Dak Prescott

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dak Prescott
Dak Prescott.JPG
Prescott nel 2017
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 102 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Quarterback
Squadra Dallas Cowboys
Carriera
Giovanili
2011-2015 Mississippi State Bulldogs
Squadre di club
2016- Dallas Cowboys
Statistiche
Partite 48
Partite da titolare 48
Yard passate 10.876
Touchdown passati 67
Intercetti subiti 25
Passer rating 96,0
Palmarès
Selezioni al Pro Bowl 2
Rookie offensivo dell'anno
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 4 gennaio 2019

Rayne Dakota "Dak" Prescott (Sulphur, 29 luglio 1993) è un giocatore di football americano statunitense che milita nel ruolo di quarterback per i Dallas Cowboys della National Football League (NFL).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dallas Cowboys[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2016[modifica | modifica wikitesto]

Al college, Prescott giocò con i Mississippi State Bulldogs dal 2011 al 2015. Fu scelto nel corso del quarto giro (135º assoluto) del Draft NFL 2016 dai Dallas Cowboys.[1] Dopo che il veterano Tony Romo si infortunò nella terza gara di pre-stagione contro i Seattle Seahawks, Prescott fu nominato quarterback titolare per l'inizio della stagione regolare.[2] Fu il primo rookie a partire come titolare per i Cowboys da Quincy Carter nel 2001. Nel quarto turno fu premiato come rookie della settimana dopo avere passato 245 yard e 2 touchdown nella vittoria sui San Francisco 49ers.

Prescott contro i Redskins nel 2016

Il 16 ottobre, nella gara vinta contro i Green Bay Packers, Prescott superò il record di Tom Brady per il maggior numero di passaggi consecutivi a inizio carriera senza subire un intercetto arrivando a quota 176, prima di vedere tale primato interrotto da Morgan Burnett.[3][4] Nell'ottavo e nono turno, vinti rispettivamente contro Pittsburgh Steelers e Cleveland Browns, fu nuovamente premiato come rookie della settimana. Ricevette lo stesso premio due turni dopo quando passò 301 yard e 3 touchdown nella nona vittoria consecutiva di Dallas. Alla fine di novembre fu inoltre premiato come rookie offensivo del mese[5]. A fine stagione fu convocato per il Pro Bowl dopo avere stabilito i record NFL per un quarterback rookie in vittorie (13, condiviso con Ben Roethlisberger), rapporto tra touchdown e intercetti (23/4), passer rating (104,9) e percentuale di completamento dei passaggi (67,8̤̤̤̤̤̤̤̤̤̤̤̤̬%)[6].

Nella prima gara in playoff in carriera, Prescott passò 302 yard, 3 touchdown e subì un intercetto ma i Cowboys, in possesso del miglior record della NFC, furono eliminati dai Green Bay Packers per 34-31 all'AT&T Stadium[7]. Il 4 febbraio 2017, Prescott fu premiato come rookie offensivo dell'anno, precedendo il compagno running back Ezekiel Elliott.[8]

Stagione 2017[modifica | modifica wikitesto]

Prescott iniziò la seconda stagione da professionista con 16 touchdown e 4 intercetti subiti nella prima metà del calendario, con i Cowboys che ebbero un record di 5-3, incluse tre vittorie consecutive dalla settimana 7 alla 9. A partire dal decimo turno però, con la squalifica per sei partite di Elliott e infortuni a giocatori chiave della linea offensiva come Tyron Smith, le prestazioni del quarterback e di tutto l'attacco della squadra calarono drasticamente, subendo tre sconfitte consecutive, in cui non passò alcun touchdown e subì 5 intercetti, inclusi tre nella stessa gara contro i Philadelphia Eagles.[9] La squadra si riprese vincendo poi tre gare di seguito ma una sconfitta interna contro i Seattle Seahawks nel penultimo turno le costò la possibilità di tornare ai playoff. Prescott concluse la seconda stagione con cifre inferiori a quella di debutto, con 3.324 yard passate e 22 touchdown mentre subì 13 intercetti, più del triplo del 2016.

Stagione 2018[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2018 i Cowboys ebbero una partenza lenta ma si ripresero nella seconda parte della stagione, inclusa una vittoria nel 14º turno sugli Eagles campioni in carica in cui Prescott passò un primato personale di 455 yard, 3 touchdown e subì 2 intercetti, venendo premiato come quarterback della settimana.[10] La sua annata si chiuse con un nuovo record in carriera di 3.885 yard passate, con 22 touchdown e limitando il numero di intercetti subiti a 8 dopo i 13 dell'anno precedente che gli valsero la seconda convocazione al Pro Bowl. I Cowboys vinsero la propria division tornando a qualificarsi per i playoff, dove batterono i Seahawks prima di venire eliminati dai Rams.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

2016, 2018
14ª e 17ª del 2018
  • Rookie offensivo del mese: 1
novembre 2016
4ª, 8ª, 9ª e 11ª del 2016
  • All-Rookie Team - 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 2016 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame, 3 maggio 2016. URL consultato il 3 maggio 2016.
  2. ^ Joe Pantorno, Dak Prescott Reportedly Named Cowboys Starting QB After Tony Romo Injury, su bleacherreport.com. URL consultato il 29 agosto 2016.
  3. ^ Genaro Armas, Cowboys keep rolling behind rookies Prescott, Elliott, in Associated Press, AP Sports, 17 ottobre 2016. URL consultato il 18 dicembre 2016.
  4. ^ Lorenzo Reyes, Dak Prescott amplifies Cowboys' Tony Romo question in win over Packers, in USA Today, Gannett Company, 16 ottobre 2016. URL consultato il 18 dicembre 2016.
  5. ^ (EN) Marcus Mariota, Kirk Cousins among Players of Month, NFL.com, 1º dicembre 2016 2016. URL consultato il 2 dicembre 2016.
  6. ^ (EN) NFL announces 2017 Pro Bowl rosters, NFL.com, 20 dicembre 2016. URL consultato il 22 dicembre 2016.
  7. ^ (EN) Game Center: Green Bay 34 Dallas 31, NFL.com, 15 gennaio 2017. URL consultato il 18 gennaio 2017.
  8. ^ (EN) 2017 'NFL Honors' list of award winners, NFL.com, 4 febbraio 2017. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  9. ^ (EN) Philip Rivers carves up Cowboys for Chargers in win, NFL.com, 23 novembre 2017. URL consultato il 24 novembre 2017.
  10. ^ (EN) FedEx Air & Ground NFL Players of the Week: Prescott & Henry, NFL.com, 14 dicembre 2018. URL consultato il 14 dicembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1149659582406830016 · LCCN (ENn2017030408