Enkidu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enkidu lotta contro un leone

Enkidu è un personaggio della mitologia sumera ed è rappresentato come un uomo selvaggio, allevato da animali. Il suo nome, in alcune fonti più antiche, è riportato come Enkiddu, Enkidu, Eabani, Enkita.

Nell'Epopea di Gilgamesh la sua mancanza di civiltà viene vinta dall'incontro con una cortigiana, una delle più antiche attestazioni del ruolo civilizzatore delle donne. Sempre nello stesso mito viene dato ampio spazio alla sua amicizia con Gilgameš. Entrambi gli eroi, si recano al palazzo di Ninsun, l'Egalmah, dove la regina madre affida ad Enkidu suo figlio Gilgameš perché lo protegga nel viaggio verso la Foresta dei cedri. È la sua morte che spinge Gilgameš alla vana ricerca dell'immortalità.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gilgameš.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Il Ghilgames, Claudio Saporetti, Simonelli Editore
  • Saggi su Ghilgamesh, Claudio Saporetti, Simonelli Editore
  • L'Epopea di Gilgamesh, (a cura di) N. K. Sandars, Adelphi
  • Uomini e dei della Mesopotamia: alle origini della mitologia, J. Bottero & S. N. Kramer, Einaudi
  • The Epic of Gilgamesh - a new translation, Andrew George, Penguin Classics (in inglese)
  • La saga di Gilgamesh, (a cura di) Giovanni Pettinato, Mondadori

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]