Partito del Progresso (Norvegia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito del Progresso
(NB) Fremskrittspartiet
(NN) Framstegspartiet
Leader Siv Jensen
Stato Norvegia Norvegia
Fondazione 8 aprile 1973
Sede Oslo
Ideologia Liberalismo conservatore,[1]
Liberalismo classico,[2]
Populismo di destra[1]
Collocazione Destra
Seggi Storting
29 / 169
 (2013)
Colori blu
Sito web frp.no

Il Partito del Progresso (in norvegese Fremskrittspartiet, FrP) è un partito politico norvegese che si identifica come conservatore liberale e libertariano, anche se media e accademici lo considerano un partito populista di destra.[3][4][5][6]

Il suo leader è Siv Jensen.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fondato nel 1973 da Anders Lange come movimento anti-tasse, il partito intende valorizzare i diritti civili e il libero mercato. Dagli anni '90, oltre contro l'eccesso fiscale, si batte per il contrasto all'immigrazione, il che lo ha portato a un notevole aumento di voti.

Alle elezioni del settembre 2005 si è affermato come secondo partito norvegese ricevendo il 22,1% dei voti, restando all'opposizione dei laburisti. Un grande balzo in avanti rispetto al 14,6% che aveva preso alle elezioni del 2001 in cui aveva appoggiato dall'esterno un governo di centro destra formato dai conservatori, liberali e democratici cristiani.

Alle elezioni del 2009 ottiene il 22,9% e 41 seggi, mentre alle successive elezioni del 2013 scende al 16,3% e 29 seggi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Parties and elections - Norway. URL consultato il 16 luglio 2012.
  2. ^ Ideology and Principles of the Progress Party, FrP.no. URL consultato l'11 novembre 2009.
  3. ^ Paul Hainsworth, The Extreme Right in Western Europe, Routledge, 2008, pp. 49–51.
  4. ^ Marianne Gullestad, Imagined Kinship: The Role of Descent in the Rearticulation of Norwegian Ethno-nationalism, Neo-nationalism in Europe and beyond, Berghahn Books, 2006, pp. 80–82.
  5. ^ Daniel Oesch, Explaining Workers' Support for Right-Wing Populist Parties in Western Europe: Evidence from Austria, Belgium, France, Norway, and Switzerland in International Political Science Review, vol. 29, giugno 2008, pp. 349-373.
  6. ^ Pierre-Henry Deshayes, Norway's government fights for survival in Sydney Morning Herald, 13 settembre 2009. URL consultato il 25 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]