Jacksonville Jaguars

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jacksonville Jaguars
Football americano American football pictogram.svg
Jacksonville Jaguars.png
Jags
Segni distintivi
Uniformi di gara
Jags Uniforms.jpg
Colori sociali                    
Nero, Oro, Foglia di tè, Bianco
Mascotte Jaxson de Ville
Dati societari
Città Flag of Jacksonville, Florida.svg Jacksonville (FL)
Paese Stati Uniti Stati Uniti
Lega Stati Uniti National Football League
Conference AFC
Division AFC South
Fondazione 1993
Denominazione Jacksonville Jaguars (1995-presente)
Presidente Stati Uniti Mark Lamping
Proprietario Stati UnitiPakistan Shahid Khan
General manager Stati Uniti David Caldwell
Capo-allenatore Stati Uniti Doug Marrone
Stadio EverBank Field
(67246 posti)
Sito web www.jaguars.com
Palmarès
Titoli divisionali 2
Apparizioni ai playoff 6
AmericanFootball current event.svg Stagione in corso

I Jacksonville Jaguars sono una squadra professionistica di football americano della NFL con sede a Jacksonville, Florida. Competono nella South Division della American Football Conference e disputano le loro gare interne all'EverBank Field.

I Jaguars sono nati nel 1995 assieme ai Carolina Panthers. Dalla loro fondazione hanno vinto due titoli di division (come membri della defunta AFC Central) e si sono qualificati per i playoff sei volte, l'ultima nel 2007.

Dalla loro nascita al 2011, il proprietario di maggioranza dei Jacksonville Jaguars è stato Wayne Weaver. Nel 2012, la squadra è stata acquistata dal magnate di origine pakistana Shahid Khan per 770 milioni di dollari[1]. Al 2016, secondo la rivista Forbes, il valore dei Jaguars è di circa 1.950 milioni di dollari, venticinquesimi tra le franchigie della NFL[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dei Jacksonville Jaguars.

Dopo quasi vent'anni, nel 1995 la NFL decise di aggiungere due nuove franchigie alla lega, i Jaguars e i Carolina Panthers. La squadra assunse l'allenatore Tom Coughlin e nella sua prima stagione terminò con record di quattro vittorie e dodici sconfitte. Nell'anno successivo ebbe il suo primo record positivo (9-7) qualificandosi per i playoff, dove batté i Buffalo Bills e i Denver Broncos, giungendo sino alla finale della AFC, dove fu eliminata dai Pittsburgh Steelers. Nelle due stagioni successive la squadra terminò sempre con un record di 11-5, vincendo il suo primo titolo di division nel 1998, e diventando la prima squadra della storia a qualificarsi per i playoff in tre dei suoi primi quattro anni di vita. Nel 1999 la squadra chiuse col miglior record della lega, vincendo ancora la propria division. Dopo avere battuto i Miami Dolphins nel primo turno di playoff, fu eliminata dai Tennessee Titans nella finale della AFC. Giocatori di rilievo in quel periodo furono il quarterback Mark Brunell, l'offensive tackle Tony Boselli, il wide receiver Jimmy Smith e il running back Fred Taylor.

I Jaguars non tornarono più ai playoff fino alla stagione 2005, quando erano allenati da Jack Del Rio, venendo eliminati al primo turno dai New England Patriots. Due anni dopo tornarono ai playoff con un record di 11-5, eliminando gli Steelers ma uscendo ancora contro i Patriots. Seguirono anni difficoltosi per la franchigia, che non terminò più con un record positivo, in cui il giocatore più rappresentativo fu il running back Maurice Jones-Drew. Nel 2012 la proprietà della squadra passò all'uomo d'affari Shahid Khan.

Nel 2013 fu assunto l'ex coordinatore difensivo dei Seattle Seahawks Gus Bradley. La stagione 2013 terminò con un record di 4-12, sceso a 3-13 nel 2014 e migliorato a 5-11 nel 2015. Si tratta della quinta stagione consecutiva con più sconfitte di vittorie, e l'ottava consecutiva finita con un record non positivo.

Colori della squadra, logo e mascotte[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Divise[modifica | modifica wikitesto]

Per la maggior parte della loro storia, i Jaguars hanno fatto quello che tradizionalmente praticano molte altre squadre della NFL situate nei climi subtropicali: indossano le magliette bianche in casa durante la prima metà della stagione - costringendo gli avversari a indossare quelle scure durante gli afosi autunni di Jacksonville. Le sole eccezioni sono state nel 2004 e nel periodo 2008-10, quando i Jaguars hanno scelto di indossare la divisa color foglia di tè per tutte le partite in casa. Nella pre-stagione, i Jaguars usano la tipica divisa casalinga, in quanto gli incontri vengono disputati durante la notte quando non c'è più il fattore-caldo.

Mascotte[modifica | modifica wikitesto]

La mascotte Jaxson de Ville nel 2007

Jaxson de Ville è la mascotte dei Jacksonville Jaguars. Il nome Jaxson deriva dal nome colloquiale di Jacksonville, "Jax". È un antropomorfo, giallo giaguaro e blu maculato. Indossa occhiali da sole, una maglia dei Jaguars, pantaloni lunghi e scarpe da ginnastica scure. Sul retro della maglia porta il nome "Jaxson" e sopra la coda il numero "00", mentre una zampa è stampata sulla parte anteriore. Tuttavia, indossa anche un abbigliamento adatto alla situazione, come una divisa militare quando è portato in campo da una jeep militare. Jaxson entra nello stadio in diversi modi, per esempio scendendo giù con una corda dal tabellone. Negli ultimi anni, i metodi di Jaxsons per entrare allo stadio sono diventati sempre più rischiosi, come fare un bungee jumping o utilizzare una teleferica che partiva da un faro dello stadio e paracadutarsi in campo. Durante una di queste esibizioni, il 16 dicembre 2009 rimase appeso con una gamba sola e fu liberato solo dopo tre minuti; l'attore rimase illeso. La mascotte solitamente guida uno scooter motorizzato, ma occasionalmente guida anche una golf cart.

Jaxson è noto per le sue buffonate. Interagisce con i tifosi, i giocatori dei Jaguars e in parte con i giocatori della squadra avversaria. In presenza di altre mascotte, li prende in giro e scherza con loro. Dopo una serie di critiche, nel 1998 la NFL introdusse dei cambiamenti nelle regole delle mascotte, che lo costrinse a diventare più tranquillo.[3] Tuttavia, Jaxson non se ne preoccupò affatto: dopo una partita del 22 ottobre 2007 contro Indianapolis, il Presidente dei Colts Bill Polian si lamentò con la NFL e Jaxson fu rimproverato nuovamente.[4][5] Il 18 novembre 2007, Jaxson trascorse gran parte di una partita casalinga in una gabbia improvvisata e fu rilasciato solo poche volte per un breve periodo per interagire con i fan e guidare il suo scooter.

Jaxson partecipa a diversi avvenimenti a Jacksonville e dintorni, così come ad altri eventi della NFL e delle altre mascotte, come il Maskottchenkongress di New York del 2002. La sua prima apparizione fu il 18 agosto 1996[6] e fu interpretata da Curtis Dvorak fino al suo pensionamento nel giugno 2015.[7]

Jacksonville Roar[modifica | modifica wikitesto]

Le cheerleader dei Jacksonville Jaguars sono le Jacksonville Roar. Le Roar partecipano ad ogni partita dei Jaguars e al di fuori della stagione presenziano a vari eventi.[8][9]

L'anno dopo che Jacksonville vinse la nuova franchigia NFL, i Jaguars annunciarono la costruzione di una squadra di cheerleading. Delores Weaver, moglie del primo proprietario dei Jaguars Wayne Weaver, ebbe un interesse speciale per le cheerleader. Era coinvolta nella selezione delle ragazze, aiutava con la progettazione dell'uniforme ed esaminava i numeri del balletto.

Il processo di selezione si svolge ogni primavera e le componenti dell'anno precedente che non partecipano più, vengono sostituite. Le candidate sono selezionate dopo un colloquio personale e la dimostrazione dei numeri di danza. La squadra finale viene scelta dopo una selezione ad eliminazione in tre fasi. La maggior parte delle ragazze sono studentesse, ma c'è anche chi fa un altro lavoro. Le cheerleader si allenano più volte alla settimana durante l'anno, ad eccezione del mese di marzo, in cui si svolge la selezione. La paga delle cheerleader a partita dipende dall'esperienza, ma le nuove arrivate guadagnano meno di 100 $ a partita.

Spettatori
Stagione Media
(casa)
Totale
(casa)
1995 69.352 554.814
1996 66.692 533.533
1997 69.693 557.547
1998 70.184 561.472
1999 67.601 540.805
2000 60.314 482.510
2001 60.443 483.542
2002 56.277 450.216
2003 56.213 449.700
2004 69.433 555.464
2005 65.690 525.519
2006 66.858 534.866
2007 65.301 522.410
2008 65.167 521.338
2009 49.651 397.214
2010 63.032 504.262
2011 62.331 498.655
2012 64.984 519.872
2013 62.893 503.140
2014 65.542 524.335
2015 64.284 514.268
2016 64.651 517.206


Stadio e spettatori[modifica | modifica wikitesto]

EverBank Field

L'EverBank Field (precedentemente conosciuto come Jacksonville Municipal Stadium e Alltel Stadium) si trova sulla sponda settentrionale del fiume St. Johns ed è stata la casa dei Jaguars dalla prima stagione nel 1995. Lo stadio ha una capacità di 67.246 persone, con ulteriori posti a sedere durante la Florida-Georgia Game e il Gator Bowl.[10]

Lo stadio ha ospitato il Super Bowl XXXIX oltre alle tre partite dei playoff dei Jaguars della AFC del 1999. Ha ospitato anche il Campionato ACC 2005-07 e il River City Showdown nel 2007 e nel 2008.

Dal 1995-97 e nuovamente dal 2006-09 lo stadio è stato nominato Jacksonville Municipal Stadium. Dal 1997 al 2006 lo stadio è stato denominato Alltel Stadium.[11] I diritti di denominazione sono stati acquistati da EverBank prima della stagione 2010.[12]

Lo stadio è stato sostanzialmente potenziato nel 2014 con l'aggiunta di nuovi tabelloni segnapunti, piscine, posti a sedere a capanna e premium che comprendono 180 posti sul livello del campo. I nuovi tabelloni sono di 18 metri di altezza per 110 di lunghezza e sono adesso i più grandi del mondo. Sono state installate due piscine da 8 metri per 4 nelle estremità nord e sud insieme ai posti a capanna. I lavori dello stadio sono costati 63 milioni di dollari che il proprietario Shahid Khan ha contribuito a finanziarne per 20 milioni del costo totale.[13]

La percentuale di riempimento dello stadio è compreso tra il 90 e il 95 per cento per le partite in casa e quindi nella parte inferiore della NFL. Il livello più basso dell'indice di riempimento è stato nella stagione 2009, dove solo il 73,9% dei biglietti è stato venduto, secondo valore più basso della Lega.

Rivalità[modifica | modifica wikitesto]

I Jacksonville Jaguars hanno tre rivalità principali: i rivali della Division (Tennessee Titans, Indianapolis Colts e Houston Texans);[14] rivalità geografiche, con i Miami Dolphins e i Tampa Bay Buccaneers; rivalità con i loro fratelli di espansione del 1995, i Carolina Panthers e anche delle rivalità con altre squadre che sono nate dai tempi della AFC Central, in particolare con i Pittsburgh Steelers.[15]

Risultati stagione per stagione[modifica | modifica wikitesto]

Questa è la lista delle ultime 10 stagioni dei Jaguars

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stagioni dei Jacksonville Jaguars.
Cronistoria dei Jacksonville Jaguars
Stagione di lega Stagione di squadra Lega Conf. Div. Stagione regolare Play-off Note
Pos. V S P
2007 2007 NFL AFC South 2 11 5 0 V Wild Card Game contro i Pittsburgh Steelers (31-29)

S Divisional play-off contro i New England Patriots (20-31)

2008 2008 NFL AFC South 4 5 11 0 non disputati
2009 2009 NFL AFC South 4 7 9 0 non disputati
2010 2010 NFL AFC South 2 8 8 0 non disputati
2011 2011 NFL AFC South 3 5 11 0 non disputati
2012 2012 NFL AFC South 4 2 14 0 non disputati
2013 2013 NFL AFC South 3 4 12 0 non disputati
2014 2014 NFL AFC South 3 3 13 0 non disputati
2015 2015 NFL AFC South 3 5 11 0 non disputati
2016 2016 NFL AFC South 4 3 13 0 non disputati
Totale 53 107 0 Record di stagione regolare
1 1 Record dei play-off
54 108 0 Stagione regolare e play-off
Legenda
  •   Vittoria nel Super Bowl (dal 1966)
  •   Vittoria nella lega (1920-1969)
  •   Vittoria nella Conference
  •   Vittoria nella Division
  •   Qualificazione al Wild Card Game (dal 1978)
  • V = Vittorie
  • S = Sconfitte
  • P = Pareggi
  • T = Posizione a pari merito


Giocatori importanti[modifica | modifica wikitesto]

Membri della Pro Football Hall of Fame[modifica | modifica wikitesto]

Alla stagione 2017, nessun membro dei Jaguars è ancora stato indotto nella Pro Football Hall of Fame.[16]

Numeri ritirati[modifica | modifica wikitesto]

N.B.: Ufficialmente non è stato ritirato ma è stato solamente messo fuori servizio.

Pride of the Jaguars[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2006 fu indetto un concorso per dare un nome al Ring of Honor dei Jaguars e "Pride of the Jaguars" fu scelto col 36% dei voti.[17] L'8 ottobre 2006 fu svelato durante la gara contro i New York Jets. L'ex offensive tackle sinistro Tony Boselli fu il primo giocatore ad essere indotto. Il 1º gennaio 2012, il proprietario della squadra Wayne Weaver e sua moglie Delores furono indotti nel Pride of the Jaguars nell'ultima gara della squadra prima della vendita a Shahid Khan. Il 7 giugno 2012, i Jaguars annunciarono che Fred Taylor sarebbe stato il terzo membro del Pride of the Jaguars.[18] Fu ufficialmente indotto il 30 settembre 2012.

Pride of the Jaguars
N. Membro Ruolo Stagioni Anno ind.
71 Tony Boselli OT 1995–2001 2006
Wayne e Delores Weaver Propr. 1993–2011 2012
28 Fred Taylor RB 1998–2008 2012
8 Mark Brunell QB 1995–2003 2013
82 Jimmy Smith WR 1995-2005 2016

Record di franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera

Record in carriera
Categoria Giocatore Numero
Yard passate Mark Brunell 25.698
TD passati Mark Brunell 144
Yard ricevute Jimmy Smith 12.287
TD su ric. Jimmy Smith 67
Yard corse Fred Taylor 11.271
TD su corsa Maurice Jones-Drew 68

Stagionali

Record stagionali
Categoria Giocatore Numero Anno
Yard passate Blake Bortles 4.428 20
TD passati Blake Bortles 35 2015
Yard ricevute Jimmy Smith 1.636 1999
TD su ric. Allen Robinson 14 2015
Yard corse Maurice Jones-Drew 1.606 2011
TD su corsa Maurice Jones-Drew 15 2009

La squadra[modifica | modifica wikitesto]

Roster dei Jacksonville Jaguars
Offensive Linemen
Defensive Linemen
Linebacker
Defensive Back
Special Team
Lista delle riserve
Squadra di allenamento



Roster aggiornato al 4 settembre 2017

53 attivi, 12 inattivi, 7 nella squadra d'allenamento

Legenda
  • I rookie sono in corsivo.
  • il primo ruolo è il principale mentre gli eventuali successivi indicano i ruoli secondari.
  • Injury icon 2.svg indica un giocatore fuori per il resto della stagione.
  • (IR) attiva indica la lista ristretta per un solo giocatore infortunato che può tornare ad allenarsi dopo la settimana 6 e a rientrare in prima squadra dopo la settimana 8.
  • (NFI) indica la lista dove viene inserito un giocatore che ha un infortunio non legato al football americano.
  • (PUP) indica la lista dove viene inserito un giocatore mentre è in attesa di recuperare la condizione fisica. Nella stagione regolare dopo la sesta partita giocata dalla propria squadra, il giocatore ha tempo 3 settimane per riprendere ad allenarsi, più tre settimane aggiuntive dal suo rientro agli allenamenti per rientrare in prima squadra.
AFC East: BUF · MIA · NE · NYJNorth: BAL · CIN · CLE · PITSouth: HOU · IND · JAC · TENWest: DEN · KC · LAC · OAK
NFC East: DAL · NYG · PHI · WASNorth: CHI · DET · GB · MINSouth: ATL · CAR · NO · TBWest: ARI · LAR · SF · SEA

Capo-allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Nome Stagioni Stagione regolare Play-off Premi Note
V S P  % V S
Tom Coughlin 19952002 68 60 0 .531 4 4 [19]
Jack Del Rio 20032011 69 71 0 .486 1 2 [20]
Mel Tucker (ad interim) 2011 2 3 0 .400 0 0
Mike Mularkey 2012 2 14 0 .125 0 0
Gus Bradley 20132016 14 48 0 .226 0 0
Doug Marrone 2016presente 1 1 0 .500 0 0

Lo staff[modifica | modifica wikitesto]

Staff dei Jacksonville Jaguars
Organi dirigenziali
Capo allenatore
Altri allenatori
  • Preparatore atletico – Tom Myslinski
  • Assistente – Cedric Scott
  • Preparatore atletico associato – Alex Hampton
  • Preparatore atletico associato – Jess Langvardt
Allenatori dell'attacco
Allenatori della difesa
  • Coordinatore difensivo – Todd Wash
  • Defensive Line – Marion Hobby
  • Assistente Defensive Line – Jason Rebrovich
  • Linebacker – Mark Collins
  • Defensive Back – Perry Fewell
  • Assistente Defensive Back - Joe Danna
  • Assistente difesa – Mike Rutenberg
Allenatori dello special team
AFC East: BUF · MIA · NE · NYJNorth: BAL · CIN · CLE · PITSouth: HOU · IND · JAC · TENWest: DEN · KC · OAK · LAC
NFC East: DAL · NYG · PHI · WASNorth: CHI · DET · GB · MINSouth: ATL · CAR · NO · TBWest: ARI · LAR · SF · SEA

Tifosi[modifica | modifica wikitesto]

Uno studio dell'Università Emory del 2013, che ha valutato la fedeltà dei tifosi di tutte le franchigie della NFL, ha piazzato i fan dei Jaguars al 27º posto su 32.

Alcuni tifosi sono organizzati nel fan club Jacksonville Jaguars Booster Club. L'unico fan club in Europa è l'Union Jax Fan Club della Gran Bretagna, attualmente con oltre 35.000 membri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jacksonville Jaguars Sold To Illinois Businessman For $770 Million, Forbes, 2012. URL consultato il 30 luglio 2014.
  2. ^ (EN) NFL Team Valuations: Jacksonville Jaguars, Forbes, settembre 2016. URL consultato il 22 agosto 2017.
  3. ^ Jacksonville.com, Jaxson De Villain, Jacksonville.com, 1999. URL consultato il 29 settembre 2007.
  4. ^ Michael David Smith, Jaguars Mascot Jaxson de Ville Draws Ire of Colts President Bill Polian, sports.aol.com, 2007. URL consultato il 18 novembre 2007.
  5. ^ Fox 30 Online, Jaguars Mascot Busted For Not Following Rules, Fox30.online.com, 2007. URL consultato il 18 novembre 2007.
  6. ^ Teneshia L. Wright, Alltales: "Singer’s Streak Hits Seven", Jacksonville.com, 2001. URL consultato il 29 settembre 2007.
  7. ^ Jaguars Press Release, Jaxson de Ville, the ROAR to Travel to Middle East to Visit U.S. Armed Forces, Jaguars.com, 2001. URL consultato il 29 settembre 2007.
  8. ^ "Cheerleader Auditions" Jacksonville Jaguars website
  9. ^ "Jaxson de Ville, the ROAR to Travel to Middle East to Visit U.S. Armed Forces", jaguars.com (Jaguars Press Release; 2001)
  10. ^ Jaguars Notebook, Jacksonville.com, 10 agosto 2004. URL consultato il 13 settembre 2017.
  11. ^ City's take from stadium will go up, Jacksonville.com, 8 settembre 2007. URL consultato il 13 settembre 2017.
  12. ^ EverBank buying naming rights to Jacksonville Municipal Stadium, jacksonville.com.
  13. ^ Michael DiRocco, Jaguars unveil mammoth video boards, su ESPN.go.com, ESPN. URL consultato il 13 settembre 2017.
  14. ^ Paul Kuharsky, Best divisional rivalry: Jaguars vs. Titans – AFC South Blog – ESPN, Espn.go.com. URL consultato il 3 settembre 2012.
  15. ^ Ed Bouchette, Steelers-Jaguars rivalry born of inspiration and emulation, in Pittsburgh Post-Gazette, 17 settembre 2006.
  16. ^ (EN) Hall of Famers By Franchise, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 6 maggio 2016.
  17. ^ 'Honor ring' named, Jaguars.com, 17 luglio 2006. URL consultato il 5 luglio 2012.
  18. ^ John Oehser, A special moment, Jaguars.com, 7 giugno 2012. URL consultato il 7 giugno 2012.
  19. ^ Tom Coughlin's Coaching Record, su Pro Football Reference, Sports Reference LLC. URL consultato il 5 settembre 2017.
  20. ^ Jack Del Rio's Coaching Record, su Pro Football Reference, Sports Reference LLC. URL consultato il 5 settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN151432838 · ISNI: (EN0000 0004 0473 1812
Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America