Andrew Lloyd Webber

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andrew Lloyd Webber (Londra, 22 marzo 1948) è un compositore inglese.

È autore di musical di grande successo che sono stati rappresentati per decine di anni sia nel West End di Londra che a Broadway, insieme a numerose produzioni in tutto il mondo in diverse lingue e adattamenti cinematografici. I suoi musical più famosi sono: Jesus Christ Superstar, Evita, Cats e The Phantom of the Opera (Il fantasma dell'opera).

Ha composto in totale 17 musical, una raccolta di canzoni, un insieme di variazioni, due colonne sonore e una messa da requiem. Ha ricevuto numerosi premi ed onorificenze, tra cui un titolo di cavaliere nel 1992 (per poi diventare pari d'Inghilterra), 3 Tony Awards, 3 Grammy Awards, un Oscar, un Golden Globe, un Emmy International Award e sei Laurence Olivier Awards (i premi del teatro inglese).

Molte delle sue canzoni sono state incise da numerosi interpreti in tutto il mondo e hanno avuto un grosso successo al di fuori dei musical per i quali sono state composte. Tra queste I Don't Know How to Love Him da Jesus Christ Superstar, Don't Cry for Me, Argentina da Evita, Memory da Cats, The Music of the Night e The Phantom of the Opera da The Phantom of the Opera, With One Look e As If We Never Said Goodbye da Sunset Boulevard.

La società da lui creata, la Really Useful Group, è uno dei più importanti operatori teatrali a Londra.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Andrew Lloyd Webber è figlio e fratello d'arte: il padre era il compositore William Southcombe Lloyd Webber, la madre una violinista e pianista, mentre il fratello Julian Lloyd Webber è un violoncellista. Iniziò a comporre musica molto presto e pubblicò una suite di sei pezzi all'età di nove anni. Conobbe il mondo del teatro grazie anche ad una zia attrice, che lo portò a vedere numerosi spettacoli e a visitare i teatri dietro le quinte. Lloyd Webber studiò per un certo periodo storia ad Oxford, ma abbandonò gli studi per dedicarsi alla sua passione per il teatro musicale.

Si sposò una prima volta nel 1972 con Sarah Hugill (imparentata con la famiglia Tudor) e la coppia ebbe due figli. Divorziarono nel 1983 e Lloyd Webber si risposò con la cantante e attrice Sarah Brightman l'anno successivo. Sarah Brightman fu scelta come protagonista del suo musical The Phantom of the Opera nel 1986. La coppia divorziò nel 1990 ma rimasero sempre in buoni rapporti. La sua attuale moglie è Madeleine Gurdon, che sposò nel 1991 e dalla quale ha avuto tre figli.

Nel 1992 Andrew Lloyd Webber è stato nominato cavaliere, e nel 1997 è diventato un pari d'Inghilterra, diventando "Barone Lloyd-Webber di Sydmonton". Nel 2006 il Sunday Times lo classificò all'87º posto nella classifica degli inglesi più ricchi con un patrimonio stimato di 700 milioni di sterline (circa un miliardo di euro). Politicamente è stato sostenitore del partito conservatore, consentendo l'uso di una sua canzone (Take That Look Off Your Face) per la campagna elettorale del 2005. Lord Lloyd Webber è inoltre un collezionista d'arte appassionato in particolare di pittura vittoriana.

Carriera professionale[modifica | modifica sorgente]

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

La prima collaborazione professionale con il paroliere Tim Rice fu The Likes of Us nel 1965, un musical basato sulla storia vera di Thomas John Bernardo. Il musical fu rappresentato per la prima volta solo nel 2005 quando ne fu realizzata una versione teatrale al festival di Sydmonton (il festival che viene organizzato ogni anno dallo stesso Lloyd Webber). Lo stile è quello dei musical di Broadway degli anni quaranta e cinquanta. Inizia con una ouverture tradizionale contenente i diversi temi dello spettacolo e la musica riflette le influenze che Lloyd Webber ebbe all'inizio della sua carriera, in particolare Richard Rogers, Frederick Loewe e Lionel Bart. Le sue composizioni successive sono più orientate verso uno stile operistico piuttosto che quello dei musical tradizionali di Broadway.

Nello stesso periodo Lloyd Webber e Rice scrissero alcune canzoni pop che vennero incise come singoli. Nel 2003 è stata realizzata una raccolta di cinque CD contenenti una selezione di queste canzoni (Andrew Lloyd Webber: Now And Forever). Nel 1967 la coppia tentò di rappresentare senza successo il Regno Unito all'Eurovision Song Contest con una canzone intitolata Try It and See. Fu però incisa da Rita Pavone nell'album Rita e il tema fu successivamente utilizzato per la canzone King Herods' Song nel musical Jesus Christ Superstar.

Nel 1968 ai due fu commissionato un pezzo per il saggio di fine anno alla Colet Court School. Il risultato fu Joseph and the Amazing Technicolor Dreamcoat, una versione del racconto biblico di Giuseppe e i suoi fratelli nel quale Lloyd Webber e Rice si divertirono a creare numeri musicali dagli stili più diversi (tra cui calypso, country music, pop e rock). Simile al musical precedente per lo stile leggero e irriverente, ha però più affinità con la musica pop e maggiore varietà di stili. Joseph fu inizialmente una cantata della durata di venti minuti che ebbe discreto successo di critica e pubblico. Successive rielaborazioni portarono ad una versione di due ore che fu rappresentata nel West End dopo il successo del terzo musical della coppia (Jesus Christ Superstar), nel 1970. Joseph è stato successivamente rappresentato nel West End in due diverse produzioni nel 2001 e nel 2007.

Jesus Christ Superstar fu inizialmente realizzato come incisione discografica con Ian Gillan nella parte di Gesù. L'album, uscito nel 1970, ebbe un grosso successo di vendite. La produzione teatrale debuttò a Broadway nel 1971 e l'anno successivo a Londra, dove rimase in scena consecutivamente per otto anni. Il musical racconta gli ultimi giorni di vita di Gesù Cristo. Mentre Joseph era stato pensato come uno spettacolo leggero per famiglie, la musica in Jesus Christ Superstar è a volte più cupa, in particolare nelle scene della crocifissione, della congiura dei sacerdoti e nel conflitto tra Gesù e Giuda. Lo stile musicale predominante è il rock e il musical viene spesso indicato come una "opera rock" così come era successo precedentemente per Tommy degli Who. Rispetto ad esso, però, la musica ha riferimenti classici (per esempio in John Nineteen: Forty-One) e alla musica d'avanguardia che accompagna la scena della crocifissione. Del musical fu realizzato un adattamento cinematografico nel 1973 per la regia di Norman Jewison.

Successivamente Lloyd Webber ebbe l'idea fu di realizzare una commedia musicale sul personaggio del maggiordomo Jeeves dai romanzi di P. G. Wodehouse. Tim Rice non era sicuro di questo progetto, in parte perché pensava di non rendere dovuto omaggio ai romanzi che entrambi ammiravano così tanto, e dopo una breve collaborazione decise di abbandonare il progetto. I testi e il libretto vennero perciò scritti da Alan Ayckbourn. Lo spettacolo non fu apprezzato dal pubblico e chiuse dopo solo tre settimane. Nel 1996 Lloyd Webber e Ayckbourn realizzarono una completa nuova produzione dello spettacolo col titolo By Jeeves, dove solo due canzoni dello spettacolo originale furono mantenute. La risposta del pubblico fu questa volta più positiva.

La collaborazione di Lloyd Webber con Rice continuò con il musical Evita. Così come per Jesus Christ Superstar, fu prima realizzato un album nel 1976 con Julie Covington nella parte di Eva Peron. La produzione originale andò in scena a Londra nel 1978 con la regia di Harold Prince e Elaine Paige nella parte della protagonista. Musicalmente lo stile è classico, sono presenti pezzi corali (Requiem for Evita e un passaggio in Oh What a Circus) e interludi strumentali, ma anche ballate come High Flying, Adored e Another Suitcase In Another Hall nonché vivaci pezzi in stile sud americano come Buenos Aires, And the Money Kept Rolling In (And Out) o più lenti come On This Night of A Thousand Stars. Oh What A Circus e altri passaggi sono invece prevalentemente rock. Evita ebbe un enorme successo sia Londra che a New York. Nella capitale inglese rimase in scena per circa dieci anni. Fu anche l'ultimo spettacolo frutto della collaborazione fra Lloyd Webber e Rice.

Andrew Lloyd Webber lavorò successivamente ad un proprio progetto: Variations. Si trattava di una serie di variazioni sul tema del Capriccio 24 di Paganini scritte per il fratello violoncellista Julian. L'album raggiunse la seconda posizione nella classifica delle vendite nel Regno Unito nel 1978. Del 1979 è l'album Tell Me on a Sunday, raccolta di canzoni composte da Lloyd Webber con testi di Don Black e cantate da Marti Webb.

Gli anni ottanta[modifica | modifica sorgente]

Il musical Cats del 1981 è una versione musicata e danzata dell'opera di Thomas Stearns Eliot Old Possum's Book of Practical Cats del 1939, una raccolta di poesie per bambini aventi come protagonisti dei gatti. Le canzoni del musical sono quasi tutte tratte dalla raccolta. L'eccezione più importante è la canzone più conosciuta (Memory), scritta dal regista Trevor Nunn ma a sua volta ispirata da una poesia di Eliot. In questo musical è fortemente presente l'eclettismo del compositore: i generi musicali spaziano dal classico al pop, dal jazz alla musica elettronica, allo stile degli inni classici. La scena consiste in una cortile pieno di rifiuti e non cambia mai durante tutta la rappresentazione, gli attori sono truccati da gatti e quasi tutti i numeri sono danzati. Inizialmente Cats (musical) era stato pensato come una semplice raccolta di canzoni ma ad un certo punto del progetto la vedova di Eliot fornì a Lloyd Webber alcuni scritti non pubblicati del marito riguardanti un personaggio di nome Grizabella, una vecchia gatta emarginata dal gruppo, oltre all'idea di una rinascita per un gatto scelto durante il ballo di Jellicle. A quel punto era evidente che era presente una possibile traccia su cui costruire un musical. Lo spettacolo è tuttora uno dei più rappresentati al mondo e restò in scena ininterrottamente ventuno anni a Londra e diciotto a Broadway.

Starlight Express del 1984 è simile a Cats in quanto anche in questo musical gli attori non impersonano esseri umani. La storia è quella di locomotori e vagoni ferroviari, e gli attori recitano su pattini a rotelle. Lo stile rispetto a Cats è più orientato verso la musica pop e la disco music con poche eccezioni (country per esempio). Lo spettacolo ebbe un discreto successo commerciale a Londra ma ricevette critiche negative. La produzione di Londra restò in scena per diciotto anni mentre quella di Broadway tre.

Nel 1985 Lloyd Webber presentò la sua opera Requiem a New York, eseguita da Lorin Maazel, Plácido Domingo e Sarah Brightman. Trattasi di una messa da requiem dedicata al padre scomparso nel 1982. Sebbene completamente differente dallo stile di un musical, bisogna ricordare che la musica sacra ha avuto una parte importante nell'educazione musicale di Lloyd Webber che precedentemente aveva già presentato composizioni di questo genere al suo festival di Sydmonton. Il Requiem ricevette il Grammy Award come migliore composizione classica, e piuttosto curiosamente il brano Pie Jesu arrivò ai primi posti nelle classifiche di vendita di musica pop.

Nel 1986 aprì a Londra un altro dei maggiori successi di Andrew Lloyd Webber: The Phantom of the Opera (Il fantasma dell'opera) tratto dal romanzo omonimo di Gaston Leroux. La parte della protagonista Christine fu scritta appositamente per la moglie Sarah Brightman che impersonò lo stesso ruolo anche nella produzione di Broadway l'anno successivo. Il regista fu lo stesso di Evita (Harold Prince) mentre per i testi e il libretto collaborarono Charles Hart, Richard Stilgoe e lo stesso Lloyd Webber.

In questo spettacolo la musica di Lloyd Webber è a tratti operistica ma mantiene la struttura di un musical. I personaggi principali (tra cui il fantasma) cantano più spesso nel modo diretto e "naturale" della musica moderna mentre le più "decorative" arie operistiche sono riservate ai comprimari. Il musical fornisce il pretesto a Lloyd Webber di comporre un'opera lirica (Don Juan Triumphant - nella trama composta dal fantasma stesso appositamente per la sua protetta) riprendendo vari stili da Meyerbeer, Mozart e addirittura Gilbert e Sullivan. Malgrado le critiche contrastanti, lo spettacolo divenne un successo strepitoso. Attualmente (2014) è tuttora rappresentato ininterrottamente a Londra da ventotto anni (secondo per durata solo a Les miserables) e a Broadway da ventisei anni (battendo il record di durata per un musical detenuto precedentemente da Cats).

Lo spettacolo Aspects of Love seguì nel 1989, basato sul romanzo omonimo di David Garnett, con testi di Don Black e Charles Hart e regia di Trevor Nunn. Il musical era totalmente differente dai precedenti lavori di Lloyd Webber, essendo l'ambientazione intimista e pacata rispetto agli elaborati allestimenti di Cats o di The Phantom of the Opera. Le musiche a loro volta furono scritte per un piccolo gruppo di musicisti, in stile musica da camera più che musical di Broadway. Lo spettacolo rimase in scena con discreto successo per quattro anni a Londra, ma meno di un anno a Broadway.

Anni novanta e presente[modifica | modifica sorgente]

Nel 1992 Andrew Lloyd Webber ricevette la proposta di comporre una canzone per i Giochi olimpici di Barcellona. Il risultato fu Amigos Para Siempre con parole di Don Black e interpretata da Sarah Brightman e José Carreras.

L'idea di scrivere un musical basato sul film Sunset Boulevard di Billy Wilder era nella mente di Loyd Webber già dagli anni settanta, quando vide il film per la prima volta, ma solo dopo Aspects of Love riuscì ad ottenere i diritti dalla Paramount. Il musical Sunset Boulevard aprì a Londra il 12 luglio 1993 con Patti LuPone nella parte della protagonista Norma Desmond, una star del cinema muto emarginata da Hollywood nell'era del sonoro. Nella versione americana il ruolo fu ripreso da Glenn Close. Malgrado lo spettacolo fosse divenuto molto popolare sia a Londra che a Broadway, chiuse in perdita a causa degli alti costi della produzione.

Il 1996 vide il ritorno della collaborazione di Lloyd Webber con Tim Rice. Insieme scrissero You Must Love Me per l'adattamento cinematografico di Evita con Madonna nel ruolo principale. La canzone vinse il Golden Globe e l'Oscar per la migliore canzone originale.

I musical successivi di Andrew Lloyd Webber sono stati Whistle Down the Wind nel 1996, The Beautiful Game nel 2000 e The Woman in White (La donna in bianco) nel 2004. Nessuno di questi raggiunse la popolaritá e il successo di alcuni dei suoi musical precedenti. Come produttore teatrale Lloyd Webber ha prodotto il musical in stile Bollywood Bombay Dreams nel 2002 e The Sound of Music nel 2006 oltre a numerosi musical da lui stesso composti.

Dal 2006 appare alla BBC in diversi talent show: How Do You Solve a Problem like Maria (2006), Any Dream Will Do (2007) I'd Do Anything (2008) e Over the Rainbow. I talent show consistevano nella selezione dei protagonisti per le produzioni di The Sound of Music, Joseph and the Amazing Technicolor Dreamcoat, Oliver! e The Wizard of Oz rispettivamente. Malgrado alcune critiche negative e le polemiche sul modo poco tradizionale di gestire le audizioni, le trasmissioni televisive hanno avuto un grosso successo fornendo un'enorme promozione per gli spettacoli teatrali. Il format televisivo è stato utilizzato successivamente sia nel Regno Unito che in altri paesi (USA, Paesi Bassi).

Nel 2009 ha scritto la canzone che ha rappresentato il Regno Unito all'Eurovision Song Contest 2009 a Mosca. La selezione del cantante è avvenuta tramite la selezione della BBC intitolata "Your country needs you".

Nel 2010 debutta nel West End di Londra il musical Love Never Dies. Nel marzo 2011 apre a Londra una nuova versione del musical "The Wizard of Oz", tratto dall'omonimo film del 1939, prodotto da Lloyd Webber, che ha anche composto alcune canzoni (con parole di Tim Rice) che si aggiungono alle canzoni del film.

Spettacoli[modifica | modifica sorgente]

Tra parentesi il nome dell'autore dei testi:

Altre opere[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti e onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor
— 1992
  • 1993: Hollywood Walk of Fame per il suo contributo al teatro
  • 1997: diviene "Barone Lloyd Webber", per concessione della parìa a vita di Sua Maestà la Regina Elisabetta II
  • 2006: Kennedy Center Honour

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 59279678 LCCN: n/81/126807