Comano Terme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Comano Terme
comune
Comano Terme – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Sindaco Livio Caldera (lista civica) dal 17 maggio 2010
Data di istituzione 1º gennaio 2010
Territorio
Coordinate 46°01′00″N 10°52′00″E / 46.016667°N 10.866667°E46.016667; 10.866667 (Comano Terme)Coordinate: 46°01′00″N 10°52′00″E / 46.016667°N 10.866667°E46.016667; 10.866667 (Comano Terme)
Altitudine 400 m s.l.m.
Superficie 67,69 km²
Abitanti 2 945[1] (31-01-2013)
Densità 43,51 ab./km²
Frazioni Biè, Bono, Campo Lomaso (Camp), Cares, Cillà, Comano (Coman), Comighello (Comighèl), Dasindo (Dasind), Duvredo, Godenzo (Godénz), Lundo (Lunt), Poia (Póia), Ponte Arche (sede comunale), Sesto, Tignerone, Val d'Algone, Vergonzo, Vigo Lomaso, Villa
Comuni confinanti Arco, Bleggio Superiore, Bocenago, Dorsino, Dro, Fiavè, Giustino, Massimeno, Ragoli, San Lorenzo in Banale, Stenico, Tenno, Tione di Trento
Altre informazioni
Cod. postale 38077
Prefisso 0465
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022228
Cod. catastale M314
Targa TN
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona F, 3 180 GG[2]
Nome abitanti bleggiani e lomasini (comanesi)
Patrono San Giacomo Apostolo (Comano),
San Lorenzo martire (Vigo Lomaso),
Santi Quirico e Giulitta (Campo Lomaso),
Santa Maria Ausiliatrice (Ponte Arche),
San Giovanni Apostolo (Poia-Godenzo),
santa Maria Assunta (Dasindo),
san Marcello (Lundo),
san Felice da Nola (Bono),
santi Pietro e Paolo (Cares)
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Comano Terme
Sito istituzionale

Comano Terme (Comàn in dialetto trentino[3]) è un comune italiano di 2.945 abitanti[1] della provincia di Trento in Trentino-Alto Adige. È nato dall'unione dei due comuni di Bleggio Inferiore e di Lomaso in conseguenza del referendum svoltosi il 27 settembre 2009 e sancito dalla legge n. 7/2009 della Regione Trentino-Alto Adige. Il nuovo comune è operativo dal 1º gennaio 2010.[4]. Il capoluogo è in Ponte Arche, abitato sviluppatosi nell'ultimo secolo in zona vicina alle Terme di Comano ed attuale centro di riferimento per tutta la zona delle Giudicarie esteriori.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Secondo la leggenda, tramandata tra gli altri dal poeta locale Giovanni Prati (1814-1884), la maga Sibilla si era rifugiata in una gola tra le montagne quando un giorno fu sorpresa da alcuni malcapitati che si prendevano gioco di lei finché non sopraggiunse il Conte di Castel Spine, che assistette alle scena e fece fuggire i denigratori della Sibilla. Quest'ultima, volendo ricompensare il suo salvatore, dopo aver notato alcune macchie rosse sul suo viso, lo invitò a bagnarsi nell'acqua della sorgente che sgorgava nella sua grotta, favorendo così la sua guarigione.

La stessa leggenda narra che a seguito di una frana effettivamente verificatasi nel 1400, la Maga Sibilla scomparve tra le macerie. Così che il nobile, ormai vecchio e tornato nella gola insieme al nipotino colpito da una terribile malattia, dovette scavare a lungo per trovare una traccia dell'acqua miracolosa nella quale immergere il bambino, che si ristabilì immediatamente.

Solo nel 1800 quindi si sentì nuovamente parlare delle Terme di Comano: accadde che l'acqua termale si era riaffacciata in alcune infiltrazioni del terreno, ove i contadini lasciavano macerare la canapa. In seguito, gli stessi contadini scoprirono che l'acqua era in grado di guarire dalla scabbia, da eczemi e malattie della pelle in genere: fu così che iniziarono dei lavori di scavo che riportarono alla luce dei resti di un antico bagno termale romano e dell'antica grotta, che la leggenda voleva fosse il rifugio della Sibilla Cumana.

Tuttavia la travagliata vicenda delle Terme di Comano non si era ancora conclusa: i bagni ripristinati furono infatti messi all'asta dal Comune di Lomaso, che all'epoca si trovava in difficoltà economiche, ed acquistate da Gian Battista Mattei, che solo quattro anni più tardi, nel 1825, li lasciò in eredità ai poveri delle tre Pievi di Banale, Lomaso e Bleggio (con amministrazione da parte dei parroci). Più volte ampliate e ristrutturate fino ai nostri giorni grazie all'interevento della Provincia autonoma e con il superamento del vecchio sistema amministrativo, le Terme di Comano mantengono la loro vocazione benefica legata all'antica leggenda della Sibilla devolvendo ogni anno parte del ricavato dell'attività dello stabilimento ad associazioni umanitarie.[5] Il comune nasce il 1º gennaio 2010 dall'unione delle amministrazioni comunali di Lomaso e di Bleggio Inferiore.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Nel comune sono presenti due castelli: Castel Restor[6] e Castel Spine[7] inoltre è presente Castel Campo, sito nel Comune di Fiavè ma geograficamente da sempre legato al Comune di Lomaso e quindi di Comano Terme.[8] Nel comune sono presenti le Terme di Comano, una delle principali attrazioni turistiche del comune.

Dalle terme è possibile raggiungere lungo una corta passeggiata il canyon del Limarò.[9]

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[10][11]

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Ecomuseo della Judicaria
  • Coro: Coro Castelcampo (maschile); Coro Nuove Voci Giudicariesi
  • Banda: Banda Intercomunale del Bleggio.
  • Sat: Sat Ponte Arche
  • Noi: Associazione parrocchiale
  • Amici di Santa Croce
  • Apt: Apt Terme di Comano Dolomiti di Brenta
  • Associazioni culturali Don Lorenzo Guetti
  • Amici dell'Ecomuseo Giudicarie Alto Garda
  • Accompagnatori di Territorio
  • Associazione storico culturale "Tre Piéf- Judicaria"
  • Piano Giovani di Zona: Giudicarie Esteriori "Space For Youth"

Persone legate a Comano Terme[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Castèl Campo
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
16 maggio 2010 in carica Livio Caldera Insieme per Comano Terme (lista civica) Sindaco [12]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Società sportive[modifica | modifica sorgente]

  • Calcio (A 11): CTF Comano Terme Fiavè, Calcio Bleggio;
  • Calcio a 5: Comano Terme, Calcio Bleggio e Fiavè (maschile e femminile), ADS Fiavé 1945;[13]
  • Tamburello: ADS Durone Bleggio
  • Pallavolo: Castel Stenico (femminile)
  • Mountainbike A.S.D. Comano Bike (bici,bike,maschile e femminile) www.comanobike.it
  • Atletica Atletica Giudicarie

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Nel 2007 Comano Terme è stata sede di arrivo della 19ª tappa del Giro d'Italia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 gennaio 2013.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  4. ^ Varato il disegno di legge che porterà alla fusione di Bleggio Inferiore e Lomaso. URL consultato il 23-3-2010.
  5. ^ Terme di Comano
  6. ^ Castel Restor
  7. ^ Castel Spine
  8. ^ Castel Campo
  9. ^ Canyon del Limarò su Visit Comano
  10. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  11. ^ fino al 2001 compreso, il dato è la somma delle popolazioni dei comuni di Bleggio Inferiore e Lomaso.
  12. ^ Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol, Elezioni comunali di Comano Terme del 2010 (PDF), 3 settembre 2010. URL consultato il 14 agosto 2012.
  13. ^ ADS Fiavé

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]