Gressoney-Saint-Jean

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gressoney-Saint-Jean
comune
Gressoney-Saint-Jean – Stemma Gressoney-Saint-Jean – Bandiera
Gressoney-Saint-Jean – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Valle d'Aosta-Stemma.svg Valle d'Aosta
Provincia Non presente
Amministrazione
Sindaco Luigi Chiavenuto (lista civica Gressoney Insieme - Greschòney Zeéme) dal 24/05/2010
Territorio
Coordinate 45°47′00″N 7°49′00″E / 45.783333°N 7.816667°E45.783333; 7.816667 (Gressoney-Saint-Jean)Coordinate: 45°47′00″N 7°49′00″E / 45.783333°N 7.816667°E45.783333; 7.816667 (Gressoney-Saint-Jean)
Altitudine 1.385 m s.l.m.
Superficie 69 km²
Abitanti 814[1] (30-11-2012)
Densità 11,8 ab./km²
Frazioni Tra parentesi i toponimi in tedesco standard: Bieltschòcke (Bieltschucken), Bode, Chaschtal, Dresal, Loomatto (Loomatten), Méttelteil (Mittelteil), Mettie (Mettien), Noversch, Òbre Biel (Ober Biel), Òbre Champsil (Ober Champsil), Òbro Verdebio (Ober Verdebien), Ònderteil (Unterteil), Òndre Biel (Unter Biel), Òndre Champsil (Unter Champsil), Òndro Verdebio (Unter Verdebien), Perletoa, Predeloasch, Stobene, Trentostäg (Trentosbrück), Tschemenoal (Chemonal), Tschoarde, Tschossil, Woald (Wald)
Comuni confinanti Ayas, Brusson, Gaby, Gressoney-La-Trinité, Rassa (VC), Riva Valdobbia (VC)
Altre informazioni
Cod. postale 11025
Prefisso 0125
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 007033
Cod. catastale E168
Targa AO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 4 726 GG[2]
Nome abitanti gressonari (in italiano)
gressonards (in francese)
greschòneyra (in titsch)
greschoneyer (in tedesco)
Patrono san Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gressoney-Saint-Jean
Posizione del comune di Gressoney-Saint-Jean all'interno della Valle d'Aosta
Posizione del comune di Gressoney-Saint-Jean all'interno della Valle d'Aosta
Sito istituzionale

Gressoney-Saint-Jean (Greschòney Zer Chilchu in walser; Gressonèy-Sèn-Dzan in francoprovenzale[3]) è un comune italiano di 814 abitanti[4] della Valle d'Aosta orientale.

Toponomastica tradizionale[modifica | modifica sorgente]

Tradizionalmente, i due comuni di Gressoney-La-Trinité e Gressoney-Saint-Jean formano un'entità territoriale e culturale unica, denominata Gressoney in francese, Greschòney (ufficiale) o Creschnau[5][6] nel dialetto locale della lingua walser (il Greschòneytitsch o più semplicemente Titsch) e Kressenau[7] (forma desueta[8]) in tedesco.

Al toponimo Gressoney sono stati associati nel tempo vari significati:

  • Chreschen-eye: "piana dei crescioni"
  • Grossen-eys: "grande ghiacciaio"
  • Chreschen-ey: "uovo depositato fra i crescioni".

Il significato più attendibile è il primo, sebbene nessun documento lo attesti.

Gressoney si divide in tre parti:

  • Onderteil, che significa "la parte inferiore", dal pont de Trenta (in titsch, Trentostäg) fino al capoluogo di Gressoney-Saint-Jean (Greschòney Zer Chilchu);
  • Méttelteil, che significa "la parte di mezzo", comprendente il capoluogo di Saint-Jean (Greschòney Zer Chilchu) e il territorio a monte;
  • Oberteil, che significa "la parte superiore", che corresponde all'attuale comune di Gressoney-La-Trinité.

Dal 1939 al 1946 prese il nome - italianizzato - di Gressonei San Giovanni, parte del comune di Gressonei, poi soppresso nello stesso anno 1946.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Il comune di Gressoney-Saint-Jean si trova nella valle del Lys (o valle di Gressoney) a 1.385 m s.l.m. ai piedi del Monte Rosa. Nel territorio comunale vi è ubicata la stazione meteorologica di Gressoney-Saint-Jean. A est confina con il Piemonte nel territorio di Alagna Valsesia, a ovest con la valdostana Val d'Ayas. Dal paese chiude la visuale della valle il Monte Rosa con il ghiacciaio del Lys (1078 ettari, il più esteso del versante italiano del gruppo e il secondo della Valle d'Aosta) e con le cime del Castore (4226 m), dei Lyskamm (Occidentale, 4481 m e Orientale, 4527 m) e della Piramide Vincent (4215m). La punta più alta del massiccio si trova invece più distante, a cavallo tra Macugnaga (Piemonte, provincia di Verbania, dove il massiccio assume dimensioni himalayane precipitando con la più alta parete delle Alpi, la parete est del Monte Rosa) e Zermatt (Svizzera).

Clima[modifica | modifica sorgente]

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[10]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 40 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Lingue e dialetti[modifica | modifica sorgente]

Gressoney-Saint-Jean è un'isola linguistica tedesca appartenente alla comunità dei Walser. La popolazione parla un dialetto alemanno, il Greschòneytitsch, o semplicemente Titsch.

Un esempio di Greschòneytitsch è dato dal Padre Nostro:

Greschòneytitsch Tedesco Italiano

Endsche Attò
das béscht em Hémmel,
dass héilege sígge Dín Noame.
Chéeme Dín Herrschaft.[11]

Vater unser
der Du bist im Himmel,
geheiligt werde Dein Name.
Dein Reich komme.

Padre Nostro
Che sei nei cieli,
Sia santificato il tuo Nome.
Venga il Tuo Regno,

Dei proverbi:

  • D’scheitò spréngt nid witt vòm stock.
Il truciolo non cade lontano dal ceppo.
  • Waster neut an Groat wennt neut mascht troa.
Nnon caricarti una montagna se non sei capace a portarla.
  • Morgen root, Abend Koth.
Rosso il mattino, fango la sera.

L'eredità culturale e linguistica walser di Gressoney è oggetto di studio e divulgazione da parte del Walser Kulturzentrum, che dispone inoltre di una nutrita biblioteca. Negli ultimi anni sotto la presidenza di Heinrich Welf, dalla collaborazione con l'Associazione Augusta di Issime è stato edito, tra le altre opere, un dizionario delle due varianti della lingua walser di Gressoney (Titsch) e Issime (Töitschu).

Oltre ad essere trilingue italiano-francese-tedesco (lingue di istruzione ufficiali per i comuni germanofoni della Valle del Lys), nel territorio di Gressoney-Saint-Jean parte della popolazione parla il patois francoprovenzale valdostano. Inoltre, in virtù della vicinanza geografica e dei rapporti storici con l'adiacente Valsesia e con il Canavese, la popolazione locale conosce anche il piemontese.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Biblioteche[modifica | modifica sorgente]

In Strada regionale 44 ha sede la biblioteca comunale.

Musei[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • Sankt Johanns Feuer[12] - I fuochi di San Giovanni;
  • Bierfest[13] - La festa della birra;
  • Walser Nacht[14] - La notte bianca walser.

Eventi tradizionali[modifica | modifica sorgente]

La sera del 31 dicembre, i giovani del paese si recano in visita alle case dei villaggi cantando il Neujahrslied (« Canto del nuovo anno »):

Ein glückseliges neues Jahr
Wünschen wir Euch von Herzens Grund
Gottes Gnad'viele Jahr bewahre
Euern Leib und Seel gesund.
Anstatt unserer Schenkung seje
Das geborene Jesulein
In dem Kripplein auf der Heide
Drücket's in Eueres Herz hinein.

Persone legate a Gressoney-Saint-Jean[modifica | modifica sorgente]

Associazioni[modifica | modifica sorgente]

A Gressoney-Saint-Jean si trova la sede della Compagnia delle guide Gressoney - Monte Rosa.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Prodotti tipici[modifica | modifica sorgente]

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Gressoney-Saint-Jean è un rinomato luogo di villeggiatura estiva ed invernale. Dispone di un buon numero di impianti e piste da sci. Il comprensorio più importante è quello dei Weissmatten, e fa parte del comprensorio sciistico Monterosa Ski.

Energia[modifica | modifica sorgente]

Come in molti comuni valdostani anche nel comune di Gressoney-Saint-Jean si produce energia idroelettrica. La centrale idroelettrica di Sendren, in gestione alla CVA, sfrutta le acque dei torrenti Lys e Valdobbiola.[15]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Il termine "sindaco", in francese valdostano syndic, è reso nel dialetto Titsch dal termine Sendég, che risente inoltre dell'influenza del patois valdostano senteucco.

Fa parte della Comunità Montana Walser Alta Valle del Lys (Walsergemeinschaft Oberlystal).

Sport[modifica | modifica sorgente]

Galleria immagini[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nel 2012 è stato girato qui Il peggior Natale della mia vita di Alessandro Genovesi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2012.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 316.
  4. ^ Dato Istat all'1/1/2007.
  5. ^ Treccani
  6. ^ Michele Loporcaro, Profilo linguistico dei dialetti italiani
  7. ^ Die Alpen, giugno 2011, p.29
  8. ^ Le opere più recenti in tedesco standard riportano i nomi ufficiali in francese - cf. Liederbuch von Gressoney und Issime e Peter Zürrer, Sprachkontakt in Walser Dialekten: Gressoney und Issime im Aostatal (Italien).
  9. ^ Le zone sismiche in Italia: Valle-Aosta, statistica 2006, www.abspace.it
  10. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  11. ^ (WAEDE) Das Vaterunser auf Walserisch (Greschòney), Frankfurter Allgemeine Zeitung, 2006. URL consultato il 13 maggio 2011.
  12. ^ Fuochi di San Giovanni
  13. ^ Bierfest
  14. ^ Walser Nacht
  15. ^ CVA, Gli impianti. URL consultato il 1º novembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Valentin Curta, Gressoney einst und jetzt (ristampa 1994)
  • AA.VV. (Walser Kulturzentrum), Gressoney e Issime. I Walser in Valle d'Aosta, 1986
  • AA.VV. (Walser Kulturzentrum), Canzoniere di Gressoney e Issime - Liderbuch von Kressnau und Eischeme, 1991
  • AA.VV. (Walser Kulturzentrum), Greschôneytitsch und d'Eischemtöitschu, 1988-1998
  • Guida Rurale della Valle d'Aosta. Comunità Montana Mont Rose - Walser, Alta Valle del Lys, Assessorato Agricoltura e Risorse Naturali - Regione Autonoma Valle d'Aosta, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]