Square Enix

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Square Enix Holdings Co., Ltd.
Logo
Stato Giappone Giappone
Tipo Kabushiki Kaisha
Borse valori Borsa di Tokyo: 9684
Fondazione 1º aprile 2003
Fondata da Yasuhiro Fukushima
Sede principale Tokyo
Filiali
  • Square Enix Co., Ltd.
  • Taito
  • StyleWalker, Inc.
  • Smile-Lab Co., Ltd.
  • Community Engine Inc.
  • Square Enix MobileStudio, Co., Ltd.
  • Square Enix, Inc.
  • Square Enix Ltd.
  • Square Enix (China) Co., Ltd.
Persone chiave
Settore Informatico
Prodotti Videogiochi
Fatturato 125,2 miliardi di Yen[1] (2011)
Dipendenti 3.297[1] (2011)
Sito web www.square-enix.com

Square Enix Holdings Co., Ltd. (株式会社スクウェア・エニックス・ホールディングス Kabushiki Kaisha Sukuwea Enikkusu Hōrudingusu?) è una holding giapponese del settore dell'informatica, fondata il 1º aprile 2003 a Tokyo e quotata nella borsa di Tokyo dal 18 agosto 1999 (come Enix), nota per produrre le serie di videogiochi di ruolo alla giapponese: Final Fantasy, Dragon Quest e Kingdom Hearts.
Nasce dalla fusione di due delle più grandi protagoniste del mondo dell'industria videoludica: Square e Enix.

L'azienda[modifica | modifica sorgente]

Square Enix ha sede principale a Tokyo; sviluppa, pubblica e distribuisce prodotti di intrattenimento elettronico interattivo in tutti i mercati mondiali: Giappone, Stati Uniti, Europa, Asia, Oceania. Con la fusione delle due società sono state portate sotto un unico marchio due delle più famose saghe di videogiochi di ruolo alla giapponese: Final Fantasy e Dragon Quest (conosciuta come "Dragon Warrior" negli Stati Uniti) vere e proprie colonne portanti dell'azienda alle quali si è recentemente aggiunta una nuova e fortunata partnership con Disney Interactive che ha dato origine alla serie di Kingdom Hearts (nata sotto Square).

Il 22 aprile 2009 acquisisce la famosa casa produttrice e distributrice di videogiochi, Eidos Interactive, investendo 84,3 milioni di Sterline[2][3].

Nel 2012 l'azienda chiude l'anno con un disastroso deficit di almeno 45 milioni di euro[4], motivo per cui il presidente Yoichi Wada viene sollevato dal suo incarico, in favore di Yosuke Matsuda, attuale presidente della compagnia[5].

Sussidiarie[modifica | modifica sorgente]

Square Enix, Inc.[modifica | modifica sorgente]

Square Enix, Inc., ha sede a Los Angeles e gestisce localizzazione, marketing e pubblicazione dei prodotti per gli Stati Uniti.

A inizio 2004 le testate di informazione economica giapponesi hanno annunciato uno spostamento nell'area di interesse Square Enix dal Giappone agli USA e all'Europa, avvenuta a inizio primavera, atta a "potenziare" il business oltreoceano ed europeo rafforzando gli investimenti pubblicitari e il settore multiplayer.

Square Enix Ltd.[modifica | modifica sorgente]

Square Enix Ltd., ha sede a Londra e detiene i diritti di pubblicazione dei titoli Square Enix in Europa e negli altri territori PAL dei quali gestisce vendite, marketing e produzione.

Square Enix (China) Co., Ltd.[modifica | modifica sorgente]

Square Enix (China) Co., Ltd., è stata fondata nel gennaio 2005 come sussidiaria interamente controllata ed ha sede a Pechino. Gestisce la pubblicazione e la distribuzione dei titoli Square Enix in Cina e nelle altre regioni asiatiche.

Dati e numeri[modifica | modifica sorgente]

Nel primo trimestre dell'anno fiscale 2004, Square Enix ha dimostrato un EBIT di 662 milioni di yen con 8,2 miliardi di yen nelle vendite.[6] La maggior parte degli incassi proviene da materiale sviluppato per PlayStation 2. Nell'aprile 2003 Square Enix ha incrementato le stime di profitto per i primi 3 anni di attività portandole a 30 miliardi di yen (226 milioni di euro). Anche il settore vendite ha subito la medesima sorte arrivando ad una stima di 100 miliardi di yen (750 milioni di euro), superiore alla quantità raccolta nell'ultimo anno da Enix e Square come società separate.

Nel 2009 la società ha annunciato di aver acquisito la licenza del motore grafico GameBryo dallo sviluppatore Emergent.[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Profilo della società
  2. ^ Square-Enix acquisisce Eidos, gamesblog.it, 22-4-2009. URL consultato il 4-6-2011.
  3. ^ RECOMMENDED CASH OFFER, Hemscott, 12 febbraio 2009. URL consultato il 4 giugno 2011.
  4. ^ Square Enix in perdita di 45 milioni di Euro, Games969.com, 5 febbraio 2013. URL consultato il 4 aprile 2013.
  5. ^ 代表取締役の異動に関するお知らせ, Square-enix.com, 18 marzo 2013. URL consultato il 4 aprile 2013.
  6. ^ (EN) Risultati finanziari consolidati al 30 giugno 2004
  7. ^ Square Enix acquisisce in licenza GameBryo, Hardware Upgrade, 19-3-2009. URL consultato il 19-3-2009.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]