Santons della Provenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un santon
Altri esempi di santons
Santons raffiguranti la Sacra Famiglia in un presepe provenzale
Santons in un presepe ad Avignone

I santons (sing.: santon, lett. "santino"[1][2], in provenzale: santoun[2]) sono delle statuine per il presepe, tipiche della regione francese della Provenza (Francia sud-orientale) e la cui tradizione, importata dall'Italia[1], risale alla fine del XVIII secolo[1][2].

Realizzati in argilla[1][2][3] e dell'altezza che va da 1–3 cm a 18–20 cm[3], i santons possono raffigurare non solo i personaggi strettamente legati alla Natività, ma anche personaggi di vario genere caratteristici della zona, come zingari, zampognari, ecc.[1]

Ai santons sono dedicate annualmente dal XIX secolo in varie città della Provenza delle fiere, le cosiddette foires aux santons, che si svolgono generalmente da fine novembre o dal giorno di San Nicola (6 dicembre) sino all'Epifania.[1][4] La più antica di queste fiere è quella di Marsiglia.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tradizione dei santons nacque durante la Rivoluzione francese, dopo che - a partire dal 1793 - fu deciso di chiudere le chiese.[2]
La devozione divenne così limitata agli interni delle mura di casa, dove, così come la tradizione del presepe, che prima di allora veniva realizzato all'interno delle chiese.[2] La realizzazione di presepi "fatti in casa" prese piede soprattutto in Provenza, dove si iniziarono a costruire le statuine ora note come santons.[2]

La tradizione dei santons si stabilì soprattutto a partire dal 1798, quando un artigiano di Marsiglia, Jean Louis Lagnel (1764-1822), passeggiando per Aubagne, notò come l'argilla che si era attaccata alle sue scarpe, fosse facilmente lavorabile per creare delle statuine per il presepe.[2]

Pochi anni dopo, nel 1803, si tenne a Marsiglia la prima foire aux santons, la fiera dedicata al prodotto.[2]

Santons provenzali in un'antica cartolina

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Bowler, Gerry, Dizionario universale del Natale [The World Encyclopedia of Christmas], ed. italiana a cura di C. Corvino ed E. Petoia, Newton & Compton, Roma 2003, p. 304
  2. ^ a b c d e f g h i j Musée du santon: Origine des santons de Provence
  3. ^ a b Musée du santon: La fabrication des santons de Provence
  4. ^ Musée du Santons: Les foires aux santons

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]