Madonna di Campiglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Campiglio" rimanda qui. Se stai cercando il cestista, vedi Antonio Campiglio.
Madonna di Campiglio
frazione
Madonna di Campiglio – Stemma
Madonna di Campiglio – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Comune Pinzolo-Stemma.png Pinzolo
Ragoli-Stemma.png Ragoli
Territorio
Coordinate 46°13′55″N 10°49′34″E / 46.231944°N 10.826111°E46.231944; 10.826111 (Madonna di Campiglio)Coordinate: 46°13′55″N 10°49′34″E / 46.231944°N 10.826111°E46.231944; 10.826111 (Madonna di Campiglio)
Altitudine 1.522 m s.l.m.
Abitanti 1 000 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale 38086
Prefisso 0465
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti Campigliani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Madonna di Campiglio

Madonna di Campiglio è una località turistica della provincia di Trento situata a 1.550 m s.l.m. a poca distanza da Passo Campo Carlo Magno, fra le Dolomiti di Brenta e le Alpi dell'Adamello e della Presanella. È divisa fra i comuni di Pinzolo (centro)[1] e Ragoli (Palù di Madonna di Campiglio)[2].

Nota stazione di soggiorno estiva e soprattutto invernale, disponendo di numerosissimi impianti di risalita per la pratica dello sci alpino e dello snowboard, è uno dei maggiori poli sciistici a livello nazionale.

La località può essere raggiunta tramite la Strada statale 239 di Campiglio che collega la Val di Sole con le Valli Giudicarie passando tramite il valico alpino di Campo Carlo Magno.

Piazza Righi a Madonna di Campiglio

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi documenti scritti che citano Madonna di Campiglio ne fanno risalire la fondazione all'anno 1190; a quel tempo tal Raimondo, in espiazione dei suoi peccati, decise di fondare un monastero-ospizio rivolto all'assistenza del viandante. Il monastero-ospizio crebbe in fretta; a capo vi era un priore sacerdote (tra gli altri, il priore Lombardo nel 1234, Federico nel 1292, Bartolomeo nel 1315 …). All'apice della sua parabola storica, attorno al 1450, arrivò a contare 20 monaci e 5 suore.

Elisabetta di Baviera conosciuta come la principessa Sissi

Il monastero era ben conosciuto in regione e, grazie ai lasciti dei fedeli, raggiunse una notevole ricchezza. “No ghè mond, che la Madona de Campèi no gabia fond” recitava un antico adagio. Dopo la sua soppressione, nel 1515, per Campiglio iniziò un lungo periodo di declino fino al 1868, allorquando Giovanni Battista Righi, un imprenditore rendenese, ne acquistò i ruderi dal Capitolo della Cattedrale di Trento, proprietario fino a quel tempo di quanto rimaneva dell'antico istituto trentino. Con Righi - fondatore dello "Stabilimento Alpino", primo albergo moderno del paese - Campiglio rinacque a nuova vita. Giovanni Battista Righi realizzò inoltre nel biennio 1874-75, interamente a sue spese e contro il volere dei suoi contemporanei, l'attuale "strada vecchia", prima carrozzabile in grado di unire Campiglio con Pinzolo e il resto del mondo.

A Righi succedette Franz Josef Oesterreicher; con quest'ultimo Campiglio divenne, sul finire dell'Ottocento, meta privilegiata dell'aristocrazia europea e asburgica. A Campiglio giunse l'imperatrice Elisabetta d'Austria, nota come Sissi, che vi trascorse due periodi di villeggiatura, nel 1889 e poi nel 1894. Sissi risiedette all'Hotel des Alpes, affittando i due piani superiori. In questa seconda occasione Sissi fu raggiunta a Campiglio dal consorte, l'imperatore d'Austria Francesco Giuseppe. A questo periodo risale il primo tentativo di lancio della località nel mondo degli sport invernali; nel 1910 un gruppo di "skiatori" inglesi risalì il vicino Monte Spinale, per testarne le potenzialità sciistiche.

La prima affermazione della località trentina nell'ambito del turismo invernale avvenne però solo dopo il 1930, grazie alla realizzazione dell'attuale statale che permise di rompere l'isolamento del paese durante i mesi freddi. Al 1936 risale la realizzazione del primo impianto di risalita del paese, la "slittovia del Belvedere", seguito nel 1937 dalla sciovia Campo Carlo Magno-Spinale. Tra il 1938 e il 1942 Campiglio è stata inoltre sede dei "littoriali della neve e del ghiaccio". La stagione turistica invernale per Campiglio divenne una realtà consolidata però solo dopo gli anni cinquanta, che videro l'affermazione del turismo di massa e l'arrivo degli sciatori richiamati dalle piste dello Spinale, di Pradalago, della 5 Laghi e del Grostè.

Il 31 dicembre 2007 si verificò un incendio all'interno del Hotel Des Alpes, incendio poi domato dai Vigili del Fuoco arrivati anche da Tione di Trento.[3]. L'avvenimento causò malcontento tra coloro che lì risiedevano in quel periodo, dal momento che fu ovviamente annullata la tradizionale rinomata festa di fine anno. Curioso il fatto che, pochi giorni più tardi, l'Hotel des Alpes fu anche teatro di una violenta rissa[4].

Il 7 agosto 2012, nel Hotel Relais Des Alpes nel Salone Hofer si svolge un incontro con il Nobel per la Pace Betty Williams attraverso l'iniziativa del trentino a sostegno del dialogo e pace.

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Campiglio è sede della "3Tre" ("tre gare nel Trentino"); una tra le più antiche gare di sci d'Europa, fondata nel 1949. Oggi la 3Tre si svolge sulle piste di Patascoss (Canalone Miramonti e FIS 3Tre) attorno alla metà del mese di dicembre. Campiglio è inoltre sede ogni anno, a gennaio, della Settimana WROOOM, in cui i piloti di Formula 1 della Ferrari e della MotoGP della Ducati si trovano nella località e sciano sulle piste o partecipano a eventi che li vedono coinvolti, come ad esempio il lancio di nuove vetture della Fiat. Dal 2014 la settimana WROOM è stata annullata.

Inoltre, ogni anno Campiglio si svolge il Carnevale Asburgico manifestazione culturale e turistica che, giunta nel 2010 alla sua 27ª edizione, vede fra i numerosi eventi sia rievocazioni in costume del periodo asburgico, sia conferenze e incontri culturali che mirano ad approfondire la conoscenza della vita a Campiglio nel periodo dell'imperatore Francesco Giuseppe. In estate è proposto il "compleanno dell'imperatore", occasione (ogni 18 agosto) di mostra degli splendidi costumi d'epoca.

Madonna di Campiglio dal Monte Spinale, vicino alla Cima Grostè

Piste[modifica | modifica wikitesto]

Ski slope and cablecar signs madonna campiglio.JPG

Madonna di Campiglio può vantare 60 km circa di piste e 20 impianti di risalita[5].
Famose sono la pista 3-Tre (il nome sta a significare "3 Gare del Trentino"), nella quale vengono disputate gare di slalom speciale della Coppa del Mondo di sci alpino, e anche la Spinale Direttissima che ha nella parte finale pendenze molto elevate; in particolare è stato intitolato a Michael Schumacher l'ultimo tratto della pista.
Il comprensorio di Madonna di Campiglio è collegato a quello di Folgarida e Marilleva. Dalla stagione invernale 2011/12 è attivo il collegamento sciistico con le piste di Pinzolo.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1967 lo slalom della 3Tre di Campiglio fu la prima gara italiana della Coppa del Mondo di sci alpino.
  • A Campiglio il campionissimo Ingemar Stenmark ottenne, nel 1974, la sua prima vittoria nel circuito iridato della Coppa del Mondo di Sci.
  • Si concluse a Campiglio una delle tappe alpine del Giro d'Italia 1999 con la vittoria di Marco Pantani, escluso il giorno dopo dalla competizione poiché fu trovato con un tasso d'ematocrito superiore al consentito per la sicurezza dell'atleta.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Centrum Madonna di Campiglio.jpg

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Pinzolo - Statuto.
  2. ^ Comune di Ragoli - Statuto.
  3. ^ In fiamme la sala da ballo di Sissi. «La salveremo»
  4. ^ Hotel Des Alpes devastato da maxi-rissa Corriere della Sera
  5. ^ Madonna di Campiglio (TN)