New York Jets

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
New York Jets
Football americano American football pictogram.svg
New York Jets logo.png
Gang Green
Segni distintivi
Uniformi di gara
Jets uniforms12.png
Colori sociali          
Verde cacciatore, Bianco
Dati societari
Città Flag of New York City.svg New York (NY)
Paese Stati Uniti Stati Uniti
Lega Stati Uniti National Football League
Conference AFC
Division AFC East
Fondazione 1960
Denominazione New York Titans (1960-1962)
New York Jets (1963–presente)
Presidente Stati Uniti Neil Glat
Proprietario Stati Uniti Woody Johnson
General manager Stati Uniti Mike Maccagnan
Capo-allenatore Stati Uniti Todd Bowles
Stadio MetLife Stadium
(82566 posti)
Sito web www.newyorkjets.com
Palmarès
Vince Lombardi Trophy.pngAFL Trophy.png
Super Bowl 1
Campionati AFL 1
Titoli divisionali 4
Apparizioni ai playoff 14

I New York Jets sono una squadra professionistica di football americano della NFL con sede a New York. Competono nella East Division della American Football Conference. In un accordo unico per quanto riguarda la lega, i Jets condividono il MetLife Stadium a East Rutherford con i New York Giants. La franchigia è registrata legalmente col nome di New York Jets, LLC[1]. Al 2014, secondo la rivista Forbes, il valore dei Jets è di circa 1,8 miliardi di dollari, sesti tra le franchigie della NFL[2]

La squadra è stata fondata nel 1959 con la denominazione di Titans of New York, un membro originario della American Football League; in seguito la franchigia è confluita nella NFL dopo la fusione tra le due leghe. La squadra ha iniziato a giocare nel Polo Grounds. Diretta da una nuova proprietà, la squadra ha assunto la denominazione attuale nel 1963, trasferendosi a giocare allo Shea Stadium nel 1964 e poi al Meadowlands Sports Complex nel 1984. I Jets hanno raggiunto per la prima volta i playoff nel 1968, giungendo fino al Super Bowl III dove hanno battuto i Baltimore Colts, divenendo la prima compagine della AFL a battere una franchigia della NFL nel Super Bowl.[3] Dal 1968, i Jets hanno raggiunto i playoff per tredici volte e la finale della AFC quattro volte, l'ultima delle quali nel 2010, perdendo contro i Pittsburgh Steelers.[4] I Jets tuttavia non hanno più fatto ritorno al Super Bowl, rendendoli una delle tre sole tre squadre ad averlo vinto nella loro unica apparizione, assieme a New Orleans Saints e Tampa Bay Buccaneers.

La struttura di allenamento della squadra, l'Atlantic Health Jets Training Center,[5] che ha aperto nel 2008, ha sede a Florham Park.[6]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dei New York Jets.

1959-1968[modifica | modifica wikitesto]

Il primo incontro per la costituzione dell'American Football League ebbe luogo il 14 agosto 1959[7]. Harry Wismer, rappresentante della città di New York all'incontro, proclamò che questa fosse pronta per ospitare un'altra franchigia di football professionistico e di essere più che in grado di condurre le operazioni di routine. Wismer si aggiudicò la franchigia che chiamò i Titans di New York. Come Wismer spiegò "I Titans (Titani) sono più grandi e forti dei Giants (Giganti)". Per le gare casalinghe dei Titans, egli si assicurò il decrepito Polo Grounds, dove la squadra faticò finanziariamente e sul campo nelle prime tre stagioni. Dal 1962, i debiti continuarono ad accumularsi per Wismer, forzando la AFL ad accollarsi le spese fino al termine della stagione[8].

Un sindacato di cinque uomini, guidato a Sonny Werblin, salvò la squadra da una bancarotta certa, acquistando i Titans per un milione di dollari[9]. Rinominati Jets, il gruppo assunse Weeb Ewbank come general manager e capo-allenatore. La squadra, guidata dal quarterback Joe Namath crebbe fino al 1969 quando i Jets sconfissero i favoritissi Baltimore Colts nel Super Bowl III[10], consolidando la posizione della AFL nel mondo del football professionistico[11].

Super Bowl III[modifica | modifica wikitesto]

L'apice della storia dei Jets e della carriera di Joe Namath fu vittoria dei Jets, nel gennaio 1969, 16-7 sui Baltimore Colts nel terzo Super Bowl della storia dopo la fusione tra AFL e NFL. Namath fu nominato MVP del Super Bowl III. I Colts erano giudicati "la miglior squadra di football nella storia". L'ex star della NFL e allenatore Norm Van Brocklin ridicolizzò la AFL prima della partita dicendo "Questa per Namath sarà la prima gara nel football professionistico". I giornalisti che trattavano la NFL invece insisterono sul fatto che alla AFL sarebbero occorsi diversi anni per diventare competitiva al livello dalla NFL. Molta dell'attesa intorno alla gara consistette nel provare quanto fosse vera la disparità delle squadre della AFL e se esse meritassero di essersi fuse con l'NFL; nei primi due Super Bowl ci furono vittorie schiaccianti dei campioni della NFL, i Green Bay Packers, e i Colts erano ancora più favoriti dai media di quanto lo fossero stati considerati precedentemente i Packers.

Tre giorni prima della gara, Namath rispose a una provocazione con la sua frase passata alla storia: "Vinceremo sicuramente la gara. Ve lo garantisco." Le sue parole furono sui titoli di tutti i giornati della nazione ma furono giudicate dalla maggior parte degli osservati una mera sfacciataggine.

Nelle partita, invece, Namath diede seguito alle sue parole e mostrò che il suo successo nel duro ambiente competitivo della American Football League l'aveva più che preparato per affrontare la sfida della NFL. La famosa difesa Colts non riuscì a contenere il gioco sulle corse e sui passaggi dei Jets mentre il loro attacco subì quattro intercetti dai Jets. Namath fu nominato miglior giocatore della gara, completando otto passaggi per il solo George Sauer, per 133 yard. Namath acquisì lo stato di leggenda tra i fan dell'American Football League come simbolo della legittimità della loro lega. Quando gli fu chiesto dai giornalisti dopo la partita se la difesa dei Colts fosse "la più dura che avesse mai affrontato", Namath rispose "Quella dei Buffalo Bills è più dura".

1970-1989[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la vittoria del loro primo titolo, i Jets caddero in uno stato di medriocrità insieme al loro quarterback Namath, il quale ebbe solo altre tre stagioni positive mentre veniva tormentato dagli infortuni. I Jets proseguirono nella loro spirale negativa prima di tornare una franchigia di successo negli anni 80, quando raggiunsero come miglior risultato la finale della AFC del 1982, trascinati dalla celebre linea difensiva nota come New York Sack Exchange.

1990-1996[modifica | modifica wikitesto]

Gli anni novanta videro i Jets tornare a faticare sul campo. Dopo aver licenziato l'allenatore Bruce Coslet, il proprietario Leon Hess assunse Pete Carroll che terminò solamente con un record di 6–10, venendo licenziato alla fine della stagione. In seguito, Rich Kotite fu selezionato per portare la squadra alla vittoria, ma guidò i Jets al peggior record della NFL per due stagioni consecutive. Kotite si dimise alla fine della sua seconda stagione e costrinse i Jets a cercare un nuovo capo-allenatore.

1997-2000[modifica | modifica wikitesto]

Hess assunse allora lo scontento capo-allenatore dei New England Patriots Bill Parcells nel 1997[12]. Parcells permise alla squadra di riguadagnare credibilità, portandola a giocare la finale della AFC nel 1998[13][14]. Hess morì nel 1999 mentre la squadra, indebolita dagli infortuni, concluse con un record di 8 vittorie, mancando per un soffio i playoff. Alla fine della stagione, Parcells si dimise da allenatore e lasciò il comando al suo assistente, Bill Belichick; Belichick si dimise anch'egli per accettare il posto di capo-allenatore dei Patriots[15].

2001-presente[modifica | modifica wikitesto]

La franchigia fu acquistata da Woody Johnson nel 2000[16]. Nel primo decennio del nuovo millennio, i Jets raggiunsero i playoff in cinque diverse annate, un record di franchigia, sotto la direzione di tre differenti allenatori[17]. L'attuale allenatore dei Jets, Rex Ryan, fu assunto nel gennaio del 2009[18]. Ryan scelse nel Draft NFL 2009 il quarterback Mark Sanchez e guidò la squadra a due finali della AFC consecutive nel corso delle sue due prime stagioni[19]. Nella stagione 2011 invece, complice una sconfitta decisiva contro i rivali cittadini dei Giants nel finale di campionato, la squadra non raggiunse i playoff concludendo con un record di 8-8. Col le prestazioni di Sanchez in calo, i Jets terminarono con un record di 6-10 nel 2012. L'anno successivo la squadra, guidata dal quarterback rookie Geno Smith si dimostrò incostante per tutta la stagione, concludendo con un record di 8-8.

Risultati stagione per stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stagioni dei New York Jets.

Giocatori importanti[modifica | modifica wikitesto]

Membri della Pro Football Hall of Fame[modifica | modifica wikitesto]

Pro Football Hall of Famers dei New York Jets & numeri ritirati
Numero Nome Ruolo Stagioni Anno int. Numero Nome Ruolo Stagioni Anno int.
12 Joe Namath QB 1965–1976 1985 13 Don Maynard WR 1960–1972 1987
28 Curtis Martin RB 1998–2005 2012 44 John Riggins RB 1971–1975 1992
42 Ronnie Lott DB 1993–1994 2000 73 Joe Klecko DL 1977–1987
81 Art Monk WR 1994 2008 Jacket Weeb Ewbank Coach 1963–1973 1978
Sammy Baugh Coach 1960–1961 1963 Bulldog Turner Coach 1962 1966
Bill Parcells Coach 1997-1999 2013
Indotto nella Pro Football Hall of Fame
Numero ritirato dalla squadra

Ring of Honor[modifica | modifica wikitesto]

I Jets inaugurarono il loro Ring of Honor il 20 luglio 2010, per commemorare i loro ex giocatori più rappresentativi[20]. Ogni anno vengono selezionati nuovi membri per ricevere tale onore.

Ring of Honor dei New York Jets
Numero Nome Ruolo Stagioni Anno int. Numero Nome Ruolo Stagioni Anno int.
12 Joe Namath QB 1965–1976 2010 13 Don Maynard WR 1960–1972 2010
28 Curtis Martin RB 1998–2005 2010 75 Winston Hill OL 1963–1976 2010
73 Joe Klecko DL 1977–1987 2010 Weeb Ewbank Coach 1963–1973 2010
60 Larry Grantham LB 1960–1972 2011 81 Gerry Philbin DL 1964–1972 2011
24 Freeman McNeil RB 1981–1992 2011 88 Al Toon WR 1985–1992 2011
85 Wesley Walker WR 1977–1989 2012 99 Mark Gastineau DE 1979–1988 2012
93 Marty Lyons DT 1979–1989 2013 80 Wayne Chrebet WR 1995–2005 2014
Leon Hess Proprietario 1968–1999 2014

Formazione ideale del 40º anniversario[modifica | modifica wikitesto]

New York annunciò la formazione ideale del suo 40º anniversario nel 2003. Questa fu selezionata tramite votazione dei tifosi.[21]

Attacco Difesa
Joe Namath QB Mark Gastineau DE
Curtis Martin RB John Abraham DE
Matt Snell FB Marty Lyons NT
Don Maynard WR Joe Klecko NT
Al Toon WR Greg Buttle LB
Wesley Walker WR Kyle Clifton LB
Mickey Shuler TE Mo Lewis LB
Kevin Mawae C James Hasty CB
Jason Fabini T Aaron Glenn CB
Marvin Powell T Victor Green S
Winston Hill T Bill Baird S
Randy Rasmussen G
Jim Sweeney G
Special Team
Bruce Harper (KR), Pat Leahy (PK), Chuck Ramsey (P)

Premi individuali[modifica | modifica wikitesto]

MVP del Super Bowl
SB Giocatore Ruolo
III Joe Namath QB
Miglior rookie difensivo
Anno Giocatore Ruolo
1988 Erik McMillan S
1995 Hugh Douglas DE
2004 Jonathan Vilma LB
2013 Sheldon Richardson DT
Comeback Player of the Year
Anno Giocatore Ruolo
1974 Joe Namath QB
2006 Chad Pennington QB
2008 Chad Pennington QB
MVP del Pro Bowl
Anno Giocatore Ruolo
1984 Mark Gastineau DE
1998 Keyshawn Johnson WR

La squadra[modifica | modifica wikitesto]

Roster dei New York Jets
Linebacker
Defensive Back
Special Team
Lista delle riserve
Squadra di allenamento



Roster aggiornato al 1º settembre 2014

53 attivi, 4 inattivi, 7 nella squadra d'allenamento, 0 free agent

Legenda
  • I rookie sono in corsivo.
  • il primo ruolo è il principale mentre gli eventuali successivi indicano i ruoli secondari.
  • Injury icon 2.svg indica un giocatore fuori per il resto della stagione.
  • (IR) attiva indica la lista ristretta per un solo giocatore infortunato che può tornare ad allenarsi dopo la settimana 6 e a rientrare in prima squadra dopo la settimana 8.
  • (NFI) indica la lista dove viene inserito un giocatore che ha un infortunio non legato al football americano.
  • (PUP) indica la lista dove viene inserito un giocatore mentre è in attesa di recuperare la condizione fisica. Nella stagione regolare dopo la sesta partita giocata dalla propria squadra, il giocatore ha tempo 3 settimane per riprendere la pratica, più tre settimane aggiuntive dal suo rientro agli allenamenti per rientrare in prima squadra.
AFC East: BUF · MIA · NE · NYJNorth: BAL · CIN · CLE · PITSouth: HOU · IND · JAC · TENWest: DEN · KC · OAK · SD
NFC East: DAL · NYG · PHI · WASNorth: CHI · DET · GB · MINSouth: ATL · CAR · NO · TBWest: ARI · STL · SF · SEA

Lo staff[modifica | modifica wikitesto]

Staff dei New York Jets
Organi dirigenziali
  • Presidente: Neil Glat
  • Chairman/CEO: Woody Johnson
  • General Manager – Mike Maccagnan
  • Direttore dell'amministrazione senior – Rod Graves
  • Manager dell'amministrazione del football – Jacqueline Davidson
  • Direttore del personale professionistico – Brendan Prophett
  • Assistente del direttore del personale professionistico – Matt Bazirgan
  • Direttore degli osservatori senior – Terry Bradway
  • Direttore degli osservatori – Jeff Bauer
Capo allenatore
  • Todd Bowles
  • Assistente capo-allenatore/Running Back – Anthony Lynn
Altri allenatori
  • Sviluppo della forza e della condizione: Justus Galac
  • Assistente dello sviluppo della forza e della condizione: Aaron McLaurin
  • Assistente dello sviluppo della forza e della condizione: Jason Oszvart
Allenatori dell'attacco
  • Coordinatore offensivo – Chan Gailey
  • Quarterback – Vacante
  • Wide Receiver – Sanjay Lal
  • Tight End – Steve Hagen
  • Offensive Line – Vacante
  • Assistente Offensive Line – Ron Heller
  • Assistente offensivo – Tony Sparano Jr.
Allenatori della difesa
  • Coordinatore difensivo – Vacante
  • Defensive Line – Karl Dunbar
  • Assistente Defensive Line/Linebacker – Jeff Weeks
  • Linebacker – Bobby April III
  • Defensive Back – Tim McDonald
  • Assistente Defensive Back – Brian Smith
Allenatori dello special team
  • Coordinatore dello Special Team: Thomas McGaughey
  • Assistente dello Special Team: Louie Aguiar
AFC East: BUF · MIA · NE · NYJNorth: BAL · CIN · CLE · PITSouth: HOU · IND · JAC · TENWest: DEN · KC · OAK · SD
NFC East: DAL · NYG · PHI · WASNorth: CHI · DET · GB · MINSouth: ATL · CAR · NO · TBWest: ARI · STL · SF · SEA

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ New York Jets, LLC su Bloomberg Businessweek. URL consultato il 17 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2011).
  2. ^ (EN) NFL Team Valuations: New York Jets, Forbes, agosto 2014. URL consultato il 30 agosto 2014.
  3. ^ Year In Review: 1969, New York Jets. URL consultato il 17 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2012).
  4. ^ New York Jets Playoff History, Pro Football Reference. URL consultato il 17 luglio 20141 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2011).
  5. ^ Lange, Randy, Training Center by the Numbers, New York Jets, 16 aprile 2008. URL consultato il 17 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2011).
  6. ^ New York Jets Corporate Headquarters and Training Center-Florham Park, N.J, ENR New York, dicembre 2009. URL consultato il 17 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2011).
  7. ^ (EN) "Minutes of the First Organizational Meeting of the American Football League".
  8. ^ (EN) "Year In Review: 1962".
  9. ^ (EN) "Year In Review: 1963".
  10. ^ (EN) "Year In Review: 1969".
  11. ^ (EN) "The AFL: A Football Legacy".
  12. ^ (EN) "Year In Review: 1997".
  13. ^ (EN) "Year In Review: 1998"..
  14. ^ (EN) "Year In Review: 1999".
  15. ^ (EN) "Year In Review: 2000".
  16. ^ Lange, pag. 141
  17. ^ (EN) "New York Jets Playoff History".
  18. ^ (EN) "Jets welcome Ryan to New York".
  19. ^ (EN) "Rex Ryan Guarantees Super Bowl Title for Jets' Next Season".
  20. ^ (EN) Jets Unveil Their Ring of Honor, Class of 2010.
  21. ^ Year In Review: 2003, New York Jets. URL consultato il 25 marzo 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lange, Randy (2005). Stadium Stories: New York Jets. Guilford, CT: The Globe Pequot Press. ISBN 0-7627-3783-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito ufficiale dei New York Jets


sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport