Imposta sul valore fondiario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'imposta sul valore fondiario (o imposta sulla valutazione di un sito) è un'imposta sul valore non lavorato della terra. È un'imposta ad valorem sulla terra che non riguarda il valore degli edifici, i beni mobili ed altri miglioramenti. L'imposta sul valore fondiario (IVF) è differente da altre tipologie di imposizioni patrimoniali, poiché queste ultime sono imposte sull'intero valore del bene immobile: risultante dalla combinazione di terra, edifici e miglioramenti del sito.

Sebbene l'efficienza di un'imposta sul valore fondiario sia conosciuta sin da Adam Smith, essa fu più notoriamente promossa da Henry George. Nella sua opera più venduta "Progresso e Povertà" (1879), George sostenne che il valore della terra è creato dalla comunità e quindi la sua rendita appartiene alla comunità.

L'imposta su valore fondiario è stata adottata a Taiwan (Repubblica di Cina), Hong Kong, Singapore, Russia ed Estonia, così come in alcune località nella Pennsylvania (USA), nello stato australiano del Nuovo Galles del Sud ed a Mexicali, in Messico. Il governo della Repubblica d'Irlanda sta valutando l'introduzione di una IVF.