Kirk Cousins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kirk Cousins
Kirk Cousins 2015.jpg
Cousins nel 2015.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 181 cm
Peso 97 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Quarterback
Squadra Stemma Washington Redskins Wash. Redskins
Carriera
Giovanili
2008-2011 Stemma Michigan State Spartans Michigan State Spartans
Squadre di club
2012- Stemma Washington Redskins Wash. Redskins
Statistiche aggiornate al 6 gennaio 2016

Kirk Cousins (Holland, 19 agosto 1988) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di quarterback per i Washington Redskins della National Football League. Fu scelto dai Redskins nel corso del quarto giro (104° assoluto) del Draft NFL 2012. Al college ha giocato a football a Michigan State.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Washington Redskins[modifica | modifica wikitesto]

Cousins fu scelto come settima scelta del quarto giro (104° assoluto) del Draft 2012 dai Redskins[1][2].

Stagione 2012[modifica | modifica wikitesto]

Cousins debuttò come professionista nella settimana 5 subentrando a Robert Griffin III dopo che questi ebbe subito un durissimo colpo alla testa nel finale del terzo quarto. Nel suo secondo drive da professionista, il giocatore pescò il ricevitore veterano Santana Moss che segnò un touchdown da 77 yard riportando i Redskins in vantaggio contro gli imbattuti Atlanta Falcons. Dopo questo inizio da favola però, Cousins lanciò due intercetti e i Redskins furono sconfitti 24-17[3].

Cousing nel training camp 2012.

Griffin si infortunò nuovamente a un ginocchio nel quarto periodo della settimana 14 contro i Baltimore Ravens. Cousins subentrò al suo posto coi Redskins sotto di otto punti a pochi minuti dal termine conducendoli alla vittoria: prima passò il touchdown che riportò sotto Washington a meno due e poi segnò egli stesso la conversione da due punti che impattò il match portandolo ai supplementari. Nell'overtime i Redskins calciarono il field goal della vittoria, segnato da Kai Forbath[4][5]. Il quarterback terminò la gara con due 2 passaggi completati su 2 tentativi per 26 yard, un passaggio da touchdown e un passer rating perfetto di 158,3.

Coi Redskins decisi a non rischiare la loro stella, Cousins fu nominato per la prima volta titolare nella gara successiva contro i Cleveland Browns[6]. Kirk non fece rimpiangere RG3 giocando una grande gara e conducendo i Redskins alla vittoria e al primo posto nella NFC East grazie alla contemporanea sconfitta dei New York Giants. Il quarterback concluse con 329 yard passate, 2 touchdown e un intercetto[7] venendo premiato come rookie della settimana[8].

Cousins disputò l'ultima gara della stagione nel primo turno di playoff quando, a risultato ormai compromesso, rilevò il dolorante Griffin contro i Seattle Seahawks nel quarto periodo completando 3 passaggi su 10 tentativi per 31 yard[9].

Stagione 2013[modifica | modifica wikitesto]

A causa dei postumi del grave infortunio, Griffin faticò per tutto l'anno e all'alba della settimana 15 i Reskins decisero di lasciarlo inattivo per quel turno e di nominare Cousins come titolare per la prima volta in stagione contro gli Atlanta Falcons[10], gara in cui passò 381 yard, 3 touchdown e 2 intercetti ma che la sua squadra perse per un solo punto dopo il fallito tentativo di conversione da 2 punti a 18 secondi dal termine[11]. Washington perse anche la settimana seguente contro i Cowboys che segnarono il touchdown del sorpasso a un minuto dal termine. Cousins terminò la gara con 197 yard passate, 1 TD e 1 intercetto[12]. Nemmeno nell'ultima gara dell'anno Washington riuscì a vincere, soccombendo 20-6 in casa dei Giants con 169 yard passate e 2 intercetti subiti da Cousins[13].

Stagione 2014[modifica | modifica wikitesto]

Cousins nel 2014 contro i Jaguars.

Cousins debuttò nella stagione 2014 nella settimana 2 contro i Jacksonville Jaguars quando Robert Griffin III si infortunò a inizio gara, non facendo più ritorno in campo. Kirk partì completando 12 passaggi consecutivi, un record personale, e concluse con 250 yard passate e 2 touchdown nella netta vittoria 41-10, la prima della stagione di Washington[14]. Partito come titolare la domenica successiva, venne premiato come quarterback della settimana dopo avere passato un nuovo record personale di 427 yard con tre touchdown e un intercetto subito nel finale di gara, con i Redskins che furono battuti dagli Eagles in una sfida dall'alto punteggio[15][16]. Di segnò opposto fu la partita di quattro giorni dopo persa in maniera netta coi Giants in cui perse cinque palloni (di cui quattro intercetti)[17]. Dopo altre prestazioni di basso profilo, Cousins fu sostituito dal terzo quarterback Colt McCoy all'inizio del secondo tempo della gara della settimana 7 contro i Tennessee Titans, dopo che aveva subito un intercetto e perso un fumble.

Stagione 2015[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 agosto, dopo la terza gara di pre-stagione, Cousins fu nominato quarterback titolare dall'allenatore Jon Gruden per l'inizio della stagione regolare 2015[18]. Dopo una sconfitta coi Dolphins nel primo turno, la prima vittoria giunse in casa contro i Rams in cui Cousins completò 23 passaggi su 27 per 203 e un touchdown. Nel quarto turno guidò la squadra alla vittoria con il touchdown del sorpasso a Pierre Garçon a 26 secondi dal termine in una gara dai diversi cambi di leadership[19].

Cousins con la vecchia uniforme dei Redskins nel 2015

Nella settimana 7, con tre passaggi da touchdown nel secondo tempo, Cousins portò i Redskins a rimontare un record di franchigia di 24 punti ai Tampa Bay Buccaneers, andando a vincere per 31-30[20]. La sua prova si concluse con 33 passaggi completati su 40 tentativi e 317 yard passate, venendo premiato come miglior giocatore offensivo della NFC della settimana[21].

Nel decimo turno, Cousins passò un nuovo primato personale di 4 touchdown, completando 19 passaggi su 24 tentativi per 324 yard e il secondo passer rating perfetto della carriera[22]. I Redskins batterono i Saints per 47-17, il loro maggior margine di vittoria dal 2005. Per la seconda volta in stagione fu premiato come giocatore offensivo della NFC della settimana[23]. Dopo una sconfitta con gli imbattuti Panthers, Cousins passò un TD da 63 yard a DeSean Jackson e ne segnò uno su corsa nella vittoria interna sui Giants che permise ai Redskins di raggiungerli in vetta alla division.

Dopo una sconfitta nel Monday Night Football contro i Cowboys, Cousins guidò la squadra a interrompere una striscia nove sconfitte consecutive in trasferta battendo i Bears in una gara in cui passò un TD e ne segnò uno su corsa. La settimana seguente la squadra vinse due gare consecutive per la prima volta dopo oltre un anno, con il quarterback eguagliò il proprio primato personale con quattro passaggi da touchdown e ne segnò un quinto su corsa contro i Buffalo Bills[24].

Il 26 dicembre, nel penultimo turno della stagione regolare, i Redskins affrontarono gli Eagles al Lincoln Financial Field con in palio il titolo di division. Cousins passò un massimo stagionale di 365 yard e con quattro touchdown portò la sua squadra a vincere per 38-24 e a conquistare la NFC East per la prima volta dal 2012[25]. Nell'ultimo ininfluente turno stagionale, giocò solo il primo tempo passando 3 touchdown e superando il record di franchigia di Jay Schroeder per yard passate in una stagione, portandolo a 4.166[26]. Alla fine di dicembre fu premiato come giocatore offensivo della NFC del mese in cui passò 15 touchdown e subì un solo intercetto[27]. I suoi 29 passaggi da touchdown stagionali furono il secondo risultato della storia dei Redskins dopo i 31 di Sonny Jurgensen di 48 anni prima, mentre la sua percentuale di completamento dei passaggi di 69,8 fu la migliore della NFL.

Nel primo turno di playoff, giocato in casa contro i Green Bay Packers, 329 yard e un touchdown passati, oltre a un secondo segnato su corsa da Cousins, non riuscirono ad evitare ai Redskins la sconfitta per 35-18[28].

Stagione 2016[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º marzo 2016, i Redskins applicarono su Cousins la franchise tag, garantendogli un contratto di 19,953 milioni di dollari per la stagione a venire[29].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

  • Giocatore offensivo della NFC del mese: 1
dicembre 2015
  • Giocatore offensivo della NFC della settimana: 2
7ª e 10ª del 2015
3ª del 2014
15ª del 2012
14ª e 15ª del 2012

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partite totali 30
Partite da titolare 25
Yard lanciate 7.196
Touchdown 47
Intercetti subiti 30
Passer rating 91,3

Statistiche aggiornate alla stagione 2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) "2012 NFL Draft Pick List and Results - Round 4", insider.espn.go.com.
  2. ^ (EN) "Kirk Cousins: Washington Redskins' future backup QB", nfl.com.
  3. ^ (EN) Game Center: Atlanta 24 Washington 17, NFL.com, 7 ottobre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  4. ^ (EN) Game Center: Baltimore 28 Washington 31, NFL.com, 9 dicembre 2012. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  5. ^ NFL 2012 Week 14 - Risultati e Commenti, NFL Italia Blog, 10 dicembre 2012. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  6. ^ (EN) RG3 will not start for Washington Redskins on Sunday, NFL.com, 15 dicembre 2012. URL consultato il 16 dicembre 2012.
  7. ^ (EN) Game Center: Washington 38 Cleveland 21, NFL.com, 16 dicembre 2012. URL consultato il 17 dicembre 2012.
  8. ^ (EN) Washington Redskins Quarterback Kirk Cousins Voted Week 15 Pepsi Max Rookie of the Week, NFL.com, 21 dicembre 2012. URL consultato il 21 dicembre 2012.
  9. ^ (EN) Game Center: Seattle 24 Washington 14, NFL.com, 6 gennaio 2013. URL consultato il 7 gennaio 2013.
  10. ^ (EN) Kirk Cousins will start at QB for Redskins, NFL.com, 11 dicembre 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013.
  11. ^ (EN) Game Center: Washington 26 Atlanta 27, NFL.com, 15 dicembre 2013. URL consultato il 17 dicembre 2013.
  12. ^ (EN) Game Center: Dallas 24 Washngton 23, NFL.com, 22 dicembre 2013. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  13. ^ (EN) Game Center: Washington 6 New York 20, NFL.com, 29 dicembre 2013. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  14. ^ (EN) Game Center: Jacksonville 10 Washington 45, NFL.com, 14 settembre 2014. URL consultato il 15 settembre 2014.
  15. ^ (EN) Game Center: Washington 34 Philadelphia 37, NFL.com, 22 settembre 2014. URL consultato il 22 settembre 2014.
  16. ^ Filmato audio(EN) Week 3: FedEx Air and Ground Player Winners, NFL.com, 22 settembre 2014. URL consultato il 26 settembre 2014.
  17. ^ (EN) Game Center: New York 45 Washington 14, NFL.com, 25 settembre 2014. URL consultato il 26 settembre 2014.
  18. ^ (EN) Jay Gruden: Kirk Cousins is Redskins starter for 2015, NFL.com, 31 agosto 2015. URL consultato il 31 agosto 2015.
  19. ^ (EN) Nfl, Gurley travolge Arizona; Broncos ok, ma che brividi, gazzetta.it, 5 ottobre 2015. URL consultato il 5 ottobre 2015.
  20. ^ Nfl, 7ª giornata: Patriots e Panthers vincono ancora. Colts, è crisi nera, gazzetta.it, 26 ottobre 2015. URL consultato il 26 ottobre 2015.
  21. ^ (EN) Ryan Tannehill highlights Players of the Week, NFL.com, 28 ottobre 2015. URL consultato il 28 ottobre 2015.
  22. ^ Nfl: Carolina e New England imbattute, male Green Bay, Seattle e Denver, gazzetta.it, 16 novembre 2015. URL consultato il 16 novembre 2015.
  23. ^ (EN) Kirk Cousins highlights Week 10 Players of Week, NFL.com, 18 novembre 2015. URL consultato il 18 novembre 2015.
  24. ^ Nfl, Carolina trema, ma non perde. Pittsburgh vince in rimonta, gazzetta.it, 21 dicembre 2015. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  25. ^ (EN) Game Center: Washington 38 Philadelphia 24, NFL.com, 26 dicembre 2015. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  26. ^ Nfl, 17ª giornata: Ryan si vendica con i Jets. I Pats lasciano il n°1 a Miami, gazzetta.it, 4 gennaio 2016. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  27. ^ (EN) Antonio Brown tops December's Players of the Month, NFL.com, 7 gennaio 2016. URL consultato il 7 gennaio 2016.
  28. ^ (EN) Packers get back on track with 35-18 win over Redskins, NFL.com, 10 gennaio 2016. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  29. ^ (EN) Franchise tag tracker: Who's been tagged?, NFL.com, 1º marzo 2016. URL consultato il 2 marzo 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN300136222