Henry George

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Henry George

Henry George (Filadelfia, 2 settembre 1839New York, 29 ottobre 1897) è stato un economista, politico e scrittore statunitense, il sostenitore più autorevole dell'imposta sul valore fondiario, nota anche come «tassa unica».

Egli riteneva che vi dovesse essere un'unica imposta sulle terre padronali, corrispondente alla loro produttività e posizione geografica. La forte tassazione – i cui proventi sarebbero stati destinati ai bisogni sociali – avrebbe indotto i proprietari a rinunciare spontaneamente alle terre.[1]

Henry George ispirò la filosofia economica nota come georgismo, secondo la quale ognuno ha il diritto di appropriarsi di ciò che realizza con il proprio lavoro, mentre tutto ciò che si trova in natura, principalmente la terra, appartiene all'intera umanità.

La sua opera più famosa, scritta nel 1879, è Progresso e povertà, un trattato sulla disuguaglianza, la natura ciclica dell'economia industriale e i possibili rimedi.

Suo figlio, Henry George Jr., ne portò avanti le idee e gli dedicò una biografia.[2]

Le teorie dell'economista statunitense furono apprezzate e diffuse da Lev Tolstoj.[1][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Silvio Bernardini, note in Lev Tolstoj, I diari, Longanesi, 1980, p. 750.
  2. ^ (EN) Henry George Jr, The Life of Henry George, Henrygeorge.org. URL consultato il 14 marzo 2013.
  3. ^ Tatiana Tolstoj, Anni con mio padre, Garzanti, 1978, pp. 189-190.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 32024877 LCCN: n79056213

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie