Pinzolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pinzolo
comune
Pinzolo – Stemma
La chiesa di San Vigilio
La chiesa di San Vigilio
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Amministrazione
Sindaco William Bonomi (lista civica - PATT) dal 17/05/2010
Territorio
Coordinate 46°10′00″N 10°46′00″E / 46.166667°N 10.766667°E46.166667; 10.766667 (Pinzolo)Coordinate: 46°10′00″N 10°46′00″E / 46.166667°N 10.766667°E46.166667; 10.766667 (Pinzolo)
Altitudine 770 m s.l.m.
Superficie 69 km²
Abitanti 3 156[1] (31-03-2012)
Densità 45,74 ab./km²
Frazioni Campo Carlo Magno, Madonna di Campiglio, Sant'Antonio di Mavignola
Comuni confinanti Caderzone, Carisolo, Commezzadura, Dimaro, Giustino, Mezzana, Ossana, Pellizzano, Ragoli, Stenico
Altre informazioni
Cod. postale 38086
Prefisso 0465
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022143
Cod. catastale G681
Targa TN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti pinzolesi (pinzuler in dialetto)
Patrono san Lorenzo
Giorno festivo 10 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pinzolo
Sito istituzionale

Pinzolo (pron. Pinzòlo; Pinzöl[2] in dialetto rendenese) è un comune italiano di 3.156 abitanti della provincia di Trento, nell'alta Val Rendena, situato all'inizio della Strada statale 239 di Campiglio che conduce al Passo Campo Carlo Magno.

È il maggiore centro della valle ed è situato su una piana prativa fra il Gruppo dell'Adamello a ovest e il Gruppo del Brenta a est.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La circoscrizione territoriale ha subito le seguenti modifiche:

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Medaglia d'argento al merito civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al merito civile
«Piccolo centro di circa tremila abitanti, controllato dalle truppe tedesche, con eccezionale coraggio e generoso spirito di solidarietà umana diede rifugio ed ospitalità a centinaia di militari anglo-americani, sfuggiti alla cattura nemica, aiutandoli a raggiungere la vicina Svizzera. Contribuì alla lotta di Liberazione, subendo deportazioni e feroci rappresaglie. Mirabile esempio di eccezionale abnegazione e di amor patrio.»
— Pinzolo (TN), 1943-1945

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]

Etnie e Minoranze Straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 206 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Romania Romania 92 2,91%

Ecuador Ecuador 32 1,01%

Economia[modifica | modifica sorgente]

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Pinzolo è una delle più note località turistiche alpine; a pochi chilometri è situata la frazione di Madonna di Campiglio .Negli ultimi mesi del 2011 è stata realizzata una cabinovia all'avanguardia che collega le piste di Pinzolo a quelle di Madonna di Campiglio e Folgarida-Marilleva, dando origine a uno dei comprensori sciistici più estesi delle Alpi ed il più esteso del Trentino: 150 chilometri di piste. Il nuovo impianto è lungo quasi 5 chilometri, percorre 1100 metri di dislivello, comprende quattro stazioni (due di partenza/arrivo e due intermedie) e ha una capacità di 1800 persone l'ora. Strutture dedicate agli snowborder sono l'Ursus Snowpark in loc. Grostè e il Brentapark in località Grual. La Dolomitica è una pista da sci di Pinzolo, in due varianti: Star e Tour. Entrambe partono a 2100 metri di quota, sul Doss del Sabion e terminano a 852 metri, in località Tulot a Carisolo. La prima variante, lunga 3455 m, ha una pendenza media del 36%, la seconda, lunga 5750 m, ha una pendenza media del 22%.

Dolomitica Star: quota di partenza: 2100 m.s.l.m. quota di arrivo: 852 m.s.l.m. lunghezza: 3455 m dislivello: 1248 m difficoltà: nera pendenza media: 36% pendenza max.: 70% tracciato: Pista Rododendro, Variante Rododendro Cioca 2, Cioca 2, Tulot

Dolomiti di Brenta - Doss del Sabion

La località gode di elevatissime affluenze sia per quanto riguarda la stagione invernale, sia per quella estiva. Ricca la dotazione di impianti sportivi di Pinzolo e della valle: campi da tennis, calcio, basket, pallavolo e beach volley, campi da golf, bocce, palaghiaccio, piscine, tiro con l’arco, minigolf, palestra, mountain bike, parapendio, percorsi vita.

Di notevole interesse storico è la chiesa di San Vigilio, il cui assetto attuale risale al 1515, famosa per le danze macabre; celebre l'affresco del 1539 di Simone Baschenis, pittore bergamasco che operò anche in altre chiese della Val Rendena e della Val di Sole.

Nel territorio comunale sono comprese anche la Val di Genova e la Val Nambrone, di grande interesse naturale e turistico.

Gran parte del territorio comunale fa parte del Parco naturale Adamello-Brenta.

Da molti anni Pinzolo è stata località di ritiro pre-campionato di numerose squadre della serie A, attualmente l'accordo è con l'Inter.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Società e circoli sportivi[modifica | modifica sorgente]

Le società sportive che operano sul territorio sono:

È inoltre presente un tennis club e un golf club.

Eventi sportivi[modifica | modifica sorgente]

Esteban Cambiasso in allenamento a Pinzolo durante il ritiro estivo 2013.

Alla frazione Madonna di Campiglio, il 4 giugno 1999, si è conclusa la 20ª tappa del Giro d'Italia 1999 con la vittoria di Marco Pantani. Inoltre regolarmente ivi si tengono la Coppa del Mondo di Sci (storiche le vittorie di Alberto Tomba), nonché importanti eventi di altre discipline invernali come il freestyle. Degno di nota l'annuale "Wrooom", che vede protagoniste le scuderie Ferrari e Ducati, i cui piloti, collaudatori e dirigenti si concedono ai fans in una settimana di sciate, divertimento e gare in kart chiodati sul laghetto ghiacciato.

È attualmente la sede del ritiro estivo ufficiale dell'Inter F.C..

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2012.
  2. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  3. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Trentino-Alto Adige Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trentino-Alto Adige