Tesero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tesero
comune
Tesero – Stemma
Tesero – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Amministrazione
Sindaco Zanon Francesco (lista civica) dal 2010
Territorio
Coordinate 46°17′00″N 11°31′00″E / 46.283333°N 11.516667°E46.283333; 11.516667 (Tesero)Coordinate: 46°17′00″N 11°31′00″E / 46.283333°N 11.516667°E46.283333; 11.516667 (Tesero)
Altitudine 1.000 m s.l.m.
Superficie 50 km²
Abitanti 2 871[2] (31-12-2010)
Densità 57,42 ab./km²
Frazioni Alpe di Pampeago, Lago, Stava
Comuni confinanti Cavalese, Nova Ponente (BZ), Panchià, Pieve Tesino, Predazzo, Varena
Altre informazioni
Cod. postale 38038
Prefisso 0462
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022196
Cod. catastale L147
Targa TN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti teserani (i tiéseri[1])
Patrono san Eliseo
Giorno festivo 14 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Tesero
Sito istituzionale

Tesero (Tiéser in dialetto trentino[3]) è un comune di 2.785 abitanti della provincia di Trento.

La frazione Stava fu colpita, il 19 luglio 1985, dalla catastrofe della Val di Stava: l'argine di un bacino di decantazione di una miniera crollò e un'enorme colata di fango calò sull'abitato, provocando la morte di 268 persone.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Grande tradizione vanta lo sci nordico: sono state ospitate in Fiemme, ma facendo riferimento in maggior parte al centro del fondo di Lago di Tesero, frazione di Tesero, ben tre edizioni dei Mondiali di sci nordico (1991, 2003 e 2013). Ha ospitato inoltre numerose gare di coppa del mondo sempre nella specialità dello sci nordico, sport molto apprezzato anche dagli stessi abitanti. L'Alpe di Pampeago è stata più volte arrivo di tappa del Giro d'Italia:

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Tesero si contraddistingue per la sua radicata vocazione musicale. È sede principale della Scuola di Danza Tesero 2000, che ha come sedi staccate Moena, Cembra e Cavalese dove vengono organizzati corsi di hip hop e danza classica e della Scuola di musica "Il Pentagramma", che si occupa di formazione musicale di base e della formazione degli allievi bandisti che conta ad oggi circa 700 allievi, provenienti dalle valli di Fiemme e Fassa. Conta, inoltre, numerosi gruppi corali e strumentali tra cui il Coro Genzianella che nel 2010 festeggerà i suoi 60 anni di attività. Molto radicata e importante nel tessuto musicale e sociale paesano è poi la Banda Sociale "Erminio Deflorian", le cui origini risalgono al lontano 1817 (con i suoi 196 anni di storia -dato 2013- è una tra le più antiche del Trentino); è intitolata al maestro che la diresse per oltre cinquant'anni a partire dal 1901, può contare attualmente su un organico di circa 65 componenti effettivi più 5 vallette, portabandiera e maestro (età media 28 anni), propone un repertorio che spazia dalle trascrizioni di musica sinfonica ed operistica alla musica da film, dalle classiche marce da concerto fino ai brani originali per orchestra di fiati, e da sempre si può considerare una vera e propria fucina di talenti musicali, alcuni dei quali affermatisi nel panorama regionale e oltre. Nell'orbita della banda sociale rientra poi "El Bandìn de Tiéser", un'allegra compagine composta da una ventina di suonatori (bandisti ed ex bandisti) che allietano le sagre e altri momenti di festa nel paese di Tesero e anche nei centri vicini. Altre realtà musicali e corali del paese di Tesero da ricordare per la loro intensa e fiorente attività sono: il Coro Parrocchiale "S. Cecilia", il Coro Voci Bianche "Le Millenote", il Coro Giovanile, il Coro della Casa di Riposo "G. Giovanelli" e il Coro Slavàz (un coro giovanile della montagna -età media 25 anni- formatosi nel settembre del 2003; “slavàz” è il nome di una pianta che cresce rigogliosa sotto forma di foglia soprattutto nelle paludi e nei boschi di alta montagna[4]).

Manifestazioni[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione invernale Tesero ospita una mostra open air di presepi della tradizione della lavorazione del legno, ma non solo: sono esposti anche presepi di recente creazione e nei più svariati materiali. L'allestimento ha luogo nel centro storico del paese, in un percorso circolare che si snoda tra le "corte", passaggi stretti tra le case, stalle degli antici rustici di Tesero, finestre varie che si aprono lungo il percorso, angoli caratteristici creando un'atmosfera molto particolare e senz'altro magica. La manifestazione si intitola "Tesero e i suoi presepi" ed è organizzata dall'Associazione Amici del Presepio "Felix Deflorian" di Tesero. Questa associazione tra l'altro ha collaborato con l'allestimento del presepio in grandezza naturale in piazza San Pietro in Vaticano nel 2007 realizzando la scenografia e tre nuove statue per il presepe, nel 2008 ha esposto i propri migliori pezzi a Cracovia, in omaggio a Papa Wojtyla. Nel 2009 ha portato il presepio a grandezza naturale di Tesero a L'Aquila, in segno di vicinanza e conforto nei confronti della popolazione colpita dal terremoto, e nel 2010 allestisce il nuovo grande presepe di recente realizzazione davanti alla basilica di San Francesco ad Assisi [1].

Nella stagione estiva fra le diverse manifestazioni molto importante è la settimana de Le Corte de Tiéser (a cavallo tra luglio e agosto). In questa settimana il tempo si ferma e ci riporta indietro a inizio Novecento. Concerti, spettacoli teatrali, lettura di fiabe per i bambini, gioco a squadre, gara di corsa in notturna fanno da anticipazione alla serata del sabato in cui le Corte (stretti passaggi tra le case e cortili) si animano con più di 300 volontari in costume d'epoca che fanno rivivere sapori, mestieri e musica di altri tempi.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]

Persone legate al paese[modifica | modifica sorgente]

  • Giuseppe Alberti, sacerdote, architetto e pittore (Tesero, 1640 - 1716)
  • Achille Delmarco (Tesero 1877 - Cavalese 1940) musicista e maestro di banda
  • Vivian Lamarque (Tesero, 19 aprile 1946) scrittrice e poetessa
  • Felix Deflorian, scultore, pittore (Tesero, 8 gennaio 1936 - 28 marzo 2008)
  • Daria Deflorian, attrice teatrale (Tesero, 24 novembre 1959)
  • Mirko Deflorian (Cavalese, 19 maggio 1980) sciatore (alpino)
  • Cristian Zorzi (Cavalese, 14 agosto 1972) sciatore (fondista)
  • Stanisław Dziwisz (Raba Wyżna, Polonia, 27 aprile 1939), cardinale arcivescovo di Cracovia (e già segretario particolare di Papa Giovanni Paolo II), nominato cittadino onorario di Tesero con delibera del Consiglio Comunale in data 19 giugno 2013.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 651.
  4. ^ CORO SLAVAZ Tesero: La Storia = Coro Slavaz.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.