Leggiuno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Leggiuno
comune
Leggiuno – Stemma
Leggiuno – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Varese-Stemma.png Varese
Amministrazione
Sindaco Adriano Costantini (lista civica Amministrare Insieme) dal 30-5-2006
Territorio
Coordinate 45°52′30″N 8°37′18.12″E / 45.875°N 8.6217°E45.875; 8.6217 (Leggiuno)Coordinate: 45°52′30″N 8°37′18.12″E / 45.875°N 8.6217°E45.875; 8.6217 (Leggiuno)
Altitudine 240 m s.l.m.
Superficie 13,19 km²
Abitanti 3 651[1] (31-05-2013)
Densità 276,8 ab./km²
Frazioni Arolo, Ballarate, Baraggia, Bosco, Casa Motta, Campagna, Cellina, Cobbione, Ghirate, La Gesiola, Marzaro, Mirasole, Quicchio, Reno, Roncaccio, Rozzoni, Santa Caterina del Sasso, Santa Maria, Sasso Moro
Comuni confinanti Belgirate (VB), Besozzo, Caravate, Laveno Mombello, Monvalle, Sangiano, Stresa (VB)
Altre informazioni
Cod. postale 21038
Prefisso 0332
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 012088
Cod. catastale E510
Targa VA
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 482 GG[2]
Nome abitanti leggiunesi
Patrono santo Stefano
Giorno festivo 26 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Leggiuno
Posizione del comune di Leggiuno nella provincia di Varese
Posizione del comune di Leggiuno nella provincia di Varese
Sito istituzionale

Leggiuno (IPA: /ledʤùno/, Leggiün in dialetto varesotto) è un comune italiano di 3.651 abitanti della provincia di Varese in Lombardia.

Località turistica posta sulle rive del Lago Maggiore, confina a nord con Laveno-Mombello, a est con Sangiano e Caravate, a sud-est con Besozzo, a sud con Monvalle, ad ovest e a sud-ovest col Lago Maggiore e quindi con il Piemonte e la Provincia del Verbano-Cusio-Ossola. Sulla sponda del Lago Maggiore si trova l'Eremo di Santa Caterina del Sasso, simbolo della città e dello stemma comunale leggiunese.

Il comune fa parte della Regione Agraria n° 3, sulle Colline del Verbano orientale. Inoltre fa parte dei Comuni della costa fiorita.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Leggiuno occupa una zona collinare. Il territorio del comune risulta compreso tra i 193 e i 326 metri sul livello del mare. L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 133 metri. Dista circa 21 km da Varese, capoluogo dell'omonima provincia a cui appartiene il comune. Leggiuno ha un grado di sismicità molto bassa, infatti appartiene alla Zona 4 classificata dalla Protezione Civile come irrilevante. Essendo situato sul Lago Maggiore, gode del suo benefico clima. In particolar modo le frazioni Arolo e Reno sono considerate centri climatici.Leggiuno era presidio monastico dinastico longobardo di Re Desiderio come l'intero territorio del Verbano , di cui fu Duca Re Poto , figlio di Re Adelchi,coreggente di re Desiderio e della madre Regina Ansa. Un documento rinvenuto attesterebbe che Eremberto, al tempo vassallo dell’imperatore Lotario, traslò nell'allora Chiesa di S. Siro (l’attuale Chiesa dei SS. Primo e Feliciano) i resti, per l'appunto, dei SS. Primo e Feliciano. Questi gli erano stati donati da Papa Sergio II. Leggiuno divenne un comune indipendente e sede di una pretura del feudalesimo e di una corte nel periodo relativo all’impero di Berengario I.Fu bene della corona di Federico I di Svevia ,un bene quindi dinastico monastico del Barbarossa, come tutto il territorio del Lago Maggiore e le sue isole.Barbarossa, infatti , attraverso la madre , da Re Desiderio discendeva.Fu l'imperatore Federico II a custodire reliquie di Santa Caterina del Sinai , e l'olio della Santa, con la Sindone e le bende di Cristo, ritrovate dalla pronipote principessina Kathrin von Hohenstaufen , in cappelle di famiglia.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la classificazione climatica il centro abitato è situato in "zona E", 2482 GR/G.

MILANO MALPENSA Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 6,1 8,6 13,1 17,0 21,3 25,5 28,6 27,6 24,0 18,2 11,2 6,9 7,2 17,1 27,2 17,8 17,3
T. min. mediaC) -4,4 -2,5 0,4 4,3 9,0 12,6 15,3 14,8 11,5 6,4 0,7 -3,6 -3,5 4,6 14,2 6,2 5,4
Precipitazioni (mm) 67,5 77,1 99,7 106,3 132,0 93,3 66,8 97,5 73,2 107,4 106,3 54,6 199,2 338,0 257,6 286,9 1 081,7
Giorni di pioggia 6 6 8 9 10 9 6 8 6 7 8 6 18 27 23 21 89
Umidità relativa media (%) 78 76 69 73 74 74 74 73 74 77 80 80 78 72 73,7 77 75,2
Vento (direzione-m/s) N
3,3
N
3,3
N
3,4
N
3,5
N
3,3
N
3,2
N
3,1
N
3,0
N
3,1
N
3,1
N
3,4
N
3,3
3,3 3,4 3,1 3,2 3,3

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L’esistenza di molti ghiacciai in territorio leggiunese rese pressoché problematica e talvolta impossibile la presenza di vita umana nel periodo preistorico a Leggiuno. Solo nel XIX secolo, precisamente nel 1864, furono rinvenute tra Leggiuno e Mombello alcuni resti di palafitte, frammenti di vasi, armi, utensili e residui di pasti, tutti riconducibili al periodo del Neolitico. Alla fine del XIX secolo nelle frazione Marzaro di Leggiuno fu ritrovata una tomba rettangolare, e dopo di queste sbucarono altre tombe, contenenti antichi vasi in terracotta. Nella metà del XX secolo, anni ’50, a qualche centinaio di metri a sud dell’Eremo di Santa Caterina del Sasso, nella zona soprannominata “Bus di Curnaà”, comparirono cocci ceramici dell’Età Romana: nella stessa zona furono recuperati delle ossa di piccoli animali. Nella frazione di Arolo, invece, nel 1964, gli archeologi portarono alla luce alcuni reperti dell’età del Bronzo. Tra questi, in particolare, furono ritrovati uno spillone, una lancia, un bracciale, un torques di bronzo e persino uno spuntone di un’asta, grazie alla quale si è potuto ipotizzare che nel periodo ascrivibile al 2200-2000 a.C. presso la suddetta frazione fu realizzato un sepolcreto. Alcuni resti di una plausibile lotta punica svoltasi nella zona sono individuabili sul sagrato della odierna chiesa romanica dei SS. Primo e Feliciano. Per quanto riguarda gli anni delle dominazioni barbariche, l’unico segno plausibile di quel periodo è stata una tomba rettangolare in roccia dolomitica, reperita sul Monte Piaggio nella frazione di Arolo. Un documento rinvenuto attesterebbe che Eremberto, al tempo vassallo dell’imperatore Lotario, traslò nell'allora Chiesa di S. Siro (l’attuale Chiesa dei SS. Primo e Feliciano) i resti, per l'appunto, dei SS. Primo e Feliciano. Questi gli erano stati donati da Papa Sergio II. Leggiuno divenne un comune indipendente e sede di una pretura del feudalesimo e di una corte nel periodo relativo all’impero di Berengario I. La peste a quei tempi inflisse duri colpi in Italia e non risparmiò il popolo leggiunese: il piccolo borgo di Leggiuno perse, nel 1554 e nel 1630, una considerevole parte del popolo. Per tornare ad essere nuovamente un centro importante, Leggiuno dovette aspettare la fine del ‘800 quando il numero di abitanti si attestò tra i 700 e gli 800. Fino al 1927 Leggiuno era parte del circondario di Varese, allora sito in Provincia di Como. Il circondario di Varese fu abolito, come tutti i circondari italiani, nel 1927, nell'ambito della riorganizzazione della struttura statale voluta dal regime fascista, e Leggiuno venne così inserita nella neocostituita provincia di Varese. Contemporaneamente allo scorporamento, Leggiuno si unisce agli ex comuni di Arolo, Ballarate, Cellina e all’attuale comune di Sangiano, replicando un analogo provvedimento di Napoleone di più di un secolo prima e poi annullato dalla Restaurazione austriaca. Nel 1963, infine, Sangiano diventa un comune autonomo ma Leggiuno conserva Arolo, Ballarate e Cellina come sue frazioni.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del nome Leggiuno è molto antica, e sono parecchie le supposizioni al riguardo. Un'ipotesi poco affidabile dice che derivi da Legio-una (da cui Legiunum), ovvero una legione di Giulio Cesare che si era fermata in questa zona. Secondo un'altra ipotesi deriverebbe invece da Dunum (colle) e un nome proprio di persona, pare una divinità panceltica. L'ipotesi più sicura sostiene che derivi dal celtico, dalle parole Leze (ai piedi) dunum (colle), ovvero ai piedi del colle, probabilmente il colle presente nella località Mirasole, dato che nel Medioevo la località è attestata per iscritto come Lezeduno.[3]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

L'Eremo di Santa Caterina del Sasso.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Leggiuno era un tempo a capo dell'omonima pieve. Fa parte della diocesi di Milano, zona II di Varese, decanato di Besozzo, e comprende nel suo territorio 2 parrocchie: Parrocchia di Leggiuno (6 chiese) e di Arolo (una chiesa). Esse, con la vicina parrocchia di Sangiano, formano l'unità pastorale di Leggiuno-Arolo-Sangiano. In questa zona è presente l'Eremo di Santa Caterina del Sasso, costruito su una roccia che si affaccia direttamente sul lago. Particolarmente suggestive sono la Sala dell'antico Refettorio dei frati, le cappelle medievali del Beato Alberto Besozzi, di Santa Maria Nova, di Santa Caterina e di San Nicolao, anticamenti luoghi distinti tra loro e poi unificati a fine Cinquecento in un'unica bella chiesa.

La Chiesa parrocchiale di S. Stefano, santo patrono di Leggiuno.
Chiesa dei SS. Primo e Feliciano (sec. IX)

Un'altra chiesa da visitare è la chiesa dei Santi Primo e Feliciano costruita su un preesistente edificio di culto pagano.

Nell'VIII sec. fu edificata dal franco Eremberto la chiesa di S. Siro, dove nell'846 furono traslate le reliquie dei due santi martiri Primo e Feliciano avute in dono dal papa durante un pellegrinaggio a Roma. Da loro prese poi il nome.

La chiesa romanica, preceduta da un piccolo sagrato che contiene are romane e epigrafi d'età alto-medievale, ha una facciata a capanna con portale e colonne di recupero, con capitelli (provenienti forse dalla chiesa antica); l'oculo centrale profilato in laterizio è quattorcentesco come il portale dall'arco gotico. Il campanile, la cui accurata muratura è ben conservata, è stato invece edificato nell'XI secolo. L'interno della chiesa è rettangolare, con aula gotica coperta da doppia volta a crociera con costoloni. Il perimetro sembra essere quello della prima chiesa alto-medievale.

Nel comune è presente anche la chiesa di S. Pietro e S. Carlo, parrocchiale di Arolo, edificata nel 1500; qui è riposto un organo della metà dell'Ottocento, costruito da Fortunato Ossola di Groppello. Nel centro di Leggiuno è presente inoltre la Chiesa Parrocchiale di S. Stefano, patrono del paese, adeguatamente ristrutturata e ampliata nel XIX secolo (compreso il campanile, eretto in precedenza su quello romanico).

Altre chiese:

  • Chiesa di Santa Maria Stella Maris, edificata negli anni cinquanta;
  • Chiesa di Santa Maria Assunta, costruita alla fine degli anni trenta;
  • Chiesa del Cuore Immacolato di Maria, degli anni cinquanta.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è ricco di boschi e sentieri boschivi. Questi sono tutti pedalabili per l'80% circa. Infatti vengono organizzate dalla Pro Loco del Comune gare ciclistiche di mountain bike anche in ambito regionale. Leggiuno è anche uno dei pochi comuni in Lombardia ad aver aderito al progetto di Greenpeace Città amiche delle foreste.

Leggiuno è attraversato dal "Sentiero del Verbano" (Sesto Calende - Laveno-Mombello) che costituisce la prima realizzazione del progetto Vie Verdi dei Laghi. Questo sentiero è identificato con la sigla VB su tutta la segnaletica verticale. Inoltre, è attraversato dall'Anello di Santa Caterina, nella fascia costiera compresa tra Laveno-Mombello e Monvalle, interessando quello che si può considerare il gioiello storico-architettonico della provincia di Varese: l'Eremo di Santa Caterina del Sasso.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Gli stranieri residenti nel comune sono 298, ovvero l'8,3% della popolazione (la terza percentuale più alta tra i comuni della provincia). Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[5]:

  1. Marocco, 75
  2. Germania, 53

Dati demografici[modifica | modifica wikitesto]

I dati sono aggiornati al 1º gennaio 2011. Fonte:[6]

Dato Valore (ab.)  %
Popolazione maschile 1.745 48,7%
Popolazione femminile 1.837 51,3%
Celibi/Nubili 1.475 41%
Coniugati/e 1.776 50%
Vedovi/e 231 6%
Divorziati/e 100 3%

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

A Leggiuno si parla ovviamente l'italiano. Il dialetto parlato è il dialetto lombardo occidentale o insubre, in particolare si parla il dialetto varesino.

Religioni[modifica | modifica wikitesto]

La stragrande maggioranza della popolazione è cristiana cattolica. L'immigrazione di cittadini comunitari ed extra-comunitari ha portato all'insediamento di minoranze di musulmani e ortodossi.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

A Leggiuno sono presenti:

Stampa[modifica | modifica wikitesto]

  • Informatore comunale

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Teatro San Carlo

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Leggiuno[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Il piano del governo di territorio del comune è valido nel periodo 2009-2013.

Frazioni costiere[modifica | modifica wikitesto]

Lago Maggiore a Leggiuno.

Arolo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Arolo.
Arolo da Sasso Moro.

Arolo è una delle frazioni costiere di Leggiuno, situata sul Lago Maggiore. Al suo interno vi si trova la Chiesa dedicata ai Santi Pietro e Carlo.

Vista del Lago Maggiore da Arolo

Reno[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Reno (Leggiuno) e Eremo di Santa Caterina del Sasso.

Reno è una frazione costiera di Leggiuno che ospita l'Eremo di Santa Caterina del Sasso.

Sasso Moro[modifica | modifica wikitesto]

Sasso Moro è una frazione nella quale sorge un porticciolo dove possono attraccare diversi battelli e barche.

Altre frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ballarate[modifica | modifica wikitesto]

Ballarate (Ballaraa in lombardo) si trova tra la frazione di Baraggia e Arolo.

Baraggia[modifica | modifica wikitesto]

Baraggia (Baràgia in lombardo occidentale) si trova tra la frazione di Marzaro e nei pressi della frazione Bosco, al confine col comune di Sangiano e quello di Monvalle. Al suo interno vi si trova un'industria tessile molto importante. Nelle vicinanze è presente la Stazione ferroviaria di Leggiuno-Monvalle.

Bosco[modifica | modifica wikitesto]

Bosco (Bùsch in lombardo occidentale), così chiamata in ragione della sua natura rigogliosa, sorge tra Monvalle e la frazione di Arolo. Da qui è possibile ammirare una splendida vista sul Lago Maggiore.

Campagna[modifica | modifica wikitesto]

Campagna si trova al confine con la frazione di Arolo, quella di Reno, la frazione di Quicchio e quella di Cellina.

Cellina[modifica | modifica wikitesto]

Cellina, (Scilena in lombardo occidentale) si trova tra Arolo e Reno. Il territorio è dominato da due colline: Motta Cipollina e monte di Ballarate. La prima la divide ad occidente dal lago Maggiore, mentre l'altra la separa dall'abitato di Ballarate. Sul culmine di quest'ultima si trovano le rovine di una torre di guardia di un castello Longobardo. Al suo interno vi si trova la chiesa dedicata a san Rocco(patrono del paese) del secolo XX oggi sconsacrata e la chiesa dedicata a santa Maria Stella Maris, edificata negli anni '50 del XXI secolo.

Prati leggiunesi tra Mirasole e Reno.

Cobbione[modifica | modifica wikitesto]

Cobbione (Cubiùn in lombardo occidentale) si trova al confine tra Sangiano e Cardana di Besozzo.

Ghirate[modifica | modifica wikitesto]

La frazione Ghirate (Ghiràa in lombardo occidentale) si trova tra la frazione Bosco, Marzaro e Baraggia.

La Gesiola[modifica | modifica wikitesto]

La zona La Gesiola (La Gésola in lombardo occidentale) si trova tra Mirasole e Reno. È in aperta campagna e vi sorgono perlopiù boschi e campi.

Marzaro[modifica | modifica wikitesto]

Marzaro (Marsàr in lombardo occidentale) si trova tra la località Bosco e la località Baraggia.

Mirasole[modifica | modifica wikitesto]

Mirasole (Mirasô in lombardo occidentale) si trova tra la frazione di Reno e il comune di Laveno-Mombello. Il colle presente in questa località potrebbe aver dato origine al nome del comune di Leggiuno. Anche qua è possibile ammirare una vista sul Lago Maggiore.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Sul territorio sono presenti attività economiche industriali, metalmeccaniche e tessili. Molto presente l'artigianato locale, la ristorazione e il turismo grazie alle spiagge di Arolo e Reno.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è attraversato dalle seguenti strade provinciali:

  • Strada Provinciale 32 delle Due pievi, (Laveno Mombello - Travedona Monate)
  • strada Provinciale 32dir d'Eremberto, (Sangiano - Reno di Leggiuno)
  • strada Provinciale 69 di Santa Caterina, (Sesto Calende - Luino)

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione di Leggiuno-Monvalle.

A Leggiuno è presente la stazione ferroviaria di Leggiuno-Monvalle, posta sulla linea Luino-Oleggio gestita da Rete Ferroviaria Italiana.

Attualmente la linea Luino-Oleggio è utilizzata quasi esclusivamente per il trasporto merci e pertanto i treni passeggeri in servizio (che fermano quindi anche a Leggiuno-Monvalle) sono attualmente limitati a due sole coppie al giorno.

Trasporto lacustre[modifica | modifica wikitesto]

È presente una delle fermate dei battelli della Società Navigazione Lago Maggiore (Gestione Navigazione Laghi), nei pressi del santuario di Santa Caterina del Sasso, sulla linea Arona-Stresa-Locarno, che collega Leggiuno via lago a Stresa (VB), Baveno (VB), Pallanza (VB), l'Isola Madre, Villa Taranto e Verbania-Intra (VB), consentendo quindi un collegamento diretto tra Lombardia e Piemonte, e tra la provincia di Varese e quella del Verbano-Cusio-Ossola.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

I servizi di autobus di linea interurbani sono gestiti dalle società Sila s.p.a. e Nicora e Baratelli e collegano Leggiuno a molteplice località, tra cui Laveno-Mombello, Varese, Gavirate, Caravate, Ispra. Inoltre, assicurano il collegamento tra le varie frazioni.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 1927, Leggiuno era un comune autonomo sito in Provincia di Como. Nel 1927 Leggiuno (come gran parte dei comuni della provincia di Varese) viene scorporato dalla Provincia di Como e inserito nella appena istituita Provincia di Varese. Contemporaneamente allo scorporamento, sempre nel 1927, si è unito al Comune di Sangiano e alle frazioni di Arolo, Ballarate e Cellina nel comune di Leggiuno-Sangiano, un tempo anch'esse comuni autonomi. Successivamente, nel 1963, Leggiuno si è nuovamente separato da Sangiano, tutt'oggi ancora comune autonomo, conservando Arolo, Ballarate e Cellina come frazioni.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2013.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statuto delle strade e delle acque del Contado di Milano.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2010 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 3 gennaio 2014.
  6. ^ Popolazione per età, sesso e stato civile 2011 - Leggiuno (VA), tuttitalia.it. URL consultato il 7 marzo 2013.
  7. ^ a b c Scuole Leggiuno (VA) - pubbliche e private, tuttitalia.it. URL consultato il 7 marzo 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia