Steampunk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo romanzo di Paul Di Filippo, vedi Steampunk (libro).
Un'illustrazione fotografica in tema steampunk.

Lo steampunk è un filone della narrativa fantastica-fantascientifica che introduce una tecnologia anacronistica all'interno di un'ambientazione storica, spesso l'Ottocento e in particolare la Londra vittoriana dei libri di Conan Doyle e H. G. Wells.

Le storie steampunk descrivono un mondo anacronistico - a volte una vera e propria ucronia - in cui armi e strumentazioni vengono azionate dalla forza motrice del vapore (steam in inglese) e l'energia elettrica torna a essere, come nella fantascienza ottocentesca, un elemento narrativo capace di ogni progresso e meraviglia (come sarà poi l'energia nucleare o le interpretazioni della meccanica quantistica nella fantascienza successiva); dove i computer sono completamente meccanici, o enormi apparati magnetici sono in grado di modificare l'orbita della Luna. Un modo per descrivere l'atmosfera steampunk è riassunto nello slogan "come sarebbe stato il passato se il futuro fosse accaduto prima".[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La scultura Clockwork Universe di Tim Wetherell alla Questacon, Canberra, Australia (24 settembre 2009)

Per quanto molte opere oggi considerate precorritrici di questo genere fossero state pubblicate negli anni sessanta e settanta (fra le altre citiamo l'ucronico Pavane del britannico Keith Roberts, del 1968), il termine steampunk è nato alla fine degli anni ottanta come una variante scherzosa di cyberpunk. Sembra che il termine steampunk sia stato coniato dallo scrittore di fantascienza K. W. Jeter,[2] che stava cercando di trovare una parola unica per definire le opere di Tim Powers (autore de Le porte di Anubis, 1983), James Blaylock (Homunculus, 1986) e per le proprie (La notte dei Morlock, 1979, e Le macchine infernali, 1987), di ambientazione ottocentesca (generalmente vittoriana), che imitavano le convenzioni della fantascienza dell'epoca come La macchina del tempo di H. G. Wells.

L'opera che ha diffuso la consapevolezza del genere tra gli appassionati di fantascienza, tuttavia, è spesso considerata La macchina della realtà (The Difference Engine, 1990) scritta da William Gibson e Bruce Sterling.[3] In questo romanzo i temi e i principi ispiratori delle storie cyberpunk di Gibson e Sterling sono applicati ad un'età vittoriana alternativa, un'ucronia nella quale la macchina analitica di Charles Babbage è stata effettivamente costruita, causando l'inizio dell'era dell'informazione con oltre un secolo di anticipo.

Il primo ad utilizzare questo termine nel titolo è stato Paul Di Filippo nel 1995, pubblicando The Steampunk Trilogy, costituita di tre romanzi brevi: Vittoria, Il feticcio rubato e Walt ed Emily, che immaginano rispettivamente la sostituzione della regina Vittoria con un clone, l'invasione del Massachusetts da parte di mostri lovecraftiani e una storia d'amore tra Walt Whitman ed Emily Dickinson.

La serie a fumetti di Alan Moore e Kevin O'Neill La Lega degli Straordinari Gentlemen (The League of Extraordinary Gentlemen, 1999) e il successivo adattamento cinematografico (La leggenda degli uomini straordinari) hanno reso grandemente popolare il genere dello steampunk e hanno contribuito a farlo conoscere al vasto pubblico.[4]

Piuttosto che enfatizzare i temi della distopia informatica, la robotica e la nanotecnologia della narrativa cyberpunk, lo steampunk tende a concentrarsi più attentamente sulla tecnologia (autentica, teorica o cinematografica) dell'era vittoriana, con macchine a vapore, congegni meccanici e a orologeria, macchine differenziali. Si presenta dunque come il tripudio della meccanica in opposto all'elettronica cyberpunk.

In origine lo steampunk, analogamente al cyberpunk, è stato tipicamente distopico, spesso con temi noir e pulp. Con lo svilupparsi del genere, finì con l'adottare maggiormente le peculiarità utopistiche, di interesse più generale, del romanzo scientifico dell'età vittoriana. Vi compaiono spesso società segrete e teorie del complotto e in alcuni casi si ricorre a significativi elementi fantastici. Spesso poi si riscontrano influenze lovecraftiane, occultistiche e gotiche.

Malgrado la narrativa steampunk sia nata e prevalentemente ambientata in scenari dell'età vittoriana, non si tratta di un requisito essenziale, tanto che ha trovato espansione nell'ambientazione medioevale, nel genere fantasy e altrove.

Evoluzione del genere[modifica | modifica wikitesto]

Originariamente concepito per descrivere la fantascienza ambientata in epoca vittoriana, "steampunk" è diventato un termine di uso comune per molte altre forme analoghe di narrativa fantastica (o speculative fiction) ambientate in secoli anche successivi all'Ottocento, o in mondi diversi dalla Terra, ma pur sempre con fortissimi riferimenti al Lungo XIX Secolo, alla rivoluzione industriale e al romanzo scientifico ottocentesco. Dalla fine degli anni novanta l'etichetta di "steampunk" ha valicato i confini del regno della fantascienza vera e propria per essere applicata ad altre forme di fantastico, finendo con l'essere applicata anche a storie fantasy o con influssi horror.

È spesso definita genericamente steampunk fantasy ogni opera di genere fantastico che combini la magia con la tecnologia del vapore o l'ingegneria meccanica.[senza fonte] Talvolta si usa il termine steamfantasy per indicare uno steampunk fantasy dove la tendenza fantasy è più importante che nello science-fantasy delle prime opere steampunk.[senza fonte] I maggiori esponenti di questo sottogenere sono China Miéville e Michael Swanwick; inoltre il termine è stato usato per numerosi videogiochi e giochi di ruolo.[5][6][7][8] Sono state sviluppate anche delle forme di musica steampunk.

Forme di steampunk[modifica | modifica wikitesto]

Automobile a vapore dimostrata a Londra nel 1803

All'interno dello steampunk sono individuabili due filoni principali: lo steampunk "storico" e lo steampunk fantasy.[9] Lo steampunk storico tende più verso la fantascienza, tratteggiando una storia alternativa, presentando luoghi e personaggi storici in un contesto in cui si immagina lo sviluppo di una diversa tecnologia. Lo "steampunk fantasy", invece, si colloca in un mondo del tutto immaginario, fantasy appunto, spesso popolato di creature leggendarie e fantastiche che convivono con la tecnologia propriamente "steampunk".

Originariamente concepito solo come fantascienza dell'epoca vittoriana, le ambientazioni più comuni dello steampunk storico rimangono l'Inghilterra vittoriana ed edoardiana, per giungere fino alla prima rivoluzione industriale. Esempi di questo tipo di steampunk "classico" comprendono il fumetto La Lega degli Straordinari Gentlemen, il romanzo La macchina della realtà (The Difference Engine), già citati, e la serie di libri illustrati Dinotopia di James Gurney, da cui è stata tratta pure una serie televisiva; altro esempio è l'anime cinematografico Steamboy di Katsuhiro Otomo.

Abituale anche lo "steampunk western", cioè quel Far West con elementi fantascientifici delle serie televisive Selvaggio west (The Wild Wild West) e Le avventure di Brisco County Jr. e di film come Wild Wild West e Ritorno al futuro: Parte III.

L'installazione Telectroscope di Paul St George alla London City Hall (24 maggio 2008)

Continuando a giocare sulla nomenclatura convenzionale di cyber e steam/punk, si possono citare una manciata di romanzi, autodefiniti "sandal-punk", che postulano un mondo in cui la civiltà classica (greco romana) non crollò nei secoli bui medievali, ma anzi conobbe un rapido avanzamento tecnologico non appena alcune, poche fondamentali invenzioni furono realizzate o sviluppate in chiave industriale, come ad esempio la macchina a vapore per aprire le porte di un tempio di Erone di Alessandria, costruita all'incirca nel 130 a.C. Vi sono poi anche romanzi di steampunk storico ambientati in un Medioevo in cui si sviluppano o sono "importate" la tecnologia industriale e del vapore, come nel romanzo Un americano alla corte di re Artù (A Connecticut Yankee in King Arthur's Court) di Mark Twain.

L'etichetta di "steampunk fantasy" è spesso applicata genericamente ad ogni opera di narrativa fantastica che combini la magia con la tecnologia del vapore o l'ingegneria meccanica. L'espressione "steamfantasy" o "steam fantasy" indica un'ambientazione fantasy dal sapore tecnologico dello steampunk o dell'Age of Steam (l'Ottocento, l'Età del vapore) in cui i due elementi, steampunk/Age of Steam e fantasy, siano ben bilanciati tra loro senza che uno soffochi l'altro. Tra gli esempi di steamfantasy vi sono i giochi di ruolo Castle Falkenstein e Victoriana, il romanzo Perdido Street Station e il videogioco Arcanum. In queste opere il bilanciamento è equilibrato. Non sono invece considerati steamfantasy né il gioco di ruolo Warhammer Fantasy Battle (dove la componente fantasy è predominante rispetto ai pochi macchinari steampunk in dotazione ai nani), né tante opere steampunk in cui i pochi elementi fantasy presenti risultino solo decorativi o di contorno rispetto al resto.

Vi è poi un sottogenere che è ambientato in un ipotetico futuro, in un mondo ultratecnologico che però somiglia al passato nell'estetica di oggetti, ambienti e veicoli e nel modo di vestire. Buoni esempi ne sono il fumetto Neotopia, il manga Trigun, la serie animata Last Exile ed il film disneyano Il pianeta del tesoro (Treasure Planet). Questo tipo di steampunk dal sapore nostalgico può essere definito anche retro-futurismo.

Steampunk come sottocultura[modifica | modifica wikitesto]

Robert Brown e Finn Von Claret degli Abney Park si esibiscono in concerto alla convention Dragoncon 2008
Lo scrittore G. D. Falksen mentre indossa una protesi in stile steampunk di Thomas Willeford.

A causa della popolarità dello steampunk nei movimenti come quello gotico, punk e rivet, c'è una crescente tendenza a fare di esso una subcultura e uno stile di vita. La forma più immediata di cultura steampunk è la comunità di appassionati che gravita intorno al genere.

Qualcuno è andato oltre, cercando di adattare un'estetica steampunk alla moda, all'arredamento e perfino alla musica. La "moda steampunk" non ha canoni definiti, ma tenta piuttosto di rispondere alla domanda "cosa sarebbe successo se punk, goth e rivet fossero vissuti in epoca vittoriana?". Le risposte possono consistere in acconciature alla moicana, o massiccio ricorso al piercing, oppure corsetti e sottovesti a brandelli, o completi vittoriani con occhiali di protezione e stivali con fibbie a suola larga, o, infine, gli stili gotici, Gothic Aristocrat e gothic lolita.

La musica steampunk è ancor meno definita e si tende a etichettare in questo modo ogni musicista moderno le cui opere evochino suggestioni vittoriane o direttamente steampunk. Sono stati considerati tali diversi artisti, quali Rasputina, Abney Park, Emilie Autumn, Thomas Dolby, Paul Roland, Vernian Process, Sarah Brightman e The Men That Will Not Be Blamed For Nothing.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Un computer da tavolo ricostruito in stile retrò
Scultura di ragno

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Steampunk moderno[modifica | modifica wikitesto]

Fantascienza semi vittoriana[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi precursori o ispiratori dello steampunk[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Locandina statunitense del film cecoslovacco La diabolica invenzione (Vynález skázy, 1958)

Fumetto[modifica | modifica wikitesto]

Occidentale[modifica | modifica wikitesto]

Manga ed anime[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Giochi di ruolo[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Artisti[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Steampunk, urbandictionary.com, 2004. URL consultato il 19 novembre 2008.
  2. ^ In una lettera alla rivista di fantascienza Locus, pubblicata nel numero dell'aprile 1987, Jeter scriveva:
    « Dear Locus,
    Enclosed is a copy of my 1979 novel Morlock Night; I'd appreciate your being so good as to route it Faren Miller, as it's a prime piece of evidence in the great debate as to who in "the Powers/Blaylock/Jeter fantasy triumvirate" was writing in the "gonzo-historical manner" first. Though of course, I did find her review in the March Locus to be quite flattering.
    Personally, I think Victorian fantasies are going to be the next big thing, as long as we can come up with a fitting collective term for Powers, Blaylock and myself. Something based on the appropriate technology of the era; like "steampunks", perhaps... »
    (K.W. Jeter. Citato in: Sheidlower, Jesse, Science Fiction Citations, 9 marzo 2005. URL consultato il 10 maggio 2008.)
  3. ^ I. Csicsery-Ronay in Sci.-Fiction Studies Mar. 145, 1997
  4. ^ Damon Poeter, Steampunk's subculture revealed, San Francisco Chronicle, 6 luglio 2008. URL consultato l'8 settembre 2008.
  5. ^ Skies of Arcadia review on RPGnet, Rpg.net. URL consultato l'8 settembre 2009.
  6. ^ Rise of legends as steampunk video game, Dailygame.net. URL consultato l'8 settembre 2009.
  7. ^ Xerin, WoW: Loremaster's Corner #5: A Steampunk Paradise, Ten Ton Hammer, 9 marzo 2010. URL consultato il 30 maggio 2010.
    «World of Warcraft is almost a steampunk paradise if you look at the various technological advancements the gnomes have made. Most of engines are powered by steam and there are giant airships floating around everywhere.».
  8. ^ Strickland, Jonathan, Famous Steampunk Works, HowStuffWorks. URL consultato il 18 maggio 2008.
  9. ^ Steampunk: FAQ. (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2008).
  10. ^ Steam Trek

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]