Cincinnati Bengals

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cincinnati Bengals
Football americano American football pictogram.svg
Cincinnati Bengals logo.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Helmet
Left arm Body Right arm
Trousers
Socks
Casa
Helmet
Left arm Body Right arm
Trousers
Socks
Trasferta
Helmet
Left arm Body Right arm
Trousers
Socks
Terza divisa
Colori sociali              
Nero, Arancione, Bianco
MascotteBengal tiger (Who Dey)
Dati societari
CittàFlag of Cincinnati.svg Cincinnati (OH)
PaeseStati Uniti Stati Uniti
LegaStati Uniti National Football League
ConferenceAFC
DivisionAFC North
Fondazione1968
DenominazioneCincinnati Bengals (1968–presente)
PresidenteStati Uniti Mike Brown
ProprietarioStati Uniti Mike Brown
Capo-allenatoreStati Uniti Marvin Lewis
StadioPaul Brown Stadium
(65535 posti)
Sito web
Palmarès
American Football ConferenceAmerican Football Conference
Titoli AFC2
Titoli divisionali9
Apparizioni ai playoff12
AmericanFootball current event.svg Stagione in corso

I Cincinnati Bengals sono una squadra professionistica di football americano della NFL con sede a Cincinnati nell'Ohio. Competono nella North Division della American Football Conference. Fondati nel 1968 da Paul Brown hanno avuto il periodo di maggior successo della loro storia negli anni ottanta in cui raggiunsero due Super Bowl. Dopo periodi molto bui negli anni novanta e duemila, la franchigia è tornata ad assumere rilevanza negli anni recenti. I Bengals sono allenati da Marvin Lewis e disputano le loro gare casalinghe al Paul Brown Stadium. I loro colori sono l'arancione e il nero e hanno rivalità di rilievo con Baltimore Ravens, Pittsburgh Steelers e Cleveland Browns. Al 2017, secondo la rivista Forbes, il valore dei Bengals è di circa 1,8 mliardi di dollari, trentesimi tra le franchigie della NFL[1].

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia dei Cincinnati Bengals.

I Cincinnati Bengals nascono nel 1966, per volere di Paul Brown, grande coach e personaggio importantissimo per lo sviluppo della NFL, con lo scopo di dare allo Stato dell'Ohio una seconda franchigia che andasse ad affiancare i Cleveland Browns. Dopo due anni trascorsi nel Nippert Stadium i Bengals si spostano nel Riverfront Stadium, dove restano per 29 anni.

Negli anni ‘80 la franchigia di Cincinnati vede arrivare i suoi migliori successi, grazie alle due partecipazioni al Super Bowl, nel 1982 e nel 1988, perse, però, entrambe contro i San Francisco 49ers. Giocatori rappresentativi di quegli anni furono i quarterback Ken Anderson e Boomer Esiason e l'offensive tackle Anthony Muñoz.

Dopo la morte di Paul Brown avvenuta nel 1990, la squadra passa nelle mani del figlio, Mike Brown, ed è proprio sotto la direzione di quest'ultimo che si registra il periodo peggiore nella storia dei Bengals: 14 anni consecutivi senza una stagione con un bilancio positivo. Il cambiamento arriva quando, nel 2003, Mike Brown assume Marvin Lewis come coach, il quale porta la squadra ai playoff, nel 2005, dopo quindici anni, grazie anche alle giocate del quarterback Carson Palmer. Nel frattempo, nel 2000, viene costruito il Paul Brown Stadium intitolato al fondatore della franchigia.

Nel 2010 la squadra termina con un record di 4-12 ma grazie alle scelte nel Draft di giocatori come A.J. Green e il quarterback Andy Dalton, si risolleva centrando i playoff in tutte le cinque stagioni successive, un fatto senza precedenti per la franchigia, venendo però sempre eliminata al primo turno[2][3].

Apparizioni al Super Bowl[modifica | modifica wikitesto]

Anno Allenatore Super Bowl Città Avversario Punteggio Record
1981 Forrest Gregg XVI Pontiac San Francisco 49ers S 21-26 14-5
1988 Sam Wyche XXIII Miami San Francisco 49ers S 16-20 14-5
Totale Super Bowl vinti: 0

Stagione per stagione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stagioni dei Cincinnati Bengals.

Giocatori importanti[modifica | modifica wikitesto]

Membri della Pro Football Hall of Fame[modifica | modifica wikitesto]

Fino alla classe 2014, tre giocatori e un membro dello staff sono stati indotti nella Pro Football Hall of Fame[4].

Hall of Famer dei Cincinnati Bengals
Anno N. Ruolo Nome
1967 -- All. e cofondatore Paul Brown
1996 18 WR Charlie Joiner
1998 78 OT Anthony Muñoz
2010 44 Coord. dif., All. e DB Dick LeBeau

Numeri ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Numeri ritirati dai Cincinnati Bengals
Giocatore Ruolo Stagioni
54 Bob Johnson
(n. ritirato nel 1978)[5]
C 1968–79

Premi individuali[modifica | modifica wikitesto]

MVP della NFL
Anno Giocatore Ruolo
1981 Ken Anderson QB
1988 Boomer Esiason QB
MVP del Pro Bowl
Anno Giocatore Ruolo
2006 Carson Palmer QB
Rookie offensivo dell'anno
Anno Giocatore Ruolo
1985 Eddie Brown WR
1992 Carl Pickens WR

Record di franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera

Record in carriera
Categoria Giocatore Numero
Yard passate Ken Anderson 32.838
TD passati Ken Anderson 197
Yard ricevute Chad Johnson 10.783
TD su ric. Chad Johnson 66
Yard corse Corey Dillon 8.061
TD su corsa Pete Johnson 64

Stagionali

Record stagionali
Categoria Giocatore Numero Anno
Yard passate Andy Dalton 4.293 2013
TD passati Andy Dalton 33 2013
Yard ricevute Chad Johnson 1.440 2007
TD su ric. Carl Pickens 17 1995
Yard corse Rudi Johnson 1.458 2005
TD su corsa Ickey Woods 17 1988

La squadra[modifica | modifica wikitesto]

Roster dei Cincinnati Bengals
Offensive Linemen
Defensive Linemen
Linebacker
Defensive Back
Special Team
Lista delle riserve



Roster aggiornato al 3 settembre 2017

53 attivi, 6 inattivi

Legenda
  • I rookie sono in corsivo.
  • il primo ruolo è il principale mentre gli eventuali successivi indicano i ruoli secondari.
  • Injury icon 2.svg indica un giocatore fuori per il resto della stagione.
  • (IR) attiva indica la lista ristretta per un solo giocatore infortunato che può tornare ad allenarsi dopo la settimana 6 e a rientrare in prima squadra dopo la settimana 8.
  • (NFI) indica la lista dove viene inserito un giocatore che ha un infortunio non legato al football americano.
  • (PUP) indica la lista dove viene inserito un giocatore mentre è in attesa di recuperare la condizione fisica. Nella stagione regolare dopo la sesta partita giocata dalla propria squadra, il giocatore ha tempo 3 settimane per riprendere ad allenarsi, più tre settimane aggiuntive dal suo rientro agli allenamenti per rientrare in prima squadra.
AFC East: BUF · MIA · NE · NYJNorth: BAL · CIN · CLE · PITSouth: HOU · IND · JAC · TENWest: DEN · KC · LAC · OAK
NFC East: DAL · NYG · PHI · WASNorth: CHI · DET · GB · MINSouth: ATL · CAR · NO · TBWest: ARI · LAR · SF · SEA

Lo staff[modifica | modifica wikitesto]

Staff dei Cincinnati Bengals
Organi dirigenziali
Capo allenatore
Altri allenatori
Allenatori dell'attacco
Allenatori della difesa
Allenatori dello special team
AFC East: BUF · MIA · NE · NYJNorth: BAL · CIN · CLE · PITSouth: HOU · IND · JAC · TENWest: DEN · KC · OAK · LAC
NFC East: DAL · NYG · PHI · WASNorth: CHI · DET · GB · MINSouth: ATL · CAR · NO · TBWest: ARI · LAR · SF · SEA

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) NFL Team Valuations: Cincinnati Bengals, Forbes, settembre 2017. URL consultato il 21 novembre 2017.
  2. ^ (EN) Rivers outduels Dalton as Chargers best Bengals, NFL.com, 5 gennaio 2014. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  3. ^ San Francisco gela Green Bay. San Diego in grande spolvero a Cincinnati, La Gazzetta dello Sport, 6 gennaio 2013. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  4. ^ (EN) Hall of Famers By Franchise, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 6 maggio 2016.
  5. ^ "Only One Retired Number", Time.com, 4 febbraio 2011

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sport