Mitchell Trubisky

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mitchell Trubisky
Mitchell Trubisky.jpg
Trubisky nel 2017
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 101 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Quarterback
Squadra Chicago Bears
Carriera
Giovanili
2014-2016 North Carolina Tar Heels
Squadre di club
2017- Chicago Bears
Statistiche
Partite 26
Partite da titolare 26
Yard passate 5.416
Touchdown passati 31
Intercetti subiti 19
Passer rating 87,7
Palmarès
Selezioni al Pro Bowl 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 22 gennaio 2019

Mitchell Trubisky (Mentor, 20 agosto 1994) è un giocatore di football americano statunitense che milita nel ruolo di quarterback per i Chicago Bears della National Football League (NFL).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera universitaria[modifica | modifica wikitesto]

Trubisky si iscrisse alla North Carolina University nel 2013, passando la prima stagione come redshirt, poteva cioè allenarsi con la squadra ma non scendere in campo. L'anno successivo disputò dieci gare riserva del quarterback titolare Marquise Williams, passando 459 yard, 5 touchdown e subendo 4 intercetti. Nella stagione 2015, Trubisky fu ancora la riserva di Williams, disputando nove partite con 555 yard e 6 touchdown passati, oltre a 3 segnati su corsa. Nel 2016 divenne titolare disputando tutte le 13 partite, passando 3.748 yard e 30 touchdown, a fronte di soli 6 intercetti subiti, venendo inserito nella terza formazione ideale della Atlantic Coast Conference. Il 9 gennaio 2017 annunciò la sua intenzione di rinunciare al suo ultimo anno nel college football per rendersi eleggibile nel Draft NFL 2017.[1][2][3]

Statistiche al college
Passaggi
Anno Squadra P Comp Ten % Yard TD Int
2014 North Carolina 9 42 78 53.8 459 5 4
2015 North Carolina 9 40 47 85.1 555 6 0
2016 North Carolina 13 304 447 68.0 3,748 30 6
Totale 31 386 572 67.5 4762 41 10

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Trubisky prima di una gara contro i Lions nel 2017

Trubisky era considerato uno dei migliori quarterback disponibili nel Draft NFL 2017 e una scelta della prima metà del primo giro.[4][5][6] Il 27 aprile 2017 fu scelto come secondo assoluto dai Chicago Bears, il primo nel suo ruolo.[7] Nel primo mese di gioco gli fu preferito il veterano Mike Glennon ma dopo una sola vittoria in quattro partite, i Bears annunciarono che Trubisky sarebbe sceso in campo come titolare per la prima volta nel quinto turno.[8] Nella prima gara in carriera, un Monday Night Football contro i Minnesota Vikings, passò 128 yard, un touchdown e subì un intercetto nella sconfitta di misura per 17-14.[9] La prima vittoria la ottenne sei giorni dopo ai tempi supplementari in trasferta contro i Baltimore Ravens in cui passò 113 e un touchdown, oltre ad altre 32 yard guadagnate su corsa.[10][11][12]

Nella settimana 14 contro i Cincinnati Bengals, Trubisky disputò la miglior partita stagionale, completando 25 passaggi su 37 per 271 yard, un touchdown passato e uno segnato su corsa nella vittoria per 33-7.[13] Nel penultimo turno, vinto contro i Cleveland Browns, stabilì un nuovo record di franchigia per yard passate in stagione da un rookie dei Bears. La sua annata si chiuse 2.193 yard passate, 7 touchdown e 7 intercetti, con un record di 4-8 come titolare.

Nel quarto turno della stagione 2018 Trubisky disputò la sua miglior partita passando 6 touchdown, un record dei Bears dell'era moderna e secondo solo ai 7 lanciati da Sid Luckman negli anni trenta, guidando Chicago a un netto 48-10 sui Tampa Bay Buccaneers. Per questa prestazione fu premiato come quarterback della settimana.[14] Nel decimo turno disputò un'altra delle migliori gare stagionali con 355 yard passate, 3 touchdown e un quarto segnato su corsa nella vittoria sui Lions rivali di division che gli valsero i premi di giocatore offensivo della NFC e di quarterback della settimana.[15] Quattro giorni dopo fu perrò costretto a saltare per infortunio la gara del Giorno del Ringraziamento contro i Detroit Lions.[16] Tornò in campo nel 14º turno e malgrado tre intercetti subiti grazie alla loro difesa i Bears batterono i Los Angeles Rams che sino a quel momento avevano subito una sola sconfitta.[17] La settimana seguente i Bears, battendo in casa i Packers, si aggiudicarono matematicamente il primo titolo di division dal 2010.[18] La sua seconda stagione regolare si chiuse con 3.223 yard passate, 24 touchdown e 12 intercetti subiti, venendo convocato per il suo primo Pro Bowl al posto di Jared Goff impegnato nel Super Bowl LIII. Nei playoff i Bears furono subito eliminati nel primo turno dai Philadelphia Eagles campioni in carica.

Nella stagione 2019, dopo i successi dell'anno precedente, Trubisky regredì agli occhi di molti osservatori. Nel quarto turno fu costretto ad abbandonare la partita con i Vikings nel primo quarto per un infortunio alla spalla, non facendo più ritorno in campo.[19] Dopo avere perso due settimane di gioco fece ritorno nel settimo turno ma i Bears furono sconfitti dai Saints.[20] Nella gara del Giorno del Ringraziamento del tredicesimo turno passò un massimo stagionale di 338 yard e 3 touchdown nella vittoria sui Detroit Lions per 24-20, venendo premiato come quarterback della settimana.[21][22]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

2018
  • Giocatore offensivo della NFC della settimana: 1
10ª del 2018
4ª e 10ª del 2018, 13ª del 2019

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Trubisky tabbed as starting QB for North Carolina, su espn.com.
  2. ^ Trubisky time finally arrives at UNC, su newsobserver.com.
  3. ^ College football: Mentor graduate Mitch Trubisky named North Carolina’s starting quarterback, su news-herald.com.
  4. ^ (EN) 2017 NFL mock draft: Mitchell Trubisky back in the top 10, SB Nation, 27 marzo 2017. URL consultato il 27 aprile 2017.
  5. ^ (EN) Browns Wire mock draft: What if Mitchell Trubisky is the No. 1 pick?, USA Today, 12 aprile 2017. URL consultato il 27 aprile 2017.
  6. ^ (EN) 2017 NFL Draft: Mitchell Trubisky plays big role in 10 potential 1st-round trades, CBS Sports, 26 aprile 2017. URL consultato il 27 aprile 2017.
  7. ^ (EN) Bears select Mitchell Trubisky with No. 2 pick of draft, NFL.com, 27 aprile 2017. URL consultato il 28 aprile 2017.
  8. ^ (EN) Bears rookie Mitchell Trubisky named starting QB, NFL.com, 2 ottobre 2017. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  9. ^ (EN) Vikings spoil Mitch Trubisky's debut on late field goal, NFL.com, 9 ottobre 2017. URL consultato il 10 ottobre 2017.
  10. ^ (EN) Game Center: Chicago 27 Baltimore 24, NFL.com, 15 ottobre 2017. URL consultato il 16 ottobre 2017.
  11. ^ Nfl: sesta giornata. Cade Kansas City, s’infortuna Rodgers, rinasce Peterson, gazzetta.it, 15 ottobre 2017. URL consultato il 16 ottobre 2017.
  12. ^ (EN) What we learned from Sunday's Week 4 games, NFL.com, 30 settembre 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  13. ^ (EN) NFL Week 14: Forty-two takeaways from Sunday, NFL.com, 10 dicembre 2017. URL consultato il 12 dicembre 2017.
  14. ^ (EN) FedEx Air & Ground NFL Players of the Week: Trubisky & Kamara, NFL.com, 5 ottobre 2018. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  15. ^ (EN) Ben Roethlisberger, Mitch Trubisky among Players of the Week, NFL.com, 14 novembre 2018. URL consultato il 15 novembre 2018.
  16. ^ (EN) What we learned from the three Thanksgiving games, NFL.com, 22 novembre 2018. URL consultato il 23 novembre 2018.
  17. ^ (EN) What we learned from Sunday's Week 14 games, 9 dicembre 2018. URL consultato l'11 dicembre 2018.
  18. ^ (EN) What we learned from Sunday's Week 15 games, NFL.com, 16 dicembre 2018. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  19. ^ Dieci vittorie in trasferta! Che Tampa contro i Rams, NFL.com, 30 settembre 2019. URL consultato il 30 settembre 2019.
  20. ^ What we learned from Sunday's Week 7 games, NFL.com, 20 ottobre 2019. URL consultato il 21 ottobre 2019.
  21. ^ (EN) What we learned from Thursday's Thanksgiving games, su NFL.com. URL consultato il 29 novembre 2019.
  22. ^ (EN) FedEx Air & Ground NFL Players of the Week: Trubisky & Henry, NFL.com, 6 dicembre 2018. URL consultato il 6 dicembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]