Sarah Brightman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sarah Brightman
Sarah Brightman a Osaka nel 2007
Sarah Brightman a Osaka nel 2007
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Pop
Operatic pop
Musical
Techno
New age
Pop rock
Rock sinfonico
Periodo di attività 1978 – in attività
Album pubblicati 18
Studio 12
Live 2
Raccolte 4

Sarah Brightman (Berkhamsted, 14 agosto 1960) è un soprano e attrice inglese. Nonostante possieda un'impostazione vocale improntata sul canto lirico (è un soprano leggero), esegue un repertorio di genere pop, operatic pop, techno, lirico, new age, symphonic rock e pop rock.

È spesso accreditata come creatrice del genere "classico crossover" e rimane tra i più prolifici artisti di questo genere, con vendite mondiali pari a 30 milioni di album e 2 milioni di DVD, venendo etichettata da Billboard come il "soprano con il maggior numero di vendite di tutti i tempi".[1][2][3]


Biografia[modifica | modifica sorgente]

Originaria dello Hertfordshire, prima di sei figli, manifesta, fin da bambina, un forte interesse per il mondo dello spettacolo iniziando a prendere lezioni di danza classica e dimostrandosi subito un'allieva eccellente.

Nel 1976, all'età di sedici anni, entra nel gruppo di danza Pan's People e, successivamente, prende parte a Hot Gossip, uno spettacolo musicale trasmesso regolarmente dal programma The Kenny Everett Video Show. Nello stesso anno il gruppo porta nelle classifiche musicali una hit disco, I Lost My Heart to a Starship Trooper, grazie alla quale scopre la propria vocazione di cantante. Negli anni seguenti inizia ad incidere singoli che, tuttavia, non riscuotono grande successo di pubblico.

Il successo nei musical[modifica | modifica sorgente]

Nel 1981 si presenta ad un provino per il musical Cats, novità del periodo, ottenendo il ruolo di Jemima. In questo contesto conosce il suo futuro marito, il compositore Andrew Lloyd Webber.

Nel 1984 Webber ottiene il divorzio dalla prima moglie per sposare la Brightman, che diventa così la star di acclamati musical fra cui Aspects of Love e The Phantom of the Opera, interpretando il ruolo della protagonista, Christine Daaë, parte che si dice essere stata scritta appositamente per lei. Porta al successo numerosi brani di questo musical, tra cui Think of Me, All I Ask of You e The Phantom of the Opera, pezzo reinterpretato da numerosi altri artisti nel futuro. Nel 1989 interpreta la canzone Make Believe per il cartone animato Granpa.

Sarah Brightman a ChichenItza in Messico.

La collaborazione con Frank Peterson[modifica | modifica sorgente]

Nel 1990 Brightman e Lloyd Webber divorziano, pur restando in amicizia e, nel 1991, Sarah conosce colui che sarebbe diventato il suo produttore e compagno di vita, Frank Peterson e con il suo aiuto diventa una star internazionale. Collaborano, per la prima volta, con una casa discografica importante come (la A&M Records) per l'album Dive nel (1993), un lavoro concettuale incentrato sul tema del mare, contenente la hit Captain Nemo.

Nel 1992 duetta con José Carreras nella canzone Amigos para siempre per i Giochi della XXV Olimpiade di Barcellona.

Nel 1995, con l'album pop/rock Fly, raggiunge la celebrità anche nel panorama europeo, merito anche della hit A Question of Honour. La canzone, presentata all'incontro del Campionato Mondiale di Boxe nel quale si sfidarono il tedesco Henry Maske e Graciano Rocchigiani, è un brano che mescola elementi di musica dance, rock e classica, ne è testimoone il fatto che sia presente un sample tratto da La Wally).

Time to Say Goodbye, conosciuta in Italia come Con te partirò, è il secondo singolo estratto da Fly, anch'esso cantato ad un incontro di Boxe nel quale gareggiava Maske. Il duetto con il tenore Andrea Bocelli vende più di quattro milioni di copie solo in Germania, diventando così il singolo più venduto di tutti i tempi in tale nazione, ed ebbe vastissimo successo anche in altri paesi tranne in Italia, dove maggiore popolarità investe la versione da solista di Andrea Bocelli.

Nel 1997 l'album Timeless, oltre a contenere Time to Say Goodbye, presenta anche cover di altro genere trasformate in classici lirici, come Just Show Me How to Love You cantata in coppia con José Cura e originariamente interpretata da Dario Baldan Bembo con il titolo di Tu cosa fai stasera?, Who Wants to Live Forever dei Queen e Tu Quieres Volver dei Gipsy Kings. Nell'album è presente un secondo duetto con Cura dal titolo There for Me, successivamente eseguito con Josh Groban nel video del concerto La Luna.

Rinnovamento[modifica | modifica sorgente]

Grazie alle sue capacità di fondere lo stile pop con la voce e la disciplina lirica, Peterson decide di promuovere la cantante e trovare per lei un genere innovativo, ispirandosi agli Enigma, con i quali iniziò la carriera di manager. Con un nuovo mix di classica, pop ed elettronica escono i suoi album tuttora più venduti e famosi, Eden del (1998), La Luna nel (2000) e Harem del (2003). Questi album rappresentano una nuova incarnazione dell'artista e danno vita a tour di dimensioni gigantesche con coreografie epiche e maestosi costumi, che tendono a rivendicare le origini teatrali della Brightman.

Nel 2002 duetta con Eric Adams, cantante dei Manowar, in Where Eagles Fly, singolo mai pubblicato ufficialmente.

Sarah Brightman durante il Live Earth in Cina.

Il ritorno nel 2008[modifica | modifica sorgente]

Agli inizi del 2008, a distanza di cinque anni dal precedente lavoro, esce Symphony, il nuovo album che, oltre alla ormai consolidata unione di più generi musicali, aggiunge sonorità gotiche rappresentate dalla canzone Fleurs du Mal. Questo album include quattro duetti: con Andrea Bocelli, il tenore Alessandro Safina, il controtenore Fernando Lima e Paul Stanley dei Kiss. Nel novembre dello stesso anno parte in Messico il tour chiamato Symphony World Tour.

Nel 2008 prende parte alla cerimonia di apertura dei Giochi della XXIX Olimpiade di Pechino cantando, con la popstar cinese Liu Huan, la canzone You and Me, che diventa l'inno dei Giochi Olimpici di quell'anno.

A fine novembre 2008, in America, è uscito il film Repo! The Genetic Opera, un rock-musical diretto da Darren Lynn Bousman in cui recita e canta accanto a Paul Sorvino, Anthony Head e ad altri personaggi tra cui Paris Hilton.

Nello stesso mese la sua discografia si arricchisce di un nuovo album, A Winter Symphony, a tema invernale; tra le varie tracce compaiono Silent Night, Happy Xmas (War Is Over) senza dimenticare Arrival, cover dell'omonimo pezzo strumentale degli ABBA.

Premi[modifica | modifica sorgente]

Nel corso della sua trentennale carriera riceve numerosissimi dischi d'oro e dischi platino a livello mondiale per un totale di oltre 170 in 38 paesi. Inoltre, ottiene importanti riconoscimenti in Germania, Taiwan, Irlanda, USA[4].

Vita Personale[modifica | modifica sorgente]

È stata sposata con Andrew Llyod Webber dal 1984 al 1990, ma i due hanno continuato a collaborare successivamente e tuttora mantengono ottimi rapporti.

Ha avuto una relazione di 11 anni con il suo produttore, Frank Peterson, ed ha dovuto subire due aborti spontanei e quattro fecondazioni in vitro fallite.

È prevista una sua visita a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nell' ottobre 2015[5]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Musical[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Cast recording[modifica | modifica sorgente]

  • Cats - (1981) - settima posizione in Austria
  • Nightingale - Original London Cast (1983)
  • Song and Dance (1984)
  • Andrew Lloyd Webber's Requiem - Domingo, Brightman, ECO, Maazel (1985)
  • The Phantom of the Opera - Original London Cast (1986)
  • Carousel - Studio Cast (1987)

Album[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sarah Brightman & Jackie Evancho on America’s Got Talent | Today24News
  2. ^ Success comes to soprano Sarah Brightman
  3. ^ Soprano Sarah Brightman to sing in Japanese for NHK drama ‹ Japan Today: Japan News and Discussion
  4. ^ Sarah Brightman Official Website - About Sarah
  5. ^ Russia Confirms Plans to Send Sarah Brightman to Space

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 42033137 LCCN: n85013132