Nomi (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nomi
comune
Nomi – Stemma
Nomi vista dal castello
Nomi vista dal castello
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Amministrazione
Sindaco Rinaldo Maffei (lista civica) dal 16/05/2010
Territorio
Coordinate 45°56′00″N 11°04′00″E / 45.933333°N 11.066667°E45.933333; 11.066667 (Nomi)Coordinate: 45°56′00″N 11°04′00″E / 45.933333°N 11.066667°E45.933333; 11.066667 (Nomi)
Altitudine 179 m s.l.m.
Superficie 6,49 km²
Abitanti 1 317[2] (31-12-2010)
Densità 202,93 ab./km²
Comuni confinanti Aldeno, Besenello, Calliano, Pomarolo, Volano
Altre informazioni
Cod. postale 38060
Prefisso 0464
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022128
Cod. catastale F929
Targa TN
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti nomesi, nomeri[1]
Patrono Madonna della Consolazione
Giorno festivo ultima domenica di agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Nomi
Sito istituzionale

Nomi (così anche in dialetto trentino) è un comune di 1.278 abitanti della provincia di Trento. Si trova circa 20 km a sud-ovest di Trento, sulla sponda destra del fiume Adige.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il Palazzo Vecchio di Nomi è una residenza fortificata di epoca rinascimentale. Il palazzo era un forte adibito a residenza per i nobili del tempo. Del castello sono perfettamente conservate la loggia e la torre a pianta rotonda. La torre è divenuta celebre a partire dal 1525 quando, durante la guerra dei contadini, vi fu bruciato vivo al suo interno l'allora feudatario Pietro Busio.

Altro luogo di sicuro interesse è la chiesa parrocchiale dedicata alla Madonna della Consolazione che al suo interno racchiude importanti opere d'arte tra cui una preziosa tela risalente al XV secolo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Nomi è uno dei sette comuni lagarini che facevano parte dell'antica istituzione amministrativa del Comun Comunale Lagarino. Attualmente il Comun Comunale rimane vivo nella memoria degli abitanti dei diversi comuni attraverso la manifestazione denominata "Comun Comunale - I Giochi e la regola". Questa festa si svolge tutti gli anni tra l'ultima settimana di maggio e la prima settimana di giugno e si svolge ogni anno a rotazione in uno dei sette comuni partecipanti:Aldeno, Cimone, Isera, Nogaredo, Nomi, Pomarolo e Villa Lagarina. La manifestazione rievoca le antiche vicende del periodo medievale ed è incentrata su suggestivi giochi e spettacoli con musiche e danze.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Trentino-Alto Adige Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trentino-Alto Adige