Matt Barkley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Matt Barkley
Matt Barkley before 2012 Notre Dame game.jpg
Barkley nel 2012
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 104 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Quarterback
Squadra Free agent
Carriera
Giovanili
2009-2012 USC Trojans
Squadre di club
2013-2014 Philadelphia Eagles
2015 Arizona Cardinals
2016 Chicago Bears
2017 San Francisco 49ers
Statistiche aggiornate al 29 novembre 2016

Matthew Montgomery "Matt" Barkley (Newport Beach, 8 settembre 1990) è un giocatore di football americano statunitense che milita nel ruolo di quarterback nella National Football League (NFL). Fu scelto nel corso del quarto giro (98° assoluto) del Draft NFL 2013 dai Philadelphia Eagles. Al college ha giocato a football alla University of Southern California.

Carriera universitaria[modifica | modifica wikitesto]

Barkley giocò a USC dal 2009 al 2012. Dopo una stagione 2011 in cui passò 39 touchdown e soli 7 intercetti, all'alba della stagione 2012 era considerato il favorito numero 1 per la vittoria dell'Heisman Trophy[1][2]. Ad inizio stagione, USC era la squadra al primo posto nel ranking, ma una sconfitta per 21-14 con la Stanford University (numero 21 del tabellone) tolse ogni possibilità alla squadra di raggiungere la finale per il titolo nazionale. USC perse 5 gare quell'anno, compresa la prima sconfitta contro UCLA negli ultimi sei anni. Barkley fu costretto a uscire dalla partita con un infortunio alla spalla, concludendo la sua stagione regolare. Il 27 dicembre 2012, il capo-allenatore Lane Kiffin annunciò che Barkley non avrebbe giocato nel Sun Bowl a causa di quell'infortunio, terminando così la sua esperienza nel football universitario[3].

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Draft NFL 2013[modifica | modifica wikitesto]

Malgrado fosse previsto come una delle prime cinque selezioni del Draft NFL 2012[4], Matt Barkley decise di rimanere a USC per la sua ultima stagione[5]. Ad aprile 2012 veniva pronosticato come prima scelta assoluta del Draft 2013[6][7] ma dopo una stagione 2012 non a livello della precedente scese nelle previsioni degli analisti fino ad essere selezionato a sorpresa solo nel quarto giro da parte dei Philadelphia Eagles[8].

Philadelphia Eagles[modifica | modifica wikitesto]

Barkley iniziò la stagione come terzo quarterback nelle gerarchie della squadra dietro Michael Vick e Nick Foles. Dopo che Vick si infortunò e Foles lo sostituì come titolare, nella settimana 7 contro i Dallas Cowboys lo stesso Foles si infortunò nel secondo tempo, dando a Barkley la possibilità di debuttare come professionista. Questi, nell'ultimo periodo di gioco, completò alcuni buoni passaggi, terminando con 129 yard passate ma subendo anche tre intercetti che affossarono ogni speranza di rimonta degli Eagles[9]. La settimana successiva subentrò nuovamente a gara iniziata, questa volta per l'infortunato Vick, completando 17 passaggi su 26 tentativi per 158 yard e subendo un intercetto nella finale di gara, con gli Eagles che furono sconfitti dai New York Giants[10]. Quella fu la sua ultima presenza nella sua stagione da rookie. Nella successiva scese in campo solo nella settimana 10 contro i Carolina Panthers, sbagliando l'unico passaggio tentato.

Arizona Cardinals[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 settembre 2015, Barkley fu scambiato con Arizona Cardinals per una scelta del settimo giro del Draft 2016, del sesto nel caso fosse rimasto nel roster attivo della squadra per almeno sei gare, cosa avvenuta il 17 ottobre 2015. Il 3 settembre 2016 fu svincolato.

Chicago Bears[modifica | modifica wikitesto]

Barkley firmò con la squadra di allenamento dei Chicago Bears il 4 settembre 2016, venendo promosso nel roster attivo il 22 settembre. Dopo l'infortunio del quarterback di riserba Brian Hoyer contro i Green Bay Packers il 20 settembre 2016, Barkley fece la sua prima apparizione con la maglia dei Bears, completando 6 passaggi su 15 per 81 yard e subendo due intercetti. Dopo che anche Jay Cutler subì un grave infortunio, Barkley fu nominato titolare per la gara della settimana 12 contro i Tennessee Titans in cui passò 316 yard, i primi 3 touchdown in carriera e subì 2 intercetti, sfiorando la rimonta dopo che Chicago si era trovata in svantaggio di 20 punti[11]. La settimana successiva guadagnò la prima vittoria battendo i San Francisco 49ers in un Soldier Field innevato.

San Francisco 49ers[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 marzo 2017, Barkley firmò un contratto biennale con i San Francisco 49ers. Il 1º settembre 2017 fu svincolato.[12]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partite totali 7
Partite da titolare 2
Yard passate 889
Touchdown 3
Intercetti 8
Passer rating 57,7

Statistiche aggiornate alla settimana 13 della stagione 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 2012 Heisman Watch, CBS Sports, 2012. URL consultato il 25 febbraio 2013.
  2. ^ (EN) Matt Barkley Heads List of 2012 Heisman Trophy Contenders, Football Nation, 2012. URL consultato il 25 febbraio 2013.
  3. ^ (EN) Career Over for USC's Matt Barkley, ESPN, 27 dicembre 2012. URL consultato il 25 febbraio 2013.
  4. ^ (EN) Andrew Luck, Trent Richardson high in midseason NFL draft rankings, Sports Illustrated, 24 ottobre 2011. URL consultato il 25 febbraio 2013.
  5. ^ (EN) "Matt Barkley skips NFL Draft, returning to USC, CBS Sports, 22 dicembre 2011. URL consultato il 25 febbraio 2013.
  6. ^ (EN) 2013 NFL Draft: USC's Barkley, Woods among top 30 prospects, NFL.com, 29 aprile 2012. URL consultato il 25 febbraio 2013.
  7. ^ (EN) Top 32 for 2013: Barkley headlines a class that already looks deep, CBS Sports, 30 aprile 2012. URL consultato il 25 febbraio 2013.
  8. ^ (EN) Matt Barkley drafted by Philadelphia Eagles, NFL.com, 27 aprile 2013. URL consultato il 27 aprile 2013.
  9. ^ (EN) Game Center: Dallas 17 Philadelphia 3, NFL.com, 20 ottobre 2013. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  10. ^ (EN) Game Center: New York 15 Philadelphia 7, NFL.com, 27 ottobre 2013. URL consultato il 27 ottobre 2013.
  11. ^ Larry Mayer, Bears' rally falls short in 27-21 loss, Chicago Bears, 27 novembre 2016. URL consultato il 29 novembre 2016.
  12. ^ (EN) Notable Roster Moves: Ravens Cut Zuttah, Trade For OL, NFL.com, 1º settembre 2017. URL consultato il 1º settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]