Jazz standard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Standard (musica))

Viene comunemente definito come standard un tema musicale molto noto che col tempo è divenuto un classico della musica jazz. Originariamente erano delle semplici canzoni scritte da compositori in diverse circostanze (per Broadway e per i suoi musical) e per diverse opere musicali e teatrali, che col tempo sono entrate nel patrimonio musicale di tutti i musicisti, andando ben oltre la loro epoca per merito delle loro intramontabili idee musicali e per le continue esecuzioni. Molti di questi brani sono raccolti in libri commerciali e non, normalmente chiamati Real book oppure Fake book, dove gli spartiti sono sintetizzati e riportano in genere solo la melodia gli accordi ed i testi, questo per facilitarne la personalizzazione. In genere ogni esecutore (jazzista) ripropone la propria versione di uno standard secondo il criterio della variazione armonica, melodica e ritmica (anche separate), e della improvvisazione, stravolgendo totalmente un brano o apportando a questo graduali variazioni.

In tempi più recenti, esiste una sovrapposizione tra il termine standard e quello di cover (comune in ambito rock). Il secondo termine porta tuttavia un aspetto di occasionalità che il primo tende ad escludere (nessuno, jazzista o no, dirà mai che 'Round Midnight ha avuto centinaia di cover). Inoltre il termine cover si applica anche a brani molto recenti, cosa normalmente non comune per gli standard.

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Ogni standard è composto di un certo numero di battute totali, diviso in sezioni e presenta una melodia, una certa progressione di accordi in una data tonalità, e una sua struttura secondo alcune metriche note e comuni:

1. struttura del blues (12 misure o altre)
2. struttura Rhythm changes (o Anatole, la struttura AABA più diffusa)
3. struttura canzone (32 misure) secondo le forme comuni:

  • AABA
  • ABAB
  • ABAC
  • ABCD

4. altre strutture anche più complesse

Ogni struttura canzone, generalmente, è formata di sezioni di 8 misure se regolare. Sono presenti introduzioni, e i finali hanno spesso un numero di battute aggiunte (tag)

Perché i jazzisti suonano gli standard[modifica | modifica wikitesto]

Gli standard sono usati dai jazzisti per la loro popolarità (così da non creare troppo distacco dal pubblico), e allo stesso tempo danno loro la possibilità di improvvisare sugli accordi del brano. L'elenco degli standard jazz è in continuo aumento, perché qualsiasi canzone popolare (e anche con delle caratteristiche armoniche idonee al jazz), può essere un futuro standard.

jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz