Paul Di Filippo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Di Filippo

Paul Di Filippo (Rhode Island, 29 ottobre 1954) è un autore di fantascienza statunitense, conosciuto soprattutto per la sua ecletticità nel genere, che spazia dallo steampunk al cyberpunk.

È inoltre un critico per quasi tutte le più grandi riviste del campo, come Asimov's Science Fiction, The Magazine of Fantasy and Science Fiction, Science Fiction Eye, The New York Review of Science Fiction, Interzone e Nova Express.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Serie di Will Keats[modifica | modifica sorgente]

Come Philip Lawson, con Michael Bishop

  • Would It Kill You to Smile?, 1998
  • Muskrat Courage, 2000

Serie della città lineare[modifica | modifica sorgente]

Altri romanzi[modifica | modifica sorgente]

  • Ciphers: A Post-Shannon Rock 'N' Roll Mystery, 1997
  • Joe's Liver, 2000
  • A Mouthful of Tongues: Her Totipotent Tropicanalia, 2002 (erotica)
  • Fuzzy Dice, 2003
  • Spondulix, 2004
  • Harp, Pipe, And Symphony, 2004
  • Creature from the Black Lagoon: Time's Black Lagoon, 2006
  • Cosmocopia, 2008
  • Roadside Bodhisattva, 2010

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

  • Steampunk, The Steampunk Trilogy, 1995
    • raccoglie i romanzi brevi Vittoria (Victoria, 1991), Il feticcio rubato (Hottentots, 1995) e Walt ed Emily (Walt and Emily, 1993)
  • Destroy All Brains!, 1996
  • Ribofunk, 1996
  • Fractal Paisleys, 1997
  • Lost Pages, 1998
  • Strange Trades, 2001
  • Little Doors, 2002
  • Babylon Sisters, 2002
  • Neutrino Drag, 2004
  • L'imperatore di Gondwana (The Emperor of Gondwanaland and other stories, 2005), Urania 1520, Arnoldo Mondadori Editore, 2007
  • Shuteye for the Timebroker, 2006
  • Plumage From Pegasus, 2006
  • Harsh Oases, 2009
  • After the Collapse, 2011
  • WikiWorld, 2013[1]

Racconti[modifica | modifica sorgente]

(parziale)

  • Stone è vivo (Stone lives, 1985), raccolto in Mirrorshades
  • Rescuing Andy, 1985
  • Kid Charlemagne, 1987 (candidato al Premio Nebula)
  • Any Major Dude, 1991
  • Questa è fantascienza (Mairzy Doats, 1991); traduzione di Corinna Augustoni, in Millemondinverno 1992: 2 romanzi e 5 racconti, Millemondi 42, Arnoldo Mondadori Editore, 1992
  • Lennon Spex, 1992 (candidato al Premio Nebula)
  • World Wars III, 1992
  • Mama Told Me Not to Come, 1993
  • McGregor, 1994
  • Plumage from Pegasus: Have Gun, Will Edit, 1996
  • Singing Each to Each, 2000
  • Wikiworld, 2007

Fumetti[modifica | modifica sorgente]

  • Top Ten: Beyond the Farthest Precinct, 2005
  • Doc Samson, 2006

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Paul Di Filippo - WikiWorld cover art and synopsis reveal in Upcoming4.me. URL consultato il 13 giugno 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 85495167