Brandon Weeden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brandon Weeden
Brandon Weeden (CROP).jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 193 cm
Peso 100 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Quarterback
Squadra Stemma Dallas Cowboys Dallas Cowboys
Carriera
Giovanili
2007-2011 Stemma Oklahoma State Cowboys Oklahoma State Cowboys
Squadre di club
2012-2013 Stemma Cleveland Browns Cleveland Browns
2014- Stemma Dallas Cowboys Dallas Cowboys
Statistiche aggiornate al 17 marzo 2014

Brandon Kyle Weeden (Oklahoma City, 14 ottobre 1983) è un ex giocatore di baseball e giocatore di football americano statunitense che gioca di quarterback per i Dallas Cowboys della National Football League (NFL). Fu scelto come 22° assoluto nel corso del primo giro del Draft NFL 2012 dai Cleveland Browns. Al college è stato il quarterback titolare degli Oklahoma State Cowboys dal 2010 al 2011, dove ha superato diversi record dell'istituto.

Carriera professionistica nel baseball[modifica | modifica sorgente]

Nel ruolo di pitcher, Weeden fu scelto nel scelto nel secondo giro del Draft 2002 della Major League Baseball dai New York Yankees come loro prima scelta nel draft[1]. Dopo la stagione 2003, Weeden fu scambiato coi Los Angeles Dodgers con Jeff Weaver e Yhency Brazoban in cambio di Kevin Brown. Dopo la stagione 2005, egli fu selezionato nel Rule 5 Draft dai Kansas City Royals. Weeden giocò la sua ultima stagione nel baseball professionistico nel 2006 nei Class-A High Desert Mavericks della California League. Gli infortuni e una bassa media PGL portarono Weeden a lasciare il baseball[2].

Carriera universitaria nel football[modifica | modifica sorgente]

Brandon Weeden nel 2010 coi Cowboys.

Weeden si iscrisse alla Oklahoma State University nel 2007 e dopo un anno da redshirt iniziò ad apparire in campo nella squadra di football nel 2008 in una gara contro Missouri State.

Nel 2009 Weeden giocò tre, compresa una in assenza dell'inofrtunato Zac Robinson il 19 novembre. Alex Cate partì come titolare nella partita ma Weeden lo sostituì dopo il primo tempo e guidò i Cowboys alla vittoria rimontando 11 punti, terminando con un punteggio di 31-28 su Colorado in una gara trasmessa in diretta nazionale.

Nel 2010 Weeden fu nominato titolare dei Cowboys. Nella settimana 2, Weeden soffrì un grave infortunio ad un pollice, che gli fece commettere due fumble e due intercetti nella vittoria su Troy. Weeden disse: "Pollice infortunato...nessun pollice...non importa, non conta. Non mi interessa se non ho un pollice. DEevo prendere gli snap." Egli seguì quella performance lanciando ben 6 touchdown nella settimana successiva. Fu nominato miglior giocatore offensivo della Big-12 della settimana nella vittoria su Tulsa[3][4].

Nel 2011, la sua stagione da senior, Weeden guidò Oklahoma State ad una stagione regolare con un record di 11-1, classificandosi al numero 3 nella classifica BCS e raggiungendo il BCS Tostitos Fiesta Bowl 2012. Egli superò i record scolastici per passaggi tentati, completati, yard guadagnate e touchdown (tutti detenuti dall'attuale allenatore Mike Gundy). In 12 gare, Weeden completò 379 passaggi su 522 passes per 4.328 yard.

Nel Fiesta Bowl 2012, l'ultima sua partita in carriera nel football collegiale, Brandon Weeden lanciò per 399 yard, completando 29 passaggi su 42 con 4 touchdown (3 passati, 1 corso) ed un intercetto nella vittoria 41-38 sugli Stanford Cardinal di Andrew Luck.

Carriera professionistica nel football[modifica | modifica sorgente]

Weeden nel 2012.

Draft NFL 2012[modifica | modifica sorgente]

Dopo la carriera nel football universitario, Weeden si dichiarò eleggibile per il Draft NFL 2012 e, nonostante i suoi ventotto anni fossero un'età nettamente sopra la media delle altre future matricole, egli fu classificato con uno dei migliori quarterback disponibili[5][6][7][8][9]. Alla fine, Weeden fu scelto nel primo giro come 22° assoluto dai Cleveland Browns, con cui si sarebbe giocato il posto da titolare con Colt McCoy[10][11].

Cleveland Browns[modifica | modifica sorgente]

Il 24 luglio 2012, il giocatore e i Browns giunsero a un accordo per la firma del contratto[12]. Il 6 agosto, l'allenatore della franchigia Pat Shurmur annunciò che Weeden sarebbe stato il quarterback titolare della franchigia per la stagione 2012[13].

2012[modifica | modifica sorgente]

Il debutto professionistico si rivelò essere da incubo per Weeden: nella sconfitta punto a punto coi Philadelphia Eagles, Brandon completò 12 passaggi su 35 tentativi subendo ben 4 intercetti per un misero passer rating di 5,2[14]. Nel turno successivo i Browns furono ancora sconfitti contro i Cincinnati Bengals ma Weeden giocò una grande partita completando 26 passaggi su 37 stabilendo il record di franchigia per un rookie dei Browns con 322 yard passate e 2 touchdown[15][16].

Nella settimana 3 i Browns furono nuovamente sconfitti dai Buffalo Bills: Weeden passò per 237 yard con 1 touchdown e due intercetti subiti[17]. Nel Thursday Night Football della settimana 4 i Browns persero contro i loro rivali di division, i Baltimore Ravens: Weeden passò per 320 yard ma subì un intercetto cruciale nel terzo periodo che spostò l'inerzia della partita verso i Ravens[18][19].

Nel turno successivo i Browns scesero per la prima volta a un record di 0-5 dopo il ritorno della franchigia nella NFL nel 1999: contro i Giants il quarterback passò per 291 yard con 2 touchdown e 2 intercetti[20]. Nella settimana 6, finalmente i Browns vinsero la prima gara della stagione contro i Cincinnati Bengals: Weeden passò 231 yard con 2 touchdown e un intercetto[21][22].

La squadra tornò a perdere nella gara successiva contro gli Indianapolis Colts: Weeden passò 264 yard con due touchdown, senza subire intercetti per la prima volta[23][24]. I Browns vinsero la seconda gara stagionale nella settimana 8 contro i San Diego Chargers con Weeden che passò 129 yard senza TD o intercetti[25][26]. Nella settimana 9 i Browns persero coi Ravens col QB che lanciò 176 yard subendo due intercetti [27]. Dopo la settimana di pausa Cleveland mise in serie difficoltà i Dallas Cowboys ma finì per perdere ai supplementari[28]. Il rookie passò 210 yard con 2 touchdown.

La terza vittoria stagionale per i Browns giunse nella settimana 12 contro i Pittsburgh Steelers: Weeden passò 158 yard con un touchdown e un intercetto[29]. La domenica successiva Cleveland vinse la seconda gara consecutiva col record di yard passate in carriera dal rookie (364), un passaggio da touchdown per Josh Gordon e 2 intercetti[30]. La terza gara vinta consecutivamente dai Browns contro i Kansas City Chiefs fu la striscia positiva più lunga dal 2009. Weeden contribuì con 230 yard passate, senza touchdown e intercetti[31].

La serie positiva di Cleveland si concluse contro i Washington Redskins nella settimana 15 con Weeden che passò 244 yard, 1 touchdown e 2 intercetti[32]. A causa di un infortunio il giocatore non prese parte all'ultima gara di stagione regolare, concludendo così la sua annata da rookie con 3.385 yard, 14 touchdown e 17 intercetti.

2013[modifica | modifica sorgente]

Il 20 agosto 2013, Weeden fu nominato quarterback titolare dei Browns per l'imminente stagione, battendo la concorrenza di Jason Campbell[33]. La prima gara non fu tuttavia incoraggiante, col quarterback che subì tre intercetti (con un touchdown) e sei sack nella sconfitta coi Miami Dolphins[34]. Nella seconda gara i Browns furono ancora sconfitti e Weeden si infortunò a un pollice nel finale di partita, venendo costretto a saltare la gara successiva[35]. I Browns decisero di schierare Brian Hoyer come titolare anche nella settimana 4 questa volta per scelta tecnica, e questi condusse la squadra alla seconda vittoria consecutiva. Quando ormai Weeden sembrava soppiantato nel ruolo di partente, Hoyer si ruppe il legamento crociato all'inizio della gara della settimana 5 contro i Buffalo Bills[36]. Brandon subentró al suo posto e condusse i Browns alla terza vittoria consecutiva completando 13 passaggi su 24 tentativi per 193 yard e un touchdown, senza subire intercetti[37]. La serie positiva della squadra si interruppe nella settimana 6 in cui il quarterback passò 292 yard e 2 TD ma subì due costosi intercetti nella sconfitta coi Detroit Lions[38]. Browns persero anche la settimana seguente contro i Green Bay Packers, un match in cui Brandon completò solamente 17 passaggi su 42, passando un TD e subendo un intercetto[39]. Dopo questa ennesima prestazione negativa di Weeden, Jason Campbell fu nominato titolare nella gara della settimana 8[40]. Brandon tornò a vedere il campo nella settimana 12 quando Campbell fu costretto ad uscire per un infortunio, non riuscendo a guidare la squadra alla rimonta sugli Steelers[41]. A causa di tale infortunio del compagno fu nominato titolare per la gara della domenica successiva contro i Jaguars[42] in cui passò 370 yard, 3 touchdown e 2 intercetti nella sconfitta, subendo anche una commozione cerebrale[43].

Il 12 marzo 2014, Weeden fu svincolato dai Browns[44].

Dallas Cowboys[modifica | modifica sorgente]

Il 17 marzo 2014, Weeden firmò un contratto biennale coi Dallas Cowboys[45].

Vittorie e premi[modifica | modifica sorgente]

Nessuno

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Year Squadra P PT Passaggi Corse Sack Fumble
Ten Comp  % Yard Media TD Int Rat Ten Yard Media TD Sack YP Fum Persi
2012 CLE 15 15 517 297 57.4 3385 6.5 14 17 72.6 27 111 4.1 0 28 186 6 1
2013 CLE 8 5 267 141 52.8 1731 6.5 9 9 70.3 12 44 3.7 0 27 180 6 2
Totale 23 20 784 438 55.9 5116 6.5 23 26 71.8 39 155 4.0 0 55 366 12 3

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) RHP Weeden is Yanks' first pick.
  2. ^ (EN) Brandon Weeden's long, strange trip from minor league baseball leads him to NFL.
  3. ^ (EN) "Oklahoma State, Retrieved September 20, 2010".
  4. ^ (EN) "ESPN.com, Weeden not making excuses".
  5. ^ (EN) First Draft: Brandon Weeden.
  6. ^ (EN) 2012 Combine workout: Brandon Weeden.
  7. ^ (EN) Tannehill grabs the spotlight, but is Weeden better?.
  8. ^ (EN) Browns in for Weeden ?.
  9. ^ (EN) Browns could make aggressive move to get Weeden.
  10. ^ (EN) Browns begin rebuilding again with RB Richardson, QB Weeden.
  11. ^ Riflessioni post-Draft.
  12. ^ (EN) Brandon Weeden's Celveland Browns contract done.
  13. ^ (EN) Brandon Weeden named Cleveland Browns' starter.
  14. ^ (EN) Game center: Philadelphia 17 Cleveland 16, NFL.com, 9 settembre 2012. URL consultato il 10 settembre 2012.
  15. ^ (EN) Game center: Cleveland 27 Cincinnati 34, NFL.com, 16 settembre. URL consultato il 17 settembre 2012.
  16. ^ (EN) Rookie quarterbacks rebound in Week 2, NFL.com, 17 settembre 2012. URL consultato il 17 settembre 2012.
  17. ^ (EN) Game Center: Buffalo 24 Cleveland 14, NFL.com, 23 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  18. ^ (EN) Game Center: Cleveland 16 Baltimore 23, NFL.com, 27 settembre 2012. URL consultato il 28 settembre 2012.
  19. ^ Nfl – Tempo di primi verdetti: Deludono i Patriots, sorpresa Vikings, Eat Sport, 4 ottobre 2012. URL consultato il 4 ottobre 2012.
  20. ^ (EN) Game Center: Cleveland 27 New York 41, NFL.com, 7 ottobre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  21. ^ (EN) Game Center: Cincinnati 24 Cleveland 34, NFL.com, 14 ottobre 2012. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  22. ^ NFL: Rodgers costringe alla resa i Texans, Falcons ancora imbattuti, Eat Sport, 15 ottobre 2012. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  23. ^ (EN) Game Center: Cleveland 13 Indianapolis 17, NFL.com, 21 ottobre 2012. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  24. ^ NFL – Rodgers fa il fenomeno e annienta i Rams, Chris Johnson trascina i Titans contro Buffalo, Eat Sport, 22 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  25. ^ (EN) Game Center: San Diego 6 Cleveland 7, NFL.com, 28 ottobre 2012. URL consultato il 28 ottobre 2012.
  26. ^ NFL – Giants in volata sui Cowboys, dominio di Patriots e Broncos, Eat Sport, 29 ottobre 2012. URL consultato il 29 ottobre 2012.
  27. ^ (EN) Game Center: Baltimore 25 Cleveland 15, NFL.com, 4 novembre 2012. URL consultato il 7 novembre 2012.
  28. ^ (EN) Game Center: Cleveland 20 Dallas 23, NFL.com, 19 novembre 2012. URL consultato il 21 novembre 2012.
  29. ^ (EN) Game Center: Pittsburgh 14 Cleveland 20, NFL.com, 25 novembre 2012. URL consultato il 27 novembre 2012.
  30. ^ (EN) Game Center: Cleveland 20 Oakland 17, NFL.com, 2 dicembre 2012. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  31. ^ (EN) Game Center: Kansas City 7 Cleveland 30, NFL.com, 9 dicembre 2012. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  32. ^ (EN) Game Center: Washington 38 Cleveland 21, NFL.com, 16 dicembre 2012. URL consultato il 17 dicembre 2012.
  33. ^ (EN) Brandon Weeden finally named Browns starting QB, NFL.com, 20 agosto 2013. URL consultato il 20 agosto 2013.
  34. ^ (EN) Game Center: Miami 23 Cleveland 10, NFL.com, 8 settembre 2013. URL consultato il 9 settembre 2013.
  35. ^ (EN) Brian Hoyer to be Cleveland Browns Week 3 starter, NFL.com, 18 settembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2013.
  36. ^ Nfl, Cleveland sorprende ancora. Perde Hoyer, ma vola in vetta, La Gazzetta dello Sport, 4 ottobre 2013. URL consultato il 6 ottobre 2013.
  37. ^ (EN) Game Center: Buffalo 24 Cleveland 37, NFL.com, 3 ottobre 2013. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  38. ^ (EN) Game Center: Detroit 31 Cleveland 17, NFL.com, 13 ottobre 2013. URL consultato il 14 ottobre 2013.
  39. ^ (EN) Game Center: Cleveland 13 Green Bay 31, NFL.com, 20 ottobre 2013. URL consultato il 21 ottobre 2013.
  40. ^ (EN) Jason Campbell will start for Cleveland Browns at QB, NFL.com, 23 ottobre 2013. URL consultato il 23 ottobre 2013.
  41. ^ (EN) Game Center: Pittsburgh 27 Cleveland 11, NFL.com, 24 novembre 2013. URL consultato il 25 novembre 2013.
  42. ^ (EN) Brandon Weeden will start for Cleveland Browns, NFL.com, 27 novembre 2013. URL consultato il 27 novembre 2013.
  43. ^ (EN) Game Center: Jacksonville 32 Cleveland Browns, NFL.com, 1º dicembre 2013. URL consultato il 2 dicembre 2013.
  44. ^ (EN) Browns release quarterback Brandon Weeden, NFL.com, 12 marzo 2014. URL consultato il 12 marzo 2014.
  45. ^ (EN) Brandon Weeden, Dallas Cowboys sign 2-year contract, NFL.com, 17 marzo 2017. URL consultato il 16 marzo 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]