Zwarte Piet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zwarte Piet (a sinistra) e San Nicola
Ancora un'immagine di San Nicola e Zwarte Piet
Amsterdam: l'arrivo di San Nicola/Sinterklaas e Zwarte Piet, come da tradizione, a bordo di un battello
Zwarte Piet e San Nicola per le vie di Amsterdam
Raffigurazioni di Zwarte Piet e San Nicola

Zwarte Piet ("Pietro il moro") è un personaggio del folklore dei Paesi Bassi e del Belgio, che compare nella notte tra il 5 e il 6 dicembre nei panni di un servo moresco, come aiutante del portatore di doni San Nicola (in olandese: Sinterklaas).[1][2]

Si tratta di un personaggio ricollegabile ad altre figure di aiutanti "scuri", come Père Fouettard (Francia), Hans Trapp (Alsazia), Knecht Ruprecht (Germania del Nord), Houseker (Lussemburgo), Klaubauf (Baviera e Austria), Belsnickel o Pelznickel (Germania sud-occidentale), Schmutzli (Svizzera), ecc.[3][4], personaggi che la Chiesa cristiana identifica con il diavolo[1][2][5] (e "Zwarte Piet" era proprio un'espressione che nel gergo olandese medievale indicava il diavolo[6]).

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Zwarte Piet ha - come detto - le sembianze di un servo moresco[1][2]: salta tra i camini[7] e distribuisce caramelle ai bambini, ma minaccia i bambini cattivi di portarli via, trascinandoli con sé nel suo Paese d'origine, la Spagna (v. origini).[1][2].

Viene descritto con un carattere "clownesco" e un po' stupido ed è sempre pronto ad esibirsi in capriole.[8]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Come altri personaggi simili, rappresenta l'alter-ego "cattivo" e "oscuro" del portatore di doni[3] e trae forse origine dalla figura mitologica di Herne/Pan[2].

Nello specifico, pare che il personaggio di Zwarte Piet sia nato alla fine del XVI secolo durante l'occupazione spagnola dei Paesi Bassi: rappresenterebbe infatti un soldato dell'Inquisizione, che la popolazione olandese vedeva come il "diavolo" (così come la Spagna, dove Zwarte Piet, conduce i bambini cattivi, sarebbe "l'inferno") e sarebbe quindi il risultato dell'associazione diavolo-occupatore spagnolo.[2]
In ogni caso, anche se questa associazione deve essere considerata soltanto una teoria, pare che il personaggio sia comunque da ricondurre ai contatti tra Paesi Bassi e Spagna, in particolare ai contatti commerciali intercorsi durante il XVII secolo, durante i quali in mezzo ai marinai Spagnoli comparivano spesso degli schiavi moreschi.[9]

Secondo una leggenda popolare, Zwarte Piet sarebbe invece stato in origine uno spazzacamino italiano e il suo colore nero del sarebbe dovuto al fatto che questo personaggio si sporca passando attraverso i camini.[5][7][9]

Dal punto di vista cristiano, infine, il personaggio raffigurebbe un aiutante di San Nicola originario dell'Etiopia che il santo conobbe in un mercato di schiavi a Myra e che si chiamava appunto Petrus ("Pietro").[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Storicamente, la figura di Zwarte Piet è attestata a partire dal 1848 e precisamente in un libro illustrato per bambini intitolato Sinterklaas en zijn knecht ("San Nicola e il suo servo"), opera dell'insegnante e poeta olandese Jan Schenkman.[10]

Raffigurazione di Zwarte Piet e San Nicola tratta dal libro Sinterklaas en zijn knecht di Jan Schenkman
Altra raffigurazione di Zwarte Piet e San Nicola tratta da Sinterklaas en zijn knecht

Dal 1941, San Nicola/Sinterklaas è accompagnato da due Zwarte Pieten neri e da alcuni Zwarte Pieten bianchi.[7]

Dopo la seconda guerra mondiale, l'aiutante di San Nicola/Sinterklaas è diventato uno solo.[10]

Una foto di Zwarte Piet e San Nicola risalente al 1948 (conservata nel Tropenmuseum di Amsterdam)

Il colore scuro di Zwarte Piet ha dato adito a disquisizioni su possibili connotazioni razziste del personaggio.[1][5][11] Le critiche provengono soprattutto da persone originarie delle ex colonie olandesi (Suriname e Caraibi olandesi).[10]

Zwarte Piet nel cinema e nelle fiction[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Bowler, Gerry, Dizionario universale del Natale [The World Encyclopedia of Christmas], ed. italiana a cura di C. Corvino ed E. Petoia, Newton e Compton, Roma, 2003, p. 365
  2. ^ a b c d e f van Renterghem, Tony, Quando Babbo Natale era uno sciamano [When Santa Was a Shaman], Llewellyn Productions, St Paul, 1995 - Amita, Torino, 2000, p. 93
  3. ^ a b Bowler, Gerry, op. cit., p. 45
  4. ^ van Renterghem, Tony, op. cit., p. 110
  5. ^ a b c d 5dec.nl: Sinterklaas weetjes en feitjes: Zwarte Piet
  6. ^ van Renterghem, Tony, op. cit., 105
  7. ^ a b c Scholieren: Zwarte Piet Geschiedenis
  8. ^ Sinterklaasbaarn.nl: Het Sinterklaasfeest
  9. ^ a b Sinterklaas en Zwartepiet.nl: Geschiedenis
  10. ^ a b c de Koning, Peter, De omstreden Zwarte Piet, in: Zwarte Geschiedenis
  11. ^ Debat over rascistische Zwarte Piet, in: De Pers
  12. ^ IMDb: Dag Sinterklaas
  13. ^ IMDb: Terrorama! - Cast e crediti completi
  14. ^ IMDb: Hij komt, hij komt... De intrede van de Sint
  15. ^ IMDb: Sinterklaas pakt uit
  16. ^ IMDb: Snowed

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]