Khalil Mack

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Khalil Mack
Khalil Mack 2018 2.png
Mack nel 2018
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 191 cm
Peso 112 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Linebacker
Squadra Chicago Bears
Carriera
Giovanili
2009-2013 Buffalo Bulls
Squadre di club
2014-2017 Oakland Raiders
2018- Chicago Bears
Statistiche
Partite 62
Partite da titolare 61
Tackle 351
Sack 53,0
Intercetti 2
Fumble forzati 15
Palmarès
Difensore dell'anno 1
Selezioni al Pro Bowl 4
All-Pro 3
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 9 gennaio 2019

Khalil Mack (Fort Pierce, 22 febbraio 1991) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di linebacker per i Chicago Bears della National Football League (NFL). Fu scelto come quinto assoluto nel Draft NFL 2014 dagli Oakland Raiders. Al college ha giocato all'Università di Buffalo.

Carriera universitaria[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato a football per la Fort Pierce Westwood High School, ai tempi della quale fu inserito nel Third-team All-State della Florida dopo un'ottima stagione da senior che lo vide mettere a segno 140 tackle (di cui 8 con perdita di yard) e 9 sack[1], Mack ricevette solo due stelle dal celebre sito di scouting Rivals.com, tanto che l'unica università a farsi avanti con una borsa di studio per assicurarsi le sue prestazioni fu l'Università di Buffalo[2].

Mack ai tempi del college

Trascorso il primo anno come redshirt (poteva allenarsi ma non disputare incontri ufficiali), Mack si dimostrò già nel suo primo anno effettivo di carriera collegiale come uno dei più temibili linebacker della Mid-American Conference (MAC), mettendo a referto numeri di rilievo per un debuttante: 68 tackle, di cui 14,5 con perdita di yard (record per un difensore al primo anno), 4,5 sack (miglior risultato stagionale per un difensore dei Bulls) e 10 passaggi deviati (miglior risultato stagionale nella MAC e 4º miglior risultato stagionale in NCAA) in 12 gare. A fine stagione fu inserito dal Phil Steele nel Third team All-MAC[1][3].

L'anno seguente, nonostante fosse divenuto oggetto principale delle offensive line avversarie, Mack rimase uno dei difensori più dominanti dell'intero panorama collegiale, guidando Buffalo in sack (5,5), tackle con perdita di yard (20,5, terzo a livello nazionale) e fumble forzati (5, ottavo a livello nazionale), venendo inserito nella formazione ideale della MAC[1][3].

Nel 2012, pur saltando la prima gara della stagione, Mack fece registrare i propri primati personali in carriera alla voce tackle (94), tackle con perdita di yard (21, miglior risultato nella MAC e 4º nella NCAA) e sack (8), oltre a mettere a referto 2 passaggi deviati e 4 fumble forzati (miglior risultato MAC e 2º in NCAA). Al termine della stagione fu per la seconda volta consecutiva inserito nel First-team All-MAC[1][3].

Nel 2013, ultimo suo anno al college, Mack chiuse la stagione regolare mettendo ancora una volta a referto statistiche di rilievo che lo confermarono come il difensore più dominante della Mid-American Conference e più in generale della NCAA: 100 tackle, di cui 19 con perdita di yard (per il secondo anno consecutivo miglior risultato nella MAC oltre che 7º in NCAA), 10,5 sack (miglior risultato nella MAC ed 8º in NCAA), 5 fumble forzati (per il secondo anno consecutivo miglior risultato nella MAC oltre che 5º in NCAA), 2 intercetti ritornati in touchdown (miglior risultato nella MAC e 2º in NCAA) per 125 yard totali (miglior risultato nella MAC e 10º in NCAA)[1][3]. A fronte di questi numeri, gli addetti ai lavori premiarono Mack con numerosi riconoscimenti: fu inserito per il terzo anno consecutivo nel First-team All-MAC e per la prima volta in carriera nel Second-team All-American da parte dell'Associated Press[4], fu eletto Difensore dell'anno della MAC[5] e vinse il Jack Lambert Award, che premia miglior linebacker a livello collegiale. Chiuse così la sua carriera universitaria stabilendo i nuovi record di Buffalo per sack in carriera (28,5), tackle con perdita di yard in carriera (75) e fumble forzati in carriera (16), questi ultimi due tra l'altro anche nuovi primati NCAA[6][7].

Premi e riconoscimenti

  • Jack Lambert Award (2013)
  • Difensore dell'anno della MAC (2013)
  • Second-team All-American (2013)
  • First-team All-MAC (2011, 2012, 2013)
  • Third-team All-MAC (2010)

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Oakland Raiders[modifica | modifica wikitesto]

Durante il corso del 2013, Mack fu costantemente inserito tra i migliori prospetti eleggibili nel Draft NFL 2014, venendo pronosticato per una chiamata al primo giro[8][9][10]. L'8 maggio fu scelto come quinto assoluto dagli Oakland Raiders[11], il giocatore dell'Università di Buffalo selezionato più in alto nella storia. Una settimana dopo firmò un contratto quadriennale con la franchigia[12]. Nella prima partita come professionista, nella settimana 1 contro i Jets, Mack partì come titolare e mise a segno 6 tackle[13]. Il primo sack in carriera lo fece registrare nell'undicesimo turno su Philip Rivers dei San Diego Chargers. La sua prima stagione si concluse con 75 tackle, 4 sack (secondo nei Raiders dietro i 5 di Justin Tuck) e un fumble forzato, disputando tutte le 16 partite come titolare e venendo inserito nella formazione ideale dei rookie dalla Pro Football Writers Association[14].

Mack nel 2015

I primi due sack della sua seconda stagione, Mack li mise a segno nella settimana 3 vinta contro i Browns, gara in cui forzò anche un fumble. Altri due li fece registrare nel dodicesimo turno su Marcus Mariota dei Titans. Nella settimana 14, Mack pareggiò il record di franchigia dell'Hall of Famer Howie Long con cinque sack su Brock Osweiler dei Denver Broncos[15]. Uno di quei sack fu messo a segno nella end zone avversaria, dando luogo ad una safety. Giunse così a quota 14 in stagione, superando J.J. Watt in testa alla classifica parziale di specialità. Per quella prova fu premiato come miglior difensore della AFC della settimana[16]. A fine stagione, Mack fu convocato per il primo Pro Bowl in carriera e fu il primo giocatore della storia ad essere inserito nel First-team All-Pro in due ruoli, defensive end e outside linebacker, dopo essersi classificato secondo nella NFL con 15 sack[17][18].

Dopo avere fatto registrare solamente due sack nelle prime cinque gare della stagione 2016, Mack ne mise a segno 8 nelle successive sei gare. Per due volte fu remiato come difensore della AFC della settimana: nel nono turno dopo due sack e un fumble forzato contro Denver e nel dodicesimo turno dopo avere intercettato un passaggio di Cam Newton dei Carolina Panthers ritornandolo in touchdown, oltre a fare registrare un sack e un fumble forzato[19]. Alla fine di novembre fu premiato come come difensore del mese della AFC in cui totalizzò quattro sack, due fumble forzati e un intercetto, con i Raiders che vinsero tutte e tre le loro partite[20]. A fine stagione fu convocato per il secondo Pro Bowl in carriera e inserito nel First-team All-Pro dopo avere messo a segno 73 tackle, 11 sack e 5 fumble forzati[21][22]. Il 4 febbraio 2017, Mack fu premiato come difensore dell'anno precedendo di un solo voto Von Miller[23].

Nel 2017, l'ultima stagione a Oakland, Mack fu convocato per il suo terzo Pro Bowl dopo avere messo a segno 78 tackle e 10,5 sack.[24]

Chicago Bears[modifica | modifica wikitesto]

Mack nel 2018 contro i Seattle Seahawks

Il 1º settembre 2018, dopo una disputa contrattuale protrattasi l'intera pre-stagione in cui il giocatore scioperò, i Raiders scambiarono Mack e una scelta del secondo giro del draft con i Chicago Bears per le loro scelte del primo giro del 2019 e del 2020, oltre che future scelte del sesto e del terzo giro. Poche ore dopo, Mack firmò un contratto di sei anni del valore di 141 milioni di dollari che lo rese il difensore più pagato della storia della NFL.[25] Nella prima partita con la nuova maglia ebbe un impatto immediato, facendo registrare un sack, un intercetto ritornato in touchdown, un fumble forzato e uno recuperato.[26][27] Alla fine di settembre fu premiato come miglior difensore della NFC del mese, durante il quale mise a segno 5 sack e in ogni partita fece sempre registrare almeno un sack e un fumble forzato.[28] Nell'ottavo turno, Mack fu inattivo per la prima gara in carriera a causa di un infortunio.[29] A fine stagione fu convocato per il suo quarto Pro Bowl ed inserito nel First-team All-Pro dopo avere fatto registrare 12,5 sack (il massimo per un giocatore dei Bears da Richard Dent nel 1993) e ed essersi classificato secondo nella NFL con 6 fumble forzati.[30][31]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

2016
2015, 2016, 2017, 2018
2015, 2016, 2018
  • Difensore della AFC del mese: 1
novembre 2016
  • Difensore della NFC del mese: 1
settembre 2018
  • Difensore della AFC della settimana: 3
14ª del 2015, 9ª e 12ª del 2016
2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Khalil Mack - Buffalo (UBBulls.com). URL consultato il 5 gennaio 2014.
  2. ^ (EN) Khalil Mack - Yahoo! Sports (Rivals.com). URL consultato il 5 gennaio 2014.
  3. ^ a b c d (EN) Khalil Mack Stats - College Football (Sports-Reference.com). URL consultato il 5 gennaio 2014.
  4. ^ (EN) AP All-America Team, List - College Football (Associated Press). URL consultato il 5 gennaio 2014.
  5. ^ (EN) Mid American Conference Awards (UBBullrun.com). URL consultato il 5 gennaio 2014.
  6. ^ (EN) Buffalo LB Khalil Mack breaks record shared by Terrell Suggs (NFL.com). URL consultato il 5 gennaio 2014.
  7. ^ (EN) Jeremiah: Buffalo's Khalil Mack is surest thing in 2014 NFL Draft (NFL.com). URL consultato il 5 gennaio 2014.
  8. ^ (EN) 2014 NFL Mock Draft: Johnny Manziel cracks the top 15 picks (SBNation.com). URL consultato il 5 gennaio 2014.
  9. ^ (EN) 2014 NFL mock draft: A quarterback bonanza (SBNation.com). URL consultato il 5 gennaio 2014.
  10. ^ (EN) 2014 NFL Mock Draft 3.1: Adjusting for Marcus Mariota's decision to return to school (Sports Illustrated). URL consultato il 5 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2013).
  11. ^ (EN) Draft Tracker (NFL.com), 8 maggio 2014. URL consultato l'8 maggio 2014.
  12. ^ (EN) Oakland Raiders sign Khalil Mack to four-year contract (NFL.com), 15 maggio 2014. URL consultato il 15 maggio 2014.
  13. ^ (EN) Game Center: Oakland 14 New York 19 (NFL.com), 7 settembre 2014. URL consultato il 7 settembre 2014.
  14. ^ (EN) Giants’ Beckham Jr. PFWA Rookie/Offensive Rookie of the Year, St. Louis’ Donald Defensive Rookie of the Year; All-Rookie Team named (ProFootballWriters.org), 13 gennaio 2015. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  15. ^ Nfl, Denver, suicidio in casa, colpi di Pittsburgh e New England (gazzetta.it), 14 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  16. ^ (EN) Khalil Mack leads Week 14 Players of the Week (NFL.com), 16 dicembre 2015. URL consultato il 16 dicembre 2015.
  17. ^ (EN) 2016 Pro Bowl roster (NFL.com), 22 dicembre 2015. URL consultato il 23 dicembre 2015.
  18. ^ (EN) Khalil Mack first to be named AP All-Pro at two positions (NFL.com), 8 gennaio 2015. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  19. ^ (EN) Ingram, Mack among NFL Players of the Week (NFL.com), 30 novembre 2016. URL consultato il 30 novembre 2016.
  20. ^ (EN) Marcus Mariota, Kirk Cousins among Players of Month (NFL.com), 1º dicembre 2016 2016. URL consultato il 2 dicembre 2016.
  21. ^ (EN) Three rookies, Matt Ryan among players named to All-Pro team (NFL.com), 6 gennaio 2017. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  22. ^ (EN) NFL announces 2017 Pro Bowl rosters (NFL.com), 20 dicembre 2016. URL consultato il 22 dicembre 2016.
  23. ^ (EN) 2017 'NFL Honors' list of award winners (NFL.com), 4 febbraio 2017. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  24. ^ (EN) NFL announces 2018 Pro Bowl rosters (NFL.com), 19 dicembre 2017. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  25. ^ (EN) Kevin Patra, Khalil Mack agrees to six-year, $141M Bears deal, in NFL.com, 1º settembre 2018. URL consultato il 2 settembre 2018.
  26. ^ (EN) What we learned from Sunday's Week 1 games, in NFL.com, 9 settembre 2018.
  27. ^ Nfl, prima giornata: Rodgers eroico, New England è sempre Brady (gazzetta.it), 10 settembre 2018. URL consultato l'11 settembre 2018.
  28. ^ (EN) Khalil Mack, J.J. Watt among Players of the Month (NFL.com), 4 ottobre 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  29. ^ (EN) What we learned from Sunday's Week 8 games (NFL.com), 28 ottobre 2018. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  30. ^ (EN) NFL reveals rosters for 2019 Pro Bowl in Orlando, in NFL.com, 18 dicembre 2018. URL consultato il 19 dicembre 2018.
  31. ^ (EN) All-Pro Team: Donald, Mahomes among highlights (NFL.com), 4 gennaio 2019. URL consultato il 5 gennaio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]