Ispra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'ente di ricerca ISPRA, vedi Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale.
Ispra
comune
Ispra – Stemma Ispra – Bandiera
Ispra vista dalla costa di Ranco
Ispra vista dalla costa di Ranco
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Varese-Stemma.png Varese
Amministrazione
Sindaco Melissa De Santis (lista civica "Ispra futura") dal 25/05/2014 (1º mandato)
Territorio
Coordinate 45°49′00″N 8°37′00″E / 45.816667°N 8.616667°E45.816667; 8.616667 (Ispra)Coordinate: 45°49′00″N 8°37′00″E / 45.816667°N 8.616667°E45.816667; 8.616667 (Ispra)
Altitudine 220 m s.l.m.
Superficie 10,2 km²
Abitanti 5 238[1] (31-12-2010)
Densità 513,53 ab./km²
Frazioni Alto Paese, Barza, Borghetto, Cascine, Case Nuove, Monteggia*(CCR), Quassa.

(*) Di fatto non più esistente; non in uso alla popolazione civile, inglobata nel territorio della Commissione della Comunità Europea.

Comuni confinanti Angera, Belgirate (VB), Brebbia, Cadrezzate, Lesa (NO), Ranco, Travedona Monate
Altre informazioni
Cod. postale 21027
Prefisso 0332
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 012084
Cod. catastale E367
Targa VA
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 454 GG[2]
Nome abitanti Ispresi
Patrono san Martino di Tours
Giorno festivo 11 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ispra
Posizione del comune di Ispra nella provincia di Varese
Posizione del comune di Ispra nella provincia di Varese
Sito istituzionale

Ispra (Ispra in dialetto varesotto) è un comune italiano di 5.238 abitanti della provincia di Varese in Lombardia, ed ha una superficie territoriale con un'altimetria che varia dai 193 m s.l.m. ai 311 m s.l.m.. È sede del Centro Comune di Ricerca (C.C.R.) o Joint Research Center (J.R.C.), che ne occupa un terzo del territorio. È un comune lacustre affacciato sulla riva sinistra del lago Maggiore o Verbano, soprannominata "sponda magra", ora detta anche in modo più accattivante "Costa Fiorita".

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Il paesaggio è modulato dal Lago Maggiore sul quale lspra si affaccia con uno sviluppo molto esteso di costa. Una ripida collina, articolata nei due rilievi del Monte del Prete e del Monte dei Nassi, si inoltra a promontorio nel Verbano, delimitando piccole insenature, con pendii rocciosi segnati dalle tracce di antiche fornaci da calce.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Lago visto da Ispra

Alla natura rocciosa di questo paesaggio si deve, secondo Gaudenzio Merula (De Gallorum Cisalpinorum antiquitate ac origine, Lione 1538), l'origine del nome del paese: Hisprum quasi asperum ob saxorum difficultates.

Questo territorio fu abitato fino da tempi antichissimi. Alcuni ritrovamenti recenti di manufatti di selce, sulla sponda del lago, in località Lavorascio, fanno pensare a remote età preistoriche. Nella torbiera che si estendeva sotto il colle di Barza, tra Quassa e Angera, fu trovata nel secolo scorso la bella piroga preistorica che oggi è conservata nel Museo dell'isola Bella. Se l'età del bronzo, con la civiltà delle palafitte, è ben documentata nelle immediate vicinanze, sulle sponde del lago di Cadrezzate, in lspra si sono scoperte tracce consistenti ed inequivocabili che testimoniano della presenza stabile di popolazioni dell'età del ferro, riconducibili alla cosiddetta Cultura di Golasecca protoceltica. Una tomba con un notevole corredo di ceramica è stata messa in luce nel 1971, mentre altri frammenti di ceramica domestica, provenienti in gran numero dal Monte del Prete, hanno successivamente confermato il quadro di un centro che fu sicuramente abitato in quel periodo. Anche in età romana ci fu una sicura presenza umana. Ne sono testimonianza alcuni bei monumenti che si conservano ancora in paese: are, urne di serizzo e lapidi con iscrizioni latine si trovano nel parco e nella villa Sagramoso-Brivio, nella torre medievale dì Barza e nell'ingresso del parco di Quassa.[senza fonte]

Il più antico documento che cita il nome del paese è una pergamena dell'anno 826, che si trova oggi nell'Archivio di Stato di Milano. Da allora molti documenti riferiscono della vita di un abitato di ampiezza non trascurabile. Molte delle memorie sopravvissute, relativamente al medioevo, riguardano la vita religiosa.

Sappiamo che nel XIII secolo il paese poteva contare ben sette tra Chiese e Cappelle, mentre i nobili di lspra sono ricordati tra coloro che maggiormente concorsero all'edificazione del vicino Eremo di Santa Caterina del Sasso di Leggiuno, verso il quale il paese conservò sempre particolare devozione.

Lungo il piccolo fiume Quassera, nella pianura verso Angera, si combatté nel 1276, anche con la presenza di forti milizie straniere, la cruenta battaglia tra i Torriani e i sostenitori all'Arcivescovo Ottone Visconti per il dominio dello Stato di Milano. Una superstite testimonianza delle vicende civili e militari di quei tempi si trova nei ruderi del Castello di San Cristoforo sulla cima del Monte del Prete (il colle principale) che sovrasta il nucleo più antico del centro abitato e che già nel XVI secolo aveva perso le sue funzioni difensive.

Nell'età moderna il villaggio segui il destino delle terre circostanti. Visse la vita modesta dei piccoli paesi di questa zona e fu per lungo tempo infeudato alla famiglia Borromeo. Nel 1636 subì il saccheggio che le truppe francesi, dopo la battaglia di Tornavento, portarono in questa pieve.

Nel XVIII sec. vi ebbe proprietà la nobile famiglia dei Forni di Milano.[senza fonte]

Ispra fu per molto tempo terra di confine sul lago che divide la Lombardia dal Piemonte e fu sede di stazione doganale nel periodo della dominazione austriaca. Fu teatro, nel Risorgimento, di episodi patriottici minori ed alcuni dei suoi abitanti si segnalarono per la partecipazione alle vicende militari. I suoi abitanti erano sempre vissuti dei frutti di una agricoltura non ricca, integrati da qualche abilità artigianale e da limitate attività di pesca. Non mancavano i vigneti che nel secolo scorso caratterizzavano le colline di questi paesi. Lungo il fiume Acquanera prosperavano i mulini.

Nella seconda metà dell'Ottocento e nei primi anni del Novecento si impose drammaticamente il fenomeno dell'emigrazione verso la Francia e le Americhe.

Nel 1882 venne inaugurata la stazione della ferrovia Novara-Pino, che offrì nuove opportunità allo sviluppo del paese.

Si affermò maggiormente in quel periodo la particolare industria per la produzione della calce ricavata dal calcare strappato ai fianchi delle colline e lavorata nelle molte fornaci esistenti. La attività estrattiva del calcare era in passato stagionale, ma i primi impianti a ciclo continuo segnarono uno dei primi tenui esempi di industrializzazione anche se di stampo artigianale: infatti le mansioni di carico e scarico della fornace erano eseguite da pochi addetti.

A cavallo di ottocento e Novecento le ditte che lavoravano il calcare erano divenute una decina e si era formata una classe di operai qualificati: costruite in riva al lago le fornaci servivano direttamente sul posto i barconi appositi che, via acqua, raggiungevano Milano. Si era creato così un indotto produttivo importante ma che declinò negli anni successivi. Successivamente, nel 1956-1958, in loco venne “industrializzato” lo sminuzzamento del “sasso calcareo” in diversi calibri e tramite camion veniva distribuito e ceduto anche ad altre fornaci lacuali come ad esempio quelle di Caldè, e l'ultima fornace chiuse nel 1960.

Negli anni ‘60, proprio quando iniziarono i lavori, con le prime ruspe, di sbancamento per la costruzione dell’”Euratom”, oggi (anno 2010) Centro Comune di Ricerca o JRC.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

Il complesso della chiesa parrocchiale di San Martino è l'unione di due chiese attigue ma con piante opposte, comunicanti tra loro dalle parti laterali degli absidi. La prima, più piccola, con affreschi seicenteschi, ha la facciata rivolta ad ovest, verso il lago Maggiore. La seconda del XVIII secolo, più attuale e ad uso celebrativo quotidiano, con la facciata opposta alla prima e rivolta alla piazza, verso est. Il campanile[3] in pietra arenaria è databile al 1680.

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

La città ospita diverse residenze di villeggiatura di famiglie facoltose.

  • Villa Castelli, con un parco di gusto romantico che si arrampica sulla collina, sede del comune.
  • Villa Ranci Ortigiosa dei Conti, dove visse lo scrittore Costanzo Ranci, posta fra il centro abitato ed il lago.
  • Villa Brivio Sagramoso, edificata nell'Ottocento, posta fra il centro abitato ed il lago.
  • Villa Quassa, dove trascorse l'infanzia Luigi Cadorna. Posta sulla costa meridionale in direzione di Ranco possiede un parco fra i più estesi del Lago Maggiore, trasformato assieme alla villa a fine Ottocento dalla famiglia Consonno.
  • Casa Don Guanella, a Barza, sorge sui resti di antiche fortificazioni medioevali e deve il suo aspetto attuale ai lavori eseguiti dopo il 1860 dal prorpietario, il tenore Pietro Mongini.

Le fornaci[modifica | modifica sorgente]

Ispra: fornace da calce "del port del Pinet"

Cinque sono le fornaci rimaste in piedi (2010), a cui corrispondono altrettante ferite bianca nella roccia delle colline: due attigue in località "Puncia" proprio sotto il Monte dei Nassi, una adattata ad edilizia privata in località fornaci e due lontane dal lago, prossime al borgo, la prima è parte di una villa privata in via Monte Dei Nassi e l'altra proprio in fregio alla via Monte Dei Nassi stessa.

Le fornaci da calce ispresi consistevano in un crogiolo di forma troncoconica di grandi dimensioni anche sino a 3/4 metri di diametro ed un’altezza di 6/9 metri, e avevano da un lato lo scarico della calce ed all’antipode, ma più rialzato, l’ingresso del camino del braciere di combustione della legna. Venivano costruite con particolari mattoni e pietre per garantire la presenza all'interno di materiale refrattario atto a mantenere il calore accumulato dalla combustione. Il tronco/cono della fornace veniva riempito dall’alto con la materia prima; il “sasso calcareo”, spaccato opportunamente in grandezze variabili da pochi centimetri sino a qualche decina di centimetri. Il riempire con sassi piccoli o grandi costituiva il “tiraggio” della fornace; con “sasso calcareo” grande si aveva un tiraggio maggiore ma una cottura più difficoltosa all’interno del sasso stesso e con “sassi calcarei” più piccoli minor tiraggio, spesso miglior cottura ma tempi allungati. La legna posta nel braciere veniva incendiata e mantenuto acceso il focolare per giorni. I fumi, entrando nella fornace o forno da un apposito condotto, attraversavano il "sasso calcareo" cedendone il proprio calore che poteva raggiungere a regime gli 800/1.000 gradi centigradi. La qualità della legna arsa nel braciere era l’altra variabile ai fini di una buona “infornata”. La cottura della calce avveniva a fuoco lento e durava più giorni. La “calce viva” quindi, a cottura ultimata, veniva tolta manualmente dal lato opposto del braciere e doveva essere “spenta” con appositi lavaggi d’acqua. L’operazione era classificata pericolosa per la produzione di gas venefici.

Monumento ai caduti[modifica | modifica sorgente]

Monumento ai caduti. via Marconi. Škoda 10 cm Vz. 1916
Monumento ai caduti. via Marconi

Un monumento ai caduti è collocato in prossimità del cimitero, all'ingresso meridionale del centro abitato.

Un altro monumento ricorda nella piazza adicente la chiesa di San Martino la figura del frate francesco francescano Ignazio da Ispra (1880-1935), morto durante la sua attività missionaria in Brasile.

Siti archeologici[modifica | modifica sorgente]

Sulla sommità del "Monte del Prete", collina più prossima al centro storico abitato, sono presenti i ruderi del Castello di San Cristoforo. La fortificazione godeva del panorama di tutto il medio Verbano che lo collegava, appunto, "a vista" con altri castelli (anche con quelli della cosiddetta "sponda grassa" mediante le segnalazioni con fuochi). Già diroccato dalla seconda metà del Cinquecento[senza fonte], si trattava di un impianto modesto costituito con la tipologia dei castelli a recinto, di cui oggigiorno rimangono solo parte della torre d'ingresso, una cisterna e una porzione delle mura, ridotte al livello del terreno.

In cima al "Monte dei Nassi" o meglio Tassi (da "taxus baccata" - nome latino di tale albero –, così menzionato per via di una, ormai scomparsa, foresta di tassi)[senza fonte] sorgeva la chiesa medievale di San Crescenzio. I ruderi si limitano a pochi resti delle fondazioni di un ampio locale e di un alto muro che sovrasta la parete scoscesa che sale dal lago, quasi dalla "puncia" o punta d'Ispra.

In epoca remota attorno alle chiese vi erano i luoghi di sepoltura; non fa eccezione la chiesa parrocchiale di Ispra. Infatti, in occasione degli scavi per la realizzazione delle condotte d'acqua per il C.C.R. (fine anni 1950 inizi 1960), si rinvennero sul lato destro centinaia di reperti ossei umani, chiaro segno di antica presenza cimiteriale. Sul fianco sinistro della chiesa parrocchiale è presente il monumento intitolato a Padre Ignazio da Ispra (1880-1935), figura di frate francescano missionario in Brasile che sacrificò la sua vita per il proprio credo.

Are, lapidi ed urne sono presenti nei parchi delle ville Sagramoso-Brivio, Ranci e Castelli (oggi sede del Municipio).

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]
I dati prefascisti comprendono fittiziamente quelli di Barza.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 692 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Enti, associazioni e istituzioni[modifica | modifica sorgente]

  • Pro loco Ispra. Associazione di persone che si occupano di salvaguardare gli usi ed i costumi del territorio isprese quali feste, sagre e ricorrenze.
  • Corpo Musicale Isprese. Associazione per la promozione della cultura musicale tramite concerti, manifestazioni e corsi musicali di vario genere per bambini, ragazzi e adulti

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Rassegna Letteraria "Scrivi l'amore-Premio Mario Berrino"[modifica | modifica sorgente]

Ogni anno, dal 2008, in occasione della Festa di San Valentino, si svolge la Rassegna Letteraria"Scrivi l'amore-Premio Mario Berrino", ideata da Davide Pagani e promossa dal Comune, Assessorato alla Cultura e Biblioteca con il patrocinio del Centro Studi Mario Pannunzio di Torino, di ExpoVillage2015 e La Bìssa de l'Insubria. L'attuale detentore del Premio Mario Berrino è Giada Gonzales di Leggiuno (Varese).

La rassegna è dedicata dalla quinta edizione, svoltasi nel 2012, alla memoria all'artista e pittore ligure Mario Berrino, ideatore, nel 1953, con Ernest Hemingway, del Muretto di Alassio e del concorso di bellezza Miss Muretto. Mario Berrino ha partecipato fin dalla prima edizione del concorso, attraverso l'invio di un messaggio scritto rivolto ai partecipanti. Ora il testimone è stato preso dalla figlia Luisella Berrino, volto di Radio Monte Carlo. Fra gli ospiti anche lo scrittore, giornalista e conduttore televisivo Andrea G. Pinketts, la giornalista, direttore di Vero Salute Laura Avalle e la già campionessa olimpionica di sci, oggi consigliere regionale presso Regione Lombardia Lara Magoni.

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Urbanistica[modifica | modifica sorgente]

Nel capoluogo di Ispra si trovano il nucleo più antico ed il centro storico. Il paese è formato dal territorio di due antichi villaggi, Ispra e Barza, che ebbero in passato vita indipendente e solo nel 1928 furono riuniti in un'unica comunità amministrativa riprendendo un analogo provvedimento in vigore durante l'età napoleonica.

Il tessuto urbano del paese si è esteso fino a comprendere, quasi senza soluzioni di continuità, le diverse località che costituivano nel passato agglomerati abitati distinti, come quelli delle Case Nuove, del Borghetto e delle Cascine. Mantengono ancora una loro precisa fisionomia le frazioni di Barza e di Quassa, con la villa, le cascine e le case del Monzeglio. Le strutture del grande complesso del Centro Comune di Ricerca, della Commissione europea e quelle del Centro ricerche Ispra dell'ENEA coprono una vasta zona, tra la ferrovia e il confine con Brebbia e Cadrezzate, che comprende tutto il territorio dell'antica frazione di Monteggia.

Suddivisioni storiche[modifica | modifica sorgente]

I sette rioni iniziali sono stati nel tempo ridotti a cinque. Monteggia è ora di fatto inesistente perché inglobato nel 1959 nel territorio del C.C.R.. Dal 2007/2008, con l'unione di Barza e Quassa, i cinque rioni attuali che partecipano al Palio, al carnevale isprese e ad altre iniziative locali sono:

  • Alto Paese
  • Barza/Quassa
  • Borghetto
  • Cascine (zona verde e panoramica)
  • Case Nuove o Riún Cà Növ (Gli abitanti sono detti I Butrìs da bottatrice = lota lota, vorace pesce d'acqua dolce). I colori emblematici sono il bianco ed il celeste.[5]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Vi aveva sede una fabbrica tessile, poi chiusa.

Il turismo è un'altra componente dell'economia locale, anche se il lungolago di Ispra è meno noto rispetto ad altre località della zona.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

Il centro cittadino è attraversato dalla Strada provinciale 629 che corre lungolago da Sesto Calende a Laveno-Mombello ed è collegato a Varese dalla Strada Provinciale 36 della Val Bossa

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione di Ispra.

Ispra è servita da una stazione ferroviaria posta sulla linea Luino-Oleggio. Dal 15 dicembre 2013 la stazione risulta chiusa al servizio viaggiatori.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Elenco dei sindaci di Ispra[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1861 1864 Andrea Brughera Sindaco
1864 1885 Giovanni Beretta Sindaco
1885 1898 Cesare Brivio Sindaco
1898 1901 Lodovico Rigoli Sindaco
1902 1910 Giosuè Nicò Sindaco
1914 1915 Pasquale Gheroldi Sindaco
1915 1917 Eugenio Nicolini Sindaco
1918 1924 Pasquale Baranzelli Sindaco
1924 1926 Filippo Soma Sindaco
1945 1946 Felice Rampa Sindaco
1946 1948 Giuseppe Gandini Sindaco
1948 1954 Pietro Rosolati Sindaco
1954 1960 Carlo Caravati Sindaco
1960 1964 Virginio Fiora Sindaco
1964 1970 Carlo Ranci Ortigosa Sindaco
1970 1990 Gerardo Di Spirito Sindaco
1990 1995 Giuseppe Armocida Sindaco
1995 2004 Bruno Balzarini Sindaco
12 giugno 2004 25 maggio 2014 Paolo Gozzi Lista Civica Viviamo Ispra Sindaco
25 maggio 2014 In carica Melissa De Santis Lista Civica Sindaco

Sport[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Campane di Ispra - YouTube
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Sigla video del Rione Case Nuove "CÀ NÖV" Ispra (Varese). - YouTube

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]