In the Bleak Midwinter (Christina Rossetti)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
In The Bleak Midwinter
(A Christmas Carol)
Autore/i Christina Rossetti (testo)
Gustav Holst (melodia 1)
Harold Darke (melodia 2)
Thomas B. Strong (melodia 3)
Genere Musica cristiana
Canto natalizio
Edito da MacMillan & Co. (poesia)
Esecuzioni notevoli Cyndi Lauper
Loreena McKennitt
Olivia Newton-John
James Taylor
Data 1904
Data seconda pubblicazione 1906
Note Titolo alternativo: A Christmas Carol
Data della stesura del testo: 1872
Pubblicazione come poesia: 1904
Pubblicazione della melodia: 1906
Aiuto
Gustav Theodore Holst (info file)
In the Bleak Midwinter — per coro vocalizzato, campane tubolari e corno francese

In the Bleak Midwinter ("Nel gelido/grigio, pieno inverno"), conosciuta anche come A Christmas Carol ("Un canto natalizio"), è una poesia e una canzone natalizia, scritta dalla poetessa inglese di origine italiana Christina Georgina Rossetti[1]) nel 1872 (ma pubblicata postuma solo nel 1904) e messa in musica per la prima volta nel 1906 dal compositore inglese Gustav Theodore Holst.[2]

Al testo poi sono state adattate varie melodie.
Un'altra melodia molto popolare è quella composta nel 1911 da Harold Darke (18881976)[3]: questa è stata giudicata nel 2008 da un gruppo di coristi come la migliore tra le melodie delle canzoni natalizie.[4]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Christina Rossetti scrisse la poesia nel 1872 – a quanto pare – su richiesta della rivista Scribner's Monthly.[5]

La poesia apparve per la prima volta nella raccolta, curata da William Michael Rossetti ed edita da MacMillan & Co., The Poetical Works of Christina Georgina Rossetti , uscita a Londra nel 1904[3], vale a dire a dieci anni dalla morte dell'autrice.

Nel 1906 la poesia venne messa in musica dal compositore inglese Gustav Theodore Holst, che adattò il testo alla sua melodia Cranham. La melodia è stata pubblicata nella raccolta An English Hymnal del 1916.[6]

Nel 1911, venne poi scritta un'altra melodia per il brano, ad opera del corista ed organista Harold Darke (18881976) e pubblicata a Londra dall'editore Stainer & Bell.[6]
La melodia di Dark venne in seguito resa popolare dal Choir of King’s College di Cambridge.[6]

In seguito, il brano è stato adattato da altre melodie, tra cui quella di Thomas Banks Strong (18611944), cancelliere di Oxford, nonché vescovo di Oxford e di Ripon.[6]

Testo[modifica | modifica sorgente]

Il testo, che si compone di 5 strofe (di 8 versi ciascuna), è di carattere religioso e parla della Nascita di Gesù, descritta – come da tradizione – in una gelida e nevosa giornata d'inverno.

Vengono quindi citati tutti gli elementi che fanno da cornice a quest'evento, come gli angeli, il bue e l'asinello, ecc.
E l'autrice si chiede alla fine se anche una persona povera possa fare un regalo a Gesù. Un povero infatti non può fare doni materiali come, ad esempio, un pastore, che può regalare il proprio agnello, ma può donare una cosa ben più importante, ovvero il proprio cuore:

In the bleak midwinter
Frosty wind made moan,
Earth stood hard as iron,
Water like a stone;
Snow had fallen,
Snow on snow,
In the bleak midwinter,
Long ago.

Our God, heaven cannot hold him,
Nor earth sustain;
Heaven and earth shall flee away
When he comes to reign;
In the bleak midwinter
A stable place sufficed
The Lord God incarnate,
Jesus Christ.

Enough for him, whom Cherubim
Worship night and day
A breast full of milk
And a manger full of hay.
Enough for him, whom angels
Fall down before,
The ox and ass and camel
Which adore.

Angels and archangels
May have gathered there,
Cherubim and seraphim
Thronged the air;
But his mother only,
In her maiden bliss,
Worshipped the Beloved
With a kiss.

What can I give him,
Poor as I am?
If I were a shepherd
I would bring a lamb,
If I were a wise man
I would do my part,
Yet what I can I give Him —
Give my heart.

Versioni discografiche[modifica | modifica sorgente]

Tra i cantante e/o gruppi che hanno inciso il brano (utilizzando indifferentemente la melodia di Holst o quella di Darke), figurano, tra l'altro[7]:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ cfr. p. es. Bowler, Gerry, Dizionario universale del Natale [The World Enciclopedia of Christmas], ed. italiana a cura di C. Corvino ed E. Petoia, Newton & Compton, Roma, 2003, p. 211;
    http://www.cyberhymnal.org/bio/r/o/rossetti_c.htm
  2. ^ cfr. p. es. Bowler, Gerry, op. cit., p. 190;
    http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/in_the_bleak_midwinter.htm
    http://www.cyberhymnal.org/htm/i/n/intbleak.htm
  3. ^ a b In The Bleak Midwinter
  4. ^ http://news.bbc.co.uk/1/hi/entertainment/arts_and_culture/7752029.stm
  5. ^ http://www.hymntime.com/tch/i/n/intbleak.htm
  6. ^ a b c d cfr. ib.
  7. ^ http://www.allmusic.com/cg/amg.dll?p=amg&sql=17:739712

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]