Bose Corporation

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bose Corporation
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaAzienda privata
Fondazione1964
Fondata daAmar Bose[1]
Sede principaleFramingham
GruppoMassachusetts Institute of Technology
Persone chiavePhilip W. Hess
(Presidente e CEO)
SettoreInformatico
ProdottiAltoparlanti, auricolari, apparecchiature audio, autoradio, registrazione sonora
Fatturato4,0 miliardi $[2] (2018)
Dipendenti9 000+[2] (2018)
Sito webwww.bose.com

Bose Corporation (/boʊz/) è una società di produzione statunitense che si occupa prevalentemente della vendita di apparecchiature audio. È stata fondata da Amar Bose nel 1964 e ha sede a Framingham, nel Massachusetts. Bose è nota soprattutto per i suoi sistemi audio e altoparlanti domestici, cuffie con cancellazione del rumore, prodotti audio professionali e sistemi audio per automobili.[3][4][5] Bose ha la reputazione di essere particolarmente protettivo nei confronti dei suoi marchi e brevetti.

Il proprietario di maggioranza di Bose Corporation è il Massachusetts Institute of Technology, che riceve dividendi in contanti attraverso le azioni donate dal fondatore nel 2011 senza diritto di voto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Negozio Bose a Century City

La società fu fondata da Amar Bose nel Massachusetts nel 1964 coi finanziamenti di investitori informali, tra cui il consulente e professore di tesi di Amar, YW Lee.[6] L'interesse di Amar per i sistemi di altoparlanti risaliva al 1956 quando acquistò un impianto stereo e rimase deluso dalle sue prestazioni.[7] Lo scopo dell'azienda era sviluppare sistemi di altoparlanti che utilizzassero più altoparlanti rivolti alle pareti circostanti per riflettere e replicare il suono nella maniera di una sala da concerto.

Nel 1966 l'azienda lanciò il suo primo prodotto, il Bose 2201.[8] Aveva un design insolito, composto da 22 altoparlanti, molti dei quali rivolti verso l'ascoltatore. Fu progettato per essere posizionato nell'angolo di una stanza, usando i riflessi delle pareti per aumentare le dimensioni apparenti della stanza stessa. Non ebbe un riscontro positivo nel mercato e fu sospeso dopo 3/4 anni.

Dopo questa esperienza, Amar giunse alla conclusione che le tecniche di misurazione del sistema audio del tempo (come misurare la distorsione e la risposta in frequenza) non erano metodi efficaci per valutare l'obiettivo della riproduzione del suono naturale. Amar ha sostenuto che la migliore misura della qualità audio è la percezione dell'ascoltatore.[9][10] Nel 1968, la società introdusse il sistema di altoparlanti stereo Bose 901, che utilizzava otto driver di fascia media che puntavano verso il muro dietro l'altoparlante e un nono driver verso l'ascoltatore. Lo scopo di questo progetto era quello di ottenere un predominio del suono riflesso sul suono diretto negli spazi di ascolto domestico. Il design utilizzato nel 901 è non convenzionale rispetto alla maggior parte dei sistemi, in cui gli altoparlanti di fascia media e ad alta frequenza affrontano direttamente l'ascoltatore.[11] La 901 fu un successo commerciale immediato, che consentì a Bose Corporation di crescere rapidamente negli anni '70. Il nome del modello Bose 901 è stato un pilastro della gamma Bose per molti anni, prodotto dal 1968 al 2016.[12][13]

Nel 1991, un team di ricercatori di Bose smentì un esperimento del 1989 che affermava di aver creato energia attraverso la fusione fredda.[14]

Il primo punto vendita al dettaglio a marchio Bose è stato aperto nel 1993 a Kittery, nel Maine.[15] Attualmente ci sono 190 negozi negli Stati Uniti, insieme ad altri negozi in vari paesi.[16]

Nel 2011, l'allora presidente e primo azionista Amar Bose donò la maggior parte delle azioni senza diritto di voto al suo ex datore di lavoro e alma mater, il Massachusetts Institute of Technology. Venne distribuito un dividendo annuale in contanti per "far progredire la missione di ricerca e istruzione del MIT". Tuttavia, le condizioni per la ricezione delle azioni affermavano che al MIT non era consentito venderle, né al MIT era permesso di partecipare alla gestione e alla governance della società.[17][18][19] Dopo la morte di Amar Bose nel 2013, Bob Maresca è diventato amministratore delegato.[6][20][21]

Il 15 gennaio 2020[22] l'azienda ha annunciato la chiusura di tutti i 119 punti vendita esistenti in Europa, Stati Uniti, Australia e Giappone, data la forte tendenza allo shopping online in questi specifici mercati, mentre resteranno aperti i 130 in Cina, negli Emirati Arabi, in India, nel Sudest asiatico e nella Corea del Sud. Il numero di licenziamenti è imprecisato.[23]

Impianti di produzione[modifica | modifica wikitesto]

I prodotti Bose sono fabbricati negli Stati Uniti, in Messico, in Cina e in Malesia.[24][25][26] Le fabbriche dell'azienda negli Stati Uniti si trovano a Framingham (che ospita anche la sede centrale della società), a Westborough e a Stow, nel Massachusetts.[27] Le fabbriche Bose in Messico si trovano a Tijuana e San Luis Río Colorado. Lo stabilimento malese di Bose si trova a Batu Kawan ed è anche il centro di distribuzione dell'azienda per l'Asia-Pacifico e il Medio Oriente.[28]

Nel 2015, due strutture a Columbia, nella Carolina del Sud e a Carrickmacross, in Irlanda, sono state chiuse (con la perdita rispettivamente di 300 e 140 posti di lavoro), nell'ambito di una "razionalizzazione globale della catena di approvvigionamento di Bose". Bose ha utilizzato la struttura a Columbia, aperta nel 1993, per la distribuzione, la riparazione, la sub-produzione, la produzione regionale e l'assemblaggio finale di alcune cuffie. La fabbrica di Carrickmacross, che iniziò le sue attività nel 1978, faceva l'assemblaggio finale per alcuni sistemi home theatre, radio Wave e altre produzioni regionali.[29] Le attività degli stabilimenti di San Luis e Batu Kawan sono state rilevate dal produttore a contratto Flex nel 2016 e hanno continuato a produrre prodotti Bose.[30]

Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Settore automobilistico[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il tentativo fallito di vendere altoparlanti per auto aftermarket, la prima installazione audio OEM di Bose fu in un restyling del 1983 della Cadillac Seville.[31][32] Da allora Bose ha fornito sistemi audio per molte case automobilistiche. Nel 2007, il sistema multimediale Bose ha vinto l'International Telematics Award per la "Migliore soluzione di archiviazione per l'ambiente di bordo".[33]

Un sistema prototipo di sospensioni attive, che utilizzava motori elettromagnetici al posto della potenza idraulica/pneumatica, venne presentato dalla società nel 2004[34] e doveva essere rilasciato nel 2009,[35][36] ma non si è concretizzato a causa del peso e dei costi.[37] Il sistema utilizzava motori lineari elettromagnetici per sollevare o abbassare le ruote di un'automobile in risposta a dossi irregolari o buche sulla strada.[38] Le ruote venivano sollevate quando ci si avvicinava a una protuberanza (o ci si abbassa in una buca) per mantenere il livello del veicolo, usando principi simili ai dispositivi audio con cancellazione del rumore. Un prototipo di auto aveva l'abilità di saltare oltre un ostacolo.[19][39] La società dichiarò che il sistema era troppo costoso e pesante, nonostante uno sviluppo di oltre 20 anni costato $ 100 milioni.[40] Nel novembre 2017, è stata pubblicata la notizia che Bose aveva venduto la tecnologia a ClearMotion.[41] Nel maggio 2018, è stato annunciato che cinque grandi case automobilistiche avevano espresso interesse per la tecnologia e che potrebbe essere disponibile nel 2019 per i veicoli a basso volume e entro il 2020 per il mercato di massa.[42][43]

Nel 2010 venne introdotto un sistema di sedili per camion chiamato Bose Ride[44][45] Questo sistema di sedili attivi mirava a ridurre l'affaticamento, il mal di schiena e lo stress fisico sperimentato dai conducenti di camion riducendo le vibrazioni della strada.[46] Bose ha dichiarato una riduzione fino al 90% delle vibrazioni sul sedile del conducente.[47]

Home audio e video[modifica | modifica wikitesto]

SoundLink Mini

La gamma di prodotti Bose ha incluso:

  • Altoparlanti per computer
  • Prodotti audio domestici (sistemi 2.1, 5.1 e altro)
  • Prodotti audio portatili (a marchio "SoundLink")
  • Stereo a scaffale (a marchio "Wave Systems", "SoundDock" e "SoundLink Air")
  • Televisioni

Nel 2012, Bose è stata la compagnia al vertice negli Stati Uniti per le vendite di sistemi home theater al dettaglio e la terza per le vendite di prodotti audio portatili.

Cuffie[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda vende cuffie per l'aviazione dal 1989 e cuffie da consumo dal 2000.[48] L'attuale gamma di cuffie e auricolari comprende modelli over-ear, in-ear, aeronautici e militari.

Bose ha contratti con l'esercito americano[49][50] e la NASA.[51][52]

Sistemi audio commerciali[modifica | modifica wikitesto]

La divisione Bose Professional è stata fondata nel 1972 per produrre e installare sistemi di comunicazione al pubblico.[15] Nel 2009, la divisione rappresentava circa il 60% delle entrate annuali di Bose.[53] Bose è stata la prima azienda a pagare per il titolo di fornitore ufficiale di sistemi audio delle Olimpiadi, fornendo attrezzature audio per le Olimpiadi invernali del 1988 e del 1992 rispettivamente a Calgary e Albertville.[54][55] I sistemi Bose non hanno ricevuto la certificazione THX.[56]

Bose L1 è una gamma di sistemi di altoparlanti portatili line array per musicisti. La L1 è stata introdotta nel 2003 con modelli che sono stati retroattivamente noti come la gamma "L1 Classic". Questi prodotti sono stati sostituiti da "L1 Model I" e "L1 Model II" nel 2007.[57] Un modello "L1 Compact" più piccolo e leggero è stato introdotto nell'aprile 2009.[58][59] L1 Model I è stato sostituito dal "L1 Model 1S" nel 2012 e il "B1 Bass Module" è stato sostituito dal più grande "B2 Bass Module".

Mancanza di specifiche pubblicate[modifica | modifica wikitesto]

La società è nota per il suo rifiuto di fornire specifiche sui suoi prodotti.[60][10][61] Questa politica risale al 1968, quando Amar Bose pubblicò un documento intitolato "Progettazione, misurazione e valutazione dei diffusori", in cui respingeva i dati dei test numerici a favore della valutazione soggettiva.[9][62] In un'intervista del 2007, Amar ha dichiarato: "Ci sono due motivi per cui abbiamo tagliato le specifiche: 1- Non sappiamo di alcuna misura che determina effettivamente qualcosa su un prodotto, e 2- Le misurazioni sono fasulle, in generale, come vengono stampate."[63]

Ricezione[modifica | modifica wikitesto]

In alcune pubblicazioni non correlate all'audio, Bose è stata citata come produttore di prodotti "audio di fascia alta".[64][51][65][66][67][68] Commentando il posizionamento "high-end" del mercato di Bose tra gli audiofili (le persone interessate al miglior suono possibile), un recensore di prodotti di PC Magazine ha dichiarato "non solo la qualità del suono delle apparecchiature Bose non è all'altezza degli standard audiofili, ma si potrebbe acquistare qualcosa che soddisfi questi severi requisiti per lo stesso prezzo o, spesso, per meno".[69] Bose ha anche ricevuto recensioni contrastanti dal pubblico. Alcune persone affermano che le apparecchiature Bose producono "un suono più grande della vita ed esagerato"[70] Bose non è stato certificato da THX per i suoi prodotti per l'home entertainment[56] anche se i suoi prodotti per home theater più costosi competono a prezzi con prodotti in cui la certificazione THX è comune. Alcune altre visualizzazioni includono:

  • Il sistema di altoparlanti di punta di Bose 901 è stato criticato dalla rivista Stereophile nel 1979.[71] Nella sua recensione, la rivista affermava che il sistema era ineccepibile e che difficilmente si rivolgeva ai perfezionisti con un gusto sviluppato nell'imaging, nei dettagli e nel timbro precisi; queste carenze costituivano un prezzo eccessivo da pagare per il miglioramento di impatto e atmosfera generato dalla grande proporzione del suono riflesso (rispetto al suono sull'asse). Tuttavia, l'autore ha anche affermato che il sistema produceva una somiglianza più realistica di atmosfera naturale rispetto a qualsiasi altro sistema di altoparlanti. Una recente recensione positiva di TONE Audio ha scoperto che la 901 era migliore del previsto e un buon valore al prezzo di $ 1.400. Da notare che gli altoparlanti non si potevano trovare presso i rivenditori locali, bensì tramite sistemi di ordinazione speciale.[72]
  • Uno studio di mercato del 2005 pubblicato da Forrester Research ha riportato che il marchio Bose era tra i marchi di computer ed elettronica di consumo reputati più affidabili dai consumatori statunitensi, insieme a Dell e Hewlett-Packard.[73]
  • Una recensione del 2007 sulla rivista online Audioholics ha ribadito che Bose era molto costoso per le sue prestazioni. Del sistema Home Theater Bose Lifestyle V20, il recensore ha scritto: "Il sistema Bose da $ 2.000 è molto costoso e la qualità del suono non è così migliore rispetto ad altri sistemi surround che costano un terzo del prezzo ... il coni più piccoli non possono riprodurre frequenze tattili inferiori." La recensione includeva un'intervista con un responsabile delle vendite di Best Buy che ha riferito dalla sua esperienza che, nonostante avesse indirizzato i propri clienti verso un'alternativa migliore e meno costosa, alcuni insistevano su Bose.[74]
  • Una recensione di luglio 2012 della NBC News sulla Bose TV da $ 5.000 da 46" ha osservato che lo schermo video, prodotto da Samsung, assomigliava molto più da vicino a un televisore a schermo piatto da $ 750 e che la tecnologia utilizzata non era all'altezza di altri schermi della stessa categoria. La recensione ha quindi messo in dubbio il valore del costo aggiuntivo di $ 4.250 per la TV Bose, suggerendo che c'erano alternative audio convincenti per meno di 1/5 della differenza di prezzo.[75] Lo stesso sistema ha ricevuto una recensione positiva da PC Magazine che ha citato l'interfaccia utente e la qualità del suono combinata a un design discreto.[76]
  • Nel luglio 2013, iLounge ha scritto sul Bose Soundlink Mini, un piccolo altoparlante remoto in competizione con dispositivi audio economici e di fascia bassa, che "la qualità audio è la vera carta vincente di SoundLink Mini su Jambox e la maggior parte - non tutti - dei suoi concorrenti... SoundLink Mini offre bassi molto più profondi e bassi medi più puliti a tutti i volumi, con una notevole distorsione solo nella parte superiore della sua scala di volume."[77]

Azioni legali[modifica | modifica wikitesto]

Bose è stata descritta dai professionisti del settore audio come una società litigiosa.[78][79][80][81] Nel 1981, Bose fece causa senza successo alla rivista Consumer Reports per diffamazione. Consumer Reports aveva riferito in una recensione che il suono del sistema che avevano esaminato "tendeva a vagare per la stanza". Inizialmente, il Tribunale distrettuale federale rilevò che Consumer Reports "aveva pubblicato la falsa dichiarazione con la consapevolezza che era falsa o con sprezzante disprezzo della sua verità o falsità" quando cambiò ciò che il recensore originale aveva scritto degli altoparlanti nella sua bozza pre-pubblicazione, che il suono tendesse a vagare "lungo il muro". La Corte d'Appello invertì quindi la sentenza del tribunale sulla responsabilità e la Corte Suprema degli Stati Uniti ha confermato con un voto di 6–3 nel caso Bose Corp. v. Consumers Union of United States, Inc., scoprendo che la dichiarazione era stata fatta senza malizia reale, e quindi non c'era diffamazione.[82][83] In un'intervista decenni dopo, Bose ha dichiarato: "All'epoca avevamo 37 persone. Li raccolsi in una stanza e dissi: 'Se non facciamo nulla, probabilmente ci uccideranno. Ma se facciamo qualcosa, non abbiamo credibilità poiché siamo solo una piccola azienda e non possiamo fare nulla contro questi." Dissi di pensare che avremmo dovuto fare qualcosa. Volevo un voto. È stato unanime a favore dell'azione. Non sapevamo che ci sarebbero voluti 14 anni per completare il processo legale."[63]

Bose fece causa a Thiel Audio nei primi anni '90 per impedire al produttore di altoparlanti audiofili di utilizzare il ".2" (punto due) alla fine del suo modello "CS2.2". Per rispettare il marchio Bose di ".2" associato al prodotto Bose Model 2.2,[84] Thiel cambiò il nome del modello in "CS2 2", sostituendo il punto decimale con uno spazio.[85] Bose non ha mai avuto un marchio ".3", quindi nel 1997, quando Thiel introdusse il modello successivo nella serie, lo chiamò "Thiel 2.3", pubblicizzandolo con "il ritorno del punto decimale".[86]

Nel 1996, Bose fece causa a due filiali di Harman International Industries - JBL e Infinity Systems - per aver violato un brevetto Bose sulle porte di sintonizzazione ellittica presenti su alcuni prodotti con altoparlanti.[80] Nel 2000, il tribunale stabilì che Harman avrebbe dovuto smettere di usare porte ellittiche nei suoi prodotti e che avrebbe pagato a Bose $ 5,7 milioni in spese processuali. Harman ha cessato l'utilizzo del design della porta contestato ma ha fatto appello alla decisione finanziaria. Alla fine del 2002, la precedente sentenza fu confermata, imponendo altresì la cifra totale delle spese di Bose, salita a quel punto a $ 8   milioni, tutti a carico di Harman.[84]

Bose riuscì a bloccare i prodotti audio QSC dal marchio "PowerWave" in relazione a una determinata tecnologia di amplificazione QSC. Nel 2002, un tribunale decise che il marchio "Wave" era degno di maggiore protezione perché era noto da solo, anche al di là della sua associazione con Bose.[87]

Nel 2003, Bose fece causa alla Custom Electronics Design and Installation Association (CEDIA), un'organizzazione commerciale no profit di elettronica per l'uso del marchio "Electronic Lifestyles",[78] che CEDIA utilizzava dal 1997. Bose ha sostenuto che il marchio ha interferito con il proprio marchio "Lifestyle".[88] Bose aveva precedentemente fatto causa per proteggere il suo marchio "Lifestyle" a partire dal 1996 contro Motorola con successo e proseguendo con contenziosi contro New England Stereo, Lifestyle Technologies, Optoma e AMX.[89] Nel maggio 2007, CEDIA vinse la causa dopo la dichiarazione del tribunale per la quale Bose era colpevole di perdite (ritardi irragionevoli) e che le affermazioni di Bose sulla frode e il rischio di confusione erano prive di merito.[90] CEDIA è stata criticata per aver speso per la causa quasi $ 1 milione impiegando soldi dei suoi membri, metre Bose è stato criticato a sua volta per "un'azione antisportiva contro la propria associazione commerciale", secondo Julie Jacobson della rivista CE Pro.

Nel luglio 2014, Bose ha citato in giudizio Beats Electronics per violazione di brevetto, sostenendo che la sua linea di cuffie "Studio" incorporava la tecnologia di cancellazione del rumore Bose.[91][92] Bose e Apple hanno collaborato al SoundDock per lettori musicali di iPod nel 2004, quindi a maggio 2014 Beats è stata acquistata da Apple, portando Bose e Apple in diretta concorrenza nel mercato delle cuffie. Le cuffie Bose erano una volta il marchio più importante offerto nei negozi Apple, ma le cuffie Beats erano più numerose delle cuffie Bose nei negozi Apple al momento della causa e Beats aveva conquistato il 62% del mercato delle cuffie premium mentre Bose ne deteneva il 22%.[93] Nell'ottobre 2014, Bose ha ritirato la causa, dopo aver risolto il contenzioso con Beats in via extragiudiziale senza aver rilevato i termini.[94][95] Pochi giorni dopo la risoluzione della causa, Apple ha rimosso tutti i prodotti Bose dai suoi negozi Apple,[96] per poi rimetterli sugli scaffali due mesi dopo.[97]

Nell'aprile 2017 Bose è stato citato in giudizio per violazione della privacy in relazione alle app di telefonia mobile fornita da Bose per il controllo delle sue cuffie Bluetooth.[98]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Roxana Popescu, Spotlight: Amar Bose, the guru of sound design, in The New York Times International Edition, 11 maggio 2007. URL consultato il 22 novembre 2019.
  2. ^ a b Bose 2019 sustainability report (PDF), su assets.bose.com. URL consultato il 26 dicembre 2019.
  3. ^ (EN) Steve LeBlanc, Founder of Mass.-based Bose audio firm dies at 83, in Associated Press, 13 luglio 2013. URL consultato il 22 novembre 2019.
  4. ^ (EN) Bose Knows a Bit About Pro, in Front of House Magazine, 11 luglio 2014. URL consultato il 22 novembre 2019.
  5. ^ (EN) Caleb Denison, The history of Bose in-car audio, from an ’83 Seville, to the 2015 Escalade, in Digital Trends, 8 ottobre 2014. URL consultato il 22 novembre 2019.
  6. ^ a b (EN) Glenn Rifkin, Amar G. Bose, Acoustic Engineer and Inventor, Dies at 83, in The New York Times, 12 luglio 2013. URL consultato il 22 novembre 2019.
  7. ^ (EN) Brad Lemley, Discover Dialogue: Amar G. Bose, in Discover, 1º ottobre 2004. URL consultato il 22 novembre 2019.
  8. ^ (EN) University of Massachusetts: Pioneers of Innovation – Sherwin Greenblatt Conversation, Massachusetts.edu. URL consultato il 1º dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2012).
  9. ^ a b (EN) Amar Bose, On The Design, Measurement, and Evaluation of Loudspeakers, Aes.org, 1968. URL consultato il 22 novembre 2019.
  10. ^ a b (EN) Bose Wave Music System, in GadgeyGuy, 16 maggio 2006. URL consultato il 22 novembre 2019.
  11. ^ (EN) Bose 901 Direct/Reflecting Speaker System, su www.bose.com. URL consultato il 22 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2016).
  12. ^ (EN) 901 Direct/Reflecting speaker system, su www.bose.com. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  13. ^ (EN) 901® Series VI loudspeaker system, su www.bose.com. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  14. ^ (EN) Pete Pachal, Bose Once Debunked Cold Fusion. Yes, that Bose, in Mashable, 5 ottobre 2014. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  15. ^ a b Innovazioni/risultati, su www.bose.it. URL consultato il 22 novembre 2019.
  16. ^ (EN) BOSE opens its first concept store in Greenbelt 5 Makati, su www.mb.com.ph. URL consultato il 22 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2012).
  17. ^ (EN) Amar Bose ’51 makes stock donation to MIT, in MIT News, 29 aprile 2011. URL consultato il 22 novembre 2019.
  18. ^ (EN) Stephanie Strom, Gift to M.I.T. from Bose Founder Raises Tax Questions, in The New York Times, 29 aprile 2011. URL consultato il 22 novembre 2019.
  19. ^ a b (EN) Associated Press, A car that can jump over obstacles, in NBC News, 28 novembre 2005. URL consultato il 22 novembre 2019.
  20. ^ (EN) David Carnoy, Bose CEO Bob Maresca to step down on Dec. 31, in CNET, 6 novembre 2017. URL consultato il 22 novembre 2019.
  21. ^ (EN) Maresca Interview, in SportsBusinessDaily. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  22. ^ (EN) Bose to close all North American, European retail stores, su bizjournals.com, 15 gennaio 2020.
  23. ^ Bose chiuderà tutti i suoi negozi in Europa, Stati Uniti, Australia e Giappone, su ilpost.it, 16 gennaio 2020.
  24. ^ (EN) Chris Morris, 10 popular products in the US you didn’t know were made in Mexico, in CNBC.com, 30 gennaio 2017. URL consultato il 22 novembre 2019.
  25. ^ (EN) Bose Quiet Comfort 25, su www.kenrockwell.com. URL consultato il 22 novembre 2019.
  26. ^ (EN) Mad Dog, Bose QuietComfort 20 Review, in webBikeWorld, 21 settembre 2013. URL consultato il 22 novembre 2019.
  27. ^ (EN) Alexander Soule, Bose nixes N.Y. expansion, chooses Stow instead, in Boston Business Journal, Framingham, American City Business Journals, 19 settembre 2015. URL consultato il 22 novembre 2019.
  28. ^ (EN) Indo Asian News Service, Bose to open manufacturing plant in Malaysia, in Yahoo India News. URL consultato il 1º dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2019).
  29. ^ (EN) Roddie Burris, Bose in Columbia to close in September, in The State, 22 gennaio 2015. URL consultato il 22 novembre 2019.
  30. ^ (EN) Jospeh Palenchar, Bose Selling Pair Of Factories To Flex, in Twice, 17 giugno 2016. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  31. ^ Filmato audio (EN) Digital Trends, The history of Bose in-car audio, from an ’83 Seville, to the 2015 Escalade, su YouTube. URL consultato il 22 novembre 2019.
  32. ^ (EN) Bose® Celebrates 30 Years of Automotive Sound, in Bose Global Press Room, 15 gennaio 2013. URL consultato il 22 novembre 2019.
  33. ^ (EN) Sharon Gill, World News: Telematics Update announces winners of the 2007 International Telematics Awards, in TU Automotive, 23 maggio 2007. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  34. ^ (EN) Bill Howard, Bose Reimagines Auto Suspension, in PC Magazine News, 26 agosto 2004. URL consultato il 30 novembre 2019.
  35. ^ (EN) William Harris, The Bose Suspension System, HowStuffWorks. URL consultato il 30 novembre 2019.
  36. ^ (EN) John DiPietro, Bose Suspension, in Edmunds, 12 maggio 2009. URL consultato il 30 novembre 2019.
  37. ^ (EN) Matthew Sparkes, Bose at 50: beyond sound, in The Telegraph, 3 ottobre 2014. URL consultato il 30 novembre 2019.
  38. ^ Filmato audio Bose bumps, su YouTube.
  39. ^ Filmato audio (FR) Suspension BOSE, su YouTube.
  40. ^ (EN) Herb Shuldiner, Bose Says Suspension Drawing Interest From OEMs, in WardsAuto, 30 novembre 2007. URL consultato il 30 novembre 2019.
  41. ^ (EN) Bill Howard, Bose Sells Off Its Revolutionary Electromagnetic Suspension, in ExtremeTech, 15 novembre 2017. URL consultato il 30 novembre 2019.
  42. ^ (EN) Sam Sheehan, World's first digital car chassis technology to reach roads in 2019, in Autocar, 15 maggio 2018. URL consultato il 30 novembre 2019.
  43. ^ (EN) Kyle Cheromcha, The Crazy Bose 'Magic Carpet' Car Suspension System Is Finally Headed For Production, in The Drive, 22 maggio 2018. URL consultato il 30 novembre 2019.
  44. ^ (EN) Gerry Miles, Potholed Boston streets inspire Bose truck seat, in Boston.com, 15 marzo 2010. URL consultato il 30 novembre 2019.
  45. ^ (EN) Bose Corp., Study of Bose Ride System Indicates Reduction in Back Pain for Drivers, in Heavy Duty Trucking: Truckinginfo, 31 marzo 2014. URL consultato il 30 novembre 2019.
  46. ^ (EN) Stephen Williams, Bose's New System Is a Truck Seat, in The New York Times, 29 gennaio 2010. URL consultato il 30 novembre 2019.
  47. ^ (EN) Dave Vanderwerp, The Bose Ride Truck Seating System, in Car and Driver, 14 gennaio 2011. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  48. ^ (EN) Escape the Noise, su www.bose.co.uk. URL consultato il 30 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2012).
  49. ^ (EN) Bose Headsets used by Sonar Operators, Headsets.in. URL consultato il 30 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2006).
  50. ^ (EN) Bose Aviation X Headset, Aerospace News. URL consultato il 30 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2012).
  51. ^ a b (EN) Amar Bose, The World's Richest People, in Forbes. URL consultato il 30 novembre 2019.
  52. ^ (EN) Amar Bose, su Lemelson-MIT Program. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  53. ^ (EN) Plunkett's Entertainment and Media Industry Almanac 2009. URL consultato il 30 novembre 2019.
  54. ^ (EN) The Film Journal, vol. 93, 7-12, Pubsun Corporation, 1990. URL consultato il 30 novembre 2019.
  55. ^ (EN) Bose Corporation History, Fundinguniverse.com. URL consultato il 30 novembre 2019.
  56. ^ a b (EN) Approved Equipment Lists, su Sound Engineer, THX. URL consultato il 1º dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 2 agosto 2010).
  57. ^ (EN) Bose L1 Model 2 info, su Vettaville.nl. URL consultato il 30 novembre 2019.
  58. ^ (EN) Strother Bullins, Live Review: Bose L1 Model 1S with B2 Bass Module and ToneMatch Audio Engine, in Pro Sound News, 25 marzo 2013. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  59. ^ (EN) Gayla Drake, Bose L1 Compact Acoustic PA Review, in Premier Guitar, 17 giugno 2009. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  60. ^ (EN) 5 Best Bose Speakers - Dec. 2019, su BestReviews. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  61. ^ (EN) Shafi Khan, Why BOSE Speakers are So Expensive (A Detailed Study), in Medium, 26 dicembre 2017. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  62. ^ (EN) Wayde Robson, Bose: Why Audiophiles Should Stop the Hate, in Audioholics, 17 maggio 2011. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  63. ^ a b (EN) Seth Porges, Dr. Bose Tells All: Company Secrets, Why They Don't Publish Specs, And More, in Techcrunch, Verizon Media, 19 settembre 2007. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  64. ^ (EN) Classy compacts: high-end CD radios - CNET reviews, su CNET. URL consultato il 1º dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2013).
  65. ^ (EN) High-End, Affordable and Adaptable, in PCMag.com, 16 marzo 2005. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  66. ^ (EN) Vince Thompson, Ignited: Managers! Light Up Your Company and Career for More Power, More ..., FT Press, p. 178.
  67. ^ (EN) Riad A. Ajami e G. Jason Goddard, International Business: Theory and Practice, M.E. Sharpe, 2006, p. 470. URL consultato il 1° dicembre 2019.
    «In 2002, Loewe established its distribution in the United States. The distribution was set up in cooperation with another high-end manufacturer, Bose, a U.S. sound specialist.».
  68. ^ (EN) Popular Mechanics, vol. 179, Hearst Magazines, Agosto 2002, p. 38. URL consultato il 1° dicembre 2019.
    «Bose electronics, known for its tiny yet powerful Lifestyle home theater speaker and other high-end audio equipment».
  69. ^ (EN) Tim Gideon, Bose Companion 5 Multimedia Speaker System, in PCMag.com, 21 febbraio 2007. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  70. ^ (EN) Why do Bose speakers sound so good?, su What If? HQ. URL consultato il 29 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2018).
  71. ^ (EN) J. Gordon Holt, Bose 901 loudspeaker, in Stereophile, 7 novembre 1971. URL consultato il 1º novembre 2019.
  72. ^ (EN) Jeff Dorgay, We Review the Bose 901…, TONEAudio.com. URL consultato il 30 novembre 2019.
  73. ^ (EN) Forrester Research Reveals The Most Trusted Consumer Technology Brands [collegamento interrotto], in Forrester, 3 aprile 2006. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  74. ^ (EN) Jim Robbins, Bose Lifestyle V20 Home Theater System, in Audioholics, 24 dicembre 2007. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  75. ^ (EN) Gary Merson, TV in Bose’s $5,000 system resembles $750 Samsung LCD, in NBC News, 13 luglio 2012. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  76. ^ (EN) John R. Delaney e Jamie Lendino, Bose VideoWave Entertainment System II (55-Inch), in PCMag.com, 17 maggio 2013. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  77. ^ (EN) Jeremy Horwitz, Review: Bose SoundLink Mini Bluetooth Speaker, in iLounge, 8 luglio 2013. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  78. ^ a b (EN) Ian Bell, Bose sues CEDIA over trademark, in Digital Trends, 10 novembre 2003. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  79. ^ (EN) William M. Bulkeley, Bose Packs Concert Acoustics Into Home-Speaker Systems, in The Wall Street Journal, 31 dicembre 1996.
    «Among its competitors in the fragmented U.S loudspeaker industry, Bose is feared and disliked... Bose's image isn't helped by its hard-line tactics... It has also sued many of its competitors for mimicking its ads or the look of its products. Bose is 'litigious and they patent everything that moves,' says Andrew Kotsatos, president of Boston Acoustics Inc., a speaker maker in Peabody, Mass. Mr. Kotsatos says Bose's lawyers objected to his company's use of the phrase 'invisible subwoofer' in advertising. 'We got a letter saying they had a trademark on the phrase "virtually invisible"' describing the Bose subwoofer. Thomas DeVesto, president of Cambridge Soundworks Inc., a Newton, Mass., speaker maker, says 'I have to be careful. Every time I say something about them, they sue.' To settle a Bose lawsuit, Cambridge had to agree to stop running ads boasting that its speakers were 'better than Bose at half the price.'».
  80. ^ a b (EN) Barry Willis, Harman Will Appeal Judgment on Bose Patent Infringement, in Stereophile, 10 settembre 2000. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  81. ^ (EN) Chuck Schneider, Bose: No Highs, No Lows, Just $1B in Net Worth, in CEPro, 19 agosto 2013. URL consultato il 1º dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2018).
  82. ^ (EN) The Missouri Bar Media Law Handbook: Chapter 1 - Defamation, su The Missouri Bar. URL consultato il 1º dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2009).
  83. ^ (EN) Bose Corp. v. Consumers Union, 466 U.S. 485 (1984), Supreme.justia.com. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  84. ^ a b (EN) Barry Willis, Bose vs Harman Upheld, in Stereophile, 30 dicembre 2002. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  85. ^ (EN) Sam Tellig e altri, Thiel CS2 2 loudspeaker, in Stereophile, 3 settembre 2006. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  86. ^ (EN) Thiel advertisement, 1997, p. 101.
    «Thiel 2.3 Loudspeaker: The Return of the Decimal Point ...Well, Thiel's decimal point is back, and it ain't the only change, children.».
  87. ^ (EN) Bloomberg News, Costa Mesa's QSC Loses Bose Trademark Appeal, in Los Angeles Times, 19 giugno 2002. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  88. ^ (EN) Joe Paone, CEDIA Announces Win in “Electronic Lifestyles” Trademark Battle Against Bose, in Technology Integrator, CT Lab Global Media, 2 maggio 2007. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  89. ^ (EN) Julie Jacobson, Bose Loses ‘Lifestyle’ Battle against CEDIA; AMX Drops “Lifestyle” Brand, in CE Pro, 3 maggio 2007. URL consultato il 1º dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  90. ^ (EN) Brian Mitchell, CEDIA Wins in Litigation Brought by Bose over Electronic Lifestyles Trademark, in Ecoustics, 3 maggio 2007. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  91. ^ (EN) Victor Luckerson, Bose Is Suing Beats Over Headphone Patents, in Time, 25 luglio 2014. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  92. ^ (EN) Daisuke Wakabayashi, Sound Off: Bose Sues Beats Over Noise-Cancelling Patents, in The Wall Street Journal, 25 luglio 2014. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  93. ^ (EN) Scott Kirsner, Is Bose up to a challenge from Apple?, in The Boston Globe, 3 agosto 2014.
  94. ^ (EN) Shawn Christ, Bose Agrees To Throw Out Lawsuit Against Beats Electronics, in Music Times, 12 ottobre 2014. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  95. ^ (EN) Randall Chase, Bose agrees to dismiss lawsuit against Beats, in Associated Press News, 10 ottobre 2014. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  96. ^ (EN) Mariella Moon, Apple removes Bose products from stores following Beats settlement, in Engadget, 18 ottobre 2014. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  97. ^ (EN) Angela Moscaritolo, Bose Speakers Return to Apple Online Store After Removal, in PCMag.com, 10 dicembre 2014. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  98. ^ (EN) Bose Privacy Complaint, su Scribd. URL consultato il 1º dicembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 0402 1941