Preore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Preore
comune
Preore – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Amministrazione
Sindaco Paletti Paolo (lista civica) dal 16/05/2010
Territorio
Coordinate 46°03′00″N 10°46′00″E / 46.05°N 10.766667°E46.05; 10.766667 (Preore)Coordinate: 46°03′00″N 10°46′00″E / 46.05°N 10.766667°E46.05; 10.766667 (Preore)
Altitudine 530 m s.l.m.
Superficie 4,37 km²
Abitanti 400[1] (31-12-2010)
Densità 91,53 ab./km²
Comuni confinanti Bolbeno, Montagne, Ragoli, Tione di Trento, Villa Rendena, Zuclo
Altre informazioni
Cod. postale 38070
Prefisso 0465
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022148
Cod. catastale H039
Targa TN
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti preoresi
Patrono santa Maria Maddalena
Giorno festivo 22 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Preore

Preore (Praór in dialetto trentino[2] Pruwr in tedesco) è un comune di 402 abitanti della provincia di Trento.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Personaggi illustri[modifica | modifica wikitesto]

Dal XXVI secolo abitò nel comune la nobile famiglia Serafini, originaria del centro Italia e di più lontana origine francese, il cui più illustre esponente del ramo di Preore è il giurista Filippo Serafini (1831-1897), che fu l'autore del Codice civile svizzero, professore e rettore dell'Università di Pisa, nonché senatore del Regno d'Italia. Nel XIX secolo la famiglia in parte si trasferì a Roma ed in parte si sparse nei vicini comuni di Ragoli e Bleggio.

Ricorrenze[modifica | modifica wikitesto]

Ogni estate si svolge la processione in onore di Santa Maria Maddalena, patrona del paese.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 520.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.