Industrial metal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Industrial metal
Origini stilistiche Alternative metal
Industrial rock
Heavy metal
Musica elettronica
Origini culturali Germania, fine anni ottanta
Strumenti tipici Voce
Chitarra
Basso
Batteria o Drum machine
Sequencer
Popolarità Nato come genere underground, ha avuto una buona popolarità all'inizio degli anni novanta e dopo il 2000.
Generi derivati
Nu metal
Generi correlati
Industrial rock
Categorie correlate

Gruppi musicali industrial metal · Musicisti industrial metal · Album industrial metal · EP industrial metal · Singoli industrial metal · Album video industrial metal

L’industrial metal è un sottogenere della musica heavy metal[1] con forti contaminazioni industrial. Fra gli esponenti più noti di questo genere si possono citare gli americani Ministry, Nine Inch Nails, Fear Factory, e Marilyn Manson, i tedeschi Rammstein, i norvegesi The Kovenant e i finlandesi Ruoska e Turmion Katilot (questi ultimi con forti contaminazioni death metal). I gruppi Die Krupps e Nine Inch Nails, inoltre, suonano una particolare variante di questo genere, in quanto uniscono l'heavy metal con il alternative rock e simili. Oppure, il gruppo tedesco Oomph! affianca allo stile heavy metal delle sonorità ambient e industrial. Tale stile è suonato anche nei più recenti album dei già citati Nine Inch Nails. Altri gruppi, primi tra tutti i norvegesi The Kovenant e i finlandesi Havoc Unit inglobano nel proprio sound elementi heavy metal e Krautrock, dai quali prendono le particolari sonorità futuristiche e fantascientifiche.[senza fonte]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Tra i gruppi industrial metal è difficile individuare un filone comune, tuttavia, il sound dei gruppi appartenenti a questo genere presenta le seguenti caratteristiche:

Storia del genere[modifica | modifica wikitesto]

Il primo tentativo di unione delle tecniche vocali e degli strumenti di rock (e successivamente metal) ed industrial, lo effettuarono i Cabaret Voltaire, che già a cavallo tra i ’70 e gli ’80 provarono ad aggiungere al sound minimale e ritmato dell’Industrial tradizionale, strumenti come basso e batteria, rendendo più accessibile il loro sound rumorista, quindi diventando di diritto i precursori dell’industrial rock e dell'industrial metal.[2] I primi album dei KMFDM, gruppo formatosi nel 1984, segnano il passaggio da industrial a industrial metal.[3] Nel 1987 sono i Ministry di Al Jourgensen a decretare la nascita del genere;[4] il disco The Land Of Rape And Honey era infatti caratterizzato dalle ritmiche punk, dagli inserti puramente crossover di svariati stili. La vera esplosione dell'industrial metal si ebbe però all’inizio dei ’90, con l’avvento di gruppi come Nine Inch Nails e Fear Factory, i primi nati per volere di Trent Reznor, e dediti ad un Industrial più tradizionale con contaminazioni metal e di altri generi, i secondi caratterizzati da una forte componente death e thrash metal, sound che verrà da alcuni definito come cyber thrash.[5] I questo periodo i tedeschi Die Krupps e qualche anno dopo gli sloveni Laibach, dediti all'Industrial, cambiano rotta e si annoverano nel movimento industrial metal, i primi con l’album “II – The Final Option”[6] e i secondi con “Jesus Christ Superstar”[7] Nel 1995 esce il debutto dei Rammstein, band che riuscirà a dare nuova linfa al genere grazie ad un sound originale e all’uso della lingua tedesca, sommato ad un notevole successo commerciale.[8]

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

L'industrial metal ha influenzato molto i gruppi nu metal, tra cui soprattutto i Korn[9], ritenuti insieme ai Deftones gli iniziatori del genere, negli album See You on the Other Side e Untitled. In tale contesto si situano anche Coal Chamber, Static-X, Sevendust, Powerman 5000, Dope e American Head Charge, tra i gruppi di genere ad avere una spiccata componente industrial metal, oppure anche gruppi come Slipknot, Mudvayne e Mushroomhead hanno una influenza industrial nelle loro composizioni.
Gli Aborym sono dediti ad un industrial black, mentre gli Strapping Young Lad ad un death/thrash/industrial, i Meshuggah come industrial post-thrash e i Qube più psycho/prog/Metal ; questi gruppi non sono da considerarsi propriamente industrial metal.
[senza fonte]

Cyber metal[modifica | modifica wikitesto]

Il cyber metal è una variante dell'industrial metal che affina le sonorità classiche dell'heavy metal a ritmi più martellanti, abbinati a basi elettroniche che richiamano un'atmosfera futuristica o addirittura dubstep, i principale esponenti di questa variante sono i Sybreed. Ciò che differenzia il cyber metal dall'industrial metal sono principalmente i temi, infatti i temi prevalenti sono la tecnologia, l'esplorazione spaziale, l'apocalisse, il nichilismo e in alcuni casi tematiche politiche. Il sonoro è rappresentato da un ritmo molto ripetitivo ricco di suoni tecnologici e riff martellanti, la voce è generalmente scream o pulita, ma spesso modificata con sintetizzatori o effetti vocali, in modo da adattarsi alle sonorità più futuristiche. Un esempio sono gli italiani Expel, che hanno completamente sostituito le percussioni con il dubstep, e che utilizzano effetti vocali per avvicinarsi a sonorità futuristiche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ heavy-metal.info - history heavy metal
  2. ^ Ondarock - Cabaret Voltaire
  3. ^ The History Of Rock Music - Industrial Music
  4. ^ Storia della Musica - Industrial metal
  5. ^ Shapeless Zine - Guida al Thrash/ Evoluzioni varie
  6. ^ Billboard - II The Final Option
  7. ^ Shapeless Zine - Guida all'Industrial metal
  8. ^ Rammstein timeline
  9. ^ Ondarock - Korn

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal

-