Noir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il filone cinematografico, vedi Film noir.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'anime omonimo, vedi Noir (anime).

Il noir o romanzo nero (noir fiction in inglese, roman noir o polar in francese) è una variante del genere letterario poliziesco, e più specificatamente del sottogenere hard-boiled, nato negli Stati Uniti alla fine degli anni venti del XX secolo. Del noir sono state date diverse definizioni che provano ad esplicitare le caratteristiche che differenziano il noir dal genere principale[1]. Il noir o romanzo nero, non va confuso con il "romanzo nero" in senso classico, sinonimo di romanzo gotico, un genere letterario sviluppatosi tra la fine del XVIII e l'inizio del XIX secolo.

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

L'utilizzo del termine noir per indicare un particolare sottogenere del poliziesco deriva dall'espressione francese roman noir, letteralmente romanzo nero. Nell'accezione originaria francese, roman noir era utilizzato per indicare il romanzo gotico britannico del XVIII e XIX secolo[2], tuttavia nel XX secolo il significato cambia e l'espressione serve a descrivere un nuovo sottogenere proveniente dagli Stati Uniti, l'hardboiled.[3]

Noir metropolitano[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Noir metropolitano.

Diventa un elemento caratterizzante l'ambientazione del noir. Nel noir metropolitano la città e la metropoli non fanno soltanto da sfondo ma diventano veri protagonisti della storia, così come la violenza, la criminalità e il degrado ambientale e morale. Il delitto si trasferisce sempre più sui marciapiedi metropolitani[4].

Tra gli esponenti del noir metropolitano vanno ricordati Ed McBain per New York, James Ellroy per Los Angeles, Jean-Claude Izzo per Marsiglia.

Noir mediterraneo[modifica | modifica wikitesto]

In questo genere, tipicamente ambientato nell’area del sud Europa, il messaggio sociale si accompagna al gusto dell’intrigo poliziesco che qui non è fine a se stesso, ma veicolo per trasmettere un messaggio più profondo.[senza fonte] Jean-Claude Izzo è riconosciuto come il fondatore del "noir mediterraneo" avendo saputo dare vita ad un genere nel quale la bellezza del paesaggio Mediterraneo contrasta profondamente col crimine che vi si incontra. Massimo Carlotto ha definito il noir mediterraneo come una percezione nata dal "senso di appartenenza che molti autori hanno sentito verso la propria terra, portandoli quindi a raccontare gli aspetti meno piacevoli. Il noir mediterraneo inteso come tale è figlio di quel giornalismo d’inchiesta che è stato (almeno in Italia) distrutto da un oggetto incredibilmente efficace: la querela."

Oltre agli autori già citati, tra i rappresentanti di questo genere troviamo Sandrone Dazieri, Bruno Morchio, Gianrico Carofiglio, Valerio Varesi, Gianni Biondillo, Giancarlo De Cataldo, Carlo Lucarelli, Enrico Pandiani, Loriano Macchiavelli, Bruno Vallepiano.

Hard boiled[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Hard boiled.
Dashiell Hammett

Molti considerano il noir un tutt'uno con il genere hard boiled[senza fonte], i cui principali esponenti sono Dashiell Hammett, Raymond Chandler e Mickey Spillane; altri ritengono possibile identificare delle differenze significative tra il primo, più incentrato sulla costruzione della suspense, e il secondo, che dà più spazio alla personalità del detective e all'azione[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Noir: Genere o stile?, di Cristina Menegolli
  2. ^ analogamente in italiano per indicare questo genere si utilizzano come sinonimi "romanzo nero" e "romanzo gotico"
  3. ^ (EN) George Tuttle, What Is Noir?. URL consultato il 20 aprile 2013.
  4. ^ C'era una volta il giallo III. L'età del sangue, Orsi G.F., Volpatti L., Alàcran, 2007
  5. ^ ibid. C'era una volta il giallo III. L'età del sangue, Orsi G.F., Volpatti L., Alàcran, 2007

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]