Cantori della Stella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raffigurazione della tradizione nel XVII secolo

Quella dei cantori della Stella o ragazzi della Stella è una tradizione natalizia diffusa in vari Paesi. L'usanza, derivata dai drammi medievali sui Re Magi [1] e che ha avuto origine nel XIV secolo[2] per poi diffondersi a partire dal XVI secolo[1], vede alcuni ragazzi girare di casa in casa solitamente vestiti da Re Magi e con una Stella di Betlemme sulle spalle, interpretando canti natalizi[1][2].

La tradizione si riscontra in Alaska, Austria, Finlandia, Germania, Inghilterra, Italia, Lituania, Messico, Norvegia, Polonia, Russia, Spagna, Svezia, Svizzera, ecc.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

La tradizione nacque probabilmente tra gruppi di scolari nel corso del XIV secolo.[2]

Le prime notizie sull'imitazione del corteo dei Magi sono fornite da una leggenda tramandata dal monaco Giovanni di Hildesheim.[3]

Nel 1522 si hanno notizie sulla proibizione dell'usanza ad Innsbruck.[3]

La tradizione si mantenne fino al XIX secolo [3], ma tornò in auge negli anni cinquanta del XX secolo come forma di beneficenza sostenuta dal Vaticano per finanziare progetti in Paesi bisognosi.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Bowler, Gerry, Dizionario universale del Natale [The World Encyclopedia of Christmas], ed. italiana a cura di C. Corvino ed E. Petoia, Newton & Compton, Roma, 2003, p. 286
  2. ^ a b c d Sternsinger, in: Was ist Was
  3. ^ a b c Sternsinger historisch und aktuell, in: Heilige Drei Könige

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]