Final Fantasy V

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Final Fantasy V
Final Fantasy Logo V.jpg
Logo di Final Fantasy V
Titolo originale ファイナルファンタジーV
Sviluppo Square
PS / GBA
TOSE
Pubblicazione SNES
JPN Square
PlayStation
JPN Square
NA Square
PAL SCEE
Game Boy Advance
JPN Square Enix
NA Nintendo of America
PAL Nintendo of Europe
Ideazione Hironobu Sakaguchi
Serie Final Fantasy
Data di pubblicazione 1992
Genere Videogioco di ruolo alla giapponese
Tema Fantasy
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Super Nintendo Entertainment System, Game Boy Advance, iPhone
Preceduto da Final Fantasy IV
Seguito da Final Fantasy VI

Final Fantasy V (ファイナルファンタジーV Fainaru Fantajī Faibu?) fa parte della saga di videogiochi di ruolo alla giapponese Final Fantasy, prodotta dalla Square. La sua peculiarità è il miglioramento dello “Job System”, già introdotto in Final Fantasy III, grazie al quale è possibile scegliere la classe del combattente, cambiandone così attacchi e parametri.

Originariamente creato per Super Nintendo Entertainment System, ne è stato eseguito un porting per PlayStation nella raccolta Final Fantasy Anthology e anche un remake per Game Boy Advance e per iPhone. Rispetto alla versione per Playstation e Super Nintendo sono state aggiunte quattro nuove professioni (Job): Artigliere, Oracolo, Gladiatore e Negromante.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel regno di Tycoon il re è allarmato dal vento che, in quei giorni, si sta indebolendo. Decide così di recarsi, con il suo drago Hiryuu, al santuario dove è custodito il cristallo del vento, lasciando al castello la figlia Lenna con il timore che gli accada qualcosa.

La principessa si dirige verso il santuario quando, poco lontano da lei, cade un meteorite. Il meteorite in realtà è cavo ed al suo interno si trova Galuf, un vecchio originario di un altro mondo venuto per avvisare tutti di un pericolo imminente; purtroppo, nell'impatto, perde la memoria. Lenna e Galuf sono soccorsi da Bartz, un girovago, accompagnato dal suo pennuto bipede, Boko.

Bartz e Galuf decidono di seguire la principessa, finché lo stuoletto non capiterà in un nascondiglio di pirati; essi vagheggiano di rubare una nave che riesce a navigare senza vento ma, scoperti dai pirati, vengono imprigionati. Subito dopo verranno liberati dal capitano Faris (in realtà femmina), la quale segue il terzetto fino ad arrivare al santuario del vento dove, però, accade la tragedia: il cristallo del vento lì custodito si frantuma, uccidendo il padre di Lenna, ma consacrando i quattro al loro destino, ovvero divenire i nuovi guerrieri della luce; essi ricevono dai frammenti del cristallo il potere degli antichi guerrieri.

Il quartetto viaggia in cerca degli altri tre cristalli per sviarne la frantumazione. Durante il loro viaggio gli eroi scoprono che i cristalli sono collegati a macchine che ne amplificano il potere ma, al contempo, lì indeboliscono. Nel "Regno del Fuoco" il gruppo sale sulla nave del fuoco ed incontra il costruttore di tali macchine: Cid.

Nel "Regno dell'Acqua" salgono sulla torre di Walz, e si recano nella città volante per raggiungere il cristallo della terra, ma in tutti e tre i casi non avranno successo, condannando il pianeta alla morte. Vicino ad ogni cristallo avviene sempre la caduta di un meteorite, infittendo così il mistero.

Dopo di ciò Galuf recupera la memoria, ricordandosi di essere il re di un altro mondo, e correrà a casa sfruttando il potere delle meteoriti. I suoi tre amici lo seguono e svelano molti misteri: i quattro cristalli servivano, oltre che per fornire i quattro elementi all'esistenza, come sigillo a uno stregone malvagio, Ex Death, cui ordì un progetto per annientare i cristalli e sprigionare il potere suo.

Inizia così una guerra tra l' esercito del malvagio stregone e l’esercito di Galuf, che si concluderà, grazie al sacrificio di alcuni guerrieri dell'alba (gli antichi guerrieri che sigillarono Ex Death, di cui fa parte anche Galuf, che morendo successivamente lascerà il suo posto alla nipotina Crile), con l'intrusione nella base nemica e la sconfitta di Ex Death, che distruggerà anche i cristalli dell'altro mondo, facendo così in modo che i due pianeti si riunissero nella loro forma originale.

A questo punto lo stregone otterrà il potere del “Void”, il “Vuoto”, minacciando di distruggere l'esistenza stessa. I quattro guerrieri della luce porranno fine ai suoi piani grazie a incantesimi e armi antiche ottenute in un difficoltoso viaggio.

Personaggi Principali ed Antagonista[modifica | modifica wikitesto]

Bartz:

  • Viandante solitario, assieme al suo chocobo Boko, il "koko", esplora il mondo. Un giorno, per puro caso, mentre Bartz sta riposando, un meteorite cade in una foresta vicino e, incuriosito, egli si addentra nel bosco.

Nota immediatamente dei Goblin, mostri umanoidi, che stanno rapendo una ragazza svenuta: prontamente Bartz attacca i mostri e li elimina. Grazie a questo suo gesto eroico fa la conoscenza di due dei suoi futuri alleati ed amici: Lenna, la principessa del regno di Tycoon (Bartz non ne è ancora a conoscenza però, solo dopo una parte del gioco lo scopre) e Galuf, un anziano tutto pimpante che però ha perso la memoria.

Più avanti nel gioco, oltre la metà, è possibile scoprire come Bartz non appartenga realmente al mondo dove vive, ma è figlio di uno dei quattro eroi leggendari che sconfissero anni prima Ex Death o "Già Morto" in italiano, il cattivo principale di questo capitolo.

Lenna:

  • Un giorno il vento, la terra, il fuoco e l'acqua si fermarono... la principessa Lenna, figlia del re Tycoon, preoccupata delle sorti del padre non più tornato dal Tempio del Vento, s’incamminò ma un meteorite le cadde vicino e, a causa del tumulto, svenne.

Di carattere umile e gentile per essere una principessa, Lenna è salvata dai Goblin da Bartz con cui proseguirà il viaggio. Più in avanti si scoprirà che Faris/Farisa, la piratessa, in realtà è sua sorella.

Galuf:

  • Vecchio signore dall'aspetto nobile che ha perso la memoria; non ricorda nulla del suo passato, solo il nome Galuf, ed il suo obiettivo: controllare il Tempio del Vento.

Man mano che il gioco prosegue, Galuf inizia a ricordare il suo passato: in realtà lui è il re di uno dei regni del secondo mondo ed è anche uno dei quattro eroi che sconfissero Ex Death.

Verso la metà del gioco verrà ucciso da Ex - Death, da cui stava difendendo la nipote Krile e i suoi compagni. Sua nipote Krile occuperà il suo posto.

Faris/Farisa:

  • Capo di una banda di pirati a lei affezionati, Farisa incontra Bartz, Lenna e Galuf per puro caso, quando questi ultimi tentano di rubare la sua nave per raggiungere il Tempio del Vento. Quando Lenna svela di essere la principessa di Tycoon, ha in mente di usarla come ostaggio, ma quando Lenna le mostra un ciondolo, Faris si accorge che è tale e quale al suo, nascosto nel petto e, dopo una notte insonne, decide di liberare Lenna ed i suoi amici. Si aggiunge al gruppo per scoprire il suo passato, abbandonando persino i suoi amici pirati.

Krile:

  • La nipotina di Galuf, capricciosa e prepotente, in realtà è dolce e gentile, ma cerca sempre di mostrarsi "come deve comportarsi una regina". Possiede l'innata abilità di parlare ai Moguri. In seguito sostituirà il nonno Galuf, morto per proteggere lei ed i suoi compagni.

Antagonisti[modifica | modifica wikitesto]

Ex Death:

Bieco incantatore nero millenario, è fisicamente ciclopico, indossa una corazza adamantina ed ha la mente offuscata da odio, sangue e morte. Creduto sigillato eternamente, egli riesce con le emanazioni della sua mente a liberarsi, distruggendo i cristalli. Il suo obiettivo è aprire il "Void" definitivamente e distruggere tutto.

Durante la sua prigionia, Ex Death ha acquisito capacità inumane sempre più potenti, unendosi ad obbrobri infernali. La sua emanazione di potere supremo è un albero demoniaco.

Neo Ex Death

Ex Death rinato, in realtà sono tutti i demoni a cui Ex Death ancora umano si era unito. Lo si combatte nel duello finale.

Gilgamesh ed Enkidu

Due sottoposti fedeli ad Ex Death. In realtà Gilgamesh è un personaggio epico, comparso nella Epopea di Gilgamesh, al cui fianco ha Enkidu, uomo un tempo selvaggio, ma da lui reso retto e saggio. Nel gioco, Gilgamesh è malvagio, ma con il cuore sorretto dal bene.

Professioni[modifica | modifica wikitesto]

In Final Fantasy V ogni personaggio ha a disposizione numerosissimi tipi di classi, che permettono di variare moltissimo le abilità dei personaggi e le tattiche di gioco: questo è uno dei motivi per cui Final Fantasy V è stato in passato apprezzato di più.

Le professioni sono:

  • Tuttofare. È la professione iniziale di ogni personaggio, può equipaggiare qualsiasi strumento e avere due comandi di abilità, non avendone una sua.
  • Cavaliere, guerriero che protegge i suoi alleati morenti, forte fisicamente.
  • Monaco, classe senza armi, ma molto potente, capace di attaccare con pugni e calci e contrattaccare.
  • Paladino, classe guerriera che incanta le spade con gli stessi incantesimi del mago nero.
  • Berserker, in questa classe non si ha il controllo del personaggio, ma la sua forza è immensa.
  • Ladro, ruba gli oggetti dal nemico, fa correre per le città ed è bravo a fuggire.
  • Dragone, classe specializzata nei salti per attaccare i nemici dall’alto, usa le lance.
  • Ninja, lancia armi al nemico infliggendo danni in base all'arma lanciata, può equipaggiare più di un'arma alla volta.
  • Samurai, infligge ingenti danni lanciando guil al nemico.
  • Ranger, usa l’arco e chiama in aiuto gli amici animali.
  • Mago bianco, mago che cura le ferite e protegge gli alleati. La sua magia proibita è Sancta.
  • Mago nero, un mago che attacca i nemici con gli elementi, molto potente. La sua magia proibita è Vampalia (o Fusione, a seconda della traduzione).
  • Mago temporale, un mago che accelera e rallenta il tempo a piacimento e distorce lo spazio per causare danni. La sua magia proibita è Meteora.
  • Invocatore. Richiama potenti creature per sferrare attacchi di grande effetto. L’invocazione proibita è Bahamut.
  • Mago blu. Il mago blu impara le sue magie direttamente dai nemici. Copre svariate funzioni.
  • Mago rosso. È capace di utilizzare sia la magia bianca sia quella nera, ma non può raggiungere gli stessi livelli di potenza delle altre due classi. Tuttavia è capace di lanciare due magie di seguito.
  • Domatore. Può controllare e catturare i mostri per poi riutilizzarli in battaglia.
  • Geomante. Una classe che utilizza i poteri della terra per attaccare, le mosse variano secondo il campo di battaglia.
  • Bardo. Canta canzoni dai diversi effetti, modifica le statistiche alleate e nemiche.
  • Ballerino. Balla creando effetti casuali.
  • Alchimista. Beve pozioni in battaglia per diventare più potente e mischia oggetti vari per produrne di nuovi, causando danni ai nemici o aiutando gli alleati.
  • Mimo. Una classe speciale che mima l’ultima azione compiuta senza alcun costo di mp/oggetti

Si trova completando una sub-quest nella "Torre di Walz" affondata, dove lo spirito del cristallo vi chiederà di imitarlo per un certo tempo. (lui non farà nulla, quindi voi non dovete compiere alcuna azione).

Le classi seguenti sono dei bonus presenti nella versione per GameBoy Advance e iPhone e non si trovano seguendo la storia principale.

  • Artigliere. Come l'alchimista fonde oggetti, ma solo per attaccare e sparare col suo cannone.
  • Gladiatore. Molto forte fisicamente può sferrare un attacco speciale che causa danni anche fino a 9999 (il massimo possibile), ma molto spesso fallisce.
  • Oracolo. Usa magie a lungo termine simili a quelle del mago nero e bianco, ma è anche capace di predire cataclismi che si avverano dopo un certo numero di turni, creando disparati effetti.
  • Negromante. Mago che utilizza poteri oscuri.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Da notare che assieme a Final Fantasy X-2, Final Fantasy V è quello più femminile: dalla metà del gioco in poi dovremo usare tre femmine e solo un maschio.
  • Il personaggio Gogo, in questo episodio un nemico segreto, è utilizzabile come personaggio opzionale in Final Fantasy VI.
  • Esiste un seguito di Final Fantasy V, un OAV di quattro puntate intitolato Final Fantasy - La leggenda dei cristalli, che è stato pubblicato in Italia dalla Dynamic Italia; mostra ciò che avviene nel mondo del videogioco 200 anni dopo la sconfitta del turpe Ex - Death, l'essere immondo che minacciò il mondo usando il "portale del vuoto assoluto”.