Libertà economica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La libertà economica è la libertà di produrre, scambiare e consumare ogni prodotto o servizio richiesto, senza l'uso della forza e della coercizione, e senza l'intervento dello Stato. La libertà economica è la base necessaria per un sistema liberale, e vede nelle sue fondamenta diritti fondamentali come quelli alla proprietà privata e alla iniziativa privata.

La libertà economica è tutelata dall'articolo 16 della Carta di Nizza.

Il Trattato di Maastricht afferma che l'economia europea deve essere un'economia di mercato aperta e in libera concorrenza (art. 4 del Trattato istitutivo, nel testo modificato dal Titolo II, art. G, del Trattato di Maastricht): «L’azione degli Stati membri e della Comunità deve essere improntata ad una politica economica ondotta conformemente al principio di un’economia di mercato aperta e in libera concorrenza». Un'economia di mercato aperta presuppone la libera circolazione di merci, persone, idee e capitali, sancito nel Trattato di Schengen, e la libertà di stabilimento dei cittadini all'interno dell'Unione Europea.
Ciò contrasta con le Costituzioni di alcuni Stati membri, come la Germania che adotta un'Economia sociale di mercato, oppure dell'Italia (art. 41) che in modo analogo afferma che l'economia deve essere indirizzata a fini sociali, e che tale funzione di indirizzo debba essere svolta dallo Stato. Il diritto dell' unione ammette che il ruolo dello Stato nei confronti dei soggetti economici non si limiti a quello di garante della libera concorrenza (tramite il diritto antitrust), ma abbia potere dispositivo in merito ai servizi essenziali e alle questioni di sicurezza.

Il metro di valutazione del grado di libertà economica di ogni singolo paese più utilizzato è l'indice della libertà economica, pubblicato annualmente.

Indice della libertà economica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Indice della libertà economica.
Indice della libertà economica 2009 - I migliori e i peggiori 15
Pubblicato da The Wall Street Journal e Heritage Foundation
Posizione Paese % Libertà
1 Hong Kong Hong Kong
90.0
2 Singapore Singapore
87.1
3 Australia Australia
82.6
4 Irlanda Irlanda
82.4
5 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
82.0
6 Stati Uniti Stati Uniti
80.7
7 Canada Canada
80.5
8 Danimarca Danimarca
79.6
9 Svizzera Svizzera
79.4
10 Regno Unito Regno Unito
79.0
11 Cile Cile
78.3
12 Paesi Bassi Paesi Bassi
77.0
13 Estonia Estonia
76.4
14 Islanda Islanda
75.9
15 Lussemburgo Lussemburgo
75.2
Posizione Paese % Libertà
143 Guinea-Bissau Guinea-Bissau
45.4
144 Rep. del Congo Rep. del Congo
45.4
145 Bielorussia Bielorussia
45.0
146 Iran Iran
44.6
147 Turkmenistan Turkmenistan
44.2
148 São Tomé e Príncipe São Tomé e Príncipe
45.0
149 Libia Libia
43.5
150 Comore Comore
43.3
151 RD del Congo R. Democratica del Congo
42.8
152 Venezuela Venezuela
39.9
153 Eritrea Eritrea
38.5
154 Birmania Birmania
37.7
155 Cuba Cuba
27.9
156 Zimbabwe Zimbabwe
22.7
157 Corea del Nord Corea del Nord
2.0

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia