Dialetti trentini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Dialetto trentino)
Dialetti trentini (trentìn, trentìm)
Parlato in * Coat of arms of Trento Provincia autonoma di Trento
* Stivor (Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina)
* Vale do Itajaí - Nova Trento (Brasile Brasile)
Regioni Trentino-Alto Adige
Persone 500.000 ca
Classifica non nelle prime 100
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Gallo-italiche e Venete
    Trentino

Con dialetti trentini si intende un gruppo di parlate romanze diffuse nella provincia autonoma di Trento, nella Bassa Atesina[1] in provincia di Bolzano e anche nelle isole linguistiche di Stivor in Bosnia e Vale do Itajaí in Brasile, terre di emigrazione trentina nei secoli passati.

Comunemente le parlate trentine vengono indistintamente indicate come dialetto trentino. I dialetti trentini presentano tuttavia al loro interno una notevole varietà ed in particolare vi si incontrano due grandi sistemi linguistici distinti, ossia quello galloitalico e quello veneto, con inoltre zone aventi evidente substrato linguistico retoromanzo, oltre a quelle indubbiamente ascrivibili alla lingua ladina, a quella mochena ed a quella cimbra che non possono in nessun caso essere definite come dialetti trentini.

Varietà dialettali[modifica | modifica sorgente]

Dialetti parlati in Italia: in Trentino si incrociano dialetti veneti e lombardi, inoltre sono presenti aree ladine e germanofone

Fatta esclusione per le zone germanofone e quelle di lingua ladina il territorio trentino si presenta, a grandi linee, ripartito in tre grosse aree dialettologiche: quella occidentale, appartenente al sistema galloitalico contraddistinta da forti influssi del dialetto lombardo orientale, quella orientale, caratterizzata invece da un dialetto schiettamente veneto, e quella centrale, che un tempo era più simile alle valli occidentali, oggi in avanzata fase di venetizzazione (Bonfadini 1983, p. 45)[2].

In senso stretto è il gruppo centrale a potersi definire dialetto trentino per antonomasia, essendo parlato anche nella città di Trento; inoltre gli altri due gruppi (occidentale ed orientale) appartengono senza soluzione di continuità ai continui linguistici lombardo e veneto, quantunque anche il gruppo centrale, nonostante le sue peculiarità evidenti, per ragioni morfologiche e lessicali possa essere ricondotto al sistema linguistico veneto più che a quello galloitalico a cui appartiene anche il lombardo.

Al Trentino centrale appartengono, dal punto di vista dialettale, il Basso Sarca, la Val d'Adige fino al confine linguistico, Cembra, Baselga di Pinè e Bedollo nonché i paesi che formano l'altipiano di Pinè, il Perginese, Folgaria e Lavarone, Vallarsa e Terragnolo, il Cavedinese con Vezzano e Terlago, le Giudicarie di qua dal Durone.” (Tomasini 1960, p. 87-88.)[3]. Da questa ampia area dialettale si stacca però la Valle dell'Adige al di sotto dei Murazzi “perché la parlata lagarina presenta tratti veronesi, […] che diventano ancora più evidenti nella parte bassa, tanto che definirei” - scrive la Anzilotti - “la parlata un dialetto trentino meridionale, di passaggio cioè fra il trentino centrale e il veronese, talora più vicino a questo che a quello.” (Anzilotti 1992, p. 8. Cfr. anche Zamboni 1977, p. 46)[4][5]

Tratti linguistici[modifica | modifica sorgente]

Tra i tratti linguistici tipicamente lombardi più significativi troviamo la caduta delle finali fiverse da –A, l'esito é di Ĕ latina in sillaba libera (che nell'area veneta dà come esito –iè), la presenza delle vocali turbate ö e ü, la palatalizzazione del plurale dei nomi e degli aggettivi uscenti in –t; ovviamente sono tratti maggiormente diffusi nell'area dialettale galloitalica, ad ovest.
Tratto tipico del lombardo e anche del veneto di koinè è l'esito -èr di -ARIUS, -ARIA latino.
Tratti venetizzanti sono invece la dittongazione di Ĕ breve latina in sillaba libera, la presenza di finali atone diverse da –A e l'assenza delle vocali turbate.

Altre caratteristiche linguistiche diffuse nel territorio trentino sono inoltre quelle cosiddette alpine o semiladine, derivate da un influsso o substrato retoromanzo. Si tratta di caratteristiche che tuttavia possono interessare tutto l'arco alpino, si riscontrano infatti in piccola misura anche nelle valli provenzali e franco-provenzali del Piemonte, e sono ben evidenti nel lombardo di Sondrio e Bormio, oltre che ovviamente nella lingua ladina, in quella friulana ed in quella romancia. In Trentino sono presenti in Val di Non, in Val di Sole, in Val Rendena, nella Val di Ledro superiore, quindi all'interno del gruppo dialettale occidentale di tipo lombardo: con similitudini che nella fattispecie sembrano rimandare più all'area romancia che a quella ladina delle dolomiti.[6] I principali tratti alpini-retoromanzi sono la palatalizazione di CA e GA latino in cia e gia, la conservazione dei nessi con L, la velarizzazione di L preconsonantica e il passaggio di QU a c ([k]).[7]

Lo studioso di dialetti trentini Bruno Groff, ha individuato almeno 400 parole di origine tedesca, frutto della secolare dominazione austriaca oltre che del generalizzato contatto con le popolazioni germanofone, quest'ultimo comune a molte aree alpine. Alcune parole derivano direttamente dal tedesco, altre dall'Antico e Medio Alto tedesco, altre dal Gotico o dal Tirolese. Le più conosciute di queste parole sono forse i nomi canederli (dal tedesco "Knödel", var. "Knöderl"), sgnàpa (grappa, dal tedesco "Schnaps"), matèla (dal tedesco tirolese "Madel").

Grammatica di base[modifica | modifica sorgente]

Le coniugazioni nei dialetti trentini sono tre: -ar,-er,-ir

Come tutte le lingue parlate i dialetti trentini possiedono verbi irregolari come: dir(dire), bever(bere) ecc.

Queste sono le declinazioni regolari del presente indicativo attivo:

*magnar (mangiare) *meter (mettere) *sentir (sentire) *èser (essere) aver (avere)
mi magno mi méto mi sènto mi son/sont mi g'ho
ti te magni/magne ti te méti/méte ti te sènti/sénte ti te séi/sé ti te g'hai/g'è
lu/elo 'l magna lu/elo 'l méte lu/elo 'l sènte lu/elo 'l è lu/elo 'l g'ha
ela la magna ela la méte ela la sènte ela la è ela la g'ha
noi magnan/magnam/magnen/magnem noi métén/métém noi sentìn/sentìm noi sén/sém noi g'aven/g'avem
voi magnè voi meté voi sentì voi sé voi g'avé
lori i magna lori i méte lori i sènte lori i é lori i g'ha

Le terminazioni dei sostantivi sono diverse; queste sono le principali:

  • -l es: cunèl (coniglio), cortèl (coltello) con plurale in I al posto della L: cunèi, cortèi;
  • in consonanti varie: alber (albero), cagn (cane) con al plurale aggiunta di i: alberi, cagni;
  • per i nomi terminanti in vocale il plurale è come in italiano es: es gata (gatta, ma anche "groviglio di polvere") diventa gate.

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Frasi comuni nei dialetti trentini[modifica | modifica sorgente]

Italiano Dialetto trentino in senso stretto (Trento) Dialetto cembrano Dialetto valsuganotto orientale Dialetto primierotto
Come ti chiami? Come te ciamet? Come te ciames?\Che gas en nom? Come te ciamitu po? Te ciamitu come ti?
Quanti anni hai? Quanti ani gat? Quanti ani gas? Quanti ani ghetu po? Quanti ani atu?
Vado a casa. Vago* a cà. On a cà. Vo a casa. Vaghe a casa.
Vivo a Trento. Vivo a Trènt. Vivi a Trent. Vivo a Trènto. Staghe a Trènt.
Dove abiti? En do abitet? 'N do abites? 'N do abitu po? Statu onde de casa?
*) In questi casi è meglio usare "vo", "vao" oppure "von"

Andiamo a camminare attraverso le belle montagne che dominano il Trentino.

Vei che nen a caminar en tra quele bele zime che le domina tut el Trentin.

Le nostre tradizioni trentine sono la lucanica, la polenta ed il buon vino.

Le nose tradizion del Trentin l'è la luganega, la polènta e anca el bon vin.

"Il corvo e la volpe"[modifica | modifica sorgente]

Dialetto della città di Trento

La volp l'èra ancora famàda, quando che la vede en corf con en tòch de formài en tel bèch. "Quel lì el me saverìa bom", la pensa tra de ela, e la ghe dis al corf: "Che bel che te sei! Se 'l to cantar l'è cossì bel come la to cera, de sicùr te sei el pù bel de tuti i osei!"

Dialetto rurale (Valle dell'Adige)

La bòlp l'èra sfamada. Nte che éla la ve en corf con en tòch de formài ntél bèch. "Chel li el 'l me saverìa bon", la gà pensa ndrà de éla, e la ghe diz al córf: "Che bèl che te séi! Se el to cantàr l'èi cossì bèl com la to aparénza, segur che te séi el pù bèl de tüti ei ozèi!"

Dialetto rurale (Vallagarina)
La volp l'era ancora famàa, quan' che la vede en corf con en toch de formai en del béch. "Quel lì el me saveria bom", la pensa tra de ela, e la ghe dis al corf: "Che bel che te sei! Se 'l to cantar l'è cossita bel come la to cera, de sigur te sei el pù bel de tuti i osei!"
Dialetto rurale (Giudicarie Esteriori)
La bolp l'èra famada. 'Nde quela la vede na grola cont en tòch de formài ntél bèch. "Quel lì el me saverìe bon", l'ha pensa ntrà de éla, e la ghe dis ala grola: "Che bela che te sé! Se l'to cantar l'è bel come che te varde fora, de sigur te sé el pu bèl de tuti i osèi!"
Valsuganotto orientale (Valsugana)
La bolpe l'èra slubià. Nte che éla la ve en corvo con en tòco de formài ntél bèco. "Quel là el me saverìa bon", la pensa entro de éla, e la ghe dir al còrvo: "Che bèlo che te sì! Se el to cantàr l'è sì bèlo come che te empari fora, de segur te sì el pù bèlo de tuti i usèi!"
Dialetto primierotto (Primiero)
La bolp la èra denòu famaða. Intant la vet en crò co 'n tòch de formài 'ntél bèch. "Quel là sì che 'l me saerìe bon", la pensa entre de éla, e la ghe dis al crò: "Che bèl che ti sé! Se 'l to cantàr el é sì bèl fà cuel che te se vet, de segur ti sé el pì bèl de tuti i ausèi!"
Dialetto trentino occidentale (alta Rendena)
La bulp l'era amú famada, quan ca la vicc in còrf cunt in tòch di furmài int al böch. "Cul lì al mi pararìa bon", l'ha pinsà tra di öla, e la ghi dis al corf: "Chi bèl ca ti sé! S'al tò cantàr a lé bèl cumi al tò vardàr fò bèn, di sicör ti sé al pu bèl di tucc gli usèi!"

I dialetti trentini nel mondo[modifica | modifica sorgente]

I dialetti trentini sono ancora parlati in alcune colonie fondate dagli emigranti trentini che partirono dal Trentino tra 1875 e 1914. Queste isole linguistiche si conservano soprattutto in Brasile ed Argentina. In alcune città brasiliane come Rio dos Cedros, Rodeio, Nova Trento e Piracicaba (Colonia Tirolesa) i dialetti trentini sono infatti ancora parlati dai discendenti (anche se non vengono riconosciuti come lingua ufficiale) e vengono detti dialèt tirolés.

Nell'attuale Bosnia ed Erzegovina sorge il villaggio di Stivor, i cui abitanti discendono da emigranti della Valsugana, che partirono nei tempi in cui il Trentino (allora Tirolo Italiano) era parte dell'Impero Austroungarico, che comprendeva anche la Bosnia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.comune.bronzolo.bz.it/gemeindeamt/download/Notiziario_1_2007.pdf Notiziario del comune di Bronzolo, 1/2007, pag. 13
  2. ^ BONFADINI, Giovanni 1983 Il confine linguistico veneto-lombardo In: Guida ai dialetti veneti / a cura di Manlio Cortelazzo. - Padova : CLEUP, 1983. - V. 5, p. 23-59
  3. ^ TOMASINI, Giulio 1960 Profilo linguistico della regione tridentina. - Trento : Saturnia, 1960
  4. ^ MASTRELLI ANZILOTTI, Giulia 1992 I dialetti trentini centrali In: Atti del II convegno sui dialetti del Trentino : 18-1920 ottobre 1991 / a cura di Aldo Bertoluzza. - Trento : Centro culturale "Fratelli Bronzetti" Editore, 1992, p. 7-20.
  5. ^ ZAMBONI, Alberto 1977 Veneto. - Pisa : Pacini, 1977
  6. ^ BONFADINI, Giovanni 1992 I dialetti trentini occidentali In: Atti del II convegno sui dialetti del Trentino : 18-19-20 ottobre 1991 / a cura di Aldo Bertoluzza. - Trento : Centro culturale "Fratelli Bronzetti" Editore, 1992, p. 35-60.
  7. ^ Dal "Dizionario toponomastico trentino"

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica