La via della schiavitù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La via della schiavitù
Titolo originale The Road to Serfdom
Altri titoli Verso la schiavitù[1]
Autore Friedrich von Hayek
1ª ed. originale 1944
1ª ed. italiana 1948[1]
Genere saggio
Lingua originale inglese

La via della schiavitù, pubblicato in Italia anche con il titolo Verso la schiavitù (The Road to Serfdom)[1] è un libro scritto da Friedrich von Hayek (Premio Nobel per l'economia nel 1974), che ha trasformato il panorama del pensiero politico del XX secolo, spostando i termini del dibattito per milioni di persone in tutto lo spettro politico[2][3]. È tra le esposizioni più influenti e popolari del liberalismo classico e libertarismo.

The Road to Serfdom fu scritto, come precisa lo stesso Hayek nella prefazione all’edizione del 1976, nei ritagli di tempo tra il 1940 e il 1943. Il libro fu dedicato ‘Ai socialisti di tutti i partiti’, intendendo in quel momento per socialisti coloro che propugnavano la politica di nazionalizzazione dei mezzi di produzione e la pianificazione centralizzata. Il paternalistico Stato sociale ha ridotto, secondo Friedrich von Hayek, il senso di responsabilità, la propensione a mettere in gioco se stessi, il gusto alle sfide personali. Il cittadino è stato indotto a scaricare il peso di risolvere i problemi su qualcun altro. Su quel soggetto impersonale, indefinito, padre, tutore, padrone, che dirige, elargisce doni, protegge, controlla, spia, giudica, condanna e punisce, cioè sullo Stato: è proprio questa la Via della Schiavitù. L'ultima traduzione dell'opera in italiano de La via della schiavitù (nella versione abbreviata che Il famoso periodico statunitense Reader's Digest pubblicò nell'aprile 1945, che ebbe un'ampia diffusione e conferì a von Hayek una certa fama) è edita da Liberilibri (2011).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Catalogo SBN. URL consultato il 27 ottobre 2011.
  2. ^ Alan Brinkley, The End of Reform, Alfred Knopf, 1995, pp. 157–67.
  3. ^ Edward Yager, Ronald Reagan's Journey, Rowman & Littlefield, 2006, p. 103, ISBN 978-0-7425-4421-5.