Vladimír Weiss (1989)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vladimír Weiss
Ukrain-Slovakia (4).jpg
Weiss con la nazionale slovacca nel 2014
Nazionalità Slovacchia Slovacchia
Altezza 173 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista, attaccante
Squadra Al-Gharafa
Carriera
Giovanili
?-2006 Inter Bratislava
2006-2009 Manchester City
Squadre di club1
2009-2010 Manchester City1 (0)
2010 Bolton13 (0)
2010-2011 Rangers23 (5)
2011-2012 Espanyol28 (3)
2012-2013 Pescara22 (4)
2013-2014 Olympiakos17 (4)
2014-2016 Al-Duhail43 (20)
2016- Al-Gharafa52 (23)
Nazionale
2007 Slovacchia Slovacchia U-193 (0)
2008-2009Slovacchia Slovacchia U-218 (1)
2009-2018Slovacchia Slovacchia66 (7)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al giugno 2019

Vladimír Weiss (Bratislava, 30 novembre 1989) è un calciatore slovacco, centrocampista o attaccante dell'Al-Gharafa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anche suo padre e suo nonno (entrambi di nome Vladimír) sono stati calciatori. Suo padre ha militato nella nazionale cecoslovacca prima e in quella slovacca poi. Successivamente è diventato allenatore ed è diventato il CT della Slovacchia, nazionale che ha guidato in occasione di Sudafrica 2010 (prima storica qualificazione mondiale per la nazionale slovacca).

Il suo omonimo nonno invece ha militato nella nazionale cecoslovacca, con la quale ha partecipato ai Giochi olimpici di Tokyo del 1964, dove ha conquistato la medaglia d'argento.

Il 2 ottobre 2016 viene arrestato a Bratislava: era stato fermato dalla polizia locale alla guida di una macchina di lusso con 10 persone a bordo e si era rifiutato sottoporsi all'alcool test e al controllo del sangue, opponendo anche resistenza.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Weiss è un'ala che può giocare su entrambi i lati, ma predilige il lato destro.[2] La velocità,[3][4] un attento controllo di palla, abilità e il cross sono le sue armi migliori,si rende protagonista suo malgrado a volte, di comportamenti al di fuori delle regole in campo procurandosi molteplici espulsioni.[3] Weiss ad alcuni ricorda Robben per la facilità con cui va al tiro.[3] Spesso insiste troppo nel dribbling.[5]

Nel 2010 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 stilata da Don Balón.[6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Manchester City[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 aprile 2008 ha esordito nel secondo turno della FA Youth Cup Finals contro il Chelsea nella partita vinta per 3-1 dai citizens.[3] Vladimír esordisce in Premier League il 24 maggio 2009, in Manchester City-Bolton (1-0).[3][7]

Il 2 dicembre 2009 segna il suo primo gol con il City nei quarti di finale di Carling Cup contro l'Arsenal, sancendo il 3-0 finale.

Il 25 gennaio 2010 passa in prestito al Bolton,[8] con la cui maglia colleziona 13 presenze in Premier League.

Rangers ed Espanyol[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 agosto 2010 è stato ceduto nuovamente in prestito al Rangers.[9]

Nei Rangers trova un posto da titolare nella stagione 2010-2011. Il 16 ottobre 2010 arriva la prima realizzazione nel 4-1 dei Rangers sul Motherwell.[10]

Il 20 ottobre 2010 fa il suo esordio in Champions League nella partita Rangers-Valencia (1-1), dove viene sostituito nel finale da Kyle Lafferty. Al 34' ha offerto l'assist che ha permesso ad Edu di siglare l'1-0.[11]

Il 31 ottobre 2010 subisce un infortunio al tallone contro l'Inverness 1-1.[12] Il 26 dicembre 2010 troverà la via del gol ancora contro il Motherwell e sempre per 4-1 in favore dei blues.[13] Il 15 gennaio 2011 realizza la sua prima doppietta in SPL ai danni dell'Hamilton, partita che terminerà sul punteggio di 4-0.[14]

Una volta scaduto il prestito, fa ritorno al Manchester City e viene subito dato in prestito agli spagnoli dell'Espanyol.

Pescara[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 agosto 2012 viene acquistato dal Pescara, neopromosso in Serie A, a titolo definitivo per 1,8 milioni di euro e con un contratto annuale con opzione per le seguenti stagioni sportive:[15] il rinnovo sarà automatico in caso di salvezza del club abruzzese.[16]

Esordisce nella massima serie domenica 26 agosto 2012 contro l'Inter, 1ª giornata della Serie A 2012-2013, gara persa dai suoi 0-3.

Segna il suo primo gol con la maglia del Pescara, nonché suo primo gol italiano in assoluto, mercoledì 26 settembre 2012 durante il turno infrasettimanale valevole per la 5ª giornata del campionato, sancendo l'1-0 interno contro il Palermo. A fine stagione la squadra retrocede in Serie B.

Olympiakos e Lekhwiya[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 giugno 2013, svincolatosi dal Pescara, firma un contratto triennale con i greci dell'Olympiakos. Il 19 agosto seguente esordisce con i Erithrolefki nella gara di Souper Ligka Ellada contro il Kallonis. La prima rete la sigla alla sua seconda presenza nella gara del 1º settembre 2013 vinta 5-0 contro il Levadeiakos. Il 17 settembre firma la sua prima rete in UEFA Champions League in Olympiakos-Paris Saint-Germain 1-4.

Il 27 gennaio 2014, dopo aver giocato 25 presenze con 6 gol totali con la squadra greca, si trasferisce in Qatar per giocare con il Lekhwiya. L'esordio avviene quattro giorni dopo contro l'Al-Mu'aidar, gara vinta 5-0. Il primo gol lo sigla invece il 4 febbraio all'Al-Gharafa.

Il 31 gennaio 2019 decide la finale di Qatar Stars Cup 2018-2019 segnando l'unica rete contro l'Al Duhail.[17]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato 12 partite con 1 gol tra Under-19 e Under-21 slovacca, il 12 agosto 2009 ha esordito in Nazionale maggiore nella gara amichevole pareggiata 1-1 contro l'Islanda.[18] Ha giocato quattro incontri di qualificazione al mondiale 2010 e tre partite nella fase finale dei mondiali contro Nuova Zelanda (1-1), Paraguay (0-2) e Italia (3-2).[19]

L'8 ottobre 2010 realizza il suo primo gol in Nazionale maggiore in Armenia-Slovacchia (3-1), gara valida per le qualificazioni agli europei 2012.[20] Segna altre 3 reti in Nazionale, ovvero: 29 febbraio 2012 contro Turchia, 23 maggio 2014 contro Montenegro e il 27 marzo 2015 contro il Lussemburgo.

Viene convocato per gli Europei 2016 in Francia.[21] Il 15 giugno 2016 segna il goal del momentaneo vantaggio della Slovacchia contro la Russia su assist di Marek Hamšík.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 28 maggio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2008-2009 Inghilterra Manchester City PL 1 0 FACup+CdL 0+0 0+0 CU 0 0 - - - 1 0
2009-gen. 2010 PL 0 0 FACup+CdL 1+3 0+1 - - - - - - 4 1
Totale Manchester City 1 0 4 1 5 1
gen.-giu. 2010 Inghilterra Bolton PL 13 0 FACup+CdL 0+0 0+0 - - - - - - 13 0
2010-2011 Scozia Rangers SPL 23 5 SFACup+SCdL 2+4 0+0 UCL+UEL 3+3 0+0 - - - 35 5
2011-2012 Spagna Espanyol PD 28 3 CR 5 2 - - - - - - 33 5
2012-2013 Italia Pescara A 22 4 CI 1 1 - - - - - - 23 5
2013-gen. 2014 Grecia Olympiakos SLE 17 4 CG 3 1 UCL 5 1 - - - 25 6
gen. 2014-giu. 2014 Qatar Lekhwiya QL 7 4 - - - ACL 7 1 - - - 14 2
2014-2015 QL 22 8 - - - ACL 9 2 - - - 31 10
2015-2016 QL 14 8 - - - - - - - - - 14 8
Totale Lekhwiya 43 20 16 3 59 23
Totale carriera 147 36 19 5 27 4 193 45

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Rangers: 2010-2011
Rangers: 2010-2011
Lekhwiya: 2013-2014, 2014-2015
Al-Gharafa: 2018-2019

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pescara, l’ex Weiss arrestato dopo aver rifiutato test con l’etilometro itasportpress.it
  2. ^ Alex Frosio, Stefano Boldrini, Slovacchia Un debutto nel segno di Hamsik, in La Gazzetta dello Sport, 15 maggio 2010. URL consultato il 23 marzo 2016.
  3. ^ a b c d e (EN) Sky Sports Scout - Vladimir Weiss, in skysports.com. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  4. ^ Slovacchia, che delusione! Pari Nuova Zelanda al 93' [collegamento interrotto], in Corriere dello Sport, 15 giugno 2010. URL consultato il 23 marzo 2016.
  5. ^ Nicola Cecere, MUCHA TIENE, SESTAK SCAPPA SANTA CRUZ, ASSIST DI CLASSE, in La Gazzetta dello Sport, 21 giugno 2010. URL consultato il 23 marzo 2016.
  6. ^ (EN) Don Balon's list of the 100 best young players in the world, thespoiler.co.uk, 2 novembre 2010. URL consultato il 22 novembre 2011.
  7. ^ Tim Oscroft, City 1–0 Bolton, in Manchester City, 24 maggio 2009. URL consultato il 25 maggio 2009.
  8. ^ (EN) Wanderers Sign Weiss Archiviato il 28 gennaio 2010 in Internet Archive. bwfc.co.uk
  9. ^ (EN) Vlad heads north of the border, in mcfc.co.uk, 19 agosto 2010.
  10. ^ (EN) Rangers 4-1 Motherwell Uefa.com
  11. ^ (EN) Rangers held by Valencia as Edu loses direction, in uefa.com, 20 ottobre 2010. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  12. ^ (EN) Rangers sweat on Weiss and Edu injuries, in uefa.com, 31 ottobre 2010. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  13. ^ (EN) Motherwell 1-4 Rangers Uefa.com
  14. ^ (EN) Rangers 4-0 Hamilton Uefa.com
  15. ^ Ufficiale: Vladimir Weiss è del Pescara Archiviato il 6 agosto 2012 in Internet Archive. Pescaracalcio.com
  16. ^ Pedullà: "Weiss può partire a zero. E gli estimatori..." Tuttomercatoweb.com, 1º marzo 2013
  17. ^ Al Gharafa 1-0 Al Duhail, soccerway.com.
  18. ^ Tim Oscroft, International call-up news, in Manchester City, 9 agosto 2009. URL consultato il 9 agosto 2009.
  19. ^ (EN) Statistiche su Fifa.com Fifa.com
  20. ^ (EN) Slovakia hopes dented as Armenia win in Yerevan, in uefa.com, 8 ottobre 2010. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  21. ^ (SK) Ján Kozák oznámil mená pre Euro 2016, su futbalsfz.sk, 30 maggio 2016. URL consultato il 30 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]