Evita (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Evita
Evita film.jpg
Una scena del film
Titolo originale Evita
Paese di produzione USA
Anno 1996
Durata 123 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, musical
Regia Alan Parker
Soggetto Tim Rice
Sceneggiatura Alan Parker e Oliver Stone
Produttore Alan Parker, Robert Stigwood, Andrew G. Vajna
Fotografia Darius Khondji
Montaggio Gerry Hambling
Musiche Andrew Lloyd Webber
Scenografia Brian Morris
Costumi Penny Rose
Trucco Katalin Jakots, Sarah Monzani, Ailbhe Lemass
Sfondi Richard Earl e Jean-Michel Hugon
Interpreti e personaggi

Evita è un film del 1996 diretto da Alan Parker, adattamento cinematografico dell'omonimo musical composto da Andrew Lloyd Webber e Tim Rice.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La diciottenne Eva Duarte, legata al noto cantante di tango Agustin Magaldi arriva a Buenos Aires dalla campagna argentina, senza un soldo ma disposta a tutto pur di diventare famosa. Dopo anni di avventure galanti e di amicizie importanti e dopo esser diventata attrice radiofonica, conosce il colonnello Juan Domingo Perón, destinato a diventare il Presidente argentino nel 1946.

Insieme costruiscono il loro potere instillando nei "descamisados" la scintilla dell'emancipazione.

Ma la relazione tra quella donna di umili origini e l'uomo nuovo della politica argentina sarà sempre malvista dall'aristocrazia e dall'esercito. Dopo l'elezione di Peròn, Evita gira il mondo per cercare l'appoggio delle altre nazioni e, divenuta famosissima ed amatissima in patria, la sua passione e la sua ambizione cambieranno per sempre l'Argentina.

A soli 33 anni Evita si ammala di cancro e muore, dopo una brevissima malattia, lasciando milioni di argentini in preda alla disperazione.

Il musical e la versione cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

La versione originale del musical di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice debuttò al Prince Edward Theatre di Londra nel 1978 e fu uno degli spettacoli più visti nel Regno Unito, con quasi 3 000 repliche. L'edizione di Broadway ha conquistato sette Awards al termine della sua prima stagione a New York. Per la versione cinematografica i due autori della colonna sonora hanno composto appositamente per il film il nuovo brano You Must Love Me, premiato con un Oscar per la migliore canzone e un Golden Globe a Madonna come miglior attrice protagonista.

Il film[modifica | modifica wikitesto]

  • Il film è interpretato interamente attraverso canzoni (i dialoghi sono praticamente inesistenti) e la voce narrante è affidata ad Antonio Banderas nel ruolo di Che, uomo di aspetto semplice e coscienza critica del popolo argentino che non crede nella politica di Evita.
  • Madonna per interpretare il ruolo di Evita si documentò accuratamente sulla vera storia di Evita, leggendo decine di libri su di lei, e incontrò le persone che la conobbero personalmente e anche il Presidente argentino Carlos Menem, al quale chiese di poter utilizzare per le riprese il famoso balcone della Casa Rosada, la residenza presidenziale argentina.
  • La scelta di far interpretare il ruolo di Evita, considerata in patria come una santa, a Madonna resasi protagonista di numerosi scandali ha suscitato le critiche di numerosi nostalgici della moglie di Peron.
  • Dopo un breve periodo di riprese la troupe lasciò l'Argentina e completò le riprese degli esterni a Budapest.
  • L'attrice considera questo film il migliore al quale abbia lavorato riuscendo a conquistare molti critici. Durante le riprese scoprì di essere in attesa della prima figlia.
  • Nel film, che ha incassato 140 milioni di dollari (di cui 50 negli Stati Uniti) recitano in piccoli ruoli anche lo stesso regista Alan Parker (nella parte proprio di un regista alle prese con Evita aspirante attrice), la cantante Andrea Corr del gruppo irlandese The Corrs (nella parte dell'amante di Peròn), ed il ballerino italiano Luca Tommassini, che balla con Madonna sulle note di "Buenos Aires".

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]