Brian Hoyer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brian Hoyer
Brian Hoyer 2014 Browns training camp (4).jpg
Hoyer nel training camp 2014.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 98 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Quarterback
Squadra Chicago Bears
Carriera
Giovanili
2004-2008 Stemma Michigan State Spartans Michigan State Spartans
Squadre di club
2009-2011 Stemma New England Patriots N.E. Patriots
2012 Stemma Pittsburgh Steelers Pittsburgh Steelers
2012 Stemma Arizona Cardinals Arizona Cardinals
2013-2014 Stemma Cleveland Browns Cleveland Browns
2015 Stemma Houston Texans Houston Texans
2016- Chicago Bears
Statistiche aggiornate al 6 gennaio 2016

Brian Hoyer (Lakewood, 13 ottobre 1985) è un giocatore di football americano statunitense che milita nel ruolo di quarterback per i Chicago Bears della National Football League (NFL). Al college giocò a football a Michigan State.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

New England Patriots[modifica | modifica wikitesto]

Hoyer nel training camp 2009 dei Patriots.

Hoyer non fu scelto nel Draft NFL 2009 ma firmò subito dopo con i New England Patriots. Dopo una pre-stagione positiva fu scelto come prima riserva del quarterback titolare Tom Brady. Debuttò come professionista il 18 ottobre 2009 nel secondo tempo della gara contro i Tennessee Titans. Nella sua prima serie offensiva completò 5 passaggi su 5 tentativi per 35 yard, concludendo con un touchdown segnato su corsa, che contribuì a stabilire il record di franchigia di punti segnati, nella vittoria per 59-0.

Hoyer rimase la prima riserva di Brady anche nella stagione successiva. Entrò per la prima volta in campo in stagione nella finale della partita persa per 34–14 coi Cleveland Browns, subendo il suo primo intercetto. Nella settimana 17, contro i Miami Dolphins, lanciò un passaggio da touchdown da 42 yard per Brandon Tate, il primo della sua carriera professionistica.

Benché nel Draft NFL 2011 i Patriots avessero scelto il quarterback Ryan Mallett, Hoyer rimase la prima riserva di Brady anche nel 2011. Quell'anno giocò poco ma il suo unico passaggio completato fu quello con cui Rob Gronkowski stabilì il nuovo record NFL per yard ricevute in una stagione da un tight end. Il 31 agosto 2012, Hoyer fu svincolato dai Patriots.

Pittsburgh Steelers[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 novembre 2012, Hoyer firmò con i Pittsburgh Steelers dopo gli infortuni del quarterback titolare Ben Roethlisberger e della sua riserva Byron Leftwich a distanza di una settimana l'uno dall'altro. Fu la riserva di Charlie Batch nelle settimane 12 e 13 contro Cleveland Browns e Baltimore Ravens rispettivamente. Fu svincolato l'8 dicembre 2012.

Arizona Cardinals[modifica | modifica wikitesto]

Hoyer firmò con gli Arizona Cardinals il 10 dicembre 2012 e sostituì Ryan Lindley nella settimana 16 contro i Chicago Bears, completando 11 passaggi su 19 per 105 yard e un intercetto. Il 26 dicembre, il capo-allenatore dei Cardinals Ken Whisenhunt annunciò che Hoyer sarebbe partito come titolare nell'ultima gara della stagione contro i San Francisco 49ers. In quella gara passò 225 yard con un touchdown e un intercetto[1].

Il 12 maggio 2013 fu svincolato dai Cardinals.

Cleveland Browns[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2013[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 maggio 2013, Hoyer firmò un contratto biennale coi Cleveland Browns. Dopo che il quarterback titolare Brandon Weeden si infortunò a un pollice nella settimana 2, Hoyer fu nominato a sorpresa il quarterback titolare per la gara della settimana successiva contro i Minnesota Vikings al posto di Jason Campbell[2]. In quella sfida, il quarterback condusse la squadra alla prima vittoria stagionale passando il touchdown della vittoria per Jordan Cameron a 51 secondi dal termine. Concluse la gara stabilendo i suoi record in carriera per yard passate (321), passaggi per touchdown (3) e intercetti (3)[3]. Fu confermato titolare per il turno successivo contro i Cincinnati Bengals[4] in cui condusse Cleveland alla seconda vittoria consecutiva passando per 269 yard e due touchdown[5]. Nel Thursday Night della settimana 4 contro i Buffalo Bills, Hoyer partì per la terza volta consecutiva dall'inizio, ma dopo pochi minuti dall'avvio della gara si infortunò gravemente a un ginocchio, venendo sostituito da Weeden[6][7]. Tale infortunio si rivelò la rottura del legamento crociato anteriore che forzò il giocatore a perdere tutto il resto della sua promettente stagione[8].

Stagione 2014[modifica | modifica wikitesto]

Hoyer nel training camp 2014.

Nel Draft NFL 2014, i Browns scelsero il quarterback Johnny Manziel, considerato uno dei migliori del draft ma dal carattere imprevedibile. La decisione su chi sarebbe partito titolare nella prima settimana della stagione 2014 fu uno dei temi più caldi dell'estate, finché il 20 agosto il nuovo allenatore dei Browns Mike Pettine annunciò di aver scelto Hoyer come titolare[9]. Nella gara d'esordio, in trasferta contro i Pittsburgh Steelers, Hoyer inizialmente ebbe qualche difficoltà a trovare il ritmo e i Browns si trovarono in svantaggio 27-3 alla fine del primo tempo. Nel secondo tempo però, il quarterback orchestrò un'accanita rimonta passando 230 yard e un touchdown e portando il punteggio a 27 pari; i Browns però furono infine sconfitti da un field goal all'ultimo secondo[10][11]. La prima vittoria stagionale giunse la settimana successiva contro i quotati New Orleans Saints; Hoyer guidò il drive dell'ultimo minuto che permise alla sua squadra di calciare il field goal del definitivo sorpasso. La sua gara si concluse con 2014 yard passate e un touchdown[12].

Hoyer dietro il centro nel 2014

Dopo la settimana di pausa, Hoyer guidò Cleveland alla più grande rimonta in trasferta della storia della NFL, recuperando 25 punti nel secondo tempo della gara contro i Tennessee Titans, culminando il definitivo sorpasso con un passaggio da touchdown per Travis Benjamin, a 69 secondi dal termine. La gara di Hoyer si concluse con 292 yard passate, tre touchdown e un intercetto[13]. Un'altra vittoria giunse la domenica seguente: il 21-3 su Pittsburgh fu la più larga vittoria sui rivali di division dal 1989. Brian passò 217 yard e un touchdown. Nella settimana 9, Brian passò 300 yard e due touchdown (con due intercetti) portando Cleveland alla vittoria sui Buccaneers e a salire a un record di 5-3, il migliore a metà stagione dal 2007. Divenne inoltre il primo quarterback dei Browns da Brian Sipe nel 1983 a passare almeno 200 yard in tutte le prime otto partite di campionato.

Nella settimana 10, nel match in casa dei Bengals del giovedì notte, Hoyer passò 198 yard nella netta vittoria per 24-4 che portò i Browns in testa alla division e alla loro miglior partenza dal 1994[14]. Dopo una sconfitta coi Texans, malgrado tre intercetti subiti, Hoyer guidò i suoi alla vittoria in casa dei Falcons, con un field goal di Billy Cundiff nell'ultima azione della partita. La settimana successiva invece i Browns furono sconfitti in casa dei Bills e Hoyer, dopo avere lanciato il suo secondo intercetto, fu sostituito nel quarto periodo da Manziel[15]. Tornò come titolare sette giorni dopo ma subì altri due intercetti senza touchdown e i Browns furono sconfitti all'ultimo minuto dai Colts. In seguito a quella gara, dopo avere lanciato un solo touchdown a fronte di otto intercetti subiti nelle ultime cinque partite, Hoyer perse il posto da titolare a favore di Manziel prima del quindicesimo turno[16]. Malgrado una prova negativa, Manziel fu confermato titolare anche nella settimana 16, in cui però si infortunò sul finire del primo quarto. Hoyer tornò così in campo per il resto della gara passando 134 yard e un touchdown ma non riuscendo a guidare la squadra alla rimonta contro i Carolina Panthers. Manziel non recuperò per l'ultimo turno, ma nemmeno Hoyer poté disputare la gara contro i Ravens per un infortunio alla spalla[17]. La sua stagione si chiuse così con 3 326 yard passate, 12 touchdown e 13 intercetti, per un passer rating di 76,5.

Houston Texans[modifica | modifica wikitesto]

L'11 marzo 2015, Hoyer firmò con gli Houston Texans un contratto biennale del valore di 10,5 milioni di dollari, inclusi 4,75 milioni garantiti[18]. Il 24 agosto, dopo due gare di pre-stagione, fu scelto come quarterback titolare per l'inizio della stagione, superando la concorrenza di Ryan Mallett[19]. Tuttavia nella prima gara, persa coi Chiefs, faticò, venendo sostituito a sei minuti dal termine da Mallett che guidò Houston a segnare due touchdown[20]. Il rivale partì come titolare nelle tre gare successive, vincendone una, ma Hoyer lo sostituì a sua volta nel quarto turno contro i Falcons quando Houston era in svantaggio di oltre 40 punti; Hoyer passò per 232 yard e due touchdown. Anche nel turno successivo Hoyer subentrò nel secondo quarto contro i Colts, subendo però un intercetto a meno di due minuti dal termine della gara, che condannò Houston alla sconfitta. Per la gara successiva tornò a partire titolare, disputando la miglior prova stagionale fino a quel momento con 293 yard e tre touchdown, tutti passati in situazioni di terzo down, nella vittoria sui Jaguars.

Dopo una pesante sconfitta contro i Dolphins nella settimana 7, Houston tornò alla vittoria contro i Titans, in una gara in cui Hoyer passò 235 yard e due touchdown senza perdere palloni. Nel turno successivo subì una commozione cerebrale contro i Bengals, venendo costretto a lasciare il campo nel terzo quarto[21]. Dopo essere stato sostituito per tale infortunio da T.J. Yates nell'undicesimo turno, tornò titolare la settimana seguente, guidando i Texans alla quarta vittoria consecutiva con 205 yard passate e due touchdown contro i Saints[22]. La serie positiva si concluse nella settimana 14 contro la sua ex squadra, i Patriots; nella gara Hoyer subì un infortunio che lo costrinse a uscire e che lo rese indisponibile per i due turni successivi. Tornò titolare nell'ultima gara della stagione regolare in cui, grazie alla vittoria sui Jaguars, Houston conquistò il suo primo titolo di division dal 2012.[23]. La sua stagione regolare si chiuse con un nuovo primato personale di 19 passaggi da touchdown, con 2 606 yard passate e sette intercetti subiti per un passer rating di 91,4.

La gara del turno delle wild card dei playoff contro i Chiefs fu per Hoyer "imbarazzante" e la sua "peggiore prestazione", secondo le sue stesse parole, stabilendo il primato personale di quattro intercetti, oltre a perdere un fumble[24]. La stagione di Houston si concluse così con una sconfitta per 30-0[25].

A febbraio 2016, subito dopo l'apertura del mercato dei free agent, i Texans assunsero un nuovo quarteback, Brock Osweiler, proveniente dai Denver Broncos, offrendogli un ricco contratto. Hoyer sembrò quindi avviato a essere escluso dai Texans, che infatti lo svincolarono il 17 aprile [26].

Chicago Bears[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 aprile 2016, Hoyer firmò un contratto di un anno con i Chicago Bears per fungere da riserva di Jay Cutler.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

New England Patriots: 2011

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partite totali 43
Partite da titolare 26
Yard passate 7.163
Touchdown 38
Intercetti 26
Passer rating 82,2

Statistiche aggiornate alla stagione 2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Game Center: Arizona 13 San Francisco 27, NFL.com, 31 dicembre 2012. URL consultato il 31 dicembre 2012.
  2. ^ (EN) Brian Hoyer to be Cleveland Browns Week 3 starter, NFL.com, 18 settembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2013.
  3. ^ (EN) Game Center: Cleveland 34 Minnesota 31, NFL.com, 22 settembre 2013. URL consultato il 23 settembre 2013.
  4. ^ (EN) Brian Hoyer to start at QB again for Cleveland Browns, NFL.com, 25 settembre 2013. URL consultato il 25 settembre 2013.
  5. ^ (EN) Game Center: Cincinnati 6 Cleveland 17, NFL.com, 29 settembre 2013. URL consultato il 30 settembre 2013.
  6. ^ (EN) Game Center: Buffalo 24 Cleveland 37, NFL.com, 3 ottobre 2013. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  7. ^ Nfl, Cleveland sorprende ancora. Perde Hoyer, ma vola in vetta, La Gazzetta dello Sport, 4 ottobre 2013. URL consultato il 6 ottobre 2013.
  8. ^ (EN) Brian Hoyer tore ACL, out for rest of Browns' season, NFL.com, 4 ottobre 2013. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  9. ^ (EN) Brian Hoyer tabbed Browns' starting quarterback, NFL.com, 20 agosto 2014. URL consultato il 20 agosto 2014.
  10. ^ (EN) Game Center: Cleveland 27 Pittsburgh 30, NFL.com, 7 settembre 2014. URL consultato l'8 settembre 2014.
  11. ^ Football Nfl: Brady fa acqua, Peyton insegue Favre, La Gazzetta dello Sport, 9 settembre 2014. URL consultato l'11 settembre 2014.
  12. ^ (EN) Game Center: New Orleans 24 Cleveland 26, NFL.com, 14 settembre 2014. URL consultato il 14 settembre 2014.
  13. ^ (EN) Game Center: Cleveland 29 Tennessee 28, NFL.com, 5 ottobre 2014. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  14. ^ (EN) Game Center: Cleveland 24 Cincinnati 3, NFL.com, 6 novembre 2014. URL consultato il 7 novembre 2014.
  15. ^ (EN) Game Center: Cleveland 10 Buffalo 26, NFL.com, 30 novembre 2014. URL consultato il 1º dicembre 2014.
  16. ^ (EN) Johnny Manziel will start for Browns vs. Bengals, NFL.com, 9 dicembre 2014. URL consultato il 9 dicembre 2014.
  17. ^ (EN) Browns promote Connor Shaw, will start rookie, NFL.com, 26 dicembre 2014. URL consultato il 26 dicembre 2014.
  18. ^ (EN) Brian Hoyer, Texans reach agreement on two-year deal, NFL.com, 11 marzo 2015. URL consultato l'11 marzo 2015.
  19. ^ (EN) Brian Hoyer named Texans starting quarterback, NFL.com, 24 agosto 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  20. ^ Nfl, Buffalo demolisce Indianapolis, flop per Seattle. Ok Denver, gazzetta.it, 14 settembre 2015. URL consultato il 14 settembre 2015.
  21. ^ (EN) Game Center: Houston 10 Cincinnati 6, NFL.com, 16 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  22. ^ Nfl, 12ª giornata: Denver batte New England, Seattle supera Pittsburgh, gazzetta.it, 30 novembre 2015. URL consultato il 30 novembre 2015.
  23. ^ (EN) Bill O'Brien: Brian Hoyer will start Sunday vs. Jags, NFL.com, 30 dicembre 2015. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  24. ^ (EN) Brian Hoyer sinks Texans in 30-0 loss to Chiefs, NFL.com, 9 gennaio 2015. URL consultato il 3 aprile 2016.
  25. ^ (EN) Chiefs pummel Texans in 30-0 shutout win, NFL.com, 9 gennaio 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  26. ^ (EN) Houston Texans release veteran QB Brian Hoyer, NFL.com, 18 aprile 2016. URL consultato il 2 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]