Champorcher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Champorcher
comune
Champorcher – Stemma Champorcher – Bandiera
Champorcher – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Valle d'Aosta-Stemma.svg Valle d'Aosta
Provincia Non presente
Amministrazione
Sindaco Mauro Gontier (lista civica Champorcher) dal 24/05/2010
Territorio
Coordinate 45°37′00″N 7°37′00″E / 45.616667°N 7.616667°E45.616667; 7.616667 (Champorcher)Coordinate: 45°37′00″N 7°37′00″E / 45.616667°N 7.616667°E45.616667; 7.616667 (Champorcher)
Altitudine 1.427 m s.l.m.
Superficie 68 km²
Abitanti 391[1] (30-11-2012)
Densità 5,75 ab./km²
Frazioni Arbussey, Boussiney, Byron, Chardonney, Château, Collin, Coudreyt, Dogier, Dublanc, Garavet, Gontier, Grand-Mont-Blanc, Grand- Rosier, L’Ecreux, Loré, Mellier, Moulin, Outre l’éve, Parié, Perrier, Perruchon, Petit-Mont-Blanc, Petit-Rosier, Ronchas, Salleret, Sen-du-Gail, Vagly, Verana, Vignat, Vigneroisa
Comuni confinanti Champdepraz, Cogne, Fénis, Issogne, Pontboset, Valprato Soana (TO), Vico Canavese (TO)
Altre informazioni
Cod. postale 11020
Prefisso 0125
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 007018
Cod. catastale B540
Targa AO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 4 373 GG[2]
Nome abitanti champorcherains
Patrono san Nicola
Giorno festivo 6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Champorcher
Posizione del comune di Champorcher all'interno della Valle d'Aosta
Posizione del comune di Champorcher all'interno della Valle d'Aosta
Sito istituzionale

Champorcher (Tsamportsé in patois valdostano; Campo Laris durante il fascismo dal 1939[3] al 1945[4]) è un comune italiano di 391 abitanti[5] della Valle d'Aosta.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Chardonney nei vapori di una giornata piovosa

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

È posizionato alla testata della valle omonima, di cui è il comune principale. È bagnato dalle acque del torrente Ayasse.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Toponomastica[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo Champorcher deriverebbe da san Porzio (Porcier in francese), soldato della Legione Tebea, che, scampato al massacro, si recò con san Besso in Valle d'Aosta. Qui i due santi si separarono: san Besso si recò in val Soana ed invece san Porzio nella valle di Champorcher dove predicò il Vangelo. Il toponimo Champorcher significherebbe allora Campo di Porcier[7].

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architettura religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Architettura militare[modifica | modifica wikitesto]

  • Sopra ad un promontorio nei pressi della chiesa parrocchiale sorge il Castello di Champorcher, eretto durante il medioevo dalla famiglia di Bard.

Architettura civile[modifica | modifica wikitesto]

  • Nei pressi degli impianti di risalita in località Chardonney, sulla destra orografica del torrente Ayasse, è allestito il percorso attrezzato ("Parcours découverte" o percorso scoperta) del Bois de Chardonney.[8]
  • A Chardonney, la casa Thomas, tipico esempio di architettura rurale tradizionale al cui interno è allestito l'Ecomuseo della canapa. Nei pressi si trova un mulino ad acqua un tempo usato per la macinazione dei cereali.[9]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Champorcher[modifica | modifica wikitesto]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

In frazione Loré ha sede la biblioteca comunale.

In località Chardonney è presente l'Ecomuseo della canapa e la mostra permanente sulla lavorazione della canapa.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[10]

Persone legate a Champorcher[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 agosto di ogni anno si effettua il pellegrinaggio al santuario della Madonna delle Nevi (in francese Notre-Dame-des-Neiges), vicino al lago Misérin.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte della Comunità Montana Mont Rose.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2012.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Regio Decreto 22 luglio 1939, n. 1442
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 200.
  5. ^ Dato Istat all'1/1/2007.
  6. ^ Le zone sismiche in Italia: Valle-Aosta, statistica 2006, www.abspace.it
  7. ^ J.M. Henry, Historie populaire, religieuse et civile de la Vallée d'Aoste, Aosta 1967
  8. ^ Percorso attrezzato e "parcours découverte" Bois de Chardonney sul sito ufficiale del Turismo della Valle d'Aosta
  9. ^ Comune di Champorcher, Storia ed Economia http://www.comune.champorcher.ao.it/Comune/it/Informazioni/Storia-ed-economia.aspx Storia ed Economia. URL consultato il 17 maggio 2013.
  10. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Generale
  • Mario Aldrovandi, La Valle di Champorcher, Torino: Lattes, 1931
  • Roberto Nicco, La Valle di Champorcher e i suoi dintorni, Quart: Musumeci, 1987
  • Fausta Baudin et al., La valle di Champorcher: natura, storia e itinerari nei comuni di Bard, Hône, Pontboset e Champorcher, Aosta: La traccia, 2002
  • Mario Aldrovandi, Guida delle valli di Gressoney, Champorcher e Clavalité, 2. ed., Torino: SPE, 197?
Storia e tradizioni
  • Fausta Baudin, Champorcher la storia di una comunità dai suoi documenti, Aosta: Arti Grafiche Duc, 1999.
  • Mauro Bassignana, Claudine Remacle, Fausta Baudin, Champorcher ieri e oggi = Champorcher hier et aujourd'hui, Quart: Musumeci, 2013, EAN: 9788870328912
  • Joseph Gontier, Notices sur Champorcher, Ivrea: Imprimerie Laurent Garda, 1895
  • Renzo Cerriana et al., Per guarire facevano così: note sulla medicina di una volta raccolte a Champorcher in Valle d'Aosta, Ivrea: Priuli & Verlucca, 2005
  • Ugo Torra, La Valle di Champorcher: le sue antichità, Ivrea: Bardessono, 1961
  • Teresa Pasteris, Champorcher: trent'anni di ricordi (1932-1962), Aosta: Musumeci, 1972
  • Mariagiovanna Casagrande, Forni da pane: panificazione, memoria e tradizione a Champorcher in Valle d'Aosta, Ivrea: Priuli & Verlucca, 1997
  • Fausta Baudin, La séparation des deux communautés et ses conséquences sur leurs archives : le cas de Champorcher et de Pontboset (Vallée d'Aoste - Italie), in Arbido, 19, fasc. 5, 2004, pp 16-18
  • Fausta Baudin, Champorcher: la storia di una comunità dai suoi documenti, Aosta: Duc, 1999
  • L'archivio storico del Comune di Champorcher, Champorcher: Comune di Champorcher, 200?
  • Mariagiovanna Casagrande, Teresa Charles, Champorcher, le chanvre et les contes d'antan = Champorcher: valle della canapa e di antichi racconti, Aoste: Valgrisa, 2007
  • Giocondo Valerio Colliard, Mio fratello, il partigiano Aldos: pagine di Resistenza nella Valle di Champorcher, Issogne: Tipografia parrocchiale, 2004
  • Julien Pignet (a cura di), Actes d'inféodation et d'investiture d'une portion du fief de Champorcher et de Pont-Bozet, érigée en baronnie, en faveur de Mr. le Baron Nicolas-Joseph-Philibert Freydoz (1746, 1er février et 15 mars), in Société académique, religieuse et scientifique du Duché d'Aoste, 43, 1966-1967, , pp. 71-82
Linguistica
  • Sandro Libertini, I toponimi del Grand e Petit Rosier di Champorcher (Aosta-Italia) : appunti e note, Sanremo: Blue Service, 1994
  • Miranda Glarey, Dictionnaire du patois de Champorcher: patois-français, français-patois, Saint-Christophe: Tipografia Duc, 2011
  • Antoine Chanoux[1]. Mon patois: réimpression du cahier dédié en 1911 au patois de Champorcher, EAC-CIEMEN, 1982
Natura
  • Luca Miserere, Giorgio Buffa, Rosanna Piervittori, Contributo alla conoscenza briologica della Valle di Champorcher (Aosta), Firenze: Società botanica italiana, 1995
  • Maurizio Bovio, Franco Fenaroli, Itinerari naturalistici in Valle d'Aosta, Valle di Champorcher: nella conca di Dondena sulle orme del prof. Vaccari, in Revue valdôtaine d'histoire naturelle, 39, 1985, pp. 153-163
  • Lino Vaccari, Un coin ignoré dans les Alpes Graies: herborisations dans la Vallée de Champorcher, Vallée d'Aoste, Revue valdôtaine d'histoire naturelle, 1, 1902, pp. 31-52
  • Maurizio Bovio, Franco Fenaroli, Pietro Rosset, L'esplorazione botanica del vallone della Legna (Valle di Champorcher) e l'attuale stato di conoscenza della sua flora, in Revue valdôtaine d'histoire naturelle, 41, 1987, pp. 39-68
  • Giorgio Baldizzone, I microlepidotteri raccolti nel 2006 nella zona di ampliamento del parco naturale Monte Avic (alta valle di Champorcher), in Revue valdôtaine d'histoire naturelle, 61-62, 2007-2008, pp. 155-178
Sport
  • Marco Blatto, Luca Zavatta, Valle di Champorcher, Parco Mont Avic: trekking, Rimini: L'escursionista, 2011
Altro
  • Danilo Marco, Le case rurali di Champorcher: organizzazione e forme dell'architettura di un comune alpino, testimonianza di un genere di vita arcaico e medioevale, in Pagine della Valle d'Aosta, fascicolo 6, giugno 1997, pp. 60-64
  • Ecomuseo a Champorcher; Campo dimostrativo di canapa a Hône, Sarre: Testolin, 2006
  • Laura Milanesi (a cura di) , Tesori nascosti: i mobili dipinti della valle di Champorcher = Trésors cachés : les meubles peints de la vallée de Champorcher, Quart: Musumeci, 2008

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Champorcher di Stefano Viaggio, RAI Valle d'Aosta, 1986

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Omar Borettaz, Anna Galliano, Joseph-Gabriel Rivolin, Gabriella Vernetto et Barbara Wahl, Correspondances - Auteurs valdôtains et textes français en écho, Région autonome Vallée d'Aoste - Assessorat de l'éducation et de la culture, 2013, p.90.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]