Happy Xmas (War Is Over)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Happy Xmas (War Is Over)
Artista John Lennon, Yoko Ono
Tipo album Singolo
Pubblicazione 6 dicembre 1971(USA)
Durata 3 min : 25 s
Dischi 1
Tracce 2
Genere Canto natalizio
Pop rock
Etichetta Parlophone
Produttore Phil Spector
John Lennon
Yoko Ono
Registrazione 1971
John Lennon - cronologia
Singolo precedente
(1971)

Happy Xmas (War Is Over) è un brano composto e registrato da John Lennon e Yoko Ono, pubblicato come singolo natalizio, il 6 dicembre 1971 negli Stati Uniti. La melodia del brano era tratta dallo standard folk Stewball.[1]

Il brano[modifica | modifica sorgente]

Canzone scritta da John Lennon e Yoko Ono traendo spunto da un vecchio brano folk, da loro incisa ai Record Plant (East) Studios di New York il 28 e 29 ottobre 1971, sotto la produzione di Phil Spector, è nato come brano di protesta contro la guerra in Vietnam ed è successivamente diventato tra i più noti classici natalizi.

Il pezzo venne accreditato alla Plastic Ono Band assieme al Harlem Community Choir, che partecipò all'incisione, pubblicata negli Stati Uniti in concomitanza con le festività natalizie del 1971, e l'anno successivo in Europa.[2] Lennon compose il pezzo all'inizio dello stesso mese, registrandone anche una versione demo, con il testo ancora incompleto, soprattutto nella contromelodia che utilizzava il sottotitolo, slogan usato per la sua campagna per la pace della fine del 1969.

All'inizio del brano, Lennon e la Ono augurano un buon Natale ai loro due figli, rispettivamente Julian e Kyoko, dai quali all'epoca vivevano separati.

La fonte di ispirazione: Stewball[modifica | modifica sorgente]

Nonostante con il passare degli anni il brano sia diventato una delle canzoni più facilmente assimilabili a Lennon anche dal punto di vista melodico, per la composizione del brano John & Yoko si ispirarono al vecchio brano folk tradizionale Stewball interpretato in passato da numerosi artisti come Woody Guthrie, Peter, Paul and Mary (ad inizio anni sessanta), ed in seguito anche dagli Hollies nel '69. Si tratta di una tipica canzone-racconto circa un cavallo da corsa che beve sempre troppo vino. Tale pezzo era stato inciso molto tempo prima che l'ex Beatle ne facesse un remake, cambiandone totalmente testo e tematica, invocando nella canzone lo spirito del Natale contro gli orrori della guerra. Stewball, canzone folk di antica origine, è conosciuta anche con il titolo Go 'Way F'om Mah Window, con qualche modifica nel testo.[3] Il musicologo Peter van der Merwe descrive la canzone come un "canto di lavoro" dei neri americani con parole provenienti dalla Gran Bretagna, "derivante rispettivamente dalla ballata The Noble Skewball con un nuovo testo di epoca Elisabettiana intitolato Go from My Window." Il suo andamento blueseggiante e la struttura a triadi, egli annota, proverebbero che il pezzo tragga le sue origini dalla musica dei neri.[4]

Pubblicazione[modifica | modifica sorgente]

Il brano venne pubblicato come singolo negli Stati Uniti il 6 dicembre 1971 su etichetta Apple, con Listen the Snow Is Falling (scritto da Yoko) sul lato B. In Inghilterra e nel resto d'Europa venne edito solo il 6 novembre 1972[2] e le prime copie erano in vinile verde; dopo la morte di Lennon venne ripubblicato il 20 dicembre 1980, raggiungendo la seconda posizione delle classifiche britanniche all'inizio del gennaio successivo.[5]

Anche negli anni successivi alle pubblicazioni ufficiali, in occasione del Natale, il brano è più volte entrato nella classifica britannica.[5] È stato edito in seguito sulle raccolte Shaved Fish (1975), John Lennon Anthology (1994), Lennon Legend (1997) e nella colonna sonora del documentario The U.S. vs. John Lennon (2006).[2]

Tracce singolo[modifica | modifica sorgente]

7" Single (Apple R-5970)[2]
  1. Happy Xmas (War Is Over) (John Lennon & Yoko Ono) - 3:34
  2. Listen the Snow Is Falling (Yoko Ono) - 4:49
7" Single (Apple 1A 006-05183 [nl])[2] (1981)
  1. Happy Xmas (War Is Over) (John Lennon & Yoko Ono) - 3:34
  2. Listen the Snow Is Falling (Yoko Ono) - 4:49

Formazione[modifica | modifica sorgente]

  • Harlem Community Choir: coro
  • Teddy Irwin: chitarra
  • Jim Keltner: batteria
  • John Lennon: voce e pianoforte
  • Hugh McCracken: chitarra
  • Yoko Ono: voce
  • Chris Osborn: chitarra
  • Stuart Scharf: chitarra

Alcune fonti hanno inoltre menzionato Klaus Voorman al basso, che invece non fu presente; è più probabile che la parte di basso sia stata suonata da uno dei chitarristi.[6]

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifica Posizione raggiunta
Paesi Bassi[2] 2
Regno Unito[5] 2
Stati Uniti[7] 3
Norvegia[2] 3
Italia[8] 8
Svezia[2] 46
Svizzera[2] 57

Esecuzioni di altri artisti[modifica | modifica sorgente]

Divenuto un grande classico natalizio, il brano è stato ripreso da innumerevoli artisti che ne hanno fatto una personale cover; tra le principali, spiccano le versioni di Neil Diamond (1992) e di Céline Dion (1998).[9]

La band gallese The Alarm ha proposto una propria rielaborazione della canzone nel 1990, accreditata però come Happy Christmas (War Is Over), nel suo album Standards.[10] Anche la versione che Diana Ross ha inciso una sua versione nel 1994, inclusa nel disco natalizio A Very Special Season, è stata accreditata come Happy Christmas (War Is Over).[11] Nel 2003 è stata realizzata una cover da parte di Delta Goodrem, inserita come b-side del singolo, cambiando però la frase war is over con let the war be over,[12] e dai The Moody Blues, la cui versione è invece rintracciabile nell'album December.[13] L'anno successivo, il gruppo The Polyphonic Spree ne ha invece realizzato una versione orchestrale.[14]

Nel 2006 è stata ripresa da Sarah McLachlan per il suo album Wintersongs.[15]

In Italia, la canzone è stata ripresa dai Pooh, che ne hanno fatto una versione a quattro voci contenuta in una raccolta di cover natalizia del 1983 (Natale con i tuoi) e successivamente inclusa in diverse raccolte del gruppo; è stata inoltre incisa da Irene Grandi per il suo disco natalizio, Canzoni per Natale ed eseguita anche da Elisa e Tiziano Ferro, ma solo in occasione del Natale in Vaticano[non chiaro]. Nel 2011 il cantautore Simone Tomassini ha fatto una rivisitazione completamente rock del pezzo. Nel 2013, il cantante Valerio Scanu ha inciso il brano per il suo primo album dal vivo, Valerio Scanu Live in Roma.

Altre versioni sono state realizzate da Andy Williams, i Beatallica, gli Helix, Sarah Brightman, i Maroon 5, Jessica Simpson, i The Fray e gli 'N Sync.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Baroque and folk and ...John Lennon. URL consultato il 06-12-2010.
  2. ^ a b c d e f g h i Happy Xmas (War Is Over) su italiancharts.com. URL consultato il 06-12-2010.
  3. ^ Lloyd, 1969: 190-193
  4. ^ Peter van der Merwe 1989: 70; 182
  5. ^ a b c Happy Xmas (War Is Over) su chartstats.com. URL consultato il 06-12-2010.
  6. ^ (EN) Eight Arms To Hold You: The Beatles Solo Compendium, Chesterfield, MO: 44.1 Productions, 2000.
  7. ^ Classifiche dei singoli di John Lennon su allmusic.com. URL consultato il 06-12-2010.
  8. ^ Happy Xmas (War Is Over) su Hit Parade Italia. URL consultato il 06-12-2010.
  9. ^ (EN) Descrizione del brano su allmusic.com. URL consultato il 06-12-2010.
  10. ^ La versione dei The Alarm su italiancharts.com. URL consultato il 06-12-2010.
  11. ^ La versione di Diana Ross su italiancharts.com. URL consultato il 06-12-2010.
  12. ^ La versione di Delta Goodrem su italiancharts.com. URL consultato il 06-12-2010.
  13. ^ La versione dei The Moody Blues su italiancharts.com. URL consultato il 06-12-2010.
  14. ^ The Polyphonic Spree su italiancharts.com. URL consultato il 06-12-2010.
  15. ^ La versione di Sarah McLachlan su italiancharts.com. URL consultato il 06-12-2010.