J.J. Watt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« J.J. Watt è sovrumano, è il nuovo eroe sportivo di Houston, in tutti i sensi della parola. È un ragazzo che trascorre i suoi venerdì alle partite di football del liceo e cerca attivamente coloro che hanno bisogno della sua bontà. »
(Hannah Storm[1], giornalista di ESPN)
J.J. Watt
JJ Watt.JPG
Watt nel 2012.
Nome Justin James Watt
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 196 cm
Peso 134 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Defensive end
Squadra Houston Texans
Carriera
Giovanili
2007 Central Michigan Chippewas
2008-2010 Wisconsin Badgers
Squadre di club
2011- Houston Texans
Palmarès
Difensore dell'anno 3
Selezioni al Pro Bowl 4
All-Pro 4
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 30 settembre 2016

Justin James "J.J." Watt (Waukesha, 22 marzo 1989) è un giocatore di football americano e attore statunitense che milita nel ruolo di defensive end per gli Houston Texans della National Football League (NFL).

Fu scelto come 11º assoluto dai Texans nel corso del draft NFL 2011. Al college ha giocato a football all'Università del Wisconsin. Anche se gioca principalmente come defensive end, in alcune situazioni di gioco viene impegnato anche come defensive tackle. Uno dei due soli giocatori della storia ad essere premiati come difensore dell'anno per tre volte (nel 2012, 2014 e 2015), è considerato uno dei giocatori più dominanti della lega[2][3] e l'unico giocatore della storia ad avere messo a segno almeno 20 sack in due diverse stagioni[4]. Watt detiene anche i record di franchigia dei Texans di sack e fumble forzati in carriera. Per le sue grandi doti atletiche e la sua durezza in campo, è soprannominato MegaWatt[5].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Scuole superiori[modifica | modifica wikitesto]

J.J. Watt è nato e cresciuto a Waukesha un sobborgo di Milwaukee, Wisconsin, figlio di Connie, vice presidente di una ditta di costruzioni, e John Watt, un vigile del fuoco. La famiglia Watt ha origini scozzesi[6]. I suoi due fratelli, Derek e T.J. sono stati anche loro giocatori di football americano all'Università del Wisconsin-Madison; dal 2016, Derek Watt fa parte dei San Diego Chargers della NFL. Watt cominciò a giocare a football americano in quinta elementare, diventando subito un grande appassionato. Giocò anche a hockey su ghiaccio da quando aveva 4 anni fino ai 13[7] quando smise a causa, tra gli altri, di problemi finanziari[8].

Frequentò la Pewaukee High School, dove fece parte per quattro anni della squadra di football, pallacanestro, baseball e atletica leggera. Nella pallacanestro ottenne una media di 13 punti a partita e si dimostrò un ottimo rimbalzista e stoppatore. A 15 anni, J.J. iniziò a concentrarsi maggiormente sul football. Iniziò come quarterback di riserva senza molto successo decidendo allora di giocare come tight end e defensive end. Durante il suo anno da senior, fu selezionato per la prima squadra All-State, All-County, All-Area, All-Conference e vinse il premio Woodland Conference Player of the Year Award e quello di MVP della squadra[9]. Nel suo ultimo anno ottenne un totale di 399 yard su ricezione, 26 su ritorno di intercetto e 5 touchdown[10].

Watt seguì anche le orme del padre gareggiando nel lancio del peso durante la sua stagione da senior, guadagnando la selezione nella prima squadra All-State[11]. Conquistò il titolo statale nel lancio del peso al campionato 2007 WIAA Division II, dove segnò un nuovo record della scuola con un lancio di 59 piedi (18,28 metri)[12]. Per i suoi risultati accademici e contributi negli sport venne eletto membro della National Honor Society, mentre la squadra di football della scuola, i Pirates, ritirarono il suo numero di maglia[13]. Classificato come un prospetto da due stelle (su cinque massime) sia da Rivals.com che da Scout.com, Watt non era considerato tra i migliori tight end o defensive end della sua classe. Watt ricevette comunque l'interesse di diverse università. Dopo aver visitato la Central Michigan University, la University of Colorado at Boulder e l'Università del Minnesota, scelse di giocare per Central Michigan[14].

Carriera universitaria[modifica | modifica wikitesto]

Central Michigan[modifica | modifica wikitesto]

Watt ai tempi del college nel 2010.

Watt ricevette una borsa di studio dalla Central Michigan University, decidendo di iscrivervisi e giocando come tight end. Tuttavia, dopo otto partite la stagione 2007 che si avviava alla conclusione, non aveva ancora segnato alcun touchdown. Gli fu proposto dagli allenatori di passare nel ruolo di offensive tackle, ma la cosa non lo entusiasmò. Watt avrebbe preferito avvicinarsi a casa e giocare come defensive end per Wisconsin, così abbandonò il suo ruolo di titolare e la sua borsa di studio per passare all'Università del Wisconsin. Complessivamente, a Central Michigan giocò 14 partite con 8 ricezioni e 77 yard ricevute[15]. Il 27 ottobre 2007, in una gara contro Kent State, Watt ricevette 2 passaggi per 23 yard, il suo massimo. I Chippewas vinsero il secondo titolo consecutivo della Mid-American Conference con un record di 8-6, per poi essere eliminati da Purdue[16].

Wisconsin[modifica | modifica wikitesto]

All'Università del Wisconsin, Watt passò la prima stagione come redshirt, poteva cioè allenarsi con la squadra ma non scendere in campo. Anche se aveva guadagnato più di 10 kg di massa muscolare nel suo anno a Central Michigan, l'allenatore Bret Bielema non lo ritenne pronto per giocare[17]. Durante il suo anno da freshman, alternò gli studi in scienze della comunicazione con un lavoro come fattorino per un ristorante Pizza Hut di Pewaukee[18][19]. L'anno seguente disputò 13 partite come defensive end. In alcune partite venne schierato anche negli special team venendo premiato come giocatore degli special team della settimana in una occasione. In una gara contro Hawaii il 5 dicembre 2009, ebbe un record in carriera di 2 sack per una perdita di 9 yard da parte degli avversari e 6 placaggi, di cui tre con perdita di yard degli avversari. Concluse l'annata con 32 tackle solitari, 12 tackle assistiti, 4,5 sack, 2 fumble recuperati e 5 passaggi deviati. I Badgers chiusero la stagione con un record 10-3.

Nel 2010 disputò 13 partite guidando la squadra in tackle con perdita di yard, pressioni sul quarterback, calci bloccati e fumble forzati e fu nominato difensore della settimana in due diverse occasioni. Wisconsin finì l'anno con un record 11-2 e vinse il primo titolo di conference in dieci anni. Coi Badgers J.J. giocò il Rose Bowl del 1º gennaio 2011 perdendo contro gli Horned Frogs per 21-19[20]. Fu premiato con il Ronnie Lott Trophy, votato dall'Associated Press e da Sports Illustrated First-team All-American, inserito nella formazione ideale della Big Ten Conference e premiato come miglior giocatore della squadra. A fine anno, decise di rinunciare alla sua ultima stagione nel college football e si dichiarò eleggibile per il draft NFL.

Statistiche al college[modifica | modifica wikitesto]

Tackle Sack Fumble Intercetti Ricezioni Altro
Anno Squadra P Tot Sol Ass Sack FF FR Int Yard Media Max TD Rec Yard Media Max TD PD CB
2007 CMU 14 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 8 77 9,6 23 0 0 0
2009 WIS 13 44 32 12 4,5 0 2 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 5 0
2010 WIS 13 62 42 20 7 3 2 1 15 15 15 0 0 0 0 0 0 9 3
Totale 40 106 74 32 11,5 3 4 1 15 15 15 0 8 77 9,6 23 0 14 3

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Houston Texans[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2011[modifica | modifica wikitesto]

Alla Combine della NFL, Watt fu il leader in tutte le categorie eccetto nello scatto delle 40 yard (37 metri) in cui fece segnare tuttavia un tempo positivo di 4,84 secondi[21]. Il 28 aprile 2011 fu scelto nel draft come 11º assoluto dagli Houston Texans[22][23]. Il 31 luglio 2011, Watt firmò un contratto quadriennale coi Texans del valore di 11.237.000 dollari compreso un bonus alla firma di 6.672.000 dollari[24]. Scelse di indossare il numero 99, lo stesso usato ai Badgers. Nella sua prima gara di stagione regolare l'11 settembre 2011 al Reliant Stadium contro gli Indianapolis Colts, Watt registrò 5 tackle (tutti solitari) e recuperò un fumble. Nella settimana 3 fece registrare il primo sack in carriera nella sconfitta per 40-33 contro i New Orleans Saints. Nella gara dopo la settimana di pausa il defensive end ebbe la sua migliore partita della stagione registrando 7 placcaggi, 2 sack e 1 passaggio deviato aiutando Houston a vincere la quinta partita consecutiva[25]. Grazie alla sua velocità e impressionante forza fisica, Watt divenne rapidamente un giocatore fondamentale nella difesa dei Texans.

Watt terminò la sua prima stagione regolare giocando tutte le 16 partite da titolare con 56 tackle (48 solitari), 5,5 sack, 2 fumble recuperati, 4 passaggi deviati e un field goal bloccato. I Texans terminarono la stagione con un record di 10-6 vincendo per la prima volta la AFC South. Nella prima gara di playoff della storia dei Texans il 7 gennaio 2012 contro i Cincinnati Bengals, Watt intercettò il quarterback Andy Dalton e ritornò il suo primo touchdown nella NFL dando a Houston il vantaggio 17-10. I Texans vinsero facilmente 31-10[26]. Nel Divisional Round contro i Baltimore Ravens il 15 gennaio 2012, Watt mise a segnò 12 tackle e 2,5 sack sul quarterback Joe Flacco, eguagliato dal compagno rookie Brooks Reed. I Texans però furono sconfitti 20-13, terminando la prima corsa nei playoff della storia della franchigia. A fine anno Watt fu inserito nella USA Today All-Joe team e nel Pro-Football Weekly/PWFA All-Rookie team[27].

Stagione 2012: difensore dell'anno[modifica | modifica wikitesto]

Watt mentre firma un autografo il 1º novembre 2012.

Nella seconda gara della stagione, vinta contro i Jacksonville Jaguars, Watt mise a segno 1,5 sack su Blaine Gabbert[28]. Con la vittoria sui Denver Broncos della settimana 3, i Texans partirono per la prima volta nella loro storia con un record di 3-0: Watt mise a referto 2,5 sack su Peyton Manning oltre a 7 tackle[29]. Nella settimana 4 i Texans continuarono la loro marcia da imbattuti superando nettamente i Tennessee Titans con Watt che mise a referto altri due sack su Matt Hasselbeck, raggiungendo quota 7,5 a solamente un quarto dell'annata e superando Clay Matthews in cima alla classifica parziale stagionale[30]. Dopo questa prestazione, Watt fu nominato miglior difensore del mese della AFC[31].

Nel Monday Night Football del turno successivo i Texans si portarono sul record di 5-0 con Watt che trascinò la squadra con 6 tackle, 3 passaggi deviati (di cui uno che provocò un intercetto) e un sack su Mark Sanchez[32]. Il mercoledì successivo, la Elias Sports Bureau, la compagnia che si occupa di tenere traccia delle statistiche per conto della NFL, tolse quel sack a Watt nell'ambito della correzione settimanale delle statistiche[33]. Nella settimana 6 i Texans subirono la prima netta sconfitta stagionale contro i Packers: Watt tuttavia continuò ad essere inarrestabile mettendo a segno altri 2 sack su Aaron Rodgers, riprendendosi la cima solitaria della classifica di specialità[34]. Houston si rifece nel turno successivo dominando i Ravens per 43-13: Watt deviò il nono passaggio della stagione e il quarto che venne poi ritornato da un giocatore di Texans in touchdown[35]. Dopo la settimana di pausa, i Texans batterono agevolmente i Buffalo Bills con Watt che riprese da dove aveva terminato mettendo a referto un sack e 5 tackle che lo confermarono tra i giocatori più dominanti della prima metà della stagione[36].

Dopo un'importante vittoria sui Chicago Bears, nella settimana 11, i Texans, la squadra col miglior record della lega, vinsero una partita epica contro i Jaguars, ultimi nella NFL con una sola vittoria. Tra continui ribaltamenti di fronte, Houston la spuntò ai supplementari, con J.J. che mise a segno un sack su Chad Henne[37]. Nella gara del Giorno del Ringraziamento Watt e i Texans giocarono una gara simile alla precedente, vincendo solo ai supplementari contro i Detroit Lions col defensive end che mise a referto 3 sack[38]. Grazie a questa prestazione, Watt superò il record di franchigia di 14 sack stabilito nel 2007 da Mario Williams.

Watt durante un'azione di gioco nel Pro Bowl 2014.

Con la vittoria nella settimana 13 sui Titans, Houston centrò la seconda qualificazione ai playoff consecutiva. Watt mise a segno 5 tackle, 2 sack e forzò un fumble[39]. Con questa partita, Watt divenne il primo giocatore della storia della NFL a mettere a segno 15 sack e 15 passaggi deviati nella stessa stagione[40]. Nel Monday Night successivo Houston perse la seconda gara stagionale contro i Patriots in cui Watt forzò un fumble[41]. Nella settimana 15 Houston si assicurò il secondo titolo di division consecutivo battendo i Colts. Watt giocò un'altra partita superba con 10 tackle, 3 sack su Andrew Luck e un altro fumble forzato[42]. Con questa gara, Watt tornò leader nella classifica stagionale dei sack con 19,5, in coabitazione con Aldon Smith dei 49ers[43].

La domenica successiva i Texans persero la terza gara del 2012 contro i Minnesota Vikings malgrado un altro sack e un fumble forzato da Watt[44]. Houston chiuse la stagione regolare con un record 12-4, il migliore nella storia della franchigia. Tre giorni dopo fu convocato per il primo Pro Bowl in carriera[45]. Alla fine di dicembre fu premiato per la seconda volta dell'anno come difensore del mese della AFC[46]. La sua stagione regolare si concluse guidando la NFL con 20,5 sack (sesta prestazione di tutti i tempi), oltre a 81 tackle, 16 passaggi deviati, 4 fumble forzati e 2 recuperati. Il 12 gennaio 2013 J.J. fu l'unico giocatore, insieme a Adrian Peterson, ad essere inserito unanimemente nel First-team All-Pro[47]. Watt, come l'anno precedente, giocò una partita dominante nel primo turno di playoff, ancora contro i Bengals, mettendo a segno 5 tackle, 1 sack e un passaggio deviato con Houston che passò agevolmente il turno[48]. La stagione di Houston si arrestò per il secondo anno consecutivo nel Divisional Round a causa della sconfitta contro i Patriots, con Watt che mise a segno 0,5 sack su Tom Brady e 4 tackle[49].

Il 3 febbraio 2013, la notte prima del Super Bowl XLVII, Watt fu premiato come difensore dell'anno della NFL dopo aver disputato una delle stagioni più dominanti della storia per un difensore[50]. Fu il primo giocatore nella storia della franchigia a vincere il premio[51] e solo l'ottavo defensive end nella storia della lega. A fine anno fu posizionato al numero 5 nella classifica dei migliori cento giocatori della stagione, il primo difensore della graduatoria[52] e il debuttante più in alto di sempre.

Stagione 2013[modifica | modifica wikitesto]

Watt durante il Pro Bowl 2014.

I primi due sack della stagione, Watt li mise a segno nella settimana 2 nella vittoria ai supplementari sui Titans[53] e un altro la settimana successiva contro i Ravens[54] campioni in carica della NFL. Nella quarta gara della stagione contro i Seattle Seahawks, mise a referto 8 tackle e 0,5 sack su Russell Wilson con Houston che perse malamente dopo aver bruciato un vantaggio di 17 punti nel primo periodo. Durante la partita si fratturò il setto nasale. Nella settimana 7 Watt arrivò a quota 4,5 sack in stagione e forzò un fumble contro gli imbattuti Kansas City Chiefs ma i Texans persero la quinta gara consecutiva[55]. Nella sconfitta interna patita per mano dei Colts il 3 novembre, Watt mise a referto un altro sack, deviò un passaggio e bloccò un calcio piazzato di Adam Vinatieri. Nella settimana 10 mise a segno un sack, forzò due fumble e ne recuperò uno che aprì la strada a un touchdown di Andre Johnson[56]. La domenica successiva mise a segno 2 sack sul rookie dei Raiders Matt McGloin ma i Texans persero l'ottava gara consecutiva[57]. Nella settimana 13 i texani giocarono una partita combattuta fino all'ultimo minuto contro i Patriots, J.J. contribuì allo sforzo dei suoi con 5 placcaggi e un passaggio deviato ma Houston perse per la decima volta consecutiva.

Il 27 dicembre fu premiato con la seconda convocazione al Pro Bowl in carriera[58]. Nell'ultima gara della stagione, Watt mise a segno 9 tackle, 1 sack, 1 fumble forzato e 1 passaggio deviato contro i Tennessee Titans[59]. Anche se non fece registrare le cifre dell'anno precedente (da 20,5 sack a 10,5), venendo spesso raddoppiato o triplicato dagli avversari, Watt rimase uno forza dominante tra i difensori della lega, venendo inserito nel First-team All-Pro[60], pur nella disgraziata stagione di Houston che concluse col peggior record della NFL (2-14). Fu la prima volta nella storia che una squadra dopo avere vinto le prime due gare fu sconfitta in tutte le successive 14. A fine anno fu votato inoltre al 12º posto nella NFL Top 100 dai suoi colleghi[61]

Stagione 2014: seconda volta difensore dell'anno[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 settembre 2014, Watt firmò coi Texans un prolungamento contrattuale di sei anni per un valore di 100 milioni di dollari, 51.876.000 dei quali garantiti, superando Mario Williams come difensore più pagato della lega[62]. Inoltre, in base allo stipendio medio annuo, lo rese anche il giocatore non quarterback più pagato della lega[63]. Nella prima partita della stagione rispose subito con un sack, un passaggio deviato, un fumble recuperato e un tentativo di field goal avversario bloccato nella vittoria contro i Washington Redskins che interruppe la striscia di 14 sconfitte consecutive di Houston, eredità della stagione precedente[64][65][66].

La domenica successiva, nella vittoria sui Raiders, Watt ebbe sorprendentemente un impatto anche in attacco quando nel primo quarto, allineatosi eccezionalmente come tight end, segnò il primo touchdown su ricezione in carriera su un passaggio da una yard di Ryan Fitzpatrick[67]. Due settimane dopo contro i Bills, con Houston in svantaggio di tre punti nel terzo quarto, il defensive end intercettò un passaggio di EJ Manuel ritornandolo per 80 yard in touchdown, contribuendo alla terza vittoria stagionale dei suoi[68] e venendo premiato come difensore della AFC della settimana[69]. Fu anche multato per 16.537 dollari per un brutto placcaggio su Manuel[70]. Quattro giorni dopo fu premiato come miglior difensore della AFC del mese per la terza volta in carriera[71]. La settimana successiva fece registrare 4 placcaggi nel derby texano contro i Dallas Cowboys perso ai supplementari che costò a Houston la testa della AFC South.

Watt mentre firma autografi nel giugno 2014.

Nella settimana 6, Watt divenne il primo giocatore dal 1961 a segnare un touchdown su ricezione, su ritorno da intercetto e su ritorno di fumble nella stessa stagione. La sua gara del Thursday Night contro i Colts terminò con 2 sack, 7 tackle, 3 passaggi deviati e, appunto, un touchdown su ritorno di fumble, dominando nella difesa sulla corse[72]. Due settimane dopo Houston ottenne la quarta vittoria stagionale sui Titans in cui fece registrare altri due sack e forzò un fumble. Nella settimana 9 giocò un'altra grande partita registrando 7 placcaggi e 1,5 sack, ma i texani caddero in casa contro i Philadelphia Eagles[73]. Nella vittoria esterna dell'undicesimo turno sui Browns, J.J. segnò il secondo touchdown su ricezione dell'anno, su passaggio da due yard di Ryan Mallett[74]. Sul lato difensivo disputò un'altra prova dominante, facendo registrare un sack con cui forzò un fumble, 5 tackle (di cui 3 con perdita di yard da parte degli avversari) recuperò un secondo fumble e pressò il quarterback avversario Brian Hoyer per tutta la gara, costringendolo a diversi passaggi in condizioni precarie[75]. Per questa prova fu premiato per la seconda volta in stagione come miglior difensore della AFC della settimana[76].

Nella settimana 13, vinta 45-21 in casa contro i Titans, Watt mise a segno 2 sack, forzò un fumble e segnò il suo terzo touchdown stagionale su ricezione[77]. Con questa marcatura salì a cinque in stagione, il massimo per un defensive lineman dal 1944[78]. Sette giorni dopo pareggiò il suo primato personale facendo registrare 3 sack su Blake Bortles dei Jaguars nella vittoria esterna che tenne vive le speranze di Houston (7-6) per un posto nei playoff. Con un sack su Joe Flacco nel penultimo turno vinto contro i Ravens, Watt superò Mario Williams divenendo il recordman di tutti i tempi dei Texans per sack in carriera, riuscendovi in 19 gare meno di Williams. Nell'ultima partita dell'anno, con 3 sack su Blake Bortles divenne il primo giocatore della storia della NFL a metterne a segno venti in due diverse stagioni. Nella stessa gara forzò un fumble e mise a segno una safety[79]. Houston, dopo la disastrosa stagione precedente, tornò a concludere con un record positivo, 9-7, ma la contemporanea vittoria dei Ravens sui Browns li escluse dai playoff. A fine mese fu premiato come miglior difensore della AFC di dicembre, in cui fece registrare 22 tackle e 9 sack[80]. Nonostante l'annata da mattatore, finì secondo nella classifica stagionale dei sack a una lunghezza e mezzo da Justin Houston dei Chiefs. Il 2014 di Watt si concluse così con 78 tackle, 20,5 sack, 4 fumble forzati, 10 passaggi deviati e 5 touchdown, venendo convocato per il terzo Pro Bowl in carriera[81] e inserito nel First-team All-Pro, l'unico giocatore votato in maniera unanime assieme a Rob Gronkowski[82].

Il 25 gennaio 2015, Watt fu premiato come MVP difensivo del Pro Bowl in cui intercettò Matthew Stafford, recuperò un fumble e deviò 3 passaggi[83]. Sei giorni dopo fu premiato per la seconda volta in carriera come miglior difensore dell'anno con votazione unanime[84] e si classificò secondo nel premio di MVP della NFL dietro Aaron Rodgers (31 voti a 13)[85]. Fu inoltre votato al 1º posto nella NFL Top 100. Watt divenne il primo difensore nella storia della NFL a raggiungere la vetta della classifica; e fu anche il primo giocatore nella storia degli Houston Texans ad essere votato al numero uno.

Stagione 2015: terza volta difensore dell'anno[modifica | modifica wikitesto]

Watt durante un allenamento alla Luke Air Force Base il 22 gennaio 2015.

Watt aprì la stagione 2015 guidando i Texans con 9 tackle (di cui sei con perdita di yard da parte degli avversari) e 2 sack nella sconfitta coi Chiefs[86]. Sette giorni dopo mise a segno un sack per la settima gara consecutiva, diventando il secondo giocatore più veloce della storia a giungere a quota 60 in carriera, dietro Reggie White. La stagione iniziò vincendo solamente due delle prime sette partite, incluse nette sconfitte contro Falcons e Dolphins. Tuttavia la squadra di Bill O'Brien si riprese nella seconda metà della stagione. Nella settimana 8, Houston pareggiò il record di franchigia con 7 sack contro i Titans: Watt ne fece registrare 2,5 e forzò un fumble nella terza vittoria stagionale della sua squadra.

Nell'undicesimo turno vinto contro i New York Jets, Watt guidò i Texans con 8 tackle (di cui 5 con perdita di yard degli avversari) e con due sack superò per la quarta volta consecutiva i dieci stagionali. Per questa prova fu premiato come difensore della AFC della settimana[87]. La domenica successiva fece altri due sack su Drew Brees nella vittoria in casa contro i Saints[88]. Con questa vittoria Houston si portò in testa alla AFC South. Alla fine di novembre fu premiato come difensore della AFC del mese in cui mise a segno 7,5 sack, in una serie di gare in cui i Texans concessero solamente 8,5 punti a partita[89].

Dopo la gara della settimana 12, Watt stava guidando la NFL con 13,5 sack ma subì una frattura alla mano sinistra che, pur non facendogli saltare alcuna gara, lo limitò a tre partite senza metterne a segno alcuno. Rimase comunque aggressivo in campo con 11 tackle e un duro scontro con il wide receiver Danny Amendola durante la gara contro i Patriots[90]. Tornò a far registrare un sack nel penultimo turno contro i Titans, forzando contemporaneamente il secondo fumble stagionale. Nell'ultima partita, la prima disputata senza la protezione alla mano fratturata, Watt fu premiato come difensore della settimana dopo che mise a segno 3 sack, un fumble forzato e uno recuperato nella vittoria sui Jaguars che consentì a Houston di conquistare la propria division per la prima volta dal 2012, con un record 9-7[91].

La sua stagione regolare si chiuse guidando per la seconda volta la NFL con 17,5 sack, oltre a 76 placcaggi, 8 passaggi deviati e 3 fumble forzati, venendo convocato per il quarto Pro Bowl in carriera ed inserito nel First-team All-Pro[92][93]. Nei playoff i Texans vennero eliminati nel primo turno dai Chiefs per 30-0. La partita di J.J. durò solamente tre quarti a causa di un infortunio. Il 12 gennaio 2016, Watt subì un intervento chirurgico all'inguine per una pubalgia[94]. Il 7 febbraio 2016 divenne il secondo giocatore della storia, dopo Lawrence Taylor, a vincere per la terza volta il premio di miglior difensore dell'anno[95]. A fine anno fu terzo nella NFL Top 100.

Stagione 2016[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 luglio 2016, Watt subì un intervento chirurgico per un'ernia del disco costringendolo a saltare tutte le partite pre-stagionali[96]. Dopo un solo tackle nella prima partita dell'anno, nel secondo turno contro i Chiefs Watt mise a segno i suoi primi 1,5 sack del 2016 ai danni di Alex Smith e recuperò un fumble nella seconda vittoria di Houston in altrettante gare[97]. Il 28 settembre venne inserito dai Texans nella lista delle riserve infortunate[98] a causa di problemi alla schiena patiti nella gara del Thursday Night contro i Patriots persa per 27-0. Il giorno seguente subì un nuovo intervento chirurgico, il secondo in tre mesi, per riparare lo stesso disco infortunato in precedenza, chiudendo in anticipo la sua annata[99][100].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2012, 2014, 2015
2014
2012, 2013, 2014, 2015
2012, 2013, 2014, 2015
2012, 2014, 2015
  • Difensore del mese della AFC: 5
settembre e dicembre 2012, settembre e dicembre 2014, novembre 2015
  • Difensore della settimana della AFC: 6
2ª e 15ª del 2012, 4ª e 11ª del 2014, 11ª e 17ª del 2015
2014
2012, 2015

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grassetto - Leader della lega

Stagione regolare[modifica | modifica wikitesto]

Houston Texans
Tackle Sack Fumble Intercetti Altro Note
Anno Squadra P Tot Sol Ass Sack FF FR Yard TD Int Yard Media Max TD PD STF Yard Saf CB
2011 HOU 16 56 48 8 5,5 0 2 2 0 0 0 0 0 0 4 9 18 0 1 [101]
2012 HOU 16 81 69 12 20,5 4 2 7 0 0 0 0 0 0 16 23 63 0 0
2013 HOU 16 80 65 15 10,5 4 2 0 0 0 0 0 0 0 7 15 28 0 2
2014 HOU 16 78 59 19 20,5 4 5 59 1 1 80 80 80 1 10 15 34 1 1
2015 HOU 16 76 57 19 17,5 3 1 0 0 0 0 0 0 0 8 17 36 0 0
2016 HOU 3 8 1 7 1,5 0 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Totale 83 379 299 80 76 15 13 68 1 1 80 80 80 1 45 79 180 1 4

Playoff[modifica | modifica wikitesto]

Houston Texans
Tackle Sack Fumble Intercetti Altro Note
Anno Squadra P Tot Sol Ass Sack FF FR Yard TD Int Yard Media Max TD PD STF Yard Saf CB
2011 HOU 2 14 11 3 3,5 0 0 0 0 1 29 29 29 1 1 1 1 0 0 [101]
2012 HOU 2 9 6 3 1,5 0 0 0 0 0 0 0 0 0 2 2 2 0 0
2015 HOU 1 1 0 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Totale 5 24 17 7 5 0 0 0 0 1 29 29 29 1 3 3 3 0 0

Statistiche aggiornate alla stagione 2016

Record di franchigia dei Texans[modifica | modifica wikitesto]

  • Maggior numero di sack in una stagione - 20,5 (due volte)
  • Maggior numero di sack in carriera - 76
  • Maggior numero di fumble forzati in carriera - 15
  • Maggior numero di touchdown segnati in una stagione da un difensore - 5

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Watt con un Marine il 18 marzo 2013.

J.J. Watt risiede nella cittadina di Pearland[102], nella contea di Brazoria, Texas dal 2011, anno in cui ha iniziato a giocare nella NFL negli Houston Texans. Possiede anche uno chalet in Wisconsin e diverse automobili tra cui una Audi RS7 Sportback. Il 22 luglio 2015, Watt è stato nominato vice presidente addetto alle relazioni della Reliant, un fornitore elettrico al dettaglio del Texas e filiale della NRG Energy Inc[103]. La Reebok, il fornitore ufficiale della NFL, gli ha dedicato una linea di scarpe chiamate MegaWatt[104][105]. Anche la Guinness li ha dedicato una birra chiamata 99. Watt è apparso anche in numerosi spot pubblicitari per Gatorade, Bose, Papa John's Pizza, Yahoo!, Ford, Verizon e altri. Nel 2015 è apparso a petto nudo sulla copertina statunitense del numero di ottobre di Men's Health[106]. Il 24 giugno 2016 è stato ospite del talk-show The Tonight Show Starring Jimmy Fallon insieme all'attore Jim Parsons. È anche apparso numerose volte nel programma radiofonico sportivo Mike and Mike in the Morning e nel talk-show Good Morning America. Dal 2016 è in una relazione con Kealia Ohai, calciatrice statunitense centrocampista delle Houston Dash e cognata di Brian Cushing[107].

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

Watt è il presidente e fondatore della Justin J. Watt Foundation, un'organizzazione di beneficenza[108] che fornisce corsi di doposcuola per i bambini in varie comunità, in modo da essere coinvolti in sport in un ambiente sicuro. Il motto della fondazione, Dream Big, Work Hard (Sogna in Grande, Lavora Sodo) compare su polsini e magliette dei volontari. Da quando questa fondazione è stata aperta nel 2010, Watt ha raccolto oltre 2 milioni e mezzo di dollari. La maggior parte delle scuole che beneficiano della raccolta di fondi sono in Texas e Wisconsin, ma non sono limitate solamente a questi stati. Recentemente donazioni sono state fatte in Alabama, Illinois, e California. Sua madre Connie è la vice presidente dell'organizzazione.

A partire dal 2013 Watt e la sua fondazione ospitano una annuale partita di beneficenza di softball chiamata Charity Classic a Sugar Land, Texas. All'evento hanno partecipato molti dei suoi compagni di squadra dei Texans tra cui le stelle Andre Johnson e Arian Foster. Il 26 agosto 2014 Watt ha ricevuto il Texans Spirit of the Bull Community Award[109]. Il 14 novembre 2014 è stato invece insignito del NFL Salute to Service Award, premio che onora un allenatore, giocatore o proprietario per il loro impegno a sostenere gli uomini e le donne nel servizio militare del paese. Nell'ottobre del 2015, Watt ha fatto una visita a sorpresa ai pazienti del Texas Children's Hospital mascherato da Batman per una festa di Halloween[110]. Il 30 novembre 2016, ha invece donato 10.000 dollari a una famiglia di The Woodlands, Texas, per aiutarla a pagare le spese mediche del figlio che era finito in coma dopo aver subito un catastrofico infortunio durante una partita di football del liceo[111][112][113].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Hannah Storm Quotes, BrainyQuote. URL consultato il 30 novembre 2013.
  2. ^ (EN) Only greatness will do for J.J. Watt, ESPN, 20 ottobre 2014. URL consultato il 16 marzo 2015.
  3. ^ (EN) Pro Football Focus on J.J. Watt's dominance, ESPN. URL consultato il 16 marzo 2015.
  4. ^ (EN) J.J. Watt becomes only two-time 20-sack player, does so on safety, Yahoo! Sports. URL consultato il 22 luglio 2015.
  5. ^ Kristie Rieken, MegaWatt: J.J. Watt's Surge to Greatness, Triumph Books, 2015, ISBN 1629372439.
  6. ^ (EN) Forensic Genealogy J J Watts Scottish Ancestry, Family History Insider, 20 ottobre 2014. URL consultato il 16 marzo 2015.
  7. ^ (EN) My Three Sons: Badger Mom Proud of Watt Brothers On, Off Field, University of Wisconin Alumni, 20 ottobre 2014. URL consultato il 29 novembre 2014.
  8. ^ (EN) NFL star J.J. Watt maintains love for hockey, NHL.com, 20 ottobre 2014. URL consultato il 29 novembre 2014.
  9. ^ (EN) J.J. Watt Bio, Wisconsin Badgers, 20 ottobre 2014. URL consultato il 29 novembre 2014.
  10. ^ (EN) J.J. Watt stats, Max Preps, 20 ottobre 2014. URL consultato il 29 novembre 2014.
  11. ^ (EN) JJ Watt on how he can improve on one of the greatest defensive seasons ever, The MMQB, 20 ottobre 2014. URL consultato il 29 novembre 2014.
  12. ^ (EN) WIAA State Championships Div II - Track & Field Meet, Athletic.net, 20 ottobre 2014. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  13. ^ (EN) J.J. Watt has jersey retired at halftime of Pewaukee's victory, Milwaukee Journal-Sentinel, 26 ottobre 2013. URL consultato il 21 agosto 2014.
  14. ^ (EN) JJ Watt, Rivals.com, 9 ottobre 2012. URL consultato il 29 novembre 2014.
  15. ^ (EN) J.J. Watt Stats, Sports Reference College Football, 9 ottobre 2012. URL consultato il 29 novembre 2014.
  16. ^ (EN) Football - 2007 Schedule/Results, Central Michigan Chippewas. URL consultato il 26 settembre 2012.
  17. ^ (EN) Watt driven to succed, Chron.com. URL consultato il 2 novembre 2014.
  18. ^ (EN) J.J. Watt goes from pizza delivery man to NFL star, USA TODAY, 9 ottobre 2012. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  19. ^ (EN) Big Tex: J.J. Watt, GQ.com, 22 agosto 2013. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  20. ^ (EN) Celebration Set for TCU's Rose Bowl Championship Team, The Cypress Times. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  21. ^ (EN) NFL Events: Player Profile J.J. Watt, nfl.com.
  22. ^ (EN) Watt to enter NFL draft, uwbadgers.com.
  23. ^ (EN) 2011 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame, 2 maggio 2011. URL consultato il 28 settembre 2012.
  24. ^ (EN) Texans Reach Contract Agreement With J.J. Watt, myfoxhouston.com.
  25. ^ (EN) Houston 20 Jacksonville 13, NFL.com, 28 novembre 2011. URL consultato il 17 settembre 2012.
  26. ^ (EN) Cincinnati 10 Houston 31, NFL.com, 7 gennaio 2012. URL consultato il 17 settembre 2012.
  27. ^ (EN) Houston Texans: J.J. Watt, NFL.com. URL consultato il 29 novembre 2014.
  28. ^ (EN) Houston 27 Jacksonville 7, NFL.com, 16 settembre 2012. URL consultato il 17 settembre 2012.
  29. ^ (EN) Game Center: Houston 31 Denver 25, NFL.com, 23 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  30. ^ (EN) Game Center: Tennessee 14 Houston 38, NFL.com, 30 settembre 2012. URL consultato il 1º ottobre 2012.
  31. ^ (EN) J.J. Watt named AFC Defensive Player of the Month, houstontexans.com, 4 ottobre 2012. URL consultato il 9 novembre 2012.
  32. ^ (EN) Game Center: Houston 23 New York 17, NFL.com, 8 ottobre 2012. URL consultato il 9 ottobre 2012.
  33. ^ (EN) J.J. Watt loses NFL's sack lead on statistical correction, NFL.com, 10 ottobre 2011. URL consultato l'11 ottobre 2012.
  34. ^ (EN) Game Center: Green Bay 42 Houston 24, NFL.com, 14 ottobre 2012. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  35. ^ (EN) Game Center: Baltimore 13 Houston 43, NFL.com, 21 ottobre 2012. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  36. ^ (EN) Game Center Buffalo 9 Houston 21, NFL.com, 4 novembre 2012. URL consultato il 5 novembre 2012.
  37. ^ (EN) Game Center: Jacksonville 37 Houston 43, NFL.com, 18 novembre 2012. URL consultato il 19 novembre 2012.
  38. ^ (EN) Game Center: Houston 34 Detroit 31, NFL.com, 22 novembre 2012. URL consultato il 23 novembre 2012.
  39. ^ (EN) Game Center: Houston 24 Tennessee 10, NFL.com, 2 dicembre 2012. URL consultato il 4 dicembre 2012.
  40. ^ (EN) J.J. Watt of Houston Texans credited with extra sack, NFL.com, 6 dicembre 2012. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  41. ^ (EN) Game Center: Hostoun 14 New England 42, NFL.com, 9 dicembre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  42. ^ (EN) Game Center: Indianapolis 17 Houston 29, NFL.com, 16 dicembre 2012. URL consultato il 17 dicembre 2012.
  43. ^ (EN) J.J. Watt ties sack lead, eyes Michael Strahan's record, NFL.com, 17 dicembre 2012. URL consultato il 17 dicembre 2012.
  44. ^ (EN) Game Center: Minnesota 23 Houston 6, NFL.com, 23 dicembre 2012. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  45. ^ (EN) 2013 Pro Bowl rosters, NFL.com, 26 dicembre 2012. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  46. ^ (EN) J.J. Watt named AFC Defensive Player of the Month, Houstontexans.com, 3 gennaio 2013. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  47. ^ (EN) All-Pro Team headlined by Adrian Peterson, J.J. Watt, NFL.com, 12 gennaio 2013. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  48. ^ (EN) Game Center: Cincinnati 13 Houston 19, NFL.com, 5 gennaio 2013. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  49. ^ (EN) Brady sets wins mark as Patriots dominate Texans, NFL.com, 13 gennaio 2013. URL consultato il 14 gennaio 2013.
  50. ^ (EN) J.J. Watt wins Defensive Player of the Year, NFL.com, 3 febbraio 2013. URL consultato il 3 febbraio 2013.
  51. ^ (EN) J.J. Watt Named 2012 AP NFL Defensive Player Of The Year, Huffington Post. URL consultato il 29 novembre 2014.
  52. ^ (EN) Top 100 Players of 2013, NFL.com, 27 giugno 2013. URL consultato il 28 giugno 2013.
  53. ^ (EN) Game Center: Tennessee 24 Houston 30, NFL.com, 15 settembre 2013. URL consultato il 17 settembre 2013.
  54. ^ (EN) Game Center: Houston 9 Baltimore 30, NFL.com, 22 settembre 2013. URL consultato il 24 settembre 2013.
  55. ^ (EN) Game Center: Houston 16 Kansas City 17, NFL.com, 20 ottobre 2013. URL consultato il 21 ottobre 2013.
  56. ^ (EN) Game Center: Houston 24 Arizona 27, NFL.com, 10 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  57. ^ (EN) Game Center: Oakland 28 Houston 23, NFL.com, 17 novembre 2013. URL consultato il 18 novembre 2013.
  58. ^ (EN) 2014 Pro Bowl: Complete rosters, NFL.com, 27 dicembre 2013. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  59. ^ (EN) Game Center: Houston 10 Tennessee 10, NFL.com, 29 dicembre 2013. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  60. ^ (EN) 2013 All-Pro teams, NFL.com, 3 gennaio 2014. URL consultato il 3 gennaio 2014.
  61. ^ (EN) The Top 100 Players of 2014, NFL.com, 2 luglio 2014. URL consultato il 3 luglio 2014.
  62. ^ (EN) J.J. Watt, Texans strike six-year contract extension, NFL.com, 2 settembre 2014. URL consultato il 2 settembre 2014.
  63. ^ (EN) J.J. Watt's New Contract Makes Him The League's Highest Paid Non-Quarterback, Huffington Post. URL consultato il 29 novembre 2014.
  64. ^ (EN) Game Center: Washington 6 Houston 17, NFL.com, 7 settembre 2014. URL consultato il 7 settembre 2014.
  65. ^ Nfl, Buffalo e Atlanta vincono all'overtime. Ok Jets, 49ers e Broncos, La Gazzetta dello Sport, 8 settembre 2014. URL consultato il 9 settembre 2014.
  66. ^ Football Nfl: Brady fa acqua, Peyton insegue Favre, La Gazzetta dello Sport, 9 settembre 2014. URL consultato l'11 settembre 2014.
  67. ^ (EN) Game Center: Houston 30 Oakland 14, NFL.com, 14 settembre 2014. URL consultato il 15 settembre 2014.
  68. ^ (EN) Game Center: Buffalo 17 Houston 23, NFL.com, 28 settembre 2014. URL consultato il 28 settembre 2014.
  69. ^ (EN) Charles, Rodgers lead Week 4 Players of Week, NFL.com, 1º ottobre 2014. URL consultato il 1º ottobre 2014.
  70. ^ (EN) J.J. Watt fined for roughing EJ Manuel, Pro Football Talk. URL consultato il 29 novembre 2015.
  71. ^ (EN) "Chargers QB Philip Rivers, Texans DE J.J. Watt & Colts P Pat McAfee Named AFC Players of Month for September (PDF), NFL.com, 2 ottobre 2014. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  72. ^ (EN) Andrew Luck on fire as Colts knock off Texans, NFL.com, 9 ottobre 2014. URL consultato il 10 ottobre 2014.
  73. ^ (EN) Game Center: Philadelphia 31 Houston 21, NFL.com, 2 novembre 2014. URL consultato il 3 novembre 2014.
  74. ^ (EN) Texans defensive star J.J. Watt scores fourth touchdown of the season, FOX News. URL consultato il 29 novembre 2014.
  75. ^ (EN) Game Center: Houston 23 Cleveland 7, NFL.com, 15 novembre 2014. URL consultato il 18 novembre 2014.
  76. ^ (EN) Patriots' Jonas Gray headlines Week 11 player honors, NFL.com, 19 novembre 2014. URL consultato il 19 novembre 2014.
  77. ^ (EN) Game Center: Tennessee 21 Houston 45, NFL.com, 30 novembre 2014. URL consultato il 1º dicembre 2014.
  78. ^ (EN) J.J. Watt scores 5th TD of season, ESPN. URL consultato il 1 dicembre 2014.
  79. ^ (EN) Game Center: Jacksonville 17 Houston 23, NFL.com, 28 dicembre 2014. URL consultato il 28 dicembre 2014.
  80. ^ (EN) Watt named Defensive Player of Month, texans.com, 31 dicembre 2014. URL consultato il 31 dicembre 2014.
  81. ^ (EN) Complete Pro Bowl Roster, NFL.com, 23 dicembre 2014. URL consultato il 24 dicembre 2014.
  82. ^ (EN) 2014 All-Pro Teams, NFL.com, 2 gennaio 2015. URL consultato il 2 gennaio 2015.
  83. ^ (EN) Matt Stafford, J.J. Watt claim MVP honors at Pro Bowl, NFL.com, 26 gennaio 2015. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  84. ^ (EN) 2015 'NFL Honors' complete list of winners, NFL.com, 31 gennaio 2015. URL consultato il 1º febbraio 2015.
  85. ^ (EN) Packers' Aaron Rodgers named Most Valuable Player, NFL.com, 31 gennaio 2015. URL consultato il 1º febbraio 2015.
  86. ^ (EN) Game Center: Kansas City 27 Houston 20, NFL.com, 13 settembre 2015. URL consultato il 19 settembre 2015.
  87. ^ Filmato audio(EN) Week 11 Players of the Week, NFL.com, 25 novembre 2015. URL consultato il 25 novembre 2015.
  88. ^ (EN) Game Center: New Orleans 6 Houston 24, NFL.com, 29 novembre 2015. URL consultato il 30 novembre 2015.
  89. ^ (EN) Antonio Brown highlights Players of the Month, NFL.com, 3 dicembre 2014. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  90. ^ (EN) Danny Amendola doesn't appreciate being bumped by J.J. Watt, NFL.com, 13 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  91. ^ (EN) Cam Newton highlights Week 17 Players of Week, NFL.com, 6 gennaio 2016. URL consultato il 6 gennaio 2016.
  92. ^ (EN) 2016 Pro Bowl roster, NFL.com, 22 dicembre 2015. URL consultato il 23 dicembre 2015.
  93. ^ (EN) 2015 All-Pro team: Analysis of the first-team roster, NFL.com, 8 gennaio 2016. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  94. ^ (EN) Texans DE Watt undergoes groin surgery, ESPN. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  95. ^ (EN) 2016 'NFL Honors' complete list of winners, NFL.com. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  96. ^ (EN) J.J. Watt undergoes surgery to repair herniated disc, NFL.com. URL consultato il 21 luglio 2016.
  97. ^ (EN) Game Center: Kansas City 12 Houston 19, NFL.com, 18 settembre 2016. URL consultato il 19 settembre 2016.
  98. ^ (EN) Texans place J.J. Watt on Reserve/Injured, HoustonTexans.com, 28 settembre 2016. URL consultato il 29 settembre 2016.
  99. ^ (EN) J.J. Watt done for season after undergoing surgery, NFL.com, 29 settembre 2016. URL consultato il 30 settembre 2016.
  100. ^ (EN) Report: J.J. Watt has back surgery, likely out for season, Sports Illustrated, 28 settembre 2016. URL consultato il 30 settembre 2016.
  101. ^ a b J.J. Watt Stats, ESPN. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  102. ^ (EN) J.J. Watt Still Lives In Humble Houston House After Signing $100M Contract, Busted Coverage. URL consultato il 3 settembre 2014.
  103. ^ (EN) Texans DE J.J. Watt has a new job: VP of Power Relations, Sporting News. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  104. ^ (EN) Reebok signs Texans star J.J. Watt to endorsement deal, ABC News. URL consultato il 13 aprile 2015.
  105. ^ (EN) J.J. Watt's New Reebok Sneakers Are for Everyone, Esquire. URL consultato il 27 giugno 2016.
  106. ^ (EN) Dominate the Game Like J.J. Watt, Men's Health, 8 settembre 2015. URL consultato il 13 aprile 2015.
  107. ^ (EN) J.J. Watt is Dating Kealia Ohai, TMZ, 28 ottobre 2016. URL consultato il 29 ottobre 2016.
  108. ^ (EN) J.J. Watt Foundation helps kids Dream Big, Work Hard, Houston Chronicle. URL consultato il 5 dicembre 2015.
  109. ^ (EN) J.J. Watt wins team award, NFL.com. URL consultato il 29 novembre 2014.
  110. ^ (EN) Houston Texans' J.J. Watt dresses up like Batman for hospital visit, ESPN. URL consultato il 16 ottobre 2015.
  111. ^ (EN) Texans star J.J. Watt donates $10K to help high schooler, ESPN. URL consultato il 30 novembre 2016.
  112. ^ (EN) JJ Watt Donates $10000 To Woodlands Football Player Who Collapsed During Texas High School Playoff Game, CBS Houston. URL consultato il 30 novembre 2016.
  113. ^ (EN) Texans star J.J. Watt donates $10000 to injured Woodlands player, Chron.com. URL consultato il 30 novembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN307427813 · LCCN: (ENn2014008008