nave di Ponce de León, dove sono nascosti i Calici d'argento. Nel frattempo, Philip si affeziona alla sirena catturata e le dà il nome di Serena; quindi Barbanera, approfittando dell'amore tra i due giovani, riesce ad ottenere la lacrima ferendo il missionario.

Dopo aver recuperato i calici d'argento, Jack si ricongiunge con Barbossa e viene catturato insieme a quest'ultimo dagli spagnoli. Barbossa rivela a Jack che la Perla Nera è stata catturata da Barbanera tramite un maleficio e che per sfuggire alla morte, lui stesso fu costretto ad amputarsi una gamba. Il suo vero scopo è quindi vendicarsi di Barbanera. Jack, riunitosi a Teach e alla sua ciurma, arriva alla Fonte, dove Barbossa tende loro un agguato dando inizio a una battaglia. Improvvisamente arrivano gli spagnoli, che sostengono che la Fonte sia un luogo profano e cominciano a distruggerla. Grazie a un momento di distrazione, Barbossa trafigge Barbanera con la sua spada avvelenata. Angelica, cercando di aiutare suo padre, si taglia accidentalmente la mano con la lama avvelenata: sia lei che suo padre vengono quindi mortalmente feriti. Jack riempie i calici magici con le ultime gocce dell'acqua della Fonte, ormai distrutta, e versa la lacrima di Serena in uno di loro. Barbanera chiede ad Angelica di sacrificarsi per lui, e anche se lei era disposta a farlo, Jack scambia astutamente i calici: Barbanera muore, consumato dalle acque della Fonte, mentre Angelica ha salva la vita, ma non riesce a perdonare a Jack l'affronto di aver sacrificato la vita del padre per salvare la sua.

Tornato sulla riva, Barbossa prende come trofei personali la spada di Barbanera ed il completo comando della Queen Anne's Revenge, dirigendosi con la sua ciurma verso Tortuga: ritorna così ad essere un pirata, abbandonando la vita da corsaro. Questo mentre Serena salva Philip da una ferita mortale, baciandolo e andando via con lui in acqua. Il suo destino è incerto, ma è probabile che sia sopravvissuto grazie all'effetto mistico del bacio di una sirena, ovvero la capacità di respirare in acqua. Jack abbandona su isola deserta Angelica che, furiosa, tenta di ucciderlo con la sua pistola, mancandolo. Infine Jack si ricongiunge con Gibbs, che era riuscito a rubare dalla cabina di Barbanera tutta la serie di navi-trofeo prese dal defunto Barbanera, tra cui la Perla Nera. Anche se non hanno idea di come farla tornare alla normalità, entrambi sono felici di riavere la propria nave.

Nella scena dopo i titoli di coda Angelica, rimasta sull'isola deserta, trova tra le onde la bambola voodoo di Jack.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Poco prima della première di Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo, Jerry Bruckheimer aveva dichiarato che era la fine della trilogia, ma che l'idea di uno spin-off era possibile[1]. Dopo il successo del film, Dick Cook, presidente della Walt Disney Studio, si è detto interessato a un quarto episodio[2]. Il 25 settembre 2008, durante un evento Disney sui film in uscita al Kodak Theater, Cook e un Johnny Depp nei panni di Jack Sparrow hanno annunciato che un quarto film dei Pirati era stato messo in cantiere[3]. L'11 settembre 2009, alla Disney's D23 convention, il titolo è stato annunciato come Pirati dei Caraibi: On Stranger Tides[4].

L'eventualità di proseguire la serie Pirati dei Caraibi con un quarto episodio od una seconda trilogia fu presa in considerazione durante il secondo quarto del 2006 dall'attore e protagonista della serie Johnny Depp (nei film Jack Sparrow)[5]. Nell'aprile 2007 la Disney Pictures opzionò i diritti cinematografici del romanzo Mari stregati di Tim Powers con l'intenzione di usarlo in parte come base per il nuovo film. Dopo la conferma del titolo ufficiale del quarto episodio, On Stranger Tides (che è anche il titolo dell'edizione originale del romanzo di Powers), corsero molte indiscrezioni su possibili collegamenti tra le due opere, venendo dapprima parzialmente confermate dall'agente dello scrittore secondo cui il collegamento tra i due titoli non era una mera coincidenza, e poi da Powers stesso dopo che gli fu revocato l'invito dello studio cinematografico di mantenere silenzio sul fatto.[6][7][8] Secondo lo sceneggiatore Terry Rossio il fatto che la Disney avesse opzionato il romanzo non avrebbe significato necessariamente che il film sarebbe stato tratto da esso, poiché l'intenzione era di narrare la ricerca della Fonte della giovinezza e viste le somiglianze che accomunavano le due trame si pensò di comprare i diritti del romanzo in modo da poter usufruire anche di altri elementi di quella storia.[9]

Riguardo ad un quarto film, l'idea di Jerry Bruckheimer era che la saga si dovesse concludere con Ai confini del mondo, nonostante il finale potesse far pensare ad una probabile continuazione. In aggiunta, il produttore citò, nell'evenienza, la possibilità di realizzare alcuni spin-off riservati ai personaggi chiave[10][11]. Secondo Terry Rossio, lo stato del film era uguale a quello che passò Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo: ovvero, a favore o contro la sua realizzazione erano presenti diverse forze[12][13]. Anche Bill Nighy espresse alcuni dubbi circa la reale possibilità di vedere sul grande schermo un quarto film, perché diverse persone erano in attesa di sentire «che il mondo avesse ancora fame di nuovi film sui pirati», specificando che se un nuovo film fosse stato fatto a lui avrebbe fatto piacere farne parte[14].

Regia[modifica | modifica sorgente]

Gore Verbinski precisò che sarebbe tornato alla regia di un film su Pirati dei Caraibi solamente se gli fosse stata disposta una buona sceneggiatura da adattare.[15] Qualche tempo dopo, Verbinski fu chiamato per un film basato sul videogioco BioShock e per dirigere il film d'animazione Rango, abbandonando con ciò la produzione del tanto agognato film[16][17]:

(EN)
« I had a fantastic time bringing 'Pirates' to life, and I am eternally grateful to Jerry, Johnny and the rest of the creative and production team. I'm looking forward to all of us crossing paths again in the future. »
(IT)
« Ho passato un periodo bellissimo portando in vita Pirati dei Caraibi, e sarò eternamente grato a Jerry Bruckheimer, Johnny Depp e il resto del team creativo e produttivo. Non vedo l'ora che le nostre strade si reincontrino nuovamente in futuro. »

Quando nella metà del 2009 la realizzazione di BioShock entrò in fallo a tempo indeterminato, diverse personalità interne alla Disney richiesero un ritorno di Verbinski alla guida del progetto, ottenendo un nulla di fatto.[18] Per sostituirlo, si fecero quindi diversi nomi, tra i quali, quello di Tim Burton, ma la cosa fu presto liquidata da Terry Rossio, il quale dichiarò che «la Disney ritiene questa una serie troppo delicata per permettere cose come queste», in riferimento a Burton regista[19]. Dopo una serie di colloqui, nell'agosto 2009 la Disney annunciò l'assunzione di Rob Marshall[20][21], il quale dichiarò alla presentazione del suo ultimo film Nine[22][23]:

(EN)
« I was so surprised they called me. It was Johnny Depp and Jerry Bruckheimer. Jerry called me, but Johnny was interested in working with me. It's a wonderful thing when something like that happens, so we sat and met and he could not have been more lovely. He's the nicest man. I've been very lucky to work with some great people and he's one of them. So I could tell that we could maybe do this, and then they offered it to me. »
(IT)
« Sono rimasto molto stupito quando mi hanno chiamato. Sono stati Jerry Bruckheimer e Johnny Depp. Jerry mi ha chiamato, ma era stato Johnny a dirsi interessato a lavorare con me. È una cosa fantastica quando succede qualcosa di simile, quindi ci siamo incontrati e non poteva andare meglio. È la persona più simpatica del mondo. Sono stato molto fortunato a lavorare con persone come lui. Così mi sono detto disponibile, e loro mi hanno offerto di farmi girare il film. »
(Parte delle dichiarazioni di Rob Marshall intervistato da ComingSoon.)

Sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

Già nel corso dello sciopero degli sceneggiatori (2007-2008) i nomi di Terry Rossio e Ted Elliott erano indicati come autori del nuovo film[24], il cui ingaggio fu poi confermato diverso tempo dopo[25][26]. Riguardo alla trama, Verbinski puntualizzò sul fatto che avrebbe preferito una storia poco confusionale per meglio dedicarsi allo sviluppo dei personaggi.[27]

Volevamo scrivere un film su Barbanera e la Fonte della Giovinezza, e Tim Powers aveva scritto un libro su questa storia. Abbiamo scoperto che per scrivere un film così avremmo avuto bisogno di quel romanzo. È brillante, e Powers è un grande scrittore - e il titolo è grandioso. Ci permetterà di utilizzare materiale di quell'universo, e la sua esperienza.

[Tuttavia] non so se sia il caso di dire che il film sarà basato sul romanzo, perché non ci sono elementi comuni per pensare che il libro sia stato opzionato per poter procedere ragionevolmente su quella trama.

Terry Rossio su Mari stregati e la trama di PdC4.[9]

Nel novembre 2008, Jerry Bruckheimer spiegò che, essendo i due a lavoro sulla sceneggiatura, l'avvio della preproduzione sarebbe stato questione di tempo[28]; commentandone il lavoro preliminare come una «storia divertente e molto originale»[18].

Come lasciato presagire dal finale di Ai confini del mondo e come prospettato da taluni, il duo si mise a lavorare sull'espansione della trama con i protagonisti alla ricerca della fonte della giovinezza e nuovi antagonisti, tra i quali un nemico vagamente ispirato a capitano Nemo alla cui disposizione tecnologie avanzate rendendo il film sullo stile di uno steampunk[29][30], sebbene in un primo tempo si fosse parlato di trattare in maniera più approfondita il passato di Jack Sparrow, o, in alternativa, concentrarsi sui personaggi secondari[31].

Comunque, Depp spiegò che il semaforo verde sarebbe stato dato dai produttori solo se fosse stato dato loro un lavoro di buona qualità[32], la cui trama avrebbe dovuto radicalmente elevarsi dalle precedenti[33]. Proprio a causa di queste linee guida impartite, la preproduzione tardò a procedere, e Geoffrey Rush spiegò fosse perché i due stavano lavorando a una «storia che si lasci alle spalle la trilogia, lanci tutto verso una nuova direzione che possibilmente interessi il pubblico»[34].

Alla fine dell'ottobre 2009, in occasione della presentazione del trailer di Prince of Persia: The Sands of Time agli uffici di produzione di Santa Monica, Bruckheimer annunciò come la scrittura della sceneggiatura fosse terminata.[35]

Cast[modifica | modifica sorgente]

Alcune indiscrezioni altalenate da conferme e smentite indicarono che Orlando Bloom, nei film Will Turner, non avrebbe più prestato parte ai nuovi episodi per questioni di visibilità[5][36], salvo poi essere confermate dallo stesso Bloom in un'intervista per MTV all'edizione 2010 del Sundance Film Festival: «Ho davvero intenzione di concentrarmi su nuovi progetti. Comunque il film sarà stupendo e qualunque cosa faccia Johnny Depp sarà sicuramente fantastica»[37].

Notizie della stessa natura circolarono attorno Keira Knightley, nei film Elizabeth Swann, a causa dell'incertezza pubblicamente manifestata dall'attrice ancora prima che uscisse La maledizione del forziere fantasma[38]. La Knightley comunicò poi all'edizione 2007 del festival di Venezia, dove concorreva con il film Espiazione, che ulteriori apparizioni del personaggio da lei interpretato sarebbero state superflue[39][40], nonché, avrebbe corso il rischio di legare la sua immagine alla parte e quindi di ledere alla sua carriera futura[41].

Johnny Depp, che per primo mostrò interesse al futuro della serie, confermò la sua presenza la notte del 24 settembre 2008 durante una cerimonia della Walt Disney Pictures al Kodak Theatre di Hollywood[42]. Il suo ritorno fu oggetto di alcune indiscrezioni legate al presunto salario di 55,5 milioni di dollari (pari a 37,3ml €) che l'attore avrebbe richiesto ed ottenuto per firmare il contratto multiprogetto della Disney[42][43]; pur non confermando, ma neanche smentendo, la liquidità versata all'attore, la Disney precisò in un articolo successivo a queste voci come effettivamente fosse stato elargito un salario molto alto, in virtù del fatto che senza la sua partecipazione la serie sarebbe stata «morta e sepolta»[44]. Dopo che nel 2009, Dick Cook uscì dalla presidenza della Walt Disney via dimissioni, Depp si prese un momento di riflessione spiegando come fosse molto legato all'uomo, e che la situazione lo aveva sconvolto a tal punto da fargli ripensare a un suo ritorno nel film[32][45]; in ogni caso, in base al contratto pattuito con la compagnia, avrebbe obbligatoriamente dovuto girare il quarto film, salvo poi essere rimpiazzato negli eventuali seguiti[46][47]. Bruckheimer, spiegò che l'allontanamento di Cook dalla presidenza non significava necessariamente anche un suo allontanamento dalla serie[35].

Altre notizie, poi smentite, volevano la comparsa di un fratello minore di Jack Sparrow con aspiranti al ruolo: Sacha Baron Cohen[48], Russell Brand, che tuttavia confermò d'aver preso a parte a discussioni per il ruolo con gli autori, ma di come dovette declinare l'offerta per via di altri impegni presi in precedenza[49][50], Zac Efron, che smentì egli stesso la notizia[51] e Robert Pattinson, la cui apparizione fu invece negata dalla Disney[52][53].

Nel febbraio 2010 entrarono a far del cast anche Ian McShane nella parte di Barbanera, indicato come «il pirata più orribile di tutti i tempi», e Penélope Cruz come sua figlia, la quale avrebbe stretto un rapporto di natura amorosa con Depp[54][55][56]. Geoffrey Rush chiese[57][58] ed ottenne di tornare ad interpretare Capitan Barbossa[34]. Anche Bill Nighy, nei film Davy Jones, mostrò interesse a tornare nonostante il suo personaggio morisse nel terzo film[59]:

(EN)
« I am technically dead but then again, who cares? Everybody dies in the pirates movies. They killed Johnny [Depp] and Geoffrey [Rush]. Death is not permanent in the pirate world. I have a serious desire to come back. »
(IT)
« Tecnicamente sarei morto, ma a chi importa? In Pirati dei Caraibi muoiono sempre tutti. Hanno ucciso Johnny Depp e Geoffrey Rush. La morte non dura, nel mondo dei Pirati. Vorrei veramente tornare nel quarto film. »
(Bill Nighy su MTV.[60])
Per noi è molto importante avere la storia giusta, e per me la cosa essenziale è che si riduca la scala di tutto: non possiamo fare un film più colossale del terzo episodio. I film sono cresciuti uno dopo l'altro come portata, e sono diventati sempre più complicati. Ovviamente sono diventati anche più soddisfacenti, ma vorrei quasi riavviare tutto tornando al cuore della saga: i personaggi.
Oren Aviv sul quarto film.[31]

Nel marzo 2010 si aprì la selezione del cast artistico per le interpreti femminili. In un comunicato legato alla scelta delle attrici, la Walt Disney specificò come le candidate ideali avrebbero dovuto sottostare ai seguenti parametri: "bella presenza, un metro e 70, taglia 38 o 40, non più grande e non più piccola, età compresa tra i 18 e i 25 anni, un corpo snello da ballerina e, soprattutto, seni veri". Inoltre, per richiesta esplicita dei produttori, il seno avrebbe dovuto essere naturale, senza alcuna presenza di ritocchi artificiali come protesi mammarie, per meglio adeguarsi a scene d'azione e combattimento nelle quali un seno naturale avrebbe avuto più scioltezza e capacità di rimbalzo rispetto a uno rifatto. Per determinare la naturalezza o meno del seno, i produttori annunciarono la dotazione di un test apposito.[61]

In aprile entrarono in trattative per ruoli da definire: Stephen Graham, Sam Claflin e Max Irons[62]; qualche tempo dopo Claflin sarà confermato nel ruolo del missionario Philip[63]. L'attrice spagnola Àstrid Bergès-Frisbey, dopo essere stata provinata personalmente sia da Bruckheimer che Marshall, fu confermata per la parte di Syrena, una sirena importante per la trama[64].

Greg Ellis ha confermato che tornerà come Lt Theodore Groves, e Bruckheimer ha confermato che Kevin McNally tornerà come Joshamee Gibbs[65]. Il 5 febbraio 2010, Mackenzie Crook ha annunciato che non avrebbe ripreso il ruolo di Ragetti[66].

Stephen Graham è stato confermato per il ruolo di Scram, la spalla di Jack Sparrow[67]. Il 16 aprile 2010, Sam Claflin è stato confermato per interpretare un missionario di nome Filippo[68], e il 25 maggio, l'attore britannico Paul Bazely è entrato nel cast[69]. Keith Richards torna nei panni del capitano Teague.

Bilancio[modifica | modifica sorgente]

Un problema espresso per la continuazione della serie riguardò il bilancio. Durante le prime fasi dello sviluppo vennero a galla le preoccupazioni della Walt Disney circa il proseguimento della serie su film dall'alto costo e impatto visivo[70]. Ciò venne poi confermato all'edizione Comic-Con 2009[31].

Nel maggio 2010 un articolo del Los Angeles Times annunciò che al film sarebbe stata applicata la nuova politica di contenimento delle spese relative alle grandi produzione estive adottata dalla nuova dirigenza di Rich Ross, e che Bruckheimer si offrì volontariamente come supervisore di questo piano per il film iniziando a valutare metodi per ottenere sconti fiscali nelle spese di lavorazione. In ottemperanza a questa linea, i giorni delle riprese vennero abbassati a 95, riviste le scene considerate più costose e parte della prima versione della sceneggiatura. Ridotti anche gli effetti visivi previsti, una delle scene che risentirono di ciò fu quella della "Fiera del Ghiaccio", una lunga sequenza d'inseguimento su un fiume Tamigi completamente ghiacciato in seguito accorciata a metà del tempo previsto.[71]

In seguito, lo sceneggiatore Terry Rossio smentì parzialmente quanto presente nell'articolo, precisando che i tagli alle spese non avrebbero influito sul risultato finale dell'opera, ma solamente che per la sua realizzazione ci si sarebbe dovuti mantenere entro alcuni limiti a dispetto degli episodi precedenti nei quali la spesa finale lievitò enormemente. Comunque, Rossio spiegò che al tempo erano in corso alcuni incontri per decidere l'abbassamento della spesa di produzione, e che per il film sarebbero stati promossi degli sgravi fiscali, precisando ancora che nulla era stato deciso circa il girare in tridimensionale o meno.[72]

In linea definitiva, il presidente dei Disney Studios, Rich Ross, ha limitato il budget a 200 milioni di dollari, 100 milioni in meno rispetto al terzo film e 25 milioni in meno rispetto al Forziere fantasma, al fine di tagliare i costi[73].

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Tra il 2007 e il 2008 alcuni annunci sulla produzione spiegarono come le riprese sarebbero iniziate dopo il 2009[58], magari avvalendosi della tecnologia IMAX per aumentare l'impatto visivo sul pubblico[74] visti i propositi della compagnia di investire sul cinema tridimensionale nei progetti futuri[75]. Poco prima che iniziassero le riprese, Rick Ross approvò l'uso del tridimensionale per il film a seguito di alcune prove effettuate da Marshall nei mesi precedenti[76], annunciando che le «scene composte per la maggior parte da inquadrature con effetti visivi» sarebbero state girate in maniera tradizionale e riconvertite in tridimensionale nella postproduzione e «un buon due terzi di film» comprendente di «tutte le scene con gli attori, i momenti drammatici e così via», invece, direttamente «girato in stereoscopia»[77]. Per rendere possibile tale tecnica il film è il primo della saga girato interamente in digitale, utilizzando cineprese Red Epic (2 alla volta per le sequenza 3D), le stesse utilizzate anche da Peter Jackson per Lo Hobbit

Nel febbraio 2010, parte del set della Perla nera fu trasportato e ancorato in una delle isole, e in aprile iniziarono i lavori di ristrutturazione della struttura insieme alla costruzione di nuovi set da utilizzare per le riprese.[78] Bruckheimer parlò di avviare le riprese già lo stesso anno[35], il cui inizio ideale sarebbe rientrato tra l'aprile e il maggio[31][79]. In effetti, ad alcuni attori, tra i quali Geoffrey Rush, venne poi chiesto di tenersi liberi da impegni lavorativi per il periodo primaverile[34]; ma poi la data d'inizio riprese fu fissata per giugno, altalenate tra Hawaii, Los Angeles e la Cornovaglia[63][80][81].

Le riprese di prima unità sono iniziate il 14 giugno 2010 alle Hawaii al termine di un ciclo di preproduzione formato da prove di ripresa e prove tecniche.[82][83] Alle Hawaii le riprese si sono svolte principalmente in estate, tra le isole di Kaua'i e O'ahu, al termine di alcuni accordi raggiunti tra il governatore Linda Lingle e il presidente dello studio Bob Iger; capitalizzando all'incirca 85 milioni di dollari sull'economia hawaiiana in maniera diretta e indiretta, realizzando decine di posti di lavoro nelle isole.[84]

Alcune scene sono state girate ai Pinewood Studios di Londra[85].

Effetti visivi[modifica | modifica sorgente]

Gli effetti speciali digitali sono stati realizzati dall'azienda BlueBolt.[86]

Promozione[modifica | modifica sorgente]

Il logo ufficiale del film fu mostrato per la prima volta l'11 settembre 2009 durante la D23 Expo.[79]

Jerry Bruckheimer confermò che il teaser trailer sarebbe stato allegato alle copie di Tron Legacy il 17 dicembre 2010.[87][88]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Nel febbraio 2008, la Walt Disney Pictures pubblicò una lista dei progetti cinematografici previsti per il tardo futuro, specificando che il nuovo film di Pirati dei Caraibi sarebbe uscito dopo il 2011[70]; nell'estate 2012 secondo il produttore Jerry Bruckheimer[74]. A contribuire al continuo ritardare delle date di produzione e distribuzione anche il coinvolgimento di Johnny Depp in un film dedicato alla serie televisiva Il ranger solitario, la cui produzione risultava in parte concomitante con quella di PdC4 e al quale la Disney Pictures voleva dare priorità, ma che successivamente entrò in stallo. Di conseguenza, la data d'uscita parzialmente fissata per il Natale 2011, fu spostata a quella precedentemente indicata da Bruckheimer: estate 2012[18][89].

L'11 settembre 2009, alla D23 Expo fu annunciato che il film, intitolato in maniera definitiva Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides, sarebbe uscito entro l'estate del 2011[79], data poi anticipata al 20 maggio dello stesso anno, dopo l'annullamento del quarto episodio di Spider-Man[80]. Sarà inoltre pubblicato in IMAX 3D, così come 2D tradizionale e formato IMAX[90]. Il film è stato proiettato per la prima volta in Italia in IMAX 3D nella sala di apertura presso l'UCI Cinemas di Pioltello (Milano)[91], il 18 maggio.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare si è rivelato il secondo film più proficuo della saga. Negli Stati Uniti ha incassato la cifra di 240.141.369 dollari[92], mentre nel resto del mondo 798.500.000.[92] Attualmente ha incassato circa 1.043.871.802 dollari in tutto il mondo.[92]

In Italia il film ha incassato 16.960.000 euro in totale[93] e 5.312.000 nel suo fine settimana d'apertura.[93]

Il film ha generalmente ricevuto recensioni negative da parte della critica cinematografica. Il sito Rotten Tomatoes ha riportato che solo il 33% delle 238 recensioni professionali ha dato un giudizio positivo sul film, con una media di voto di 5 su 10.[94] Su Metacritic il film ha avuto un punteggio di 45 su 100 in base a 39 recensioni.[95]

Inesattezze storiche[modifica | modifica sorgente]

  • Nel film Giorgio I d'Inghilterra conversa tranquillamente in inglese (nella versione originale) sia con Jack Sparrow che con la sua corte. Nella realtà, Giorgio I, essendo tedesco, non parlava l'inglese e durante tutto il suo regno (1714-1727) si limitò ad intrattenere con la corte conversazioni nella sua lingua madre, il tedesco.
  • Ferdinando VI di Spagna divenne re solo nel 1740, mentre nel film lo vediamo sedere sul trono di Spagna già molto prima.
  • Sia l'esercito inglese che l'esercito spagnolo appaiono equipaggiati con modelli di armi da fuoco brevettate solo durante la seconda metà del XVIII secolo.

Sequel[modifica | modifica sorgente]

Già da maggio 2011, lo sceneggiatore Terry Rossio, era al lavoro per scrivere un quinto capitolo, senza il collega Ted Elliott. Nel luglio 2011 Johnny Depp è entrato in trattative con la Disney per firmare il contratto, ed entro 2 o 3 anni il nuovo capitolo potrebbe essere già nelle sale. Nel gennaio 2013 Jeff Nathanson, lo sceneggiatore del quarto Indiana Jones, viene assunto per scrivere la storia. Sempre lo stesso mese la Disney annuncia che il quinto capitolo uscirà nelle sale cinematografiche il 10 luglio 2015.[96]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Quando Jack si trova davanti a Re Giorgio I, questi gli dice di conoscerlo aggiungendo che anche Jack certamente conosce lui; Jack, invece, dice "La faccia è familiare, vi ho mai minacciato forse?"; la stessa frase era stata detta da Jack a Will Turner nel primo film quando il pirata, inseguito dai soldati, si nasconde nell'officina del giovane fabbro.
  • Nel dialogo tra Jack e Angelica, quando la donna gli chiede cosa ci facesse in un convento spagnolo e Jack risponde che lo aveva scambiato per un bordello, è un probabile riferimento al primo film, dove Jack viene accusato di aver impersonato un sacerdote della Chiesa d'Inghilterra.
  • Verso la fine delle riprese, per le inquadrature da lontano, Penelope Cruz è stata sostituita dalla sorella Mónica, dato che si cominciava a notare il suo stato di gravidanza.
  • Durante le riprese Depp ha pagato personalmente degli impermeabili per tutta la troupe.
  • La Cruz ha rivelato che sia Depp che Marshall sono stati molto premurosi con lei durante la sua gestazione.
  • La caduta di Johnny Depp durante la corsa per la nave di Ponce de León è vera, il regista non ha voluto tagliare comunque quella scena.
  • In questo capitolo della saga, sulla bandana di Jack Sparrow non è presente il suo Pezzo da Otto, perso nel film precedente per liberare Calypso.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Peter Mitchell, The pirates' treasure, Herald Sun, 10 maggio 2007-05-10.
  2. ^ (EN) Josh Friedman, 4th 'Pirates' film already on horizon, Los Angeles Times, 29 maggio 2007-05-29.
  3. ^ (EN) Borys Kit, Carolyn Giardina, Johnny Depp in deep with Disney, The Hollywood Reporter, 24 settembre 2008. (archiviato dall'url originale il 2008-09-26).
  4. ^ (EN) Johnny Depp (in Jack Sparrow costume) surprises Disney D23 Expo audience, Los Angeles Times, 11 settembre 2009.
  5. ^ a b Niente Orlando Bloom in Pirati 4?, Bad Taste, 9 ottobre 2006. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  6. ^ Mari Stregati per Pirati dei Caraibi 4?, Bad Taste, 12 settembre 2009. URL consultato il 13 settembre 2009.
  7. ^ Prime conferme sulla trama di Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 13 settembre 2009. URL consultato il 13 settembre 2009.
  8. ^ L'autore di Mari Stregati parla di Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 7 ottobre 2009. URL consultato il 7 ottobre 2009.
  9. ^ a b Terry Rossio parla di Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 8 ottobre 2009. URL consultato l'8 ottobre 2009.
  10. ^ Con Pirati 3 finirà la Saga dei Caraibi, Bad Taste, 11 maggio 2007. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  11. ^ Bruckheimer e i nuovi Pirati dei Caraibi, Bad Taste, 4 novembre 2006. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  12. ^ Terry Rosiso parla di Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 13 febbraio 2007. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  13. ^ Novità su Pirati dei Caraibi 3 e 4!, Bad Taste, 3 marzo 2007. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  14. ^ Pirati dei Caraibi 4 in pericolo?, Bad Taste, 22 ottobre 2009. URL consultato il 22 ottobre 2009.
  15. ^ (EN) Shawn Adler, ‘Pirates’ Director Admits ‘At World’s End’ Problems, Won’t Set Sail Again Without Script, MTV, 8 febbraio 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  16. ^ Gore Verbinski lascia Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 8 aprile 2009. URL consultato l'8 aprile 2009.
  17. ^ (EN) Michael Fleming, Verbinski's had enough 'Pirates', Variety, 7 aprile 2009. URL consultato l'8 aprile 2009.
  18. ^ a b c Contrordine: Pirati dei Caraibi 4 priorità per la Disney, Bad Taste, 11 giugno 2009. URL consultato l'11 giugno 2009.
  19. ^ Conferme e smentite su Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 15 ottobre 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  20. ^ Rob Marshall dirigerà Pirati dei Caraibi 4?, Bad Taste, 1º agosto 2009. URL consultato il 1º agosto 2009.
  21. ^ La Disney ferma 20.000 Leghe sotto i Mari, Bad Taste, 17 novembre 2009. URL consultato il 17 novembre 2009.
  22. ^ Pirati dei Caraibi 4: Rob Marshall è fiducioso, Bad Taste, 16 dicembre 2009. URL consultato il 16 dicembre 2009.
  23. ^ (EN) Edward Douglas, Exclusive: Marshall Optimistic About Directing 4th Pirates, ComingSoon, 16 dicembre 2009. URL consultato il 16 dicembre 2009.
  24. ^ Hollywood riparte dopo lo sciopero, Bad Taste, 11 febbraio 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  25. ^ (EN) Josh Horowitz, Keira Knightley Sounds Doubtful For ‘Pirates 4’, MTV, 25 settembre 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  26. ^ Niente pirati dei Caraibi per Keira Knightley, Bad Taste, 26 settembre 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  27. ^ Verbinski parla di Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 9 febbraio 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  28. ^ Pirati dei Caraibi 4 nel 2012, nuovi rumour, Bad Taste, 5 novembre 2008. URL consultato il 5 novembre 2008.
  29. ^ Prime voci su Pirati dei Caraibi 4?, Bad Taste, 7 febbraio 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  30. ^ Pirati dei Caraibi 4 e la Fonte della Giovinezza, Bad Taste, 29 agosto 2009. URL consultato il 30 agosto 2009.
  31. ^ a b c d Le riprese di Pirati dei Caraibi 4 ad aprile 2010!, Bad Taste, 24 luglio 2009. URL consultato il 24 luglio 2009.
  32. ^ a b Dick Cook lascia la Disney, Johnny Depp sconvolto, Bad Taste, 19 settembre 2009. URL consultato il 24 settembre 2009.
  33. ^ Johnny Depp parla di Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 23 giugno 2009. URL consultato il 23 giugno 2009.
  34. ^ a b c Pirati dei Caraibi 4: Geoffrey Rush nel cast, Bad Taste, 24 settembre 2009. URL consultato il 24 settembre 2009.
  35. ^ a b c (EN) Steve Weintraub, Exclusive PIRATES OF THE CARIBBEAN 4 Update from Producer Jerry Bruckheimer, Collider.com, 4 novembre 2009. URL consultato il 4 novembre 2009.
  36. ^ Orlando Bloom sarà in Pirati 4, Bad Taste, 15 ottobre 2006. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  37. ^ Paolo Sinopoli, Orlando Bloom abbandona i Pirati dei Caraibi, BestMovie, 29 gennaio 2010. URL consultato il 17 aprile 2010.
  38. ^ Keira Knightley lascia Pirati dei Caraibi?, Bad Taste, 13 novembre 2006. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  39. ^ Knightley: non sarò in Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 5 dicembre 2007. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  40. ^ Venezia: Knightley, no a Caraibi 4, Yahoo! Movies, 29 agosto 2007. URL consultato il 13 marzo 2009.
  41. ^ Niente Pirati dei Caraibi 4 per Keira, Bad Taste, 13 marzo 2009. URL consultato il 13 marzo 2009.
  42. ^ a b Johnny Depp in Pirati dei Caraibi 4!, Bad Taste, 25 settembre 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  43. ^ (EN) Johnny Depp to Earn £32 million for Fourth ‘Pirates of the Caribbean' film, AOL, 6 ottobre 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  44. ^ (EN) Pirates No.4 Nets 33ml for Johnny Depp. Daily Express, 15-11-2009.
  45. ^ Johnny Depp parla finalmente di Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 19 novembre 2009. URL consultato il 19 novembre 2009.
  46. ^ Johnny Depp pronto a lasciare i prossimi Pirati dei Caraibi?, Bad Taste, 29 settembre 2009. URL consultato il 29 settembre 2009.
  47. ^ (EN) Katey Rich, Disney Promises Depp For Pirates 4, Cinemablend, 28 settembre 2009. URL consultato il 30 settembre 2009.
  48. ^ (EN) About Those Pirates of the Caribbean 4 Rumors?, Coming Soon, 15 ottobre 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  49. ^ Russell Brand e i rumour su Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 11 marzo 2009. URL consultato l'11 marzo 2009.
  50. ^ (EN) Russell Brand set to land £5m role as Jack Sparrow's brother in next Pirates Of The Caribbean, Daily Mail, 4 novembre 2008. URL consultato il 27 dicembre 2008.
  51. ^ (EN) Shawn Adler, Rumor Control: Zac Efron NOT in ‘Pirates 4,’ Star Insists, MTV, 22 ottobre 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  52. ^ (EN) Robert Pattinson to Play Jack Sparrow’s Brother in Pirates of the Caribbean 4?, Hollywood Dame, 16 dicembre 2008. URL consultato il 27 dicembre 2008.
  53. ^ (EN) Robert Pattinson will NOT be in the new Pirates of the Caribbean film, Sugar Slam, 18 dicembre 2008. URL consultato il 29 dicembre 2008.
  54. ^ (EN) Borys Kit, Penélope Cruz eyes 'Pirates of the Caribbean' sequel, Heat Vision, 10 febbraio 2010. URL consultato il 10 febbraio 2010.
  55. ^ Ian McShane sarà Barbanera in Pirati dei Caraibi 4!, Bad Taste, 22 febbraio 2010. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  56. ^ Pirati dei Caraibi 4: torna Barbossa, e altre novità!. Bad Taste, 20-03-2010 (ultimo accesso il 20-03-2010).
  57. ^ (EN) Shawn Adler, Will Pirates 4 find the Fountain Of Youth, MTV, 18 settembre 2007. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  58. ^ a b Indiscrezioni su Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 22 giugno 2007. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  59. ^ Bill Nighy vuole essere in Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 8 gennaio 2009. URL consultato l'8 gennaio 2009.
  60. ^ Elisabet Rappe, Bill Nighy Eager To Sail Again For ‘Pirates Of The Caribbean 4’, MTV, 8 gennaio 2009. URL consultato l'8 gennaio 2009.
  61. ^ Niente provini alle 'rifatte'. Per il nuovo 'Pirati' solo scollature nature. ADN Kronos, 25-03-2010 (ultimo accesso il 25-03-2010).
  62. ^ Pirati dei Caraibi 4: nuovi arrivi nel cast. BadTaste, 10-04-2010 (ultimo accesso il 10-04-2010).
  63. ^ a b Sam Claflin confermato in Pirati dei Caraibi 4. BadTaste, 17-04-2010 (ultimo accesso il 17-04-2010).
  64. ^ Astrid Bergès-Frisbey sarà una sirena in Pirati dei Caraibi 4. BadTaste, 15-04-2010 (ultimo accesso il 15-04-2010).
  65. ^ (EN) Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides Movie Interview - Bruckheimer on Pirates of the Caribbean 4, IGN, 24 maggio 2010.
  66. ^ (EN) Alice Jones, Mackenzie Crook: More than just the Office boy (Londra), The Independent, 5 febbraio 2010.
  67. ^ (EN) Dave McNary, Graham sails with 'Pirates 4' crew, Variety, 3 giugno 2010.
  68. ^ (EN) Rebecca Murray, Sam Claflin Joins Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides, About.com, 16 aprile 2010.
  69. ^ (EN) Paul Bazely signs on for Pirates of the Caribbean, Scott Marshall Partners, 25 maggio 2010.
  70. ^ a b Will Spring 2011 Be A Franchising Nexus For Disney?? TRON News, And More!!, AICN, 29 febbraio 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  71. ^ Il budget di Pirati dei Caraibi 4 è sotto controllo. BadTaste, 04-05-2010 (ultimo accesso il 06-05-2010).
  72. ^ Terry Rossio parla del budget di Pirati dei Caraibi 4. BadTaste, 06-05-2010 (ultimo accesso il 06-05-2010).
  73. ^ (EN) Claudia Eller, Dawn C. Chmielewski, Not even Bruckheimer movies can escape budget cuts, Los Angeles Times, 3 maggio 2010.
  74. ^ a b (EN) Edward Douglas, Bruckheimer on Pirates 4, Lone Ranger and National Treasure 3, ComingSoon, 5 novembre 2008. URL consultato il 5 novembre 2008.
  75. ^ (EN) David S. Cohen, 3-D Pirates? Disney, Depp, Bruckheimer Enter the Third Dimension, Variety, 18 novembre 2008. URL consultato il 19 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 2008-12-23).
  76. ^ Confermato: Pirati dei Caraibi 4 girato in 3D. BadTaste, 18-05-2010 (ultimo accesso il 20-05-2010).
  77. ^ Pirati dei Caraibi 4 verrà girato quasi tutto in 3D. BadTaste, 11-04-2010 (ultimo accesso il 12-04-2010).
  78. ^ Pirati dei Caraibi 4: la Perla Nera è alle Hawaii. BadTaste, 13-04-2010 (ultimo accesso il 13-04-2010).
  79. ^ a b c Pirati dei Caraibi 4: on Stranger Tides nel 2011!, Bad Taste, 11 settembre 2009. URL consultato il 12 settembre 2009.
  80. ^ a b Spider-Man 4 sposta le release di Thor e Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 7 gennaio 2010. URL consultato il 16 gennaio 2010.
  81. ^ (EN) Eric Ditzian. Exclusive: Penélope Cruz To Play Johnny Depp's Love Interest In New 'Pirates'. MTV, 19-03-2010.
  82. ^ (EN) Jerry Bruckheimer, Announcement of initial shooting, Twitter, 14 giugno 2010.
  83. ^ Iniziano le riprese di Pirati dei Caraibi 4!. BadTaste, 18-06-2010 (ultimo accesso il 19-06-2010).
  84. ^ Pirati dei Caraibi 4 alle Hawaii, Bad Taste, 19 gennaio 2010. URL consultato il 19 gennaio 2010.
  85. ^ (EN) New Pirates of the Caribbean epic to film at Pinewood, Pinewood Studios Group, 2 agosto 2010.
  86. ^ (EN) Projects | BlueBolt. URL consultato il 30 luglio 2011.
  87. ^ Twitter / BRUCKHEIMERJB: Q & A- Working to get it done
  88. ^ Pirates of the Caribbean Teaser Trailer with TRON: Legacy - ComingSoon.net
  89. ^ Il Ranger Solitario ritarda Pirati dei Caraibi 4, Bad Taste, 9 giugno 2009. URL consultato il 9 giugno 2009.
  90. ^ (EN) IMAX AND DISNEY SIGN NEW 3 PICTURE DEAL, IMAX Corporation, 23 giugno 2010.
  91. ^ La prima proiezione IMAX 3D in Italia.
  92. ^ a b c Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides in Box Office Mojo, Amazon.com. URL consultato il 22 agosto 2011.
  93. ^ a b Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare, Mymovies.it. URL consultato il 22 agosto 2011.
  94. ^ Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides Reviews, Rotten Tomatoes. URL consultato il 9 luglio 2011.
  95. ^ Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides Reviews, Ratings, Credits".Metacritic. Retrieved May 26, 2011.
  96. ^ Pirati dei Caraibi 5, Johnny Depp pronto a tornare | Best Movie

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema